venerdì 31 maggio 2013

Scelta personale?

  

Testo di Aurora Mirabella

Fonte: Promiseland

Spesso si sente dire che essere vegan, o non essere vegan, è una “scelta personale”. Ma è davvero così? In primo luogo, dobbiamo distinguere i due modi in cui viene utilizzata principalmente questa affermazione.  In genere, l’affermazione che il veganismo è una mera “scelta personale” è utilizzata da coloro che sono semplicemente consapevoli dei problemi che l’uso di animali da parte dell’uomo comporta.

Ma questa stessa risposta viene spesso utilizzata da coloro che sono più vagamente consapevoli dei problemi etici e morali coinvolti nello sfruttamento di animali e nonostante tutto non sono disposti a fare un cambiamento personale tale da allineare le convinzioni alla base di questa scelta morale con le azioni. Concentriamoci su quest’ultimo gruppo di persone, coloro che sono in qualche modo a conoscenza, ma non sono disposti a cambiare.

Quindi, tornando alla domanda se è una scelta personale o no essere vegan rispondo che ogni azione che compiamo nella vita è una scelta personale. Abbiamo scelto di andare a scuola, abbiamo scelto il colore della camicia da indossare, potremmo anche decidere di rapinare una banca, o di commettere un omicidio.

Come ti spopolo il pianeta




Dalla divisione vaccini dell'azienda farmaceutica MERCK arriva la sconvolgente ammissione di aver inoculato il virus del cancro per mezzo dei vaccini.
La scioccante  intervista ovviamente subito censurata, condotta dallo studioso di storia medica Edward Shorter per la televisione pubblica di Boston WGBH e la Blackell Science,
è stata tagliata dal libro "The Health Century" proprio a causa del suoi contenuti. La Merck ha ammesso di aver reiteratamente iniettato il virus  micidiale (SV40 ed altri), capace di provocare il cancro, nella popolazione di tutto il mondo.

Anche i cinesi si vergognano

 


Fonte: Asia News

Dopo aver lanciato campagne in rete, appelli al sindaco di Yulin e protestato sulle note del rapper Big D, animalisti e internauti cinesi hanno deciso di rivolgersi alla Casa Bianca con una petizione del tutto particolare: l'intervento del governo statunitense per bloccare il tradizionale "Festival della carne di cane", in programma il 21 giugno prossimo - solstizio d'estate - nel Guangxi. Per alcuni le carni dei "migliori amici dell'uomo" avrebbero il pregio di potenziare le performances sessuali, oltre che essere un medicamento della medicina locale "per curare l'impotenza". Tuttavia, molti altri bollano la festa come una tradizione barbara e stanno usando ogni mezzo per bloccare "una sanguinaria celebrazione".

La petizione rivolta alla presidenza degli Stati Uniti è forse il gesto più clamoroso e inusuale usato sinora dagli attivisti cinesi, in una nazione che spesso è alla ribalta delle cronache per scandali alimentari, dal latte alla melanina, alla carne di topo servita al posto dell'agnello. Nell'appello essi chiedono aiuto per "fermare il Festival di Yulin", nella provincia del Guangxi (sud della Cina, al confine col Vietnam), dove è tradizione "mangiare carne di cane".

Crepi il lupo!

 


ROCCALBEGNA (GR) – Proseguono gli incontri istituzionali tra allevatori, rappresentanti delle associazioni di categoria e amministratori, investiti dalla problematica delle predazioni delle greggi. Nell’ultima riunione svoltasi a Roccalbegna i pastori hanno rappresentato il loro disagio nell’affrontare i continui attacchi di lupi e/o ibridi, e proposto una serie di soluzioni volte al superamento dello stato di crisi. Proposte che sono state illustrate alla presenza del presidenti locali di Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Rabazzi, Viaggi e Vivarelli Colonna, dell’assessore provinciale Enzo Rossi e della parlamentare, membro della commissione agricoltura della Camera, Monica Faenzi.
«Premettendo che il danno arrecato dai predatori – recita il documento stilato dagli allevatori - è ormai esteso anche alle ore diurne, il fenomeno deve essere considerato nel suo complesso e non solo relativamente agli animali uccisi, considerando anche i danni indotti dagli attacchi. A questi – prosegue la nota – conseguono immancabilmente ingenti danni collaterali, con perdita permanente di gran parte della produzione di latte degli animali sopravvissuti, e aborti negli animali gravidi, che possono raggiungere percentuali anche superiori al 50 %». 

