lunedì 30 novembre 2015

Se arrestano gli organizzatori è meglio


Testo di Massimo Oddo

Pitbull salvato in extremis, molto probabilmente il peloso aveva appena perso qualche combattimento ed era stato abbandonato con delle brutte ferite in un terreno abbandonato usato come discarica. I carabinieri, allertati da una chiamata anonima, lo hanno salvato prontamente. Adesso il cane sta bene, quelli che invece non dovrebbero stare bene sono gli organizzatori di combattimenti clandestini.....

Il gemello parassita lo ha trasformato in un Dio



Fonte: Leggo

Una malformazione gli ha permesso di essere onorato come una divinità. Si chiama Fatma Nur ed è un vitello con sei zampe. L'animale, nato ad Ankara sei settimane fa, ha due protuberanze alla base del collo che lo costringono a chinarsi in avanti come se fosse prostrato in preghiera. Questo ha spinto la comunità in cui è nato a considerarlo come una benedizione. Fatma Nur è diventato una vera e propria attrazione religiosa di un piccolo villaggio turco, che lo venera come una divinità. "Credevamo che stessero nascendo due vitellini, poi la sorpresa. E' stata una benedizione" ha dichiarato il proprietario al Daily Mail. Pare, infatti, che il piccolo animale avesse un gemello che non si è sviluppato ed è stato poi assorbito durante la gravidanza.

Blues Brothers in Madagascar


I Blues Brothers, nel film che li rese famosi, erano in missione per conto di Dio. Io sono in missione per conto di Antonio, Valentino, Luciano, Attila e Pietro. Se qualcuno pensasse che sono nomi inventati perché nessun genitore italiano chiamerebbe Attila il proprio figlio, rispondo che infatti l'Attila in questione è ungherese, come il Luciano in oggetto è rumeno, mentre gli altri tre sono italiani. Con due di loro, Antonio e Valentino sono in rapporti di amicizia e le cose che mi hanno chiesto di portar loro dal Madagascar saranno dei doni, mentre con Luciano, Attila e Pietro gli oggetti richiesti saranno sottoposti a transazione economica, anche se i “desiderata” di Pietro non sono oggetti materiali, come spiegherò fra poco. Andiamo, quindi, per ordine.

domenica 29 novembre 2015

Un'atmosfera natalizia che diventa sempre più fumosa



I genitori degli studenti di Romano d’Ezzelino, 15mila abitanti, sono di nuovo sul piede di guerra dopo che l’anno scorso nell’Istituto Comprensivo delle scuole primarie e secondarie, si è tenuto un concerto di Natale fatto con canti in arabo e africani che hanno relegato i canti della trazione natalizia e cristiana ad un ruolo marginale o, come l’ha definita la sindaco Rossella Rizzo, “lo spazio amaro di una nota di fondo pagina“. Alla fine della manifestazione, il vicesindaco presente all’evento, Remo Serraglio, si era addirittura rifiutato di salire sul palco, avendo già subodorato il malcontento di molti genitori che, puntuali, il giorno dopo sono andati in municipio a protestare. La prima cittadina di Romano d’Ezzelino, dopo aver chiesto alla dirigenza scolastica un chiarimento sulla natura dell’evento – più simile ad un legittimo concerto multientico e non a un concerto natalizio -, si è ritrovata contro un muro di gomma dal quale non sono arrivate risposte per un anno intero, fino a 15 giorni fa.

Italiani a rischio in Africa


Fonte: Leggo

Un medico italiano, Rita Fossaceca di 51 anni, è stato ucciso e altri tre connazionali sono rimasti feriti in Kenya. Si trovavano a Mijomboni, un piccolo villaggio nell'entroterra alle spalle di Malindi, per conto della For Life Onlus, una associazione umanitaria internazionale. Secondo quanto si è appreso, gli italiani sarebbero stati vittime di una rapina. La Farnesina sta assistendo le famiglie. Alessandto Carriero dirige il Dipartimento di Scienze Radiologiche dell'Ospedale Maggiore della Carità di Novara, dove la dottoressa Fossacena lavorava. «Era il mio braccio destro - aggiunge tra le lacrime - non so come farò ad andare avanti». 

