domenica 30 giugno 2013

Governo vampiro





Si ripete ormai da mesi che gli imprenditori sono allo stremo e da più parti si sono levati appelli al Governo affinché vada in soccorso di un’imprenditoria che da sola non può certo trascinare il Paese fuori dalla crisi. 
Pensare di finanziare il rinvio dell’aumento dell’Iva con aumenti di pressione fiscale a carico delle imprese equivale a dichiarare la morte di queste ultime. 
«Non si può continuare a chiedere l’impossibile alle nostre imprese – precisa Andrea De Simone, segretario di Confartigianato Imprese di Viterbo – Siamo già ai massimi storici con una tassazione che nel 2013 tocca il 53,4% del Pil. Gli imprenditori non possono sopportare ulteriori incrementi di tassazione derivanti dagli anticipi di Irpef, Ires e Irap. Il Governo deve trovare una strada alternativa».
E strade alternative ce ne sono. Governo e Parlamento dovrebbero impegnarsi soprattutto sul fronte della riduzione di sprechi e spesa pubblica improduttiva per reperire le risorse necessarie a diminuire il carico fiscale sulle aziende, rilanciando investimenti e occupazione. 


Ennesima prepotenza yankee

 


In un villaggio dell’Illinois ogni anno la comunità celebra il Valley Days Festival. Gli organizzatori del festival hanno deciso di inserire all’interno dei festeggiamenti il "wrestling pig", un gioco crudele che coinvolge anche i poveri maiali. Il gioco consiste nel rincorrere un maiale tra la folla. Una volta afferrato, il maiale viene preso e messo in una botte prima che il tempo stabilito per la cattura scada. I maiali sono spesso unti con olio vegetale o un'altra sostanza scivolosa per renderli più difficili da catturare. Le persone afferrano e stringono questi maiali spaventati, inseguiti da una folla di persone in un'arena confinata, senza scampo. Spesso il maiale viene bloccato da persone che si lanciano di peso sopra di lui.
Questo evento crudele causa spesso ferite nel maiale, tra cui arti rotti e schiena spezzata, ed è emotivamente traumatico e stressante per i suini, che strillano di paura e di dolore. I maiali sono creature estremamente sensibili, intelligenti, e sociali, che non dovrebbero essere sottoposti ad una tale crudeltà e a inutili sofferenze. I maiali devono poter rimanere con le loro famiglie, comunicare tra loro, in luoghi verdi e tranquilli con un giaciglio di fieno per poter dormire in tutta comodità, e dovrebbero prendere il sole, che a loro piace tanto, non essere inseguiti, affrontati, e gettati come un pallone da esseri umani senza scrupoli.
Vi invitiamo a chiedere agli organizzatori della Valley Day Festival di annullare questo evento, per quest'anno e per ogni anno del festival a venire, e di sostituirlo con una qualsiasi attività ricreativa che coinvolga solo le persone e non gli animali.

Per firmare la petizione vai QUI.

Mosler & Barnard



Testo di Paolo Zuccaro

Nei giorni scorsi si è concluso il giro di conferenze di economia svolte in 14 città italiane per spiegare le cause della grave crisi economica e sociale che continua a colpire migliaia di imprese e famiglie e per proporre alcuni validi percorsi di uscita basati sui fondamenti della scuola economica post keynesiana della Mosler Economics Modern Money Theory e illustrati anche nel programma di salvezza economica nazionale reso pubblico e disponibile su http://memmt.info/site/programma/.
La partecipazione avuta è stata incredibile, straordinaria, oltre 4000 persone hanno riempito le sale e i luoghi degli incontri per ascoltare Warren Mosler fondatore della ME-MMT, autorevole economista con notevole esperienza professionale nei mercati finanziari e il giornalista Paolo Barnard, ben conosciuto in ambito giornalistico e molto apprezzato dal pubblico per le coraggiose e importanti inchieste realizzate e per aver fatto conoscere e introdotto in Italia l’autorevole scuola economica.