Handicappati che aiutano handicappati



Fonte: Treviso Oggi

SANTA LUCIA DI PIAVE – 20 quintali di rane cucinate in diverse salse e migliaia di presenze: sono i numeri della 31ª edizione della Feste delle Rane 2013 organizzata dall’associazione Enar dal 16 al 26 maggio a Santa Lucia di Piave presso il campo Fiera. Una soddisfazione per gli organizzatori che hanno visto la riconferma dei numeri dell’anno scorso nonostante il mal tempo e la ormai conclamata minor disponibilità delle famiglie a spendere per la crisi economica.
«È andata oltre le più rosee attese, visto anche il meteo pessimo che non ha aiutato – commenta il presidente dell’ass. Enar Nicola Bariviera -. Ci aspettavamo meno gente per la crisi invece le presenze sono state confermate. Il nuovo format con gruppi musicali locali di qualità, come i Rumatera, ha avuto un ottimo riscontro, lo riproporremmo il prossimo anno. Il programma di ringiovanimento della manifestazione, con la diversificazione degli stand gastronomici e l’offerta di intrattenimento, ha dato i suoi frutti: siamo riusciti ad attrarre anche un pubblico di giovani e di giovanissimi».
Nei prossimi giorni, a bilancio chiuso, l’Enar assegnerà la quota di incassi destinata alle associazioni di volontariato che sostiene, tutte operanti nel mondo dell’handicap.

giovedì 30 maggio 2013

Ornitofobia


Quando pochi giorni fa ho trovato la notizia che stava per essere implementato l’ennesimo sfoltimento municipale di colombi, mi era venuta in mente la mezza idea di scrivere un articolo intitolato: “Treviso, la Calcutta d’Italia”, ma poi mi sono lasciato distrarre da altre cose.

Finché il 28 maggio è apparsa la notizia che le autorità aeroportuali olandesi hanno intenzione di assassinare 10.000 oche grigie, in un raggio di 20 Km dall’aeroporto internazionale di Amsterdam. Sarebbe la seconda mattanza che attuano, dopo quella dell’anno scorso, per impedire l’impatto dei volatili con gli aerei in fase di decollo, ovvero una specie di guerra preventiva che purtroppo incontra il favore di molti utenti dei giornali. Per lo meno nei commenti di quelli che ho letto su Repubblica e Corriere.

I dinosauri se lo ricordano



 

"E' davvero un asteroide immenso, della stessa grandezza di quello che ha estinto i dinosauri", commentano gli scienziati, "ma fortunatamente siamo in grado di seguirlo bene e siamo certi che non ci toccherà". 
Un altro asteroide si appresta a passare vicino alla Terra il prossimo 31 maggio. Si tratta di 1998 QE2, un oggetto lungo quasi tre chilometri.
Gli esperti ovviamente rassicurano spiegando che passerà a circa sei milioni di chilometri dalla superficie terrestre, quindici volte la distanza che intercorre tra la Terra e la Luna.
QE2 è stato scoperto nel lontano 1998 dagli scienziati del Linear programme del MIT di Boston, all’epoca impegnati nell’osservatorio astronomico di Socorro, nel New Mexico. Gli scienziati, però, non sono ancora riusciti a stabilirne l'origine: forse arriva dalla fascia degli asteroidi tra Marte e Giove.
Ma la misteriosa sostanza fuligginosa che ne ricopre la superficie suggerisce che potrebbe essere stato originato dai resti di una cometa che si è avvicinata troppo al Sole.

Il mondo a testa in giù

 

MILANO – Ci troviamo in Via Lombroso a Milano e ciò che si presenta davanti agli occhi dei cittadini italiani ha dell’incredibile.
Mentre alcuni padri di famiglia sono costretti a vivere nelle proprie automobili e le famiglie vengono sfrattate dalle abitazioni, il sindaco Pisapia e la sua giunta hanno deciso di creare un campo Rom a dir poco pazzesco: sono presenti le docce con getto regolabile, la sala mensa e ricreazione, la sala giochi e, come poteva mancare, l’aria condizionata.
 Il campo nomadi è in fase di ultimazione e secondo i cittadini non porterà nulla di buono, se non ulteriori furti, crimini e pericoli per gli abitanti della zona.
Ovviamente è compreso anche il parcheggio che è completamente gratuito (nessuna presenza di striscie blu a pagamento); inoltre i rom godranno di vitto e alloggio poichè i pranzi e le cene saranno preparati dai centri comunali.
Il campo sarà pronto per la prima metà di giugno.

