domenica 31 maggio 2015

Naturalmente, nessuna legge è stata violata



Fonte: Daily Mail

Polli senza piume, carcasse decomposte giacciono in fondo alle gabbie e gli uccelli sono gonfi di infezioni: le condizioni terribili all'interno di un allevamento di pollame australiano vengono rivelate. Attivisti dell'Animal Liberation di Victoria, in Australia, hanno fatto irruzione nell'allevamento Wagner Poultry. Gli attivisti hanno trovato uccelli malati e moribondi in terribili condizioni di vita. Molte galline erano in così cattivo stato che dovevano essere rimosse dalle gabbie. Il proprietario della Wagner Poultry Farm ha negato di aver fatto qualcosa di immorale e il dipartimento governativo non ha trovato violazioni ai sensi delle leggi sulla crudeltà sugli animali.

Un genocidio degli antipodi di cui non sappiamo nulla




L'esercito indonesiano tratta i papuani come bestiame e li conduce lontano sui camion per essere poi torturati e assassinati. Questa è la realtà della vita in Papua occidentale occupata. Una terra dove oltre 500.000 persone sono state uccise dall'esercito indonesiano e molte migliaia sono scomparse, violentate, imprigionate e torturate.

Ce lo chiede l'Europa



Roma, 30 maggio – La Commissione europea è stata chiara: “Ok, sul tema migranti vi aiutiamo, ma alle nostre condizioni”. Nel testo del primo accordo sulla questione i nostri colleghi europei lo dicono chiaro e tondo: prenderanno una parte di chi sbarca sulle nostre coste, 24 mila persone in due anni. Ora, già sono numeri ridicoli, se pensiamo ai 90 mila sbarcati soltanto in questi primi mesi del 2015. Ma sembrano contraddire la tanto sbandierata Convenzione di Ginevra, del 1951, per cui ogni cittadino che “temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un determinato gruppo sociale o opinioni politiche, si trova fuori dal paese in cui ha la cittadinanza e non può o non vuole avvalersi della protezione di tale paese” può chiedere lo status di rifugiato.

sabato 30 maggio 2015

La gente non apprezza i sacrifici umani


Fonte: ANSA

Una folla inferocita ha linciato nello Stato indiano di Assam un guru tantrico che, per "calmare gli dei", ha decapitato nel suo tempio un bambino di cinque anni. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Ians. La polizia ha indicato che l'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella zona di produzione di the di Tarajuli del distretto di Sonitpur, dove il tantrico Nanu Mirdha ha sacrificato a colpi di machete il bambino durante una cerimonia religiosa. Un portavoce della polizia ha precisato che "secondo testimoni oculari il guru ha attirato il bimbo nel tempio e lo ha poi decapitato con la sua arma bianca". Mirdha è quindi uscito dall'edificio religioso con aria di sfida nei confronti della gente che stava accorrendo per verificare l'accaduto. Quando qualcuno ha rinvenuto la testa del piccolo sacrificato, la folla ha catturato il guru pestandolo a morte senza che le forze di sicurezza potessero evitarlo.

Qualcosa di poco chiaro



PORDENONE. Stop scie chimiche? Non più. Dal 26 maggio il comitato spontaneo pordenonese dà battaglia ai campi elettromagnetici. Ma la svolta, di nome e di fatto, finisce nel mirino dei social, additata come un «voltafaccia». Pronta la replica degli attivisti: «La nostra è una presa di coscienza». Non solo è cambiata la denominazione del comitato da “Presidio stop scie chimiche” a “Stop modificazione climatica Pn”, ma anche la professione di fede. Sul profilo social del gruppo (che peraltro come “Stop scie chimiche” si era guadagnato più di 14 mila “mi piace”) viene proclamata l’abiura del precedente credo, di cui permangono, a imperitura memoria del web, alcuni post, l’ultimo dei quali di soli 15 giorni prima.

Cultura fa rima con Estremadura

FESTA DEL TORO DI CORIA (Giugno) - Estremadura. 12 tori vengono seviziati e linciati dalla folla inferocita, 2 al giorno per 6 giorni in onore di San Giovanni.  Da L'Indipendente del 20 luglio 1993, una cronaca agghiacciante di Isabel Pisano. Il toro, dopo due ore di corsa atterrita, privo di un occhio, ferito ovunque, con una zampa spezzata, giace ormai a terra esanime: "Diamogli fuoco sotto le palle, suggerisce qualcuno. Detto e fatto. Portano dei giornali, li accendono. Il toro scuote disperatamente la testa. Quelli che prima non avevano osato gli conficcano pezzi di bottiglia, gli infilano nell'ano dei bastoni. L'animale fa uno sforzo sovrumano per tentare di sfuggire a quelle belve, mentre dai suoi lombi il sangue zampilla da centinaia di fori, si alza in piedi e cade nuovamente. 'I coglioni! I coglioni!' Si alza uno con un coltello e glieli recide di netto, mentre il toro, ancora vivo, lancia il suo ultimo grido, con l'unico occhio superstite che gli esce dalle orbite. Dallo spacco dove prima c'erano i genitali il sangue esce a fiotti. Tutti sguazzano nel sangue. Il sindaco dice: "Tutti quanti noi abbiamo l'obbligo di difendere i nostri gusti, perché questa è arte e cultura".