Omaggio a un pioniere




Chiunque si interessi di ufologia e soprattutto di esopolitica conosce, anche solo per fama, il nome di Carlo Alberto Perego, il console italiano che negli anni ‘50 e ‘60, in seguito ad una personale esperienza che lo vide testimone il 6 novembre del 1954 di uno straordinario avvistamento sui cieli di Roma, gettò le basi dell’ufologia italiana e del pensiero esopolitico.
Perego, infatti, grazie al suo mandato consolare, che lo portò a svolgere numerose missioni in diverse parti del mondo, ebbe occasione di entrare in contatto con moltissime personalità politiche e militari del tempo (tra cui, in Italia, l’allora Ministro delle Finanze Giulio Andreotti), sviluppando ben presto una visione globale del fenomeno UFO che ancora oggi non ha eguali tra i ricercatori che si occupano di questa materia.

sabato 29 giugno 2013

Tutti pazzi per Margherita

 

Devo essere proprio bastian contrario, perché tutti gli amici di Facebook piangono, dolenti, la scomparsa dell’astrofisica Margherita Hack, mentre a me non fa lo stesso effetto. Solo gli addetti ai lavori sanno che era animalista e sia Repubblica che il Corriere non fanno cenno alla sua alimentazione vegetariana, ma preferiscono sottolineare il suo ateismo.
La conobbi in occasione della presentazione del mio primo libro, molti anni fa a Trieste, e fu proprio lei a spiegare al pubblico il contenuto de “Il tirannominide”, mia prima fatica letteraria, se mi si passa il termine. Sul suo conto so quello che sanno tutti gli animalisti: che era vegetariana dalla nascita, in quanto figlia di genitori teosofi, che in gioventù faceva atletica e che, pur abitando a Trieste da quarant’anni, non aveva mai perso l’accento toscano.
Un giorno la incontrai per strada e, per dimostrarle rispetto e riconoscenza, volli farle il baciamano, alla maniera degli antichi, ma lei ritrasse la mano come se una serpe stesse per morderla. Ci rimasi male, mortificato, ma in seguito capii che la sua visione politica di Sinistra – era probabilmente anche femminista – le impediva di sottostare a simili inutili smancerie. Da quella volta non ho più fatto il baciamano a nessun altro esponente del sesso femminile.

Le piccole sentinelle del territorio

 

Testo di Gianni Garbujo

Ancora una volta la signora Brambilla da’ sfogo al suo fervore animalista, un’immagine pubblicitaria che ormai sta disgustando i cittadini “normali” che sanno per fortuna ragionare, valutare e decidere con la propria testa e non si fanno raggirare o prendere in giro dall’ex ministro del turismo che pensa più agli animali che alle persone.
In un momento così difficile per l’economia del nostro Paese, dove la disoccupazione è un fardello, dove il costo della vita è insostenibile per migliaia di famiglie, dove le aziende giorno dopo giorno chiudono per mancanza di risorse, dove la politica e i privilegiati politici come la signora non si sono privati di un euro o di un beneficio, ecco la nuova invenzione e proposta della signora, un disegno di legge che pretende di abolire la caccia.

Il vecchio trucco del casus belli

  
Fonte: OIPA

Da qualche settimana nella provincia di Alessandria sono apparsi alcuni coloratissimi manifesti con la scritta “Caprioli…no grazie, raccolta di firme per limitarne il numero”.
Autori la CIA – Confederazione Italiana Agricoltori – e Confagricoltura che hanno lanciato una petizione per chiedere l’abbattimento dei caprioli. La scusa è sempre la stessa, gli ingenti danni prodotti all’agricoltura, quella cui si appellano puntualmente anche i cacciatori per rivestire di una qualche presunta utilità la loro spregevole occupazione.
Quello che non si dice è che i danni all’agricoltura provocati dalla fauna selvatica vengono ogni anno rimborsati dalla Regione e che esistono metodi alternativi alla soppressione degli animali in esubero, come la sterilizzazione chimica o i metodi dissuasivi che possono impedire l’accesso degli animali alle coltivazioni.

Nell'antica Grecia era normale

 

Il cardinale vicario Agostino Vallini ha manifestato «piena fiducia nella magistratura» e si dice «pienamente convinto che sarà smantellato il piano calunnioso, dimostrando non veritiere le affermazioni» dell'ex prete Patrizio Poggi, che ha accusato nove sacerdoti di parrocchie romane di organizzare incontri a sfondo "sessuale" con minori. In una nota del Vicariato di Roma si sottolinea che «i sacerdoti calunniati si riservano ogni azione legale a tutela della loro personale onorabilità». Nella nota si fa riferimento alla diffusione da parte di alcuni organi di stampa «di parte del verbale di denuncia contenente i nomi di sacerdoti accusati dall'ex prete Patrizio Poggi» sospeso "a divinis" dopo la condanna definitiva a 5 anni di reclusione per violenza sessuale (scontata nel 2008). Nel comunicato si ricorda che il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone «ha smentito categoricamente che sacerdoti della diocesi di Roma siano indagati per pedofilia sulla base della denunzia dell'ex-prete Patrizio Poggi» e si sottolinea che costui è stato «dimesso nel 2007 dallo stato clericale per reati di natura sessuale su minori e che ha scontato la condanna nel carcere di Rebibbia». 