Mutazioni marine

 

Fonte: Promiseland

L’ aumentata acidificazione degli oceani sta modificando i Granchi Blu della baia di Chesapeake in granchi ‘super-sized’.
Gli alti livelli di carbonio nella Baia di Chesapeake stanno creando uno squilibrio tra due delle specie chiave presenti: ostriche e granchi blu, come riporta un interessante articolo apparso la settimana scorsa sul Washington Post.
I livelli insolitamente elevati di carbonio hanno aumentato le dimensione del granchio blu ma rallentato la crescita delle ostriche, la sua fonte primaria di cibo. Il carbonio accelera la crescita dei granchi che li rende meno vulnerabili ai predatori trasformandoli allo stesso tempo in predatori più aggressivi anche verso esseri della stessa specie.
L’acidificazione degli oceani potrebbe continuare ad aumentare le dimensioni dei granchi  e si stima che nei prossimi 75-100 anni questo porterebbe ripercussioni sulla catena alimentare visto che i granchi stanno iniziando a depredare le altre creature presenti  nella baia.

mercoledì 29 maggio 2013

Gli uomini che tanto amava

 



 
Sono ormai pochi forse a ricordare la simpatica e triste storia di Lampo, cane viaggiatore della Stazione di Campiglia Marittima… una storia bella e patetica al tempo stesso, in cui una volta di più gli animali (ma, forse, chiamarli così può sembrare troppo riduttivo!) dimostrano di avere molto da insegnarci.
In un’epoca come la nostra, in cui le Ferrovie sono solo un lontano ricordo di ciò che furono nel passato ed in cui l’amore e la poesia paiono termini arcaici ed ormai dimenticati, una storia come questa, che ci riporta indietro ai “magici” anni ‘50, credo che faccia bene un po’ a tutti, riscoprendo quei sentimenti di fedeltà ed attaccamento che non scompariranno mai, specie da parte dei nostri piccoli amici a quattro zampe.
La vicenda di Lampo pare quasi una favola d’altri tempi, ed in effetti di anni ne sono trascorsi ormai sessanta da quell’assolato giorno dell’agosto 1953, quando un piccolo bastardino pezzato, senza famiglia né dimora, discese alla chetichella da un vagone merci di un treno di passaggio dalla stazione di Campiglia Marittima: comparve come un “lampo” in quel piccolo impianto, e come un lampo portò un repentino cambiamento nella vita dei pochi ferrovieri di quella stazione, in particolare del capostazione, Elvio Barlettani, la cui figlia Virna, innamoratasi subito di quel piccolo cane, pregò suo padre affinché chiudesse un occhio, almeno per quella prima notte. 

Poliziotto morto non parla

 
Fonte: Globalist

Testo di Matzu Yagi.



Due agenti speciali dell'FBI, Christopher Lorek e Stephen Shaw, sono morti durante un'esercitazione a Virginia Beach, il 20 maggio 2013. I due uomini tentavano di scendere con un cavo da un elicottero su un'imbarcazione. Ma a causa del cattivo tempo sono precipitati in acqua morendo per le conseguenze dell'impatto. 

Christopher Lorek e Stephen Shaw erano parte della squadra di agenti che si occupavano dell'attentato di Boston accanto a Richard Deslauriers. Erano coinvolti nelle fasi di cattura dei sospettati, i fratelli Tsarnaev. 

Un giovane studente che era stato accusato a torto, Sunil Tripathi, è già morto in circostanze non chiarite. La morte ha raggiunto anche un'altra persona legata al caso dell'attentato di Boston. 

Capitalismo oleoso



Fonte: Promiseland



“L’espansione delle monocolture di palma é una tragedia per la nostra gente. Distrugge il nostro territorio ancestrale e le foreste, portandoci alla miseria”, spiega Artiso Mandawa della rete indigena ALDAW dall’isola di Palawan.
Attualmente le piantagioni di palma da olio giungono ai 50.000 ettari. Altri 40.000 ettari di terra stanno per essere implementati a Mindanao e Palawan con il pretesto di combattere la povertá, riducendo l’importazione di olio per l’alimentazione. Nell’ottica dei politici, la terra é “inutilizzata” e “improduttiva”.
Quello che il governo non dice é che queste terre appartengono a piccoli agricoltori e indigeni che coltivano riso e legumi, raccolgono allo stesso tempo frutta, piante medicinali e materiale da costruzione. I fiumi danno loro acqua pura.

