Visualizzazione post con etichetta inquinamento. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta inquinamento. Mostra tutti i post

venerdì 20 giugno 2014

Guai a chi si oppone alle scie chimiche

 

Testo di Nicola Bizzi

Secondo quanto riferiscono analisti militari russi, l’India e la Nigeria avrebbero costretto ad atterrare e posto sotto sequestro due aerei “chimici". Sarebbe in atto a livello globale una vera e propria nuova guerra fredda attorno ai piani di geoingegneria clandestina portati avanti dalle forze armate statunitensi e delle altre nazioni del blocco della N.A.T.O. Si starebbe formando, infatti, un fronte sempre più compatto di paesi determinati a fermare, con le buone o con le cattive, quella che molti non esitano a definire una pratica criminale di alterazione climatica indotta, che da anni viene perpetrata con il massiccio utilizzo di aerei che deliberatamente irrorano nell’atmosfera alluminio, bario, cadmio e altre sostanze nocive che ormai molti scienziati indicano, oltre che come causa dei repentini mutamenti climatici in atto, anche come la principale causa dell’aumento esponenziale di malattie neuro-degenerative.

lunedì 16 giugno 2014

Anche sul Tagliamento non scherzano!

 

Teulada (CA) - “Bombardamenti di Stato sulla spiaggia”. Un video pubblicato oggi nel profilo YouTube di Unidos Tv sta facendo il giro della rete: è stato girato da due turisti pochi giorni fa (il 13 Giugno) sulle spiagge di Teulada e mostra una serie di esercitazioni del poligono militare. Nell’audio del video si sente il dialogo tra i due turisti. “Ho sentito dire che stanno facendo un casino per farla chiudere”, dice uno. L’altro replica: “Non ci riusciranno mai. Ci sono troppi soldi: vengono da tutto il mondo a sparare qui”.

sabato 7 giugno 2014

Gli incredibili prezzi dei voli low cost

 
Testo di Fabio Tribos

Questo si dovrebbero chiedere tutti:
 com'è possibile volare praticamente gratis senza che queste compagnie a basso costo falliscano?
 SEMPLICE, prendono infiniti soldi dai governi di mezzo mondo, compreso il nostro, per irrorarci ed avvelenarci e per dirla tutta, queste compagnie sono state create di proposito per questo scopo, rilasciare scie chimiche nei cieli di tutto il mondo senza attirarsi sospetti della gente, sospetti che avrebbero in molti se a farlo fossero solo tanker militari.
 Meditate gente, meditate.

sabato 31 maggio 2014

Un batterio per amico


Venire a sapere che viviamo in mezzo a miliardi di batteri, che sono fuori e dentro di noi, è un po’ come sapere di essere immersi perennemente in una nebbia elettromagnetica o, peggio, di essere circondati dagli spiriti dei defunti o da altre entità impalpabili, con la differenza che il pensiero di vivere in compresenza con gli spiriti è piuttosto disturbante. Come le radiazioni e i fantasmi, così anche i batteri possono nuocerci, avendo tutt’e tre le categorie il vantaggio dell’invisibilità. Però almeno i batteri, anche se non li vediamo, li conosciamo. E sappiamo, com’è stato spiegato da Enzo Cattaneo, qui in foto, venerdì 30 maggio a Codroipo, che ce ne sono di tre tipi: i fermentativi, i putrefattivi e gli opportunisti. Questi ultimi sono i più numerosi e, come dice il nome, se trovano i fermentativi all’opera si fiondano come barboni non invitati in un pranzo di nozze. Ma se trovano al lavoro i putrefattivi, fanno la stessa cosa, ché tanto per loro non cambia niente: da mangiare si trova comunque. 

venerdì 30 maggio 2014

Oppressi da controllori trans-dimensionali

 

Questo argomento può sembrare alquanto raccapricciante. Ma è proprio davanti ai nostri occhi. Il nostro pianeta è chiaramente sotto attacco. Chiunque abbia anche solo la metà del suo cervello ‘acceso’ può osservare come il mondo di oggi stia dirigendosi verso il disastro, quando non vi è alcuna ragione perché lo faccia. Le nostre risorse sono abbondanti e la stragrande maggioranza delle persone sulla terra sono amabili, etiche ed hanno buone intenzioni individuali. Tuttavia, coloro che siedono nei luoghi di autorità e di potere economico sembrano essere chiaramente psicopatici maniaci, costantemente impegnati nel trovare nuovi modi per utilizzare e abusare dell’umanità e della sua bella casa chiamata Terra.
Come in un Terraforming. Ci arriveremo. È solo un nome. Nei settori politici, economici, sociali ed ambientali. Sembra che siamo stati letteralmente invasi da qualcosa di estraneo al nostro mondo che viene sistematicamente abusato, smantellato e distrutto.
Basta guardare all’incubo nucleare.