L'insostenibile pesantezza dei metalli

 

Particelle di metalli pesanti contenute in prodotti alimentari venduti regolarmente in Italia e nel mondo. A dimostrarlo, è uno studio condotto dal dott. Stefano Montanari e la moglie dott. Antonietta Gatti. Le particelle altamente cancerogene proverrebbero dal fumo di termovalorizzatori, meglio conosciuti come inceneritori di rifiuti.
La realtà dei metalli pesanti ci tocca direttamente, sebbene l’argomento non venga trattato in tv. L’analisi è stata effettuata su campioni casuali, prodotti presi dagli scaffali del supermercato. Le marche riportate non includono discount e prodotti importati. Queste sostanze, però, sono dappertutto: cosmetici, pentole, aria, acqua, farmaci e vaccini ne contengono una piccola quantità che ogni giorno accumuliamo ed eliminiamo solo in minima parte. L’assunzione provoca danni ad alcuni organi (cervello, fegato e reni in primis) e alle ossa, e sono spesso un fattore aggravante in diverse malattie croniche.
Di seguito l’elenco delle marche e dei prodotti risultati positivi alle analisi sulla presenza di metalli pesanti. Gli scienziati hanno inviato alle aziende interessate i risultati delle loro analisi senza ricevere alcuna risposta.

Quasi come i bonzi

  
Fonte: Nel cuore


Sasha Boojor si contorce quando uomini mascherati, vestiti di nero, lo tirano fuori da una gabbia e lo marchiano a fuoco. L'odore di carne bruciata è pesante ma ne è valsa la pena - ha detto all'Huffington Post - perché questo atto scioccante e doloroso dimostra la solidarietà nei confronti degli animali che subiscono la marchiatura nelle aziende di tutto il mondo. Accade a Gerusalemme, in Israele. Boojor rivendica che 30 persone si sono fatte marchiare in tutto il mondo e altre migliaia sostengono questa battaglia per i diritti degli animali. Il gruppo, come altri movimenti di liberazione degli animali, si oppone all'uso di animali per l'alimentazione umana, di ricerca o di intrattenimento, andando ben oltre le richieste di gruppi più moderati per un trattamento umano e una macellazione indolore. I critici, tra cui alcuni simpatizzanti animalisti, ritengono che questo movimento si stia spingendo oltre.
In occasione di una marchiatura pubblica a Tel Aviv, lo scorso anno, è stato lanciato il movimento, chiamato 269Life. Da allora si è diffuso, in Italia, negli Stati Uniti, in Argentina e in altre parti del mondo. Mercoledì scorso, 11 persone si sono fatte marchiare nella capitale ceca, a Praga. Il nome del gruppo deriva da un certo numero fissato a vita su un vitello che gli attivisti hanno incontrato in un caseificio israeliano l'anno scorso. Hanno scelto il suo numero, 269, come un modo per individuare l'animale, che è ancora vivo.

"Abbiamo intenzione di portare il dolore e l'orrore che gli animali affrontano ogni giorno nella vita quotidiana", afferma il gruppo sul proprio sito web.

venerdì 28 giugno 2013

L’arte di tradire


Sto leggendo “Il Principe” di Machiavelli, un libro che ognuno dovrebbe tenere a portata di mano, insieme ai “Protocolli dei savi di Sion”, per avere sempre una chiave di lettura degli avvenimenti e per sapere in anticipo quali saranno le prossime mosse dei principini che giocano con le nostre vite.
Per fare qualche esempio, il Principe Befera può permettersi di emettere questo editto: “Daremo la caccia agli evasori!”, che ricorda quello del Principe Bush junior: “Daremo la caccia ai terroristi”. In entrambi i casi, le due categorie sono state preventivamente costruite, inventate dal nulla per fini di dominio. In origine non c’erano né evasori, né terroristi, ma il Principe aveva bisogno di essi per poter raggiungere il vero scopo di dominare i sudditi. Nel caso dei terroristi, con la paura; in quello degli evasori, con la vergogna. Per costruire il concetto di terrorista è stato necessario che scorresse sangue, e per questo il Principe ha dato mandato d’esecuzione ai suoi scagnozzi. Per costruire il concetto di evasore è stato necessario imporre nei sudditi l’idea della sacralità delle tasse, con corollario di minaccia d’ostracismo nei riguardi di coloro che osassero sottrarvisi. Campione di propaganda in tal senso è quel Partito Democratico che ha tradito gli ideali dei lavoratori (e già qui incontriamo una prima forma di tradimento) e che non perde occasione per ribadire la necessità di pagare le tasse, ovvero i balzelli al Principe, che in questo caso non è un singolo individuo, ma l’intera società. Almeno apparentemente.