Marra scrive a Grillo



Fonte: P.A.S.

Non far parlare – ti prego – di signoraggio solo Carlo Sibilia! Fanne l'unico argomento tuo e del M5S fin quando non sarà emerso del tutto!
Io non so, caro Grillo, se i miei scritti contano qualcosa, ma se parlerai di signoraggio non avrò per te che parole di elogio.
Quale gioia, infatti, nel vedere Carlo Sibilia parlare a chiare lettere di signoraggio in parlamento!
Ti prego però: non dimenticare di nuovo l'argomento, perché è già accaduto che se ne sia parlato, ma non è servito a nulla, come quando ne ha parlato Di Pietro, Buontempo e persino Scilipoti.
Nessuno più, infatti, ignora il signoraggio, sicché non è renderlo noto che occorre.

martedì 28 maggio 2013

Specchietto per i galli

 
Se proviamo a invertire l’aggettivo con il sostantivo e invece di dire “prete pedofilo” diciamo “pedofilo prete”, la faccenda si fa diversa. Forse riusciamo a cogliere la sfumatura fondamentale: non si tratta più di un religioso, ma di uno sporcaccione che ha trovato la sua nicchia, esattamente come il poliziotto che ha sempre amato la violenza, fin da bambino, si arruola poi in polizia e si fa pagare per picchiare la gente e rimanere impunito.
Oppure, come il sadico che fatica sei anni studiando all’università, diventa medico ricercatore e può poi dare sfogo al suo connaturato sadismo sulle cavie di laboratorio, ed essere lautamente pagato per questo. Oppure ancora come Don Pietro Degani, parroco di Zuglio (UD), che non ha mai smesso di andare a catturare gli uccelli con le reti e che si arrabbiò moltissimo quando gli chiesi se lo si doveva considerare  un “prete uccellatore” o un “uccellatore prete”. E’ la sindrome di “Fonzie” - se se ne può trarre una regola - che sognava di arruolarsi nella polizia motociclistica per poter girare in moto ed essere anche pagato.

Un ex alunno mi scrive

   Buongiorno Roberto... sono un tuo ex alunno. Mi hai fatto da supplente in terza o quarta elementare. Volevo solo ringraziarti perchè ho conosciuto l'animalismo grazie a te. In realtà c'è stato un evento che ha per sempre cambiato la mia vita. Una mattina tu dissi a me ed alla mia compagna di "buttare il panino perchè contiene dei cadaveri". Bhè, quella semplice affermazione mi ha fatto porre molte domande già da bambino. Ho continuato per anni a cibarmi di cadaveri ma quella tua affermazione mi ha rimbalzato dentro tutta la vita. A 25 anni ho sentito il bisogno di aprire gli occhi. E da allora ho finito di tormentarmi. Ora sono libero, almeno in quella direzione e testimonio il mio essere agli altri. Mia mamma mi appoggiava anche all'epoca. Quando tutte le madri protestavano, la mia non mi disse che era falso il fatto che stavo mangiando un cadavere. Mi disse che era vero, di non pensarci. A suo modo ti comprendeva anche se le mancava il coraggio per agire. Il coraggio l'ho trovato tanti anni dopo, in modo naturale. Ecco, volevo ringraziarti infinitamente per questo.

E’ nato prima l’uovo o la penicillina?

 


Fonte: Curiosity


Le case farmaceutiche sono ormai talmente schiave del denaro che il loro obiettivo non è più curare le persone ma rendere le persone malate per poterle poi curare. Ultimamente si producono sempre più spesso farmaci, test diagnostici o apparecchiature mediche. Alcuni di questi hanno un gran valore terapeutico, molti sono solo delle copie di farmaci già esistenti o nuove fantasiose sperimentazioni per malattie immaginarie. In commercio vi sono oltre12.000 specialità farmaceutiche, ma non esiste un numero sufficiente di malattie per giustificare l’esistenza di tanti medicinali. La maggior parte di essi, probabilmente, servono a combattere gli effetti di altri farmaci.

In questi ultimi anni stiamo assistendo sempre di più alla diffusione da parte dei mass-media di messaggi di paura che, quando vengono adeguatamente analizzati, si rivelano non solo ingiustificati, ma addirittura appositamente creati e gonfiati secondo un piano prestabilito.