Controllare l'ansia pensando che tutto alla fine si risolve


La mattina del 28 novembre mi ha portato la sua normale dose d'ansia. Ma è stata una cosa doverosa, una forca caudina a cui ho dovuto sottostare perché durante la notte, quando le zanzare permettevano al mio cervello di lavorare e a me di dormire, ho preso la risoluzione di tornare all'aeroporto di Ivato, onde risolvere il problema del visto. All'arrivo, infatti, sapevo che avrei dovuto pagare 50 euro per il visto di tre mesi, ma, consegnato il passaporto, mi è stato restituito con un timbro recante la dicitura “gratis”. Sul momento non ci ho fatto caso e, interiormente, ho pensato: “Vuoi vedere che per una volta tanto mi butta bene!”. E invece, il giorno dopo ho visto che sul timbro era stato scritto a mano: “trenta giorni”, tanti quanti sono concessi ai turisti, in Madagascar, con un visto dato gratuitamente per una specie di promozione o di incentivo a venire. 

venerdì 27 novembre 2015

Decodificando voli noiosi e zanzare succhiasangue


Tutte le volte che arrivo al Charles de Gaulle di Parigi esperimento situazioni di stress. Ormai è diventata una profezia autoavverantesi: so che sarò preso dall'ansia e così avviene. Stavolta in più c'era l'incognita dei maggiori controlli a causa dei recenti attentati terroristici. Mi chiedevo se le minuziose perquisizioni dei bagagli a mano, oltre alla snervante attesa del proprio turno, in coda, non mi avrebbero per caso fatto perdere la coincidenza per Antananarivo. E invece, come mi era già capitato, non sono passato attraverso i controlli del metaldetector, in cui si deve togliere giubbotto, cintura, cappello, orologio, chiavi, tutto ciò che si indossa di metallico e a volte anche le scarpe, perché invece di atterrare al Terminal 2E, per poi trasferirmi a quello 2F, da Venezia sono atterrato direttamente al Terminal 2F, da cui partiva anche il volo internazionale. Essendo di transito, è stato logico non dover sottostare a un secondo metaldetector, con tanto di mini streptease. Ma anche stavolta le galoppate le ho fatte lo stesso, essendo il Charles de Gaulle immenso. Se poi ci mettiamo che ho scambiato il Gate L31 con il sedile 31L, si capisce che, terroristi a parte, sono proprio imbranato di natura. A uno stralunato poliziotto, che mi indicava la direzione (solo quella capisco quando mi parlano in francese troppo velocemente), non ho potuto far altro che dire “Merci”. E alla fine, chiedendo ancora una volta per sicurezza, ho trovato il mio Gate di partenza, l'L44.

Aiuti umanitari dati di persona


Da quando è finito il periodo coloniale, il flusso di merci dall'Africa verso l'Europa si è invertito, almeno ufficialmente. Piccoli rivoletti di beni hanno cominciato ad affluire verso il Continente Nero, dalle saponette tanto agognate dalle suore missionarie alle pompe per i pozzi che sono stati costruiti in abbondanza in innumerevoli villaggi africani, dai volontari di diverse associazioni umanitarie. Stavolta è toccato a un computer portatile, ad alcune cioccolate e altri beni di consumo per la scuola e il tutto è arrivato a destinazione perché è stato da me consegnato a mano. Cosa che per esempio non si può dire con certezza quando si tratta dei cosiddetti “aiuti umanitari”, che finiscono spesso e volentieri nelle mani sbagliate, ovvero in quelle di funzionari corrotti. La graziosa ragazza di nome Elena, che vediamo in foto, e che alle 5 del mattino si è presentata in camera a ritirare il pacco, era partita la notte prima da Tamatave, città del nord-est del Madagascar, dove Francesco, l'amico di Pavia che conobbi nove anni fa in aereo, ha una figlia. 

giovedì 26 novembre 2015

La paura e l'incertezza


Testo di Iulia Miron

In questo periodo è veramente difficile capire cosa sta succedendo...... Chi sta con chi? Chi vuole la guerra e chi no? Chi non ha visto mai nella sua vita una città sotto assedio con carri armati dappertutto, in cui si spara non si sa da dove..... Ho vissuto tutto questo nel '89 in Romania, e vi assicuro che non è il massimo, nel nome di qualsiasi ragione.....

mercoledì 25 novembre 2015

Che spreco!


Fonte: Libero

Bellissime, giovani, con una vita davanti. Ma queste due adolescenti austriache che hanno aderito a Isis e lasciato tutto per la Siria, hanno trovato, una dopo l'altra, la morte. Riporta il Daily Mail che Samra Kesinovic, 17 anni, è stata picchiata a morte dopo essere stata beccata mentre cercava di fuggire da Raqqa, la roccaforte di Isis. La notizia non è ancora stata confermata dal governo. La sua amica, Sabina Selimovic, 16 anni è morta durante i combattimenti qualche tempo fa. Le due ragazze, di origine bosniaca ma residenti in Austria, si trasferirono in Siria nell'aprile del 2014. 