Mattoni da soma

 
Fonte: Horse Angels


Questa petizione è assolutamente da firmare perché sembra che si possa fare qualcosa.
Purtroppo, gli asinelli e i muli impiegati per la fabbricazione dei mattoni in Nepal sono stremati e stanchi e lavorano in condizioni allucinanti, ma seguendo un attimo quello che hanno fatto le associazioni animaliste del Nepal, e per via della massiccia raccolta di firme, sembrerebbe, a leggere le notizie che passano online, che Mr. Mahendra Bahadur Chitrakar, presidente della federazione degli edili nepalesi, si sia impegnato a promuovere più responsabilità da parte dell'industria per prevenire gli abusi e lo sfruttamento che non sono solo nei confronti degli asinelli…. ma anche dei bambini.
In poche parole impiegano la manodopera più umile e che si può pagare di meno: bimbi e asini.

Provate con questo!






Affermare che un'attività che danneggia un animale sia una tradizione indigena, è per alcuni un furbo espediente  dialettico nel crudele mondo del wrestling con gli alligatori. In Florida, le tribù indiane native hanno praticato questo sport per secoli, ma ora il wrestling con gli alligatori è diventato un po' un’attrazione turistica nello Stato del sole splendente. In questi spettacoli di wrestling, i combattenti trascinano gli alligatori fuori dall'acqua e li costringono in posizioni in cui possono diventare molto agitati o addirittura perdere conoscenza. Gli alligatori sono animali estremamente selvaggi e pericolosi, e questo sport serve a niente di più che a saziare gli appetiti dei drogati di adrenalina. Ciò difficilmente potrà essere un motivo per permettere a questa ingiusta crudeltà di continuare.

giovedì 27 giugno 2013

Gli italiani portano malattie

«Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura. Molti puzzano perché tengono lo stesso vestito per settimane. Si costruiscono baracche nelle periferie.
Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano in 2 e cercano una stanza con uso cucina. Dopo pochi giorni diventano 4, 6, 10. Parlano lingue incomprensibili, forse dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l'elemosina; spesso davanti alle chiese donne e uomini anziani invocano pietà, con toni lamentosi e petulanti. Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti tra di loro. Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano sia perché poco attraenti e selvatici, sia perché è voce diffusa di stupri consumati quando le donne tornano dal lavoro. I governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare tra coloro che entrano nel paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, di attività criminali».

Fonte: Relazione dell'Ispettorato per l'immigrazione del Congresso degli Stati Uniti sugli immigrati italiani, ottobre 1919.

Il trucco del portabagagli



Fonte: Il Mattino



AVELLINO - Quattro cani per strada. Abbandonati sulla Napoli-Bari, nei pressi del casello di Grottaminarda. Due saltano la carreggiata, mentre l'altra coppia vaga in corsia. Si tratta di meticci di piccola taglia, stremati dalla paura. Così ha inaugurato le vacanze qualche proprietario senza cuore. Gli automobilisti allertano la pattuglia della Polstrada, che raggiunge il posto. I cagnolini non si fanno avvicinare e gli agenti ricorrono a un espediente: aprono il portabagagli e i due meticci saltano dentro. Salvi e via, come stare in vacanza anche loro.

Testardo come un delfino

 


Sono intervenuti in forze per tentare di ricondurre in mare aperto il delfino che da ieri si aggira nelle acque del Porto Vecchio di San Giorgio di Nogaro, in provincia di Udine. Il cetaceo ha risalito il fiume Corno fino all'altezza dell'abitato di Villanova, dove i fondali sono bassi. Gli esperti suppongono che il delfino sia arrivato a seguito di qualche nave da carico, probabilmente in compagnia di altri cetacei che però hanno ripreso il mare aperto. Già ieri il cetaceo aveva fatto temere per uno spiaggiamento, dato che aveva risalito il fiume fino al ponte di Villanova. Oggi, il bis, ma sembra che il delfino, descritto come un esemplare abbastanza giovane di circa due metri in buone condizioni di salute, riesca ugualmente a muoversi tra i bassi fondali.