Bracconieri coscienziosi che anestetizzano rinoceronti


Fonte: Unimondo

Hope, il rinoceronte sopravvissuto ai bracconieri che le hanno rubato il corno. L'hanno chiamata Hope, «Speranza», dopo averla trovata gravemente ferita ma ancora viva nella riserva Lombardini, in Sudafrica. Oggi il rinoceronte femmina di quattro anni si sta riprendendo, accudita dai veterinari. Il suo caso è in assoluto il più grave mai trattato dal team della riserva: una ferita di 50 centimetri sul muso dell’animale, dove prima c’erano le corna. Hope ha dovuto subire un’operazione per rimuovere i tessuti morti, poi i veterinari le hanno fissato una copertura in fibra di vetro sulla ferita.

venerdì 29 maggio 2015

L'autoguarigione

Fare pulizia dentro, prima di sottoporsi a trattamenti chirurgici in caso di malattia. Come? Con l'auto-osservazione. E' necessario però fidarsi di chi lo sa fare, o per lo meno di chi è in grado di darci suggerimenti e consigli. Possibilmente gratis. Altrimenti, tutto si riduce a belle e insignificanti parole. Ma soprattutto, bisogna crederci!

A un certo punto i Padri della Chiesa abolirono la reincarnazione


Testo di Mauro Aditya

Fu nel II Concilio di Costantinopoli indetto dall'imperatore Giustiniano (553 anni dopo la morte di Cristo) che venne cancellata la dottrina della reincarnazione e vennero condannati gli scritti reincarnazionisti di Origene, uno dei primi padri della Chiesa, (benché spesso inclusi tra le preghiere del breviario). Numerosi sono ormai i ricercatori che hanno appurato come Giustiniano avesse imposto questa decisione conciliare senza il consenso del Papa d'allora, Virgilio, il quale, pur essendo presente in Costantinopoli, non partecipò alla seduta. Approfondendo le ricerche, si è pure giunti alla conclusione che a indurre l'imperatore a questo passo sia stata anche la pressione esercitata dall'imperatrice Teodora, sua moglie, da lui considerata la sua migliore consigliera.


La traballante coerenza della Lega Nord

Testo di Corrado Cella

Salvini in Lombardia dice prima il nord, in Veneto è indipendentista, al sud dice prima gli italiani e la lista si chiama noi con Salvini, vuole radere al suolo i campi rom ideati da Maroni e che grazie alla Lega sono stati finanziati con 60 milioni di euro, lui si augura che i rom e i clandestini ci siano sempre altrimenti con chi se la prenderebbe per raccattare qualche voto in più? Senza contare che loro che si vantano di aver fatto la lotta alla mafia, hanno fatto accordi con la N'drangheta tramite il loro amministratore Belsito rinviato a giudizio. Bossi e figli rinviati a giudizio per aver usato soldi pubblici per spese private, indagati Cota, quello delle mutande verdi, Maroni, Bossi ed altri leghisti, condannati per oltraggio ed aggressione alla forza pubblica (ma loro dicono di stare dalla parte della polizia). Pini indagato, etc...e lo stesso Salvini è stato condannato per aver lanciato oggetti a D'alema (quando li lanciano a lui sono delinquenti) per oltraggio alla forza pubblica (sempre perché stanno dalla parte della polizia)......sono parassiti come tutti gli altri politicanti di professione!!!!

giovedì 28 maggio 2015

La Nemesi colpisce inaspettatamente


Testo di Jole Dessi

Cina, provincia di Hunan - Un macellaio venditore di carne di cane, è morto dopo che si è accidentalmente sparato un dardo avvelenato con la balestra che usava per uccidere i cani. Pare che l'uomo, mentre mostrava ad altre persone il funzionamento dell'attrezzo, si sia sparato ad una gamba. Sono stati inutili i soccorsi e la corsa verso l'ospedale. Altri cinque membri della banda hanno confessato di aver ucciso più di 1.000 cani, che normalmente venivano uccisi per poi vendere la carne. Sono stati arrestati tutti.

L'integrazione non può esistere



Penso con tutta sincerità che a tutto c'è un limite, oltre il quale chiunque, che non sia uno sciocco, possa decidere di abbandonare l'idea, peraltro giustissima, dell'integrazione per abbracciare quella della repressione. Non si tratta di razzismo, ma di difesa dei propri ideali, delle proprie leggi e dei propri cittadini. I ROM hanno abbondantemente e deliberatamente dimostrato che non hanno alcuna intenzione di perseguire le vie dell'integrazione. Loro vivo in quel modo, violando qualsiasi legge e fregandosene abbondantemente e deliberatamente degli altri. Vivono sfruttando il prossimo, derubandolo di ogni bene, infischiandosene delle leggi delle nazioni nelle quali vivono senza pagare tasse, servizi e quant'altro. Tutto questo, in qualsiasi nazione civile, si chiama "vivere nel crimine". E sempre in queste nazioni civili, chi vive nel crimine, delinque. Pertanto va punito secondo le leggi della nazione.