Una sopravvissuta racconta

 


Fonte: Articolo Tre


Una sopravvissuta a un’organizzazione di alto livello coinvolta in sacrifici, torture e traffico di bambini, rivela oggi pubblicamente la sua storia in una esclusiva intervista con Mel Ve, della Freedom Central e con Kevin Annet, segretario di settore presso ITCCS.
Toos Nijenhuis, una cinquantaquatrenne fisioterapista e madre di famiglia olandese, è stata torturata, stuprata e usata come cavia per esperimenti dalla tenera età di quattro anni da uomini ricchi e potenti, tra cui alti esponenti della Chiesa e del governo.
E, afferma Nijenhuis, queste atrocità continuano ancora al giorno d'oggi, con sacrifici rituali di bambini nelle campagne olandesi.

lunedì 27 maggio 2013

La carne è debole

 
Ma da dove salta fuori Belen Rodriguez? Chi l’ha fatta entrare in Italia? E soprattutto perché ce la sbattono in faccia ogni giorno?
Non sto facendo un ragionamento patriottico, nel senso che dovremmo valorizzare le bellezze italiche, di tipo mediterraneo, ma mi sembra che l’abbiano fatta diventare una delle tante armi di distrazione di massa, quasi allo stesso livello del calcio e del Grande Fratello.
La usano come feticcio per attrarre l’attenzione degli italiani, che sono notoriamente un popolo di bambini creduloni e deficienti, oltre che perennemente arrapati. I Registi Occulti, ammesso che ve ne siano, hanno scadenze annuali come il Festival di Sanremo e periodiche come il campionato di calcio (come se non bastava, da quando siamo in Europa, ci mostrano anche le partite della Lituania contro il Lichtenstein), ma un personaggio eroticamente attraente come Belen è una sorta di prezzemolo, che si usa dappertutto, spesso e volentieri.

In mediu stat gorje

 
Testo di Vittorio Lattanzi

Fonte: Lercio

La notizia era nell’aria, sarebbe bastato osservare le statistiche sui miracoli degli ultimi vent’anni, ma tutti confidavano nella sua infinita pazienza. Di recente ospite a Quinta Colonna, interrompendo con la sua apparizione uno spottone elettorale di Berlusconi, la Beata Vergine aveva dichiarato: “Non amo più il mio lavoro, colpa di un pesante senso di sconforto per i miei insuccessi lavorativi: più sono razzisti e più mi pregano”, e aveva aggiunto: “Avrei bisogno di un paio di mesi di pausa per ricaricarmi, mi piacerebbe dedicarmi a qualcosa di New Age”.
Maria ha annunciato le sue dimissioni attraverso uno stringato comunicato stampa: “Non amo più il mio lavoro, chiedo a tutti di non strumentalizzare il mio gesto”. E mentre la notizia invade i tabloid di mezzo mondo, a Medjugorje è montata la protesta dei commercianti che parlano di tragedia annunciata: “I rischi erano noti a tutti, qui si tratta di centinaia di persone che hanno costruito un impero grazie al nulla, ora dov’è lo Stato?”. Negli ultimi anni la Madonna di Medjugorije si era dedicata principalmente a mandare in pappa i cervelli delle celebrità, tra cui spicca Paolo Brosio, e a prendersi cura dei veggenti, gli unici con cui ama conversare nel tempo libero. Le istituzioni hanno sottovalutato il problema e ora stanno correndo ai ripari preparando un piano d’emergenza che fa acqua da tutte le parti, si è parlato addirittura di rimpiazzarla con la statua della Madonna di Porto Recanati.

Vittorio Lattanzi

Nome: Angelo, cognome: Custode

  



E’ accaduto a Kirtland, una città che si trova sulla Lake County, in Ohio. La sera del 24 maggio 2013 il piccolo Erin Potter, affetto da una grave forma di leucemia, stava giocando con le stelle filanti nel giardino della sua casa. I suoi genitori hanno scattato alcune foto e in una di queste vi era l’immagine di una misteriosa figura femminile che si vede benissimo nella foto che vi presentiamo. I genitori sono rimasti basiti dalla comparsa di quella figura femminile bellissima e la mamma crede che sia un “segno” speciale per Erin, che tra pochi giorni dovrà essere sottoposto ad un trapianto di midollo osseo.
L’immagine comparsa vicino ad Erin mentre correva felice con le stelle filanti, è stata ripresa nel giardino di casa, mentre giocava con un suo amico. Da poco la sua famiglia ha appreso che il cancro era tornato ad Erin per la terza volta e stava affrontando un secondo trapianto di midollo osseo.
 “Sento che quella figura femminile è molto buona ed è bellissimo pensare che questa manifestazione sia come se fosse stato un messaggio, un “segno speciale” che ”Erin è protetto e qualcuno dall’alto si prenderà cura di lui”, ha dichiarato Jen, la mamma di Erin.