La beffa di farsi ammazzare da una donna


Testo di Luisa Carpenedo

Non solo donne velate, nel mondo islamico ci sono anche coraggiose guerriere che difendono la loro dignità di donne. Le chiamano "leonesse curde", sono a Kobane e difendono con le armi la loro città insieme agli uomini. I guerriglieri dell'ISIS le temono perché essere uccisi da una donna significa non andare in paradiso. "Tululu" è il loro urlo di guerra con cui spaventano il nemico. Se sono in pericolo piuttosto di farsi catturare si uccidono per non essere ridotte in schiavitù. I mostri dell'ISIS, che non rispettano nulla e nessuno, temono il coraggio di queste donne, a loro va tutta la mia ammirazione.


Ciò che non fecero i berlusconi fecero i renzi



In soli 17 mesi di governo Renzi, riassumendo:
- Aumento della pressione fiscale (ISTAT);
- Aumento del debito pubblico e della spesa pubblica (ISTAT);
- Aumento della disoccupazione (ISTAT);
- Aumento dei fallimenti e delle delocalizzazioni (ISTAT);
- Legge pro-trivelle e pro-inceneritori;
- Riforma (orribile) della Scuola;
- Abolizione ormai totale dell'art.18;
- Jobs Act (cioè precarizzazione totale del lavoro);
- Privatizzazioni di asset pubblici;
- Taglio MOSTRUOSO (3 miliardi) alla Sanità pubblica;
- Nessun taglio ai costi e agli stipendi della politica;
- Nessuna legge sul conflitto d'interessi;
- Finta abolizione delle province (che restano e costeranno di più);
- Responsabilità civile dei magistrati (i piduisti festeggiano);
- Legge elettorale simile e molto PEGGIORE del Porcellum;
- Demolizione di metà della COSTITUZIONE;
- Abolizione dell'elettività del Senato (solo nominati di partito);
- Nuova legge bavaglio anti-intercettazioni;
- Depenalizzazione dei reati fiscali;
- Depenalizzazione del voto di scambio;
- Depenalizzazione ULTERIORE del falso in bilancio;
- Proposta di abolizione dell'ergastolo e del 41bis per i mafiosi.

Possiamo dirlo senza ombra di smentita: tutto ciò che Berlusconi ha fatto (o non fatto) o solo sognato in 20 anni, ora lo sta facendo Renzi, ma in peggio e in meno di 20 mesi. Figuratevi fino al 2018. E tutto questo alla modica cifra di 2€ a PIDIOTA, alle Primarie del "cosiddetto" Partito Democratico: il partito più ipocrita, falso e distruttivo che questo Paese abbia mai visto.

L'occhio lungimirante di Nostradamo



La grande guerra inizierà in Francia e poi tutta l’Europa sarà colpita, lunga e terribile essa sarà per tutti… poi finalmente verrà la pace ma in pochi ne potranno godere”. Così parlò Nostradamus nel suo libro, e l’eco sinistra di quelle parole si sovrappone alle immagini tremende degli eccidi di Parigi di venerdì scorso. Secondo un altro passo del volume Le Profezie, il libro più famoso dell'astrologo francese, attivo nel 1500, ecco cosa succede: “Ci saranno tanti cavalli dei cosacchi (popolazioni nomade tartare che abitavano nelle steppe russe) che berranno nelle fontane di Roma”. Non solo: “…Roma sparirà e il fuoco cadrà dal cielo e distruggerà tre città. Tutto si crederà perduto e non si vedranno che omicidi; non si sentirà che rumori di armi e bestemmie. I giusti soffriranno molto. (…) Roma perderà la fede e diventerà il seggio dell’Anticristo. I demoni dell’aria, con l’Anticristo, faranno dei grandi prodigi sulla terra e nell’aria e gli uomini si pervertiranno sempre di più…”.

Due pericolosi buffoni


Fino ad oggi pensavo che Giuseppe Cruciani fosse un bieco individuo senza cervello, messo a parlare in una radio con alti ascolti di proprietà della confindustria. Da oggi devo ricredermi. Il suo socio, David Parenzo, è ancora più deficiente. Passeranno alla storia i loro attacchi agli animalisti, che fanno il paio con l'arrogante incredulità con cui reagiscono alle affermazioni di Giulietto Chiesa, unica voce fuori dal coro, nonché pochissimo ascoltata in tivù. Per fortuna che c'è Chiesa, altrimenti dovremmo arrenderci, rassegnati, alla stupidità umana, esemplificata degnamente dai due cerebrolesi conduttori de “La Zanzara”.