La pietra d'inciampo del mantra


Anna e Giacomo s'incontrarono ancora dopo quella prima volta, poiché si erano piaciuti. Se la prima volta si erano incontrati a metà strada, le volte successive lei prese il treno e accettò di entrare a casa di lui, con tutto quello che ciò può comportare e che i miei lettori possono facilmente immaginare. Avevano molte cose in comune, tra cui la non più giovane età, e quella particolare visione della vita che va sotto il nome di “complottismo”. Se qualcuno dei miei lettori, giunto fin qui, pensa che questo articolo tratti di temi “complottisti”, si sbaglia, perché a un certo punto si arriva ad avere la sensazione di aver detto già tutto, in fatto di teorie del complotto. Indi per cui, se le aspettative nei confronti di questo pezzo sono di quel tenore, consiglio i miei affezionati lettori di interrompere la lettura e di non perdere ulteriore tempo, giacché ciò che vado a raccontare è letteratura connotativa, personale e intimistica, ovverosia di tipo emozionale-psicologico. Per palati fini, insomma. Del resto, le due colonne portanti della letteratura sentimentale sono, da sempre, Eros e Tanathos, amore e morte, e nel caso di Anna e Giacomo, almeno fino al momento in cui i fatti mi sono stati riferiti, imperava placidamente l'eros e della tanathos non v'era ancora traccia.

Costruitevi un territorio d'Amore

Silvano Agosti non dice cose originali, ma le dice con una certa bravura. Il nucleo del suo pensiero è che gli esseri umani sono schiavi di una infinitesima minoranza di uomini, che accentrano il potere e la ricchezza nelle loro mani al solo scopo di difendere i propri privilegi, non esclusa la possibilità di giocare con le vite di milioni di persone, mediante guerre e altre forme di distruzione della vita. Sembra che tale nucleo di pazzi sia fissato con il concetto della morte, che viene pubblicizzata sui pacchetti delle sigarette e attraverso la reiterazione di film e programmi televisivi. La morte per fame di 35.000 bambini al giorno, nel mondo, è musica per le orecchie degli psicopatici che dominano il mondo, che però hanno l'accortezza di far sentire in colpa tutto il resto dell'umanità. Per spezzare questa maledizione, questo incantesimo, l'unico modo è servirsi della parola più malfamata che esista al mondo: l'Amore. Non è una novità, come detto, ma non fa male ripeterlo. Costruirsi un lussureggiante territorio d'Amore, popolato di sentimenti positivi, è il non plus ultra per il misero schiavo che volesse affrancarsi dalla schiavitù. I modi per farlo sono molteplici, da approfondire e sviluppare. La strada è segnata. I risultati prima o poi si vedranno.

Amorth dice la sua


Fonte: Il Giornale

«Ah, può starne certo! Dove c'è del male c'è sempre il demonio che suggerisce. Sempre c'è lui, dove c'è il male, qualunque forma di male, grande o piccola, è sempre sotto suggerimento del demonio».
Questa gente è quindi manovrata da Satana?
«Certo, l'Isis, io ne son convinto, dove ci sono guerre e distruzione c'è sempre il diavolo dietro che se la ride. Dio non lo permetterebbe mai, Dio vuole soltanto cose buone. E questa gente può anche sparare al Papa senza problemi…».
Se lei si trovasse di fronte a questi fondamentalisti islamici cosa farebbe?
«Guardi, io ho praticato degli esorcismi, in nome di Dio, anche su gente musulmana ma se avessi davanti a me questi jihadisti, non li insulterei ma li tratterei con amore come ci richiede nostro Signore. Poi se loro pensano di ammazzarmi, facciano pure, così arrivo prima in Paradiso».

Predatori psicopatici disordinati e distratti



Una scena inquietante per i più: nove cervelli abbandonati in strada senza un motivo apparente. Il ritrovamento è avvenuto a New York, dove gli abitanti della zona ferroviaria di Governeur hanno segnalato la presenza dei resti organici alla polizia. Dopo un iniziale spavento, le autorità hanno stabilito che i cervelli erano stati utilizzati per scopi scientifici e appartenevano ad animali, probabilmente cani o pecore, ed erano stati asportati e conservati in formaldeide. Resta il mistero su chi e perché abbia abbandonato gli organi in strada.

mercoledì 27 maggio 2015

Torneremo ad emigrare in Svizzera!