Chi porta i pantaloni?

 

Testo di Nadia Francalacci

Fonte: Panorama.it

Uomini violentati, uomini perseguitati. Anche loro vittime di stalking. Oltre il 30% degli uomini subiscono danneggiamenti, pedinamenti, telefonate indesiderate da ex mogli o compagne. 
Non sono solamente le donne ad essere minacciate, violentate anche psicologicamente e ridotte in fin di vita da uomini malati d’amore e di desiderio di possesso. Dietro la violenza si nasconde anche la sofferenza di molti uomini.
La “normalizzazione” pubblica della violenza femminile attraverso messaggi pubblicitari, spettacoli  televisivi, cinema, stampa, video, web sta creando assuefazione ed abbassando l’allarme sociale - spiega a Panorama.it Sara Pezzuolo, psicologa forense e autrice della ricerca “Violenza verso il maschile”. La scena di un uomo che schiaffeggia una donna in un reality suscita sdegno e scatena, giustamente, la condanna pubblica ma a ruoli invertiti, la stessa scena non suscita uguale sentimento ed uguali reazioni. Anzi, viene minimizzata, diviene “normale” e perfino ironica”.

Elisoccorso umanitario al piombo



E’ cominciato un altro massacro di animali in Australia.

Da Mercoledì 22 Maggio sono ricominciate le uccisioni di cavalli, asini e cammelli, effettuate a bordo di elicotteri noleggiati dal governo.

Secondo le autorità ¨animali selvatici ma introdotti dall’uomo, che vivono nella zona, muoiono a centinaia per mancanza d’acqua e di cibo e li si deve sacrificare per ragioni umanitarie, ma anche per l'ambiente, in quanto inquinano le fonti d'acqua per le altre specie”.

Dietro queste parole c'è solo una logica specista.
Se le vittime fossero state esseri umani, le autorità sarebbero andate a comprare proiettili o acqua?

domenica 26 maggio 2013

Il Moloch governativo avanza



Testo di Nerina Negrello



26 Maggio - GIORNATA PER LA PREDAZIONE DEGLI ORGANI INDETTA DALLO STATO PER IL REDDITIZIO MERCATO DEI TRAPIANTI

"In tale giornata le amministrazioni pubbliche assumono e sostengono... iniziative volte a favorire la promozione della donazione di organi finalizzata al trapianto...".
In questo modo il Governo favorisce le lobby trapiantistiche e le loro associazioni predatorie AIDO, ANED, ADMO, ACTI, AITF, FORUM, LIVER-POOL, ASS. Marta Russo, dimostrando che siamo in un sistema di liberismo liberticida che forgia il pensiero unico fin dalla tenera età nelle scuole, e usa i soldi pubblici solo per la propaganda a favore degli espianti, escludendo ogni voce contraria.

Pionieri africani

 
Fonte: OIPA



Da inizio 2013 l’OIPA sta portando avanti una capillare opera di sensibilizzazione sui diritti animali in Camerun. Una delle principali problematiche del Paese è rappresentata dal ricorso sistematico alla caccia di animali selvatici, come scimmie, antilopi e porcospini, da parte di piccole comunità locali che non hanno altra fonte di sostentamento se non la vendita dei prodotti ricavati dagli animali.

Gilbert Ayunwi, attivista e rappresentante dell’associazione nel nord-ovest del Paese, ha avviato una serie di incontri con i cacciatori finalizzati alla sensibilizzazione e all’informazione sulle specie selvatiche della zona, sottolineando il loro diritto alla vita e la ricchezza che rappresentano per la biodiversità del Paese, ma soprattutto promuovendo fonti di reddito alternative come l’agricoltura.