Ankara come Sarajevo



Un commando della Decima Brigata ammazza uno dei piloti che guidavano il caccia russo abbattuto dai turchi.“È un pilota russo! Allahu Akbar!”. E, al grido di “Allah è grande!”, un commando di ribelli siriani appartenenti alla Decima Brigata hanno ammazzato uno dei due piloti che guidavano il caccia russo abbattuto dagli F-16 turchi. I ribelli hanno, poi, diffuso su internet un video in cui si vede il cadavere dello sciagurato pilota. 

martedì 24 novembre 2015

L'ipocrisia diabolica e criminale del governo italiano



Il problema, di base, è questo: l’Italia vende da tempo armi all’Arabia Saudita, nonostante sia chiaro a tutti che si tratta di uno dei paesi finanziatori dell’Isis. Secondo una ricerca, la Small Arms Survey, l’Isis ha infatti ricevuto armi dall’Arabia Saudita, cioè le nostre, quelle che, dal 2012 al 2014, hanno portato nelle nostre casse 146 milioni. E che continuano a portarne: l’ultima consegna, autorizzata dal Governo,  è partita mercoledì scorso dall’aeroporto di Cagliari: contiene componenti di bombe prodotte negli stabilimenti Rwm Italia di Domusnovas, in provincia di Carbonia-Iglesias, controllata dal colosso tedesco Rheinmetall. Insomma, da una parte combattiamo il terrorismo, dall’altra diamo i mezzi affinché altri paesi lo finanzino, andando addirittura contro le nostre stesse leggi. Ciononostante, per il ministro della Difesa Roberta Pinotti, è tutto a posto: “All’interno dei Paesi Arabi ci sono fondazioni private che finanziano i terroristi e vanno estirpate, ma dire di non fare più affari con quei Paesi è come dire che non bisognava più avere rapporti con l’Italia perchè c’era la mafia”, ha spiegato.

I due marò della libera informazione



Il Vaticano vuole processare Gianluigi Nuzzi e Emiliano Fittipaldi, autori rispettivamente di Via Crucis e Avarizia, due libri che indagano in profondità in merito agli scandali della Chiesa, fornendo al lettore documentazione originale e ovviamente segreta, oltre che testimonianze e ricostruzioni di illeciti e ruberie compiute da sacerdoti e laici all'interno delle mura leonine. Nonostante Papa Francesco abbia da tempo iniziato una campagna moralizzatrice, cercando di fare pulizia all'interno della gerarchia ecclesiastica, da decenni al centro di scandali dove il Dio denaro e il sesso sono ingredienti irrinunciabili, anche per chi avrebbe fatto voto di castità e di povertà, il "promotore di giustizia" vaticano vuole sul banco degli imputati anche Nuzzi e Fittipaldi, rei di aver fatto bene il proprio lavoro di giornalisti d'inchiesta!

Pesci ornamentali, sempre e comunque



Testo di Simona Frassine

A me fanno tanta tristezza, ancora di più di un acquario normale......e lo scrive una, la sottoscritta, che ha tenuto ancora pesci nella vaschetta, che mi sono stati regalati. Non voglio esser ipocrita, ma questo è proprio il massimo dello sfruttamento animale.


Essi faranno dei loro macelli rifugi per animali


Fonte: Leggo

Risparmi e tanti sacrifici investiti per gli amici a quattro zampe. Wang Yan, 29 anni, dopo aver sofferto per la perdita, avvenuta tre anni fa del suo cane, ha deciso di costruire un rifugio per cani randagi. Wang ha comprato un vecchio macello, simbolo della sofferenza degli animali, e lo ha sistemato a sue spese organizzandolo per fornire accoglienza, cibo e cure mediche agli amici a 4 zampe.  «Non voglio denaro», ha dichiarato l'uomo ai media, come riporta Metro, «Confido solo nella bontà delle persone e su quello che riescono a portare. Cibo, coperte, ogni genere di aiuto è prezioso». Molti cani sono stati adottati ma la struttura attualmente ospita ancora 200 cani. Wang ha salvato oltre 2000 cani dalla morte, viste le severe leggi contro il randagismo della Cina.

Creano paure affinché il gregge chieda protezione





Questo è lo scopo finale, il controllo totale su ogni nostra minima mossa, in modo che verrà stroncato sul nascere chiunque si opporrà alla dittatura del Nuovo Ordine Mondiale.