CANTON TICINO - Contadino in Canton Ticino? Stipendio da più di tremila euro al mese. E le aziende agricole d’oltreconfine, a corto di personale, sono pronte ad assumere i rifugiati. «Il salario minimo legale è di 2300 franchi il primo mese e 3200 franchi dal secondo». Vale a dire, rispettivamente, 2200 euro e 3100 euro circa di stipendio. Una paga estremamente allettante per chi vive da questa parte della frontiera. Mentre la politica federale svizzera discute sulle modalità di applicazione delle forme di contingentamento dei lavoratori frontalieri, sulla base dell’esito del referendum sull’immigrazione di massa del febbraio 2014, in Ticino ci sono settori produttivi che sono affannosamente alla ricerca di personale da impiegare. È il caso delle aziende agricole, che soffrono una mancanza di manodopera a cui hanno finora supplito, in larga parte, con l’assunzione di immigrati provenienti da Paesi come la Polonia o il Portogallo.

Un altro servo degli Illuminati


Fonte: Il Giornale

Le parole del segretario delle Nazioni Unite faranno discutere. E non poco. Alla vigilia degli incontri a Bruxelles con la leadership dell'Ue Ban Ki-moon da Dublino lancia questo messaggio: l’Europa invecchia, se vuole mantenere il suo dinamismo economico, ha bisogno di migranti. Lo ha detto in un discorso pronunciato nel Castello della capitale irlandese, durante la celebrazione dei 60 anni dell’ingresso dell’Irlanda nelle Nazioni Unite. "I fattori di spinta includono guerre e sottosviluppo; quelli di attrazione includono il semplice miraggio di una fuga dalla povertà. L’Europa deve riconoscerne un altro: il suo deficit nella forza lavoro. Bassa crescita demografica e una transizione demografica ad un continente di vecchi. Se vuole mantenere il suo dinamismo, l’Europa ha bisogno di migranti". Se l'invecchiamento della popolazione europea è un dato di fatto oggettivo, resta da chiedersi per quale motivo l'Europa non dovrebbe porvi rimedio sviluppando le politiche sociali volte a aiutare le giovani coppie a fare figli. Ma su questo Ban non si sofferma. Si limita a dire che l'Europa deve accogliere i migranti perché ne ha bisogno.

lunedì 25 maggio 2015

Un poliziotto consiglia di denunciare le banche



Salvo Mandarà (salvo5puntozero.tv) intervista un ispettore Capo di Polizia, che con grande coraggio non si nasconde, ci mette la faccia, nome e cognome e lancia un coraggioso e accorato appello alla popolazione. Ecco le parole pronunciate dall’Ispettore Capo: abbiamo evidenziato in neretto alcune parti molto significative. “non esistono banche oneste, ma persone oneste, e buone o cattive intenzioni. Come non esiste la “malagiustizia”, ma uomini giusti, scelti per far rispettare la legge, e altri che la disonorano. Purtroppo il sistema ha messo in atto la politica del “divide et impera“. La pubblica amministrazione non è immune. Tra noi appartenenti alle forze dell’ordine, esiste lo stesso sistema. Ci dividono in settori, ci costringono ad affogare nella burocrazia e così dimentichiamo il senso della nostra missione: onorare il giuramento fatto sulla Costituzione, far rispettare la legge, difendere i cittadini, i loro diritti, e garantire la loro sicurezza. Ci ritroviamo così ad eseguire ordini illegittimi, senza che ce ne accorgiamo. 

Una schiavitù che dura da troppi secoli



Il cavallo, al pari degli altri animali cosiddetti "da reddito", merita soltanto tutta la nostra gratitudine: a causa dei suoi sacrifici e delle sofferenze che gli abbiamo inflitto sin dall'antichità, decretandolo nostro servitore, abbiamo potuto svilupparci, almeno tecnicamente e materialmente. Il cavallo ci ha servito fedelmente, ed ora che siamo nel 2015 invece che tributagli rispetto e la dovuta libertà, lo condanniamo nuovamente ad altre schiavitù come il palio, gara in cui questi animali sono ridotti ad oggetti di puro divertimento. Come sempre saremo presenti per dichiarare la nostra rabbia ed la nostra ferma opposizione a queste manifestazioni di barbarie degne del peggior secolo dell'umanità. Il palio di Legnano è il terzo in Italia dopo Siena ed Asti. E' ora di evolversi, il Medioevo è finito da più di un millennio!

Offendere su Facebook può essere punito col carcere


Fonte: Today

La Cassazione ha deciso: chi offende sui social network rischia di finire in carcere. All’origine della sentenza, la separazione di una coppia culminata in una serie di insulti postati sul social network dall’ex marito nei confronti dell’ex moglie. Ne è nato un processo per diffamazione "con rimpallo tra giudice di pace e tribunale". Da decidere se la competenza è del primo, quindi rischio multa, o del secondo, con il carcere come pena massima. Il giudice di pace di Roma dichiarò la sua incompetenza ritenendo la diffamazione su Facebook "aggravata dal mezzo della pubblicità e quindi di competenza del tribunale". Ma qui il collegio ha accolto le argomentazioni dell’avvocato dell’ex marito, Gianluca Arrighi, stabilendo che "Fb non può essere paragonato a un blog o a un quotidiano online, visionabile da chiunque sulla rete, e che pertanto la competenza è del giudice di pace". Da qui la necessaria sentenza della Corte Suprema.