sabato 24 maggio 2014

Hamer, il martello di Dio



Sia Hitler che Hamer, negli anni della loro maturità, soffrirono di monorchidismo, con la differenza che il secondo, grazie a questa sua peculiarità, è stato ed è tuttora di grande beneficio per l’umanità. Tutti conoscono la sua storia e la grande intuizione che ebbe in seguito al tumore che gli si era sviluppato proprio lì, ma il signor Giorgio Berdon, che vediamo in foto, venerdì 23 maggio l’ha riepilogata, per coloro che assistevano per la prima volta a una conferenza sulla Nuova Medicina Germanica. Quello che a noi interessa, dato che perdere un figlio può capitare a chiunque, sono i risvolti giudiziari che gli sono capitati in seguito. Stabilita una connessione psichica tra la morte del suo amato Dirk, per mano di Vittorio Emanuele, e il tumore che gli colpì l’apparato riproduttivo, Gerd Hamer, detto il Panzer, si mise con testardaggine teutonica a studiare ottanta donne con tumore alle ovaie, scoprendo che nel 100 % dei casi anch’esse avevano avuto sensi di perdita legati agli affetti familiari, come avviene con i depressi che possono avere sensi di perdita più generalizzati. 

sabato 17 maggio 2014

Brodo radiattivo e bombardamenti tellurici



Per la verità, ho cominciato a sentire un dolore alla base del collo, vicino alla spalla destra, fin dall’inizio della conferenza, di quei dolori che mi vengono quando sto troppo davanti al computer. Sarà stata suggestione! Oppure ero veramente seduto su un nodo di Hartmann, di Curry, o peggio ancora su una fuoriuscita di raggi gamma, Polonio, Cesio o Potassio 40, vai a saperlo!
Di fatto, mentre mi concentravo sulle interessanti spiegazioni dei due relatori, facevo piccole torsioni del collo a destra e a sinistra, come fanno pugili e ballerini. Serviva a poco. Alcune cose le avevo già imparate il 21 marzo scorso, durante la conferenza che Nicola Limardo tenne a Codroipo, ma in una sala diversa. Per esempio, il test dell’acetilcolina era già stato illustrato dal Limardo in quell’occasione, ma ieri sera, 16 maggio, il secondo relatore Roberto Lizzi, che vediamo qui in foto, l’ha ripetuto, con l’entusiasta partecipazione del pubblico. C’era infatti un agguerrito gruppetto di donne che fecero molte domande, poiché si sa che le donne ci tengono alla loro salute e a quella dei figli. Il signor Lizzi, che dal biglietto da visita risulta “Incaricato” della Edil Natura s.r.l.,  ha risposto a tutto e ha fatto anche un fugace accenno alla possibilità che qualcuno voglia renderci tutti inebetiti, principalmente con i telefonini e gli annessi ripetitori.

martedì 13 maggio 2014

Consiglio la fine del mondo

 

Testo di Paolo D'Arpini

Ricordo un discorso che feci con lo zoologo Carlo Consiglio (a sinistra in foto) in merito all’inquinamento causato dall’agricoltura intensiva e dal tentativo in corso di dominare il mondo utilizzando le sementi, sia quelle selezionate per le piante sterili sia quelle ogm. Ma parliamo prima  dell’utilizzo dei combustibili fossili che ebbe inizio per merito dei petrolieri americani, i quali una volta cominciato il bussinnes lo hanno esportato in tutto il mondo, condizionando lo sviluppo industriale all’uso del petrolio. Il petrolio ormai serve al funzionamento di tutto il sistema agricolo e produttivo in generale, ma intendiamoci non è in se stesso il progresso e le invenzioni tecnologiche e meccaniche che creano inquinamento, a parte l’aspetto dell’eccesso consumistico, bensì il loro funzionamento, l’energia alla quale questi mezzi attingono.