Due grandi famiglie criminali che si combattono



Un altro interessante e comune antenato è “Vlad Dracula”, meglio conosciuto come “Vlad l’Impalatore”, principe di Valacchia (oggi Romania) nel XV secolo. È stato membro dell'“Ordine del Drago” ed era conosciuto come il “figlio del drago”, o Dracula; figura che diede inizio alla leggenda del “Conte Dracula”, spietato e sadico vampiro. I vampiri sono l’aristocrazia (famiglie reali, alto clero), i lupi invece sono i sionisti e le grandi famiglie dinastiche (Rothschild, Rockfeller, Bush, Kennedy, ecc). I primi hanno creato i secondi.

lunedì 23 novembre 2015

Perché il mondo occidentale odia Assad



Quello che non sai sulla Siria (e il vero motivo dell'attacco al presidente Assad)
1 – in Siria, non c’è nessuna banca centrale Rothschild.
2 – la Siria ha vietato gli alimenti geneticamente modificati e la coltivazione e l’importazione degli stessi.
3 – la Siria è l’unico paese arabo che non ha debiti con il fondo monetario internazionale, né con la Banca mondiale, né con chiunque altro.
 
4 – la famiglia Assad appartiene all’orientamento alauita, trattasi di una corrente sciita minoritaria di Islam tollerante; gli sciiti vengono combattuti dalla morte di Maometto dalla maggioranza sunnita.
5 – le donne siriane hanno gli stessi diritti degli uomini allo studio, sanità e istruzione.
6 – le donne siriane non sono obbligate a indossare il velo. La Sharia (legge islamica) è incostituzionale in Siria.
7 – la Siria è l’unico paese arabo con una Costituzione laica e non tollera movimenti estremisti islamici, che vengono combattuti severamente (anche con metodi estremi).
8 – circa il 10% della popolazione siriana appartiene a uno dei molti rami cristiani, sempre presenti nella vita politica e sociale.
9 – in altri paesi arabi la popolazione cristiana non raggiunge l’1% a causa dei maltrattamenti subiti.

A Gorizia, arcangeli e profughi



Testo di Sergio Boschian

Un caro SALUTO a tutti. Pensando di farVi cosa gradita Vi giro questo INVITO a partecipare a questo "particolare" incontro che tratterà un tema molto attuale & sentito da molte persone. Esso sarà uno sguardo sul mondo delle alte energie angeliche o se preferite su quello delle affascinanti scienze misteriche/spirituali di cui si parla molto, ma in realtà poco si sa quindi......................."coraggio", partecipate anche Voi!

Viviamo in un paese in cui c'è libertà di parola


 
Il gruppo Viadana Contro le Scie Chimiche (quelli che hanno organizzato la grandissimissima mobilitazione contro le Scie Chimiche a Bologna qualche mese fa) e l’associazione Strada Comune organizzano un bel convegno dal titolo originalissimo: Scie Chimiche – cosa stanno facendo sopra le nostre teste? Modificazioni Meteo-climatiche: “Chemtrails” e Geoingegneria. La star della serata sarà Giorgio Pattera, protagonista qualche anno fa di un epico dibattito con il chimico Simone Angioni del CICAP.


Stranieri che se ne fregano delle leggi italiane



Uno spettacolo agghiacciante quello a cui si sono trovati di fronte gli uomini della guardia di finanza in un'abitazione di Prato. Seppure di ridotte dimensione, nell'appartamento sono stati trovati centinaia di animali: polli, oche, galline. Stipati uno sull'altro: oltre a quelli morti, 269 erano ancora vivi. Decine gli animali già macellati e pronti per essere venduti. I due cittadini cinesi vivevano nel piccolo appartamento in mezzo agli animali, che sono stati trovati anche nel bagno, nella cucina, nei locali adibiti a camera da letto, contro ogni normativa igienico sanitaria, di sicurezza, penale ed amministrativa. I volatili venivano spennati e macellati quotidianamente, dietro ordinazione del cliente di turno.

Demoni che non sanno cosa sia la morale



Incendiare un pollo per vederlo correre terrorizzato, solo per divertirsi, può essere solo il lavoro dei demoni. E l'uomo in tutto il mondo sembra gioire nella tortura di animali. Sadici che si fanno chiamare "Cacciatori" e i lavoratori dei macelli sono anche colpevoli di tali crimini contro gli animali. Se noi non cominciamo mostrando compassione agli animali, trattandoli come la nostra famiglia terrestre, non riusciremo mai a vincere la nostra più grande prova morale, che farebbe di noi veri esseri umani.

Tante, superflue, ignoranti parole.