Un istinto insopprimibile



Fuggono verso la libertà. Sono mucche, maiali, galline, giraffe, rinoceronti e altri animali... Fuggono dagli allevamenti, dai circhi, dalla prigione a vita dello zoo. Fuggono perché lo sanno che fuori ci sono la terra da calpestare, l'erba, gli alberi, il sole. E li riprendono sempre, spesso li uccidono durante la cattura, i più sfortunati vengono riportati nelle loro prigioni in attesa della morte o nel mattatoio. Ma altri continueranno a tentare la fuga, perché la libertà è insita in ogni essere vivente, prima del mangiare e del bere, prima di ogni altra cosa. E, tra gli animali, solo la specie umana ha inventato le prigioni, le gabbie, i recinti, la schiavitù. Se questo vuol dire essere superiori...

Un mercato in espansione


Fonte: Lifegate

Al primo punto vendita di Berlino, nato nel 2001, sono seguite altre filiali nella capitale, una a Francoforte e un’altra ad Amburgo e poi Monaco di Baviera, Essen, Stoccarda, Colonia, Hannover e Düsseldorf. Recentemente è stata la volta di Vienna, in Austria, e – fa sapere la direzione – sono in cantiere nuove aperture: a Londra, Amsterdam Barcellona, Copenaghen. E Milano, entro il 2015. In linea con il claim della catena “Noi amiamo la vita” e con i principi etici, ecologici e salutistici della dieta vegana, da Veganz, sugli scaffali, si trovano solo prodotti di origine vegetale e biologici, sia alimentari sia per l’igiene della casa e della persona. Prodotti di qualità che piacciano a tutti, non solo ai vegani: Jan Bredack, l’imprenditore berlinese fondatore del progetto, ha precisato che circa l’80 per cento dei clienti dei suoi supermercati sono semplicemente acquirenti consapevoli, curiosi e attenti alla qualità della vita, non necessariamente vegetariani o vegani.

Gli altri bagnanti glielo hanno lasciato fare


Fonte: Leggo

Hanno trovato un delfino spiaggiato sul bagnasciuga e anziché chiamare soccorsi che probabilmente gli avrebbero salvato la vita, si sono messi a scattare foto in posa con l'animale esanime. Le foto dei due, pubblicate sul web e scattate presumibilmente a Lima, in Perù, hanno suscitato l'indignazione degli internauti poiché il delfino è morto poco dopo in circostante sospette. Il direttore della Peta, Elisa Allen, ha detto all'Independent: "Questi individui spietati e francamente demenziali devono essere trovati e perseguiti per crudeltà verso gli animali".  Intanto, la foto circola su Facebook e Imgur nella speranza di individuare e punire i due responsabili.

Pompieri italiani brava gente



TREVISO - Davvero una bella storia di animali e a lieto fine: i vigili del fuoco di Treviso hanno affrontato e risolto oggi, sotto la pioggia battente, un'operazione di salvataggio per recuperare due anatroccoli. A dare l'allarme proprio mamma papera, che ha starnazzato a più non posso, fino ad attirare l'attenzione di un passante. Quando ha capito quello che l'animale stava segnalando ha chiamato il 115. Da lì il lieto fine.

sabato 23 maggio 2015

I vegani rompono le palle al mondo intero


Ospite fissa della nuova stagione di "Announo" di La7, Alba Parietti commenta il comportamento dei vegani a tavola. Nella prima puntata del programma di Giulia Innocenzi, dedicata al tema degli allevamenti intensivi, la Parietti interviene dopo la testimonianza di una ragazza ex vegana. "Le tue mi sembrano forme leggermente ossessive", dice Alba Parietti alla giovane, invitando alla moderazione negli stili di vita. Poi apre una parentesi sulle abitudini dei vegani. E confessa: "Io francamente quando c'è un vegano a cena mi vorrei ammazzare". "Non ho mai capito niente di quel che mangiate o non mangiate", continua. "Siete l'ossessione dei poveri disgraziati che organizzano le cene". L'accusa è quella di un atteggiamento ossessivo, quasi patologico verso il cibo. Del tutto positivo, invece, il commento di Alba Parietti su chi difende gli animali "con moderazione, con logica".

Se lo dice lui!