La guerra prima di tutto





Altro che nuovi cacciabombardieri F-35. A volte mancano persino i Canadair per spegnere gli incendi. Succede in Sardegna, dove l’ultima vittima delle fiamme è Capo Figari, area protetta della Gallura, a Golfo Aranci. Qui 22 ore di fuoco hanno distrutto oltre 600 ettari di macchia mediterranea, un’intera montagna. Niente più mufloni, solo tizzoni. E la rabbia del sindaco e del presidente della Regione, Ugo Cappellacci, che ha lanciato un appello: “Prima di pensare all’acquisto degli F-35, il governo doti la Sardegna di velivoli per la difesa dagli incendi”.
L’unica promessa per la Gallura, dopo i tagli, erano due Canadair di stanza a Olbia. Il governatore ha ricordato come, rispetto alla scorsa estate, l’isola ne abbia avuto in dotazione uno in meno (due al posto di tre) e spesso le toppe arrivano in corsa, ossia troppo tardi. 

Nostalgici di Zanna Bianca

 



Qualcuno potrebbe pensare che questa foto faccia parte di un'indagine sui combattimenti fra cani organizzati dalla camorra. Purtroppo si sbaglierebbe perchè questa foto è stata fatta negli USA e questa assurdità ha anche un nome: "weight pulling".
Vengono fatte gare, campionati e quant'altro e questa che qualcuno definisce "disciplina" sta prendendo piede anche nel nostro paese, come si capisce con una breve ricerca su internet.
Più un cane riesce a trainare pesi enormi, bombato con mille integratori e sostanze dopanti, più viene considerato un campione.
Quest'attività non ha nulla di "sportivo" ed è solo un maltrattamento bello e buono che spero sia combattuto con molto impegno dalle forze di polizia.

Siamo la vergogna d’Europa





Il 6 giugno, l’Ibis eremita Archimedes è stato recuperato ferito a nord di Padova, ai confini con la provincia di Vicenza. Per le ferite da armi da caccia riportate l’animale è stato soppresso nella clinica dell’Università di Vienna. L’Eurodeputato Andrea Zanoni ha affermato: «È una vergogna. Chi ha commesso un atto così vile è un incivile che va punito severamente».
Lo scorso 18 aprile 2013, l’Ibis eremita (Geronticus eremita) Archimedes era partito dall’Oasi WWF della Laguna di Orbetello (GR) con due fratelli. Il 6 giugno il Corpo Forestale dello Stato di Padova l’ha recuperato ferito a nord della provincia di Padova, vicino al fiume Brenta ai confini con la provincia di Vicenza. Archimedes è stato immediatamente portato al “Parco Faunistico Cappeller” di Cartigliano (VI), per le prime cure veterinarie.

mercoledì 26 giugno 2013

Come ti distraggo il popolo

 
Fonte: L’officina

Testo di Paolo Danieli


I magistrati milanesi potrebbero aver fatto un clamoroso autogol. Quello che viene presentato, soprattutto all'estero, come la conferma dell'inadeguatezza di Berlusconi al suo ruolo politico, potrebbe essere un boomerang.
Infatti se in appello la sentenza fosse riformata, troverebbe conferma la tesi della persecuzione giudiziaria. Cosa improbabile, perché lupo non mangia lupo, ma non impossibile, perché di magistrati indipendenti ed intellettualmente onesti ne esistono tanti. E con una sentenza così bizzarra potrebbe anche succedere.
Non è il caso di addentrarsi nel caso Ruby. Se ne parla anche troppo. Ma è evidente che la sentenza è in realtà un giudizio morale sui comportamenti di Berlusconi. Cosa che in uno stato laico di diritto è inammissibile. Ammetterlo significherebbe tornare ai tempi dell'Inquisizione.