Quanta ipocrisia, quanta ignoranza, quanto schifo. Si sente ovunque parlare di cane coraggioso, di atto eroico: ma quale coraggio? La povera Diesel era stata semplicemente addestrata, fin da cucciola, a QUEL mondo, ed ha fatto quello che le è stato inculcato in anni di addestramento, ed è stata mandata a morire in una situazione in cui viceversa i nostri cani, in mezzo a grida, confusione, ressa, spari, avrebbero semplicemente fatto quello che ogni cane non addestrato farebbe, ossia cercare riparo, magari dietro le nostre gambe in attesa di una carezza protettrice. Diesel è stata mandata a morire per scoprire se in quel covo vi si nascondevano i terroristi - ed infatti c'erano, bravi geni. Poi i poliziotti hanno dovuto COMUNQUE fare irruzione. Il suo sacrificio non è servito a NULLA. Diesel non ha potuto scegliere se essere coraggiosa o no, e stavolta la ricompensa per aver fatto bene l'esercizio è una sepoltura e tante parole al vento.

domenica 22 novembre 2015

Invasioni e crociate a confronto


Testo di Stefano Ruozzi

Visto che si finisce sempre per autoflagellarsi con le Crociate, mi porto avanti: furono organizzate quattro secoli dopo che il Mediterraneo era già caduto in mano ai musulmani, (la prima crociata partì nel 1098) per consentire ai cristiani di recarsi a Gerusalemme, nel tentativo di liberare territori cristiani occupati con la violenza e di rendere accessibili i luoghi santi ai pellegrini. Assolutamente un'inezia, risibile, il numero di campagne (solo sulle coste in Siria, e 4 campagne in Egitto e Turchia) rispetto a 10 secoli d'invasioni islamiche. Non erano certo gli indifesi, sparuti, poveri contro le superpotenze occidentali che vogliono dipingere! Autorevoli storici musulmani che scrissero secoli prima delle Crociate, come Ahmad Ibn Yahya al-Baladhuri (m. 892) e Muhammad Ibn Jarir at-Tabari (838-923), dimostrano chiaramente che l'Islam si diffuse mediante la spada. Se poi vi erano anche scopi economici, questi erano comprensibili, per via della pericolosa occupazione islamica, che voleva monopolizzare tutti i commerci.

A proposito di Diesel


Severino Altavilla: Ecco questi sono patrioti, tutti uguali, uomini e animali, e tutti combattono dando la vita per difenderci. In Italia molti avrebbero detto: è solo un cane! Ripeto, in Italia! Lì è un soldato e gli danno tutti gli onori di un caduto.

Laura Anees Zinati: Anche se non è la sua guerra!

Severino Altavilla: Vero, Laura, solo che ora nessuno di noi può decidere, tutti siamo a rischio in ogni ambiente, questa non è una guerra, è peggio.....purtroppo.
 
Carla Bottigelli: Lui sicuramente non ha avuto modo di decidere. Hanno deciso gli altri per lui, i soliti bastardi di cui lui aveva grande fiducia. Ecco cos'è l'uomo!


sabato 21 novembre 2015

Renzi, un Babbo Natale che non porta doni


Wittmann Alessandro: Con questi post voi sì che siete dei veri rivoluzionari! Oggi la rivoluzione si condivide, non si combatte! Perché non postate di come i dipendenti Air France hanno fatto scappare con la coda tra le gambe il loro amministratore delegato? Perché continuate a postare solo stronzate? Mi chiedo effettivamente da che parte state. Secondo me, voi più di tutti siete gente intenta a farci il lavaggio del cervello.

Maria Cristina Casini: Il fatto è che Matteo ha quella faccia. Da buono, da gatto sornione, quasi paragonabile a Babbo Natale, quindi ti viene spontaneo dargli fiducia e credere in quello che ti vuole far credere!

Catina Loda: No, sbagli, la faccia è proprio da cacciaballe.


Finanziano l'ISIS ma non accolgono rifugiati



Testo di Manolo Rossini

Non ci vuole molto per capire il casino attuale. Persino i rifugiati han capito chi c'è dietro l'Isis. Basta guardare i numeri per vedere da chi scappano. E poi, per finire, basta capire qual è il paese occidentale alleato di quelle dinastie arabe che fomentano tutto. Tutto il resto, è pura tragedia.

Effetti del famigerato olio di palma



L'hanno ritrovato così, chiuso in una scatola, sembrava quasi mummificato, invece era devastato dalla fame, dalla disidratazione e dalla rogna. Uccisa la madre, Gito (così è stato chiamato) era stato venduto come "animale domestico" per circa 30 dollari. E' stato ritrovato dentro una scatola di cartone impregnata della sua stessa urina, rannicchiato quasi si volesse abbracciare da solo, in attesa di morire. La International Animal Rescue ora si sta prendendo cura di lui. Le foreste del Borneo, la casa di Gito, in questi giorni sono state devastate da incendi dolosi che vengono appiccati per fare spazio alle piantagioni di palma da olio. La produzione di olio di palma sta uccidendo tantissimi animali che si ritrovano con il loro habitat devastato, non sanno più dove andare e se non muoiono di stenti finiscono nelle mani di bracconieri o di commercianti di animali. L'olio di palma è presente in tantissimi prodotti. In quelli alimentari è ben indicato tra gli ingredienti.