Fonte: Sputnik News

Gli Stati Uniti dovrebbero fare delle "grandi concessioni" per includere la Cina e lo yuan nel paniere di valute del Fondo Monetario Internazionale. In caso contrario, Pechino andrà incontro a Mosca, si tratta di un'alternativa "molto spiacevole", ritiene Soros. Il miliardario americano George Soros ha ammesso la possibilità di una nuova guerra mondiale, che inizierà per lo scoppio del conflitto tra la Cina e gli Stati Uniti, scrive il portale "Market Watch". Dal punto di vista di Soros, tale scenario sarà possibile se la Cina orienterà la sua economia al fabbisogno interno e non all'esportazione. In questo caso le autorità cinesi avranno bisogno di un conflitto esterno per mantenere il potere, ritiene il finanziatore americano. 

Se lui era al suo posto noi non eravamo nei casini


Testo di Joe Fallisi

Il povero Muammar Gheddafi (sia sempre lode al tuo nome, GRANDE Uomo, e sempre W la tua Giamahiria)... torturato, trucidato e persino smembrato dagli islamomostri cannibali, fatti calare sulla Libia dai luridi pedoemiri e dall'Anglogiudeuramerika infame.


Questo è vero amore


Fonte: Leggo

Un'insegnante di inglese di 57 anni vive da quattro mesi dentro la sua auto per non rinunciare ai suoi cani. La protagonista di questa vicenda si chiama Hillary Barrows, che dopo 8 anni in giro per l'Europa ad insegnare inglese ha deciso di tornare in Gran Bretagna, per la precisione nel Kent. La donna trascorre le prime tre settimane in affitto, ma non trovando nessun lavoro, finisce tutti i soldi e non può più pagare la retta.
  

venerdì 22 maggio 2015

Caro scienziato, dimmi qualcosa che non so!



Un team di ricercatori ha manipolato gli embrioni di pollo prima della schiusa delle uova per capire in che modo il muso dei dinosauri si è evoluto nel becco degli uccelli odierni. Ed ecco il "Pollosauro". La creatura creata con un esperimento condotto da un team di scienziati di Yale e Harvard, gli si avvicina davvero molto. Gli scienziati hanno infatti sviluppato degli embrioni di pollo sprovvisti di becco, ma con un muso molto simile a quello dei dinosauri antenati degli uccelli.

L'ottuso pregiudizio che tarpa le ali


Testo di Saverio Tommasi

Erano partiti per una gita a Venezia, coronamento di un percorso di autonomia. Autonomia significa imparare a vivere la vita fuori casa, da soli, con le fragilità e le lentezze che si hanno ma sviluppando le (tante) possibilità. E divertendosi un bel po’, perché alla fine il divertimento conta, eccome se conta, per questo avevano deciso proprio per una gita a Venezia, loro che partivano da Conegliano in Veneto. E per questo si erano messi in fila per fare il biglietto del treno. Ed è alla fine della fila che il dipendente di Trenitalia, un uomo mai stato Uomo, si è rivolto all’accompagnatrice: «Lasci perdere, mi ascolti. Ho più esperienza di lei: questi ragazzi non sono in grado di imparare. Se fate voi il biglietto per loro fate un favore alla comunità».

Anche alla sopportazione degli asini c'è un limite


 
La notizia risale alla fine del 2010, ha fatto il giro del mondo ed è stata ripresa sia dalla stampa estera che da quella italiana. L’asino Herman, addestrato, trasportato al fronte e trasformato in “soldato” durante la guerra in Afghanistan, era considerato una sorta di eroe dal contingente tedesco di stanza a Shar Darah nella provincia di Kunduz. Gli asini, da tempo immemorabile, vengono usati in guerra per trasportare feriti, viveri, armi, munizioni. Vengono mandati nelle zone più pericolose, dovunque ci sia bisogno. Sono animali forti che non si lamentano. Anche nelle situazioni più estreme sono gli ultimi a morire. 

giovedì 21 maggio 2015

Perché al telegiornale non ci mostrano queste scene?





Testo di Tanya Gilbert


La prima immagine di Palmira liberata mostra alcuni civili uccisi perché sospettati di aver aiutato l'esercito di Nusayri. L'immagine in circolazione sulle reti presumibilmente mostra alcuni membri della tribù Shaitat, massacrati dall'ISIS nel giorno della liberazione di Palmira.


Se voglio fare ginnastica vado in palestra



Le meditazioni attive sono delle tecniche che Osho ha creato appositamente per l’uomo moderno. Per questo motivo sono oggigiorno particolarmente efficaci a differenza delle tecniche che nel passato sono state sviluppate per un uomo che era profondamente diverso e dotato di un corpo e di una mente estremamente più semplici.
 Giorgio Cos e Tara Gilioli  sono Meditation Facilitator  e  Oneness Trainer.