La Speranza muore ogni giorno

  
Testo di Candida Naccarato




Le immagini rendono l’idea della sofferenza che ha provato questa povera creatura, è chiara la fine atroce che ha fatto, a causa di un essere spregevole che pur di liberarsene non si è fatto scrupoli nel legarla ad un corrimano al di sotto del quale c’era il VUOTO…della sofferenza di quegli attimi, in cui estremo è stato il tentativo di divincolarsi per riuscire a respirare, il BOIA cosa ne sa? Eppure lei non c’è più, è morta sotto gli occhi delle sue cucciole che hanno assistito, dall’inizio alla fine, alla morte della loro madre…e con loro anche noi, che siamo stanche di dovere raccogliere ed imbustare cadaveri dei quali nulla sappiamo se non che non ci sono più…I FATTI: 24 MAGGIO 2013 un giorno normale per Candida, sali al rifugio, pulisci e coccola i canuzzi e torna dalle tue figlie…troppo semplice, troppo NORMALE….invece, arrivi al rifugio e da lontano vedi due cucciole legate al corrimano, e pensi: bastardi ne hanno mollati altri due....ma poi devi picchiare forte contro una visione ATROCE….il corpo senza vita della madre delle cucciole, morta IMPICCATA nel tentativo di liberarsi dalla corda che le avevano legato al collo degli INFAMI, si degli INFAMI, perché solo un INFAME può agire cosi, solo un INFAME non ha le palle per venirti a bussare al rifugio e chiederti aiuto e preferisce agire di nascosto, infischiandosene delle innumerevoli conseguenze che possono scaturire da quel VILE gesto.

I maledetti della Storia

 
Fonte: Care2




Facciamo finire il massacro di cani e gatti randagi in Serbia!

Le strade della Serbia sono invase  da cani e gatti abbandonati. Si assiste a scene brutali di maltrattamento di animali quasi ogni giorno: cani e gatti randagi vengono avvelenati, bruciati, tagliati, macellati, colpiti e bastonati da individui che non vengono puniti per i loro crimini contro gli animali.

I cani e i gatti randagi vengono brutalmente maltrattati e uccisi da parte dei cittadini e dei servizi di igiene pubblica. Le autorità locali in tutta la Serbia appaltano ad aziende private della città la cattura e l’uccisione degli animali randagi.

sabato 25 maggio 2013

Il demone macellaio

 
Misseri, Vantaggiato, Preiti, Kabobo e adesso Adebolajo. La lista dei candidati manciuriani s’allunga.
Vi sono diverse modalità d’utilizzo dei manciuriani, perché vi sono diversi modi di manipolare i loro cervelli. Può essere usata l’ipnosi o la manipolazione mediante onde elettromagnetiche, oppure, come nel caso di Adebolajo e del suo complice Adebowale, un microchip sistemato nel posto giusto e lasciato inattivo, finché non arriva il momento di far partire l’uomo-robot tramite un segnale acustico o una parola chiave.
Ora su Leggo si afferma che sta circolando un video in cui il presunto terrorista non ha le mani sporche di sangue come è stato mostrato dalle televisioni di tutto il mondo. Il che potrebbe significare che le mani gli siano state colorate dopo, con semplici tecniche di fotoshop e che l’intera storia sia solo una sceneggiata.
Peccato che quel video non si possa vedere! Non ha avuto nessuna visualizzazione, almeno fino a quando ho provato a vederlo io. Che strano!
Però sul video ufficiale, visto invece da milioni di persone, se anche le mani di Adebolajo erano rosse, sul vestito non mi è sembrato di vedere gocce di sangue, cosa inverosimile quando a qualcuno vengono recise le arterie del collo. 

Bill ricorda Rodilosso

 
Se un gentiluomo è una persona d’animo gentile e al tempo stesso un vero uomo, allora mio fratello Jim meritava questo titolo.
Jim sapeva essere brusco quando voleva;  ma con chi meritava gentilezza d’animo, specialmente con le donne, con i bambini e con i cani, era la persona più gentile che avessi mai conosciuto.

Ed è proprio di Jim e del nostro cane che voglio parlarvi.

Qualche anno fa Jim venne a vivere con noi e Rodilosso divenne subito il suo cane.
Fu un amore a prima vista. Jim ci sapeva fare con i cani. Ogni volta che Jim partiva per affari Rodilosso voleva andar con lui. Allora Jim diceva: “Aspettami, Rodilosso. Tornerò. La prossima volta ti porterò con me”.