Bambini traumatizzati per sempre



Vorrei esprimere un sentimento guardando questa foto di questa bambina rovinata per sempre. Mi ritengo fortunato e penso che molti di voi lo siano ad avere avuto un'infanzia a volte stupenda e gioiosa, a volte un po meno, ma non rovinata o tolta definitivamente e irreparabilmente come a questo piccolo angelo. Hanno tutto il diritto ad un'infanzia e ad una vita. I "giochi da adulti" non dovrebbero mietere vittime e infanzie: aprite gli occhi, per favore. In qualsiasi modo dobbiamo dire basta a 'ste guerre fasulle, solo per denaro, rispondere ad "attentati" con distruzione, morte e miseria .......provate a sforzarvi, a ragionare e non dare per scontato ciò che ci dicono i mass-media. Questa bambina potrebbe essere la vostra. Ve lo chiedo col cuore!


Fino all'ultimo esemplare



Ogni giorno perdiamo più di 70 elefanti e circa 200mila squali. Ogni settimana quasi 3 tigri e 20 rinoceronti. A questi si aggiungono, in Italia, più di 400 lupi che vengono uccisi con armi da fuoco, trappole e veleni. A tracciare un bilancio del bracconaggio è il Wwf, che oggi lancia la campagna “Diamovoce” contro il crimine ambientale che più colpisce gli animali e che produce un business di oltre 23 miliardi di dollari l'anno. Secondo l'ultimo Indice del "Pianeta Vivente" elaborato dal Wwf con la Zoological Society di Londra, in 40 anni a causa del bracconaggio il Pianeta ha perso il 52% delle popolazioni di numerose specie di vertebrati. Ogni anno migliaia di rinoceronti, tigri, elefanti, gorilla e altri animali vengono massacrati in tutto il mondo per rivendere le loro pelli, le ossa, la carne e persino il sangue.

venerdì 20 novembre 2015

Qualcosa di veramente brutto accadrà nel 2016


Testo di Enrico Priotti

Osservo, con un brivido gelido nella nuca, che i Grandi Manipolatori della Propaganda del Pensiero Unico, hanno improvvisamente e nella loro totalità cambiato la parola d'ordine a riguardo dell'invasione di feccia afroislamica. Infatti, mentre fino a pochi giorni fa se ti opponevi a questa vera e propria follia criminale venivi additato dai sinistrosi come fascista e razzista, adesso i medesimi sinistrosi si stracciano le vesti per quanto siano state esageratamente aperte (da loro stessi...) le frontiere d'Europa e su come sia necessario richiuderle subito, introducendo oltretutto una valanga di nuovi controlli.

I cacciatori sono terroristi della natura


Fonte: EuNews

Bruxelles - Le armi non sono solamente uno strumento per le azioni dei terroristi, non facciamo di tutta l’erba un fascio. Questa è la protesta portata avanti dai cacciatori europei, sostenuti da chi con le armi fa uno sport, i cosiddetti “sport shooters” (i tiratori al bersaglio). Due categorie che non vorrebbero mai che la Commissione europea revisionasse la direttiva sulle armi da fuoco nel senso di porre nuove e forti restrizioni e controlli per chi acquista fucili e pistole legalmente, che sia per cacciare o per praticare uno sport, come ad esempio il tiro al piattello. Face, la federazione di associazioni per la caccia e la conservazione nell’Ue, ha accolto pienamente la reazione della Commissione nel reagire alla minaccia del terrorismo, specialmente in seguito alle tragedie di Parigi, supportando la decisione di un controllo maggiore sulle armi da fuoco, che include restrizioni per chi le acquista e le possiede.

Il Premier più amato dagli italiani



Donato Di Tonno: Speriamo che a questo pezzo di merda, lì dove c'è la legge del Taglione, lo seghino a metà, così da togliercelo dai piedi per sempre, questo imbecille, buffone, parassita di merda!

Camillo Valentini: Renzi sei il venditore di morti, vendi armi per fare la guerra mentre agli italiani vendi povertà. Vattene, dimettiti, fai respirare il popolo!

Marco Bassani: Renzi il terrorista stringe la mano al suo maestro.

Angelo Raspante: Se fosse per me il verdetto sarebbe la pena di morte, tanto noi per loro siamo carne da macello! Spero che al più presto gli italiani aprano gli occhi, solo così possiamo cambiare le cose, altrimenti sarà la fine.