La Stella e la suora


Fonte: Pietro Melis

«Sono indignata, amareggiata, scandalizzata, confusa. Leggo di iniziative per adottare i cani a distanza. Vedo nei supermercati reparti interi dedicati agli alimenti per animali, alla loro cura, ai loro giocattoli... I giocattoli! Ripeto: io li amo gli animali, ma santo Iddio! Ad Adua i bambini muoiono per delle sciocchezze, magari solo perché manca la cannula per metterli sotto flebo e reidratarli. Basta una diarrea infantile per uccidere un neonato in 24 ore. Come posso accettare questo abisso fra l'attenzione per gli "amici dell'uomo" e il disinteresse invece per l'uomo?». Gian Antonio Stella sembra ce l’abbia con i cani, è evidentemente una sua fissazione. L’intervista è la solita roba sul perché aiutare i cani e non i bambini e in parte è comprensibile. Dopo aver letto l’intervista fatta alla suora ho letto una frase detta dal Papa che si chiedeva se piangiamo quando vediamo i barconi che affondano. La risposta è semplice. 

Una madre premurosa


Fonte: Leggo

Lo riferisce oggi il quotidiano Mid-day. La coraggiosa decisione di Padma Iyer ha ricevuto un ampio supporto sui social perché è la prima volta che un genitore mostra pubblicamente di accettare l'omosessualità del figlio. L'annuncio è del tutto simile alle migliaia che si leggono ogni giorno nelle pagine dedicate alla ricerca di sposi o spose, compreso il riferimento alla casta.  Ecco il testo pubblicato ieri sullo stesso Mid-Day: «Cercasi sposo sui 25-40 anni, buona posizione, amante degli animali, vegetariano, per mio figlio (36 anni, 1.80) impiegato in una ong. Non importa la casta». Dopo appena un giorno si sono già presentati dei candidati che saranno selezionati dalla madre come in ogni buona famiglia indiana. In India i rapporti tra persone dello stesso sesso costituiscono reato in base a una sentenza della Corte Suprema che nel 2013 ha revocato la depenalizzazione dell'omosessualità introdotta quattro anni prima. 

Prima o poi anche i Rom finiranno di spadroneggiare


Fonte: ENPA Torino

Una trentina di persone di etnia Rom, fra cui alcuni minori, ha assaltato la sede e l'ambulatorio sociale ENPA di via Germagnano 8, distruggendoli completamente e lasciando terrorizzati ed imprigionati nelle gabbie rovesciate alcuni animali ospitati nell'ambulatorio, su cui sono in corso accertamenti clinici. Si stimano danni ad impianti, apparecchiature elettroniche e medicali, mobilio, medicinali per circa 100.000 euro. Molta documentazione è andata distrutta per l'allagamento dovuto ai tubi letteralmente strappati dai muri. Una devastazione annunciata da decine di intrusioni denunciate negli ultimi mesi ed oggetto di diverse interpellanze comunali che hanno solo evidenziato l'incapacità di Comune e Prefettura nel garantire un minimo di ordine pubblico e pubblica sicurezza in queste zone di Torino, dove la presenza di onesti cittadini arreca evidentemente fastidio alle attività illecite.

I sauditi sanno di godere dell'appoggio degli USA



Il canale televisivo yemenita al-Masirah ha riferito che jet da combattimento sauditi hanno lanciato tre attacchi aerei contro navi dell’Unicef, carichi di aiuti umanitari diretti nella provincia yemenita nord-occidentale di Saa’da. Durante il cessate il fuoco, l’Unicef ha fornito assistenza alle persone colpite dai bombardamenti sauditi in tutto il Paese, ma l’assistenza umanitaria fornita non è stata sufficiente a far fronte alle esigenze di 26 milioni di persone ridotte alla fame, senza cibo, farmaci e beni di prima necessità. Sono centinaia gli adulti e i bambini morti per mancanza di cibo o di cure mediche. Se l’Arabia Saudita, oltre che a bombardare indiscriminatamente il popolo yemenita, non avesse impedito l’ingresso degli aiuti nel Paese, centinaia di vite si sarebbero potute salvare, ma questo per la comunità internazionale non è terrorismo e tantomeno sono crimini di guerra.

mercoledì 20 maggio 2015

Se tutti i sindaci d'Italia facessero così



Il Comune di Santa Lucia di Piave non organizzerà né parteciperà a manifestazioni celebrative del 2 giugno. Lo ha annunciato oggi lo stesso sindaco del Comune trevigiano Riccardo Szumski precisando che "fintanto che perdurerà la illegalità nei comportamenti del governo e dello Stato, con conclamata violazione costituzionale nei confronti dei Comuni, contro cui è pendente da parte dei comuni trevigiani un ricorso alla corte costituzionale, non vi è alcun motivo di celebrare ricorrenze ove si festeggia il boia». «Il 2 giugno la bandiera sarà issata sul pennone con il solito nastro nero che ricorda la violazione costituzionale dei diritti dei Comuni e dei loro cittadini».