In nome della semenza

 

Fonte: Tuttouno

Testo di Giuditta


Per due anni, 200 ratti alimentati con mais OGM. Tumori, malattie gravi ... un massacro. Una bomba per l'industria OGM.
(Nota. La vivisezione e' un'ignominia ma la notizia e' troppo importante). Dubitando dell'affidabilità degli studi ufficiali, un'équipe televisiva francese, ha seguito durante due anni uno studio segreto (letteralmente!) sugli OGM. Le loro conclusioni sono inattaccabili.
Il professor Gilles-Eric Séralini e il suo team hanno condotto dal 2009 uno studio indipendente sulla  potenziale tossicità del MAIS OGM NK603 sulla la salute dei mammiferi.
Pubblicati mercoledì 19 settembre 2012, i risultati di questa ricerca allarmante, potrebbero scuotere l'industria alimentare francese (e mondiale).
Infatti le prove sono inequivocabili: i topi che hanno consumato  OGM hanno tumori due o tre volte in più rispetto ai ratti "non-OGM". Nelle femmine, questo si manifesta con tumori mammari a catena che arrivano fino al 25% del loro peso. Nei maschi sono gli organi depuratori, fegato e reni, che sono colpiti con anomalie importanti o gravi. Con una frequenza di due a cinque volte superiori rispetto ai roditori alimentati con mais non-GM.
"A questo punto, non c'è più bisogno di statistiche, biologiche o mediche" dice il professor Séralini.

I grillini, almeno, si educano





E’ organizzata dal Meetup Cinquestelle Tigullio, a Casarza - sabato 29 giugno ore 9.30 - la conferenza “I Diritti degli Animali - I Doveri dell’Uomo”.
ll meetup cinquestelle Tigullio, che ha da poco spento la sua prima simbolica candelina, ha al proprio interno numerosi Gruppi di Lavoro, che si occupano di tematiche differenti ed eterogenee: Grandi Opere, Cultura, Servizi, Bilanci e Sprechi, Lavoro-Turismo-Ambiente. Infine vi è un gruppo di lavoro che si occupa di ciò da cui normalmente l’opinione pubblica e la società tende a rifuggire: la debolezza, intesa nella sua più ampia accezione.
Costituitosi da circa due mesi, il Gruppo di Lavoro per i Diritti dei Deboli M5S Tigullio ha già promosso la sua prima iniziativa: la conferenza “I Diritti degli Animali - I Doveri dell’Uomo”, che avrà luogo in Casarza Ligure presso l’Auditorium di Villa Sottanis. Primo appuntamento di un ciclo di incontri volti a sensibilizzare e informare la cittadinanza su temi scomodi, scottanti, di quelli che non fanno certo acquisire consensi manierati e soprattutto voti, ma che colpiscono dritto al cuore del male che può nascondersi in ogni anfratto del vivere sociale.

Tradimenti a orologeria

 

A tutti i deputati e senatori del Movimento 5 Stelle che hanno svenduto la causa dell'abolizione della vivisezione in favore "emendamenti trasversali" che altro non sono che "legalizzazione della tortura": VI DOVETE DIMETTERE!!!!
A tutti coloro che hanno votato Movimento 5 Stelle nella speranza di un cambiamento, sappiatelo, non sono diversi dalle altre parti politiche! La tortura non si regolamenta, la tortura si abolisce! Il M5S doveva votare contro il recepimento della direttiva 63/2010 e proporre in seguito iniziative di legge per abolire lo scempio della sperimentazione animale, metodo eticamente immorale e scientificamente fraudolento! Hanno tradito chi aveva riposto in loro la fiducia per un cambiamento epocale, contro le multinazionali, contro la truffa della falsa ricerca, contro i poteri forti, contro chi guadagna sulla pelle dei più deboli, siano essi animali o ammalati.
VERGOGNA!!!!!

E se reintroducessimo il cannibalismo?

 
Fonte: Tony Zadel


Questa è la Cina!
Tartarughe nei sacchi anche al mercato Qingping a Guangzhou, in Cina, destinate alla tavola da pranzo. Vi si trovano soprattutto tartarughe dalle orecchie rosse (Trachemys scripta elegans), una specie originaria del bacino del fiume Mississippi, negli Stati Uniti, che viene allevata e commerciata qui. Alimentata da un'economia nazionale in crescita, la domanda di tartarughe da parte dei consumatori ha quasi completamente spazzato via le tartarughe native della Cina, così che il commercio si è rivolto all'estero. Negozi specializzati in questo settore alimentare vendono tartarughe provenienti dal Myanmar (Birmania), Vietnam, Cambogia, Laos, Indonesia e Malesia.

Sono pazzi questi umani

  


Un calciatore argentino aveva maldestramente preso per il collo un cagnetto invasore, scagliandolo contro la rete di recinzione, nel tentativo di buttarlo fuori dal campo di gioco. Il giocatore era stato espulso dalla partita e allontanato anche dalla squadra.