Cuore di pietra



Fonte: Il Fattaccio.org





La Terra rimane il luogo più “alieno” con il quale abbiamo a che fare. Tra i numerosi, affascinanti misteri della natura, uno tra i più incredibili è quello delle “Rocce Viventi”. E’ difficile immaginare una roccia capace di crescere, soprattutto perché associamo il fenomeno della crescita agli organismi appartenenti al regno vegetale e a quello animale, non certo al regno minerale. In Romania, a circa 35 km da Ramnicu Valcea, si trova uno dei più interessanti musei della Romania, una riserva naturale trasformata in un museo a cielo aperto, il Muzeul Trovantilor. Le esposizioni mostrano una raccolta di pietre molto strane e misteriose chiamate “trovants“. Queste straordinarie rocce sembrano essere state scolpite da uno scultore molto abile. La particolarità di queste pietre è che possono essere considerate “vive“, nel senso che quando entrano in contatto con l’acqua sono capaci di riprodursi e di crescere, proprio come un essere vivente biologico. 

Un ministro rispettabile

  



Buone notizie da Israele: il nuovo ministro per l'ambiente Amir Peretz ha rigettato l'appello fatto dall'allevamento Mazor Farm, confermando quindi il divieto di esportazione di scimmie per la vivisezione dal gennaio 2015.
Mazor Farm è un allevamento di macachi di proprietà della Bioculture Ltd, uno dei principali allevamenti delle isole Mauritius. Dalle Mauritius i macachi strappati dalle loro famiglie e da una vita nelle foreste venivano finora spediti in Israele, su aerei AirFrance, e da lì fatti riprodurre o spediti a laboratori americani ed europei.

L'utilizzo di macachi interno allo stato di Israele non è tale da far continuare l'attività di Mazor Farm, che sarà costretta alla chiusura.
Per questo il Ministro si è anche detto impegnato a cercare di risolvere il problema per le restanti 2.000 scimmie ancora dentro l'allevamento, che le associazioni animaliste chiedono ovviamente vengano ricondotte in natura.

Sindaco bacchettato

 


Le nutrie di Casalmaggiore (Brescia) sono in salvo. Il T.A.R. della Lombardia ha accolto il ricorso presentato dalla LAV, assistita dagli avvocati Valentina Stefutti e Vittorio Arena, per l'annullamento dell'ordinanza n.3889 del 23 febbraio 2013 dal titolo molto chiaro: "Abbattimento delle nutrie".
Il Tribunale amministrativo regionale ha ritenuto fondato il ricorso presentato dalla Lega Anti Vivisezione, confermando il vizio di incompetenza del Comune e la violazione, in particolare, dell'articolo 50 TU (Testo Unico) 267/2000. Il sindaco, infatti, non ha il potere di pianificare eventuali abbattimenti visto che questa materia è di competenza della provincia.
L'intervento comunale potrebbe giustificarsi solo se fosse provata l'esistenza di un danno grave alla salute o alla sicurezza dell'uomo. Nel caso in questione, però, l'allarme nutrie non era stato in alcun modo provato: ci si limitava a riferire genericamente di "sopralluoghi effettuali" e di segnalazioni e lamentele di agricoltori, senza specifici elementi di prova.

venerdì 24 maggio 2013

Il lento realizzarsi delle profezie

 
Quando fu dato incarico a Mario Monti di formare il governo rimasi per tre giorni assorto e meditabondo, perché vedevo aggiungersi un piccolo tassello al quadro generale di cui da tempo si discute sul web. Il tanto paventato nuovo ordine mondiale acquisiva, con la nomina del cameriere dei banchieri, un altro successo sulla strada del controllo planetario.
Oggi tutti parlano dello strapotere delle banche, ma nessuno sembra in grado di arrestarlo. Tuttavia, che fra un anno il M5S voglia fare un referendum sull’uscita dall’euro, lascia sperare che si possa porre un freno a questo suicida andazzo generale. Sempre che in autunno non succeda ciò che lo stesso Grillo ha annunciato: il fallimento dell’Italia ad imitazione di quello della Grecia.


15.000 anni di fedeltà

 





La mia vita dura 10-15 anni al massimo. Ogni volta che mi separo da te per me è una sofferenza. Pensaci prima di adottarmi. Sii paziente con me, dammi il tempo di capire cosa vuoi che faccia: la maggior parte delle persone capisce soltanto una lingua, mentre da me si pretende che ne capisca due, quella canina e quella umana. Fidati di me, perché tu sei la mia unica ragione di vita. Non restare arrabbiato con me a lungo: tu hai il tuo lavoro, i tuoi amici, i tuoi divertimenti, ma io ho soltanto te. Parla con me: anche se io non capisco le tue parole mi piace ascoltarti e riconoscerei la tua voce tra mille. Sappi che, comunque mi tratti, ti perdonerò sempre, ma non potrò mai dimenticare, e quel che mi fai mi segnerà per sempre.