La cacciatrice Moretti vuole far socializzare anziani e migranti


Fonte: Il Giornale

Durante il suo tour elettorale in vista delle Regionali del 31 maggio, la candidata democratica Alessandra Moretti parla di immigrazione: "Ospitare un profugo a casa mia mi pare paradossale, ma un pensionato che ha un assegno esiguo potrebbe arrotondare ospitando un profugo a casa sua. Circa 35 euro al giorno sono una buona cifra per chi ospita nella propria casa un immigrato". Insomma la Moretti a casa sua non vuole nessuno, ma in quelle dei pensionati invece spedirebbe i profughi. La candidata potrebbe dare l'esempio ospitandone uno a casa sua, ma a quanto pare preferisce indirizzarli da qualche altra parte. E probabilmente sul piano immigrazione per la Regione Veneto la Moretti si gioca la partita decisiva per il voto di fine maggio. Luca Zaia, governatore uscente del Veneto e candidato del Carroccio, ha già fatto sapere che non vuole altri immigrati sul territorio. La Moretti invece li vuole nelle case dei pensionati.


I privati sono sempre ladri, i musei sempre benemeriti


 
Un pacco per Los Angeles bloccato a Orio. Bene protetto, non può lasciare l’Italia.
E’  del cosiddetto « uccello elefante » del Madagascar e viveva nel pleistocene, milioni di anni fa.
Il mito vuole che fosse così grande e forte da riuscire a mangiare un elefante. Lo si ritrova nel Milione di Marco Polo e ha ispirato il racconto su Sinbad il marinaio. In persiano si chiama Rokh e ha le piume bianche, il suo nome scientifico è Aepyornis maximus ed è detto «uccello elefante». È un esemplare del Madagascar, del periodo del Pleistocene (da oltre 2 milioni a 11.000 anni fa), e si è ormai estinto da tempo. Si capisce bene, allora, perché gli uomini dell’Agenzia delle dogane di Orio al Serio hanno sequestrato un uovo gigante che, da perizia del paleontologo Cristiano Dal Sasso del Museo di storia naturale di Milano, appartiene proprio a questa specie.

La religione non migliora l'essere umano, anzi!




Non c'è religione senza amore universale e chiunque può parlare quanto vuole della propria religione, ma se essa non gli insegna ad essere amorevole e compassionevole con tutti gli esseri del creato, è tutta una spaventosa TRUFFA.

Gli animali non meritano di vivere così


Testo di Angela De Re

Sono ancora tanti i circhi che hanno come principale attrazione il domatore con le belve o altre attrazioni che coinvolgono animali. Molte volte questi animali sono importati illegalmente e molti di essi vengono poi confiscati dalle Forze dell'Ordine e ospitati in zoo comunali. Gli animali sono tanto carini da vedere, certo, gli elefantini, gli orsi, i leoncini, le tigri, sono proprio animali che vale la pena ammirare, ma quanti si soffermano a pensare che loro forse non sono altrettanto contenti di dare spettacolo e di passare la vita in gabbie anguste?

martedì 19 maggio 2015

L'impari lotta contro gli avvelenatori



Il prossimo 23 Maggio si terrà in tutto il mondo la marcia globale contro Monsanto, ma l'Italia non parteciperà. Il prossimo 23 maggio si terrà in 50 Paesi la terza MAM – March against Monsanto e per ora sembrano assenti manifestazioni in Italia, a differenza di quanto accade in Francia, dove ne sono previste 20, in Germania, Austria e Olanda. Alla MAM, Marcia Globale contro Monsanto, si prevede una vasta partecipazione e l'intenzione della manifestazione è di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità di bandire gli OGM assieme a una crescente pressione politica in materia di agricoltura e sulle pratiche commerciali aziendali di Monsanto e per lottare per l'etichettatura degli alimenti che contengono OGM. La manifestazione globale coinvolge 38 nazioni di 6 continenti con la partecipazione di 428 città per una soluzione pacifica.

Femministe, dove siete?


Fonte: Dagospia

Luigi Serafini è un artista straordinario, di profonda cultura e di vaste influenze, che Vittorio Sgarbi collocava fra Leonardo ed Eta Beta. Al gusto antico per una certa forma di erudizione, Serafini unisce un amore sbarazzino per tutto ciò che è giocoso e stravagante, non solo nel suo capolavoro, il Codex Seraphinianus celebrato da Calvino. Ma anche in lavori come La donna carota, installazione in plastica già esposta al Pac di Milano, che attualmente fa bella mostra di sé nel padiglione di Eataly all’Expo, dove l’ha voluta lo stesso Sgarbi. Questa donna artificiale - a grandezza naturale - sembra viva.

Antifascisti innamorati delle false contrapposizioni



Io resto dell'idea (tenendo conto anche delle posizioni antimilitariste di Freeanimals) che NESSUNO deve permettersi di contestare un movimento che vuole COMMEMORARE i propri caduti. Il nostro corteo vuole omaggiare chi è caduto per difendere i nostri confini. Loro possono chiamare in causa chi cazzo vogliono, ma CasaPound Italia è un'associazione legalmente riconosciuta e ha indetto una manifestazione altrettanto legalmente autorizzata.