Ora lo stesso cagnetto è stato adottato come mascotte dalla squadra avversaria. Era diventato troppo famoso per lasciarsi scappare l’occasione. Speriamo almeno che non incontri sulla sua strada altri sconsiderati esseri umani. E che non invada più il campo durante le sacre partite di calcio.

martedì 25 giugno 2013

Il criceto

 



Accettare di pagare 100 miliardi all'anno di interessi a una cricca di banchieri usurai il cui uomo di facciata si chiama Draghi e sentirsi dire: "Non ci sono più soldi, ci dispiace! Volete continuare ad avere servizi? Dovete pagare più tasse!" è una presa per i fondelli e un insulto all'intelligenza del contribuente.
Cosa vuol dire "Non ci sono più soldi"? I "soldi" non li si cerca sul fondo del mare ma si stampano. Quindi, se mancano, è perché si vuole che manchino, semplice no!?

"Stato, perché non stampi denaro in misura proporzionale alla quantità di merci e servizi che circolano?" Semplice: perché lo Stato ha ceduto ai banchieri il potere di creare moneta, così quelli sono di fatto padroni degli stati e di tutta la politica e ci stanno pignorando tutto il continente. L'importante è che il passaggio sia silenzioso e la gente non se ne accorga.

Dove andremo a finire?





Lo scienziato israeliano Avigdor Cahaner e la sua équipe di ricercatori hanno creato un pollo senza piume che appare di colore rossastro, si moltiplica più velocemente ed è più resistente al caldo.
Secondo Avigdor Cahaner la mancanza di penne favorirebbe molto gli allevatori perché non vi sarebbe più alcun inquinamento dovuto dalla perdita delle piume da parte dei polli. Per cui meno spese per la pulizia degli allevamenti.
Sempre secondo il ricercatore, questa manipolazione genetica sconvolge le regole dettate dalla natura, ma dimostra che tutto sommato le penne per i polli possono essere anche un intralcio alla loro stessa vita. Ad esempio, in estate si raggiunge il maggior numero di decessi a causa del caldo, specialmente nei paesi temperati. Il pollo senza piume, essendo più resistente al caldo, è meno a rischio di decesso. Per gli allevatori dunque un altro vantaggio: meno moria delle bestie significa meno perdite di soldi.

Il barbone benefattore

 



Arrivato al 98esimo anno di età, Dobri Dobrev è un uomo che ha perso l'udito durante la seconda guerra mondiale. Ogni giorno se ne va a 10 km dal suo villaggio con i suoi vestiti fatti in casa e le scarpe di cuoio per la città di Sofia, dove trascorre la giornata chiedendo soldi.

Anche se è molto famoso in città, ben noto da tutti per le sue prostrazioni di grazie a tutti quelli che gli regalano qualcosa, è stato solo di recente scoperto che egli ha donato ogni centesimo che ha raccolto - oltre 40.000 euro - per il ripristino degli orfanotrofi in Bulgaria e per pagargli le bollette!!!! Per lui tiene solamente gli 80euro della pensione statale...

Possiamo definirlo un vero UOMO ...

Berlusconi: la brutta copia di Mattei



Testo di Fabrizio Belloni

Sentenza contro Berlusconi da Arcore.  Prevista, risaputa, ma anche incattivita ed appesantita rispetto alle richieste della rossa Boccassini, in “prudente” vacanza, e sostituita dal procuratore Generale, quel Brutti Liberati, anima di “Magistratura democratica”.
Tanto per essere chiaro: Berlusconi mi è antipatico, politicamente abile, ma per sé, e in genere deleterio per l’Italia.
Però, essendo laico nei fatti e non in borghesi autocompiacimenti, un merito al Silvio lo riconosco. E proprio quel “merito”, di cui parleremo ampiamente poi, è la causa dei suoi guai giudiziari. Non che questo mi renda più simpatico il patron del Milan: di lui non me ne importa assolutamente nulla, anzi….
Ma mi preoccupa molto, moltissimo la logica di potere che si staglia sullo sfondo, un’ombra viscida e tentacolare che getta aria violacea e scura sul nostro Paese.
Qual è la colpa di Berlusconi? Essere stato a lungo il potente Primo Ministro di uno Stato, la cui Azienda di Idrocarburi (meglio, l’ENI, attraverso l’Agip) detiene il maggior numero di licenze di prospezione per la ricerca di petrolio attorno al Caucaso.