Cuozzo Giovanni: E i pezzi di merda che si incontrano ... ma non sentite che puzza? Dai, apriamo l'Italia e sbattiamolo fuori, questo stronzo di Renzi. Puzza troppo.

Con il microchip si potrà saltare la fila in biblioteca



Cucito in una divisa scolastica, iniettato sottopelle per ragioni mediche o addirittura impiantato nel cervello. Dopo gli animali, neppure l'uomo sembra sfuggire al microchip. Negli adulti potrebbe consentire una catalogazione di tutti i pazienti, offrendo alle aziende ospedaliere il quadro clinico di ogni soggetto. Nelle scuole, potrebbe monitorare l'ingresso e l'uscita dall'istituto di ogni alunno, velocizzarne l'iscrizione ai corsi di studio oppure accelerare i passaggi in biblioteca per prendere in prestito un libro. Il tutto finalizzato all'obiettivo ben più ambizioso di creare una vera e propria carta dello studente digitale. Almeno, queste sono le motivazioni ufficiali addotte dai Governi di più Paesi in favore dell'utilizzo del microchip sull'uomo.

I registi, neanche tanto occulti

 
Testo di Mauro Bassi

Non credere a nulla di quello che i media ti dicono. Ricorda che i media sono di proprietà sionista. I famosi terroristi con la barba, che a tutti paiono islamici, sono mercenari pagati per impaurire e appunto terrorizzare. Ma, dai commenti che leggo, ci rinuncio, ma non mollo!

Le pecore e il loro padrone





Il padrone manca sempre all'appello.
Solo le pecore vanno al macello.


Sempre i soliti cinesi!



Un destino troppo crudele da immaginare tanto che se uno non vedesse non ci crederebbe mai. Uno squalo balena è stato segato ancora in vita con una grande sega, in Cina, mentre una grande folla attorno guarda divertita, bambini compresi. Il cetaceo è stato fatto a pezzi per essere venduto al mercato. La scena rivoltante è stata catturata con la macchina fotografica e il video è stato postato su YouTube, scatenando l’indignazione tra gli attivisti per i diritti animali e per la difesa degli squali che hanno etichettato il filmato come “spaventoso”. Due uomini iniziano a tagliare lo squalo con una sega gigantesca partendo dalla pinna caudale. L’uomo che gira il video, vede le branchie dell’animale ancora muoversi, respira, ma quando guarda la bocca la scena e straziante. Lo squalo apre e chiude la bocca in una contrazione di forte dolore. Lo squalo balena, il pesce più grande del mondo, raggiungendo più di 12 metri di lunghezza, è protetto dalla legge e non può essere cacciato o venduto per la sua carne. Le persone che violano la legge possono affrontare accuse penali.

giovedì 19 novembre 2015

E' tutta colpa del petrolio!


Edoardo Laporta: C'è un vecchio detto che dice: "Se semini vento, raccoglierai tempesta". Forse Hollande e Sarkozy non lo conoscono...

Agostino Burla: Edoardo, hai la macchina o il motorino o la moto o prendi l'autobus per andare a lavorare e per fare altre cose ?Il problema non sono loro, che possono anche essere dei pirla (io non li conosco), ma il modello di vita che gli umanoidi (compresi tu ed io) hanno messo in piedi.

Edoardo Laporta: E' vero, ma le auto elettriche esistono, non le tirano fuori perché devono spennarci fino alla fine.

Marco Giacomo Eletti: Ma con i volts non guadagnerebbero più.

Marco Bellotti: Se avessimo tutti, o in tantissimi, il coraggio di andare a piedi o in bicicletta, il loro petrolio se lo potrebbero bere..............

Marco Giacomo Eletti: Non è questione di coraggio, ma se ogni giorno devi farti 40 km, che fai, pedali?

Edoardo Laporta: Prendi il treno/pullman, oppure ti accordi con i colleghi per andare tutti con una sola macchina, invece di andare in 5 persone su 5 macchine come fanno la maggior parte.


La moltiplicazione incontrollata del Virus






Testo di Luciano Alpino

Cosa vogliamo pretendere se insegniamo questo ai nostri figli, che poi rispettino la vita altrui? Che massa di coglioni che ci sono fra gli uomini!

Rettiliani amichevoli che non si fanno mai vedere



Sembra una foto preparata ma sono capaci di ben altro ..... E non i grigi, ma i rettiliani terrestri, potrebbero essere nostri alleati se ci credessimo. Altro che le bugie propinate dalla Chiesa da tempo immemorabile, col passamano degli Anunnaki, che hanno dato false informazioni sui rettiliani nativi di questo mondo, da non confondere con gli altri ... pericolosissimi verso di noi. Giusto per fare un po d'ordine, per chi non sapesse.