Antropocentrismo ospedaliero

 

Fonte: Promiseland

Gran bella iniziativa della Regione Emilia Romagna: cani e gatti potranno liberamente accedere negli ospedali della regione per stare vicino ai propri padroni, con relative conseguenze sicuramente positive per la salute psichica dei malati. Anche gli animali gradiranno molto non dover essere separati dai loro amici umani, sopratutto i cani che poco gradiscono starne lontani per troppo tempo.
Quindi la Pet therapy (in italiano zooterapia) una terapia dolce, basata sull’interazione uomo-animale che integra, rafforza e coadiuva le tradizionali terapie e può essere impiegata su pazienti affetti da differenti patologie con obiettivi di miglioramento comportamentale, fisico, cognitivo, psicosociale e psicologico-emotivo, continua ad espandersi a sempre maggiori livelli.
Fino a poco tempo era impensabile che gli animali potessero entrare in un ospedale, per un fattore igienico, ma in questo caso avere accanto il proprio amico a quattro zampe, sopratutto per coloro che sono costretti ad una lunga degenza, fa solo bene.
I nostri amici a quattro zampe ringraziano. Cani e gatti in particolare soffrono e amano come noi, e ora a sancirlo arriva una legge regionale che promuove e tutela la salute degli animali domestici insieme a quella degli esseri umani. Siamo insomma alla pari dignità.

lunedì 24 giugno 2013

Dio benedica i buddisti

 
Fonte: Jole Dessi
 

Sono stati salvati da organizzazioni provenienti da altre città, il governo locale è sordo nonostante ci siano state una grande quantità di proteste provenienti da tutto il mondo.
I volontari hanno dovuto acquistare i cani dal mercato pur di portarli in salvo.
C'erano due femmine incinte che sono comunque morte subito dopo il salvataggio, poiché hanno sofferto troppo a lungo nelle minuscole gabbie, non avevano alcuno spazio ed energia per dare alla luce i loro cuccioli.
Ci sono state molte proteste, i proprietari di altri cani hanno scattato foto con cartelli con scritto: Non mangiate il vostro amico, dite no alla festa Yulin Dog Festival.
Circa 400 cani, sono destinati alla città Shangrao nella provincia di Jiangxi, dove i buddisti hanno una fattoria che sarà in grado di tenerli al riparo e dove saranno amati.
La fattoria dista 1600 km da Yulin, i monaci hanno lasciato la città con il cuore spezzato per tutti i cani che sono morti, hanno guidato per più di 20 ore ma sono arrivati a Shangrao con tutti i cani liberati.

Il Giuda degli animali

 


Sebbene guardi poco la televisione, a volte mi capita di imbattermi per caso nel popolare programma Striscia la Notizia. E a volte mi è capitato di vedere qualche servizio dell’inviato che si occupa degli animali, Edoardo Stoppa, ribattezzato nel programma come “il fratello degli animali”.

Ogni volta ho avuto sempre da storcere il naso, a parte qualche caso su canili lager, che generalmente trovano un’accoglienza favorevole presso il grande pubblico o, più recentemente, sull’allevamento Green Hill, inquadrato però sempre in un’ottica zoofila (ovvero: la preoccupazione riguarda solo i cani di Green Hill: non c’è nessuna condanna delle inenarrabili crudeltà perpetrate in laboratorio su maiali, topi o ratti). Già qualche mese fa ho parlato di un pessimo servizio di questo inviato, ma nella puntata del primo dicembre è stato oltrepassato ogni limite al rispetto degli animali.

Le alternative al filugello bollito



Fonte: Promiseland

Quando pensiamo alla seta immaginiamo bellissimi abiti, abbigliamento intimo delicato e arredi sontuosi, quello che sicuramente non immaginiamo è che i bachi vivi vengono immersi in enormi vasche di acqua bollente. E perché dovremmo? Questo certamente non è quello che i media mostrano per indurci a desiderare e comprare la seta..eppure dovrebbe essere questa la molla per indurci a porre attenzione a questo tipo di tessuto.
Proprio come le mucche, polli e maiali, i bachi da seta sono addomesticati, tenuti in allevamenti intensivi e uccisi fino a centinaia di milioni ogni anno. Per fare un chilo di seta  devono essere macellati 2000-3000 bachi.
Appena prima della fase di metamorfosi in cui i bachi da seta si trasformano in farfalle, filano delle fibre per creare i loro bozzoli. La falena per uscire da questo bozzolo una volta che la trasformazione è completata mastica questo bozzolo, ma  questo naturale processo comporta per l’industria manifatturiera della seta un problema perchè il naturale sviluppo della falena comporterebbe il masticamento dei filamenti di seta. Pertanto lo si interrompe immergendo i bozzoli con i bachi ancora vivi in acqua bollente.