sabato 10 maggio 2014

L’ultima sterzata per cadere nel fosso



L’ultima spallata per demolire una struttura marcia e l’ultima follia prima dell’estinzione della nostra specie, sono le metafore fatte da Graziano Ganzit venerdì 9 maggio, in una delle sale convegno del ristorante “Ai gelsi” di Codroipo, nell’ambito delle serate organizzate da “Quello che la tivù non dice”. Il titolo della conferenza era: “L’opportunità degli OGM”, ma Graziano ha preferito fare un ragionamento di più ampio respiro. Che si sostanzia principalmente nel fatto che l’espropriazione della sovranità alimentare e la sua sostituzione con un’agricoltura avvelenata, parte da lontano. Da quando cioè, in piena guerra del Vietnam, Henry Kissinger e il suo presidente Nixon si posero il problema di uscire dalla palude di quel piccolo paese asiatico dove il gigante USA si era impantanato, senza perdere la faccia, ma continuando a svolgere il ruolo di padrone del mondo.

mercoledì 7 maggio 2014

Divoratori di foreste

 

Procter and Gamble (P&G) è la casa madre di prodotti come Mastro Lindo, Head and Shoulders, Gillette e Olio of Olaz. Promette di usare olio di palma senza deforestare dal 2020. Diciamo a P&G che il 2020 è troppo lontano, le foreste restanti saranno già distrutte allora! I fornitori di Procter & Gamble hanno lasciato tracce di devastazione in buona parte dell'Indonesia. Produttori come BW Plantation, KLK e Musim Mas, sono sinonimi di deforestazione e morte per gli oranghi. Non si può escludere che olio di palma sporco proveniente da produttori come Wilmar International e Cargill, giunga alla filiera di P&G e quindi arrivi nelle case di molti consumatori.

martedì 29 aprile 2014

Palliativi depistanti che fanno tenerezza

 

Un grande '"giardino galleggiante" a forma di balena, che naviga lungo i corsi dei fiumi purificando l'acqua al suo passaggio: è la nave eco-friendly dell'architetto belga Vincent Callebaut, da anni impegnato nel cercare soluzioni ai danni causati dall'inquinamento.
ECOSISTEMA AUTOSUFFICIENTE Si chiama Physalia - nome scientifico della caravella portoghese, un animale simile alla medusa - ed è in realtà un ecosistema autosufficiente, alimentato a energia solare, che combatte l'inquinamento dell'acqua attraverso la bio-filtrazione. La struttura contiene quattro giardini e nella parte superiore è coperta da un prato, da sottili pannelli fotovoltaici e da uno strato di biossido di titanio. Secondo l'ideatore la nave dovrebbe contrastare l'inquinamento causato dalle altre navi e dai rifiuti industriali in due modi: i giardini sarebbero un filtro biologico, mentre il biossido di titanio reagirebbe con i raggi ultravioletti del sole per eliminare dall'acqua alcuni inquinanti specifici. Il progetto, ancora sulla carta, è solo uno dei tanti pensati da Callebaut per aiutare il pianeta.

mercoledì 23 aprile 2014

La dittatura soft dei distruttori del Pianeta

 

E' notizia di poche ore fa il rinvio a giudizio dello scrittore Erri De Luca, accusato di istigazione a delinquere per aver sostenuto pubblicamente che “la Tav va sabotata poiché è un'opera nociva e inutile”.
Queste ed altre dichiarazioni furono rilasciate dallo scrittore a inizio settembre all'Huffington Post, in un'intervista in risposta alle accuse lanciate dell'ex Procuratore Caselli agli intellettuali di sinistra rei, a suo dire, di “sottovalutare pericolosamente l'allarme terrorismo” in Val di Susa. Immediata fu la reazione di Ltf, azienda responsabile dei lavori, che presentò una denuncia e su di essa venne aperto un fascicolo. A fine febbraio i due pm con l'elmetto Rinaudo e Padalino avevano già concluso le indagini, contestandogli il reato di istigazione al sabotaggio.

martedì 22 aprile 2014

Nella giornata della Terra

 
Anche se l’idea partì da un senatore americano nel 1962, ad aver dato pieno appoggio alla “Giornata della Terra” è stato un ente sovranazionale come l’Onu, qualche anno più tardi, allo scopo di suscitare sensi di colpa nella popolazione, mentre i diretti responsabili della distruzione, le multinazionali, continuano imperterrite a degradare l’ambiente per i loro interessi. Come la giornata della memoria del 27 gennaio è stata inventata per rimarcare la cattiveria dei “gojim”, in confronto alla santità degli ebrei, così la Giornata della Terra ha la piena approvazione di chi la Terra la sfrutta da sempre. E magari si lava la coscienza facendo donazioni alle associazioni ambientaliste. Ma io forse mi sbaglio. Io forse sono troppo complottista. Comunque sia, il video che segue è del 2011. Pensate che la Shell, l’ENI e l’Agip abbiano risanato l’ambiente inquinato del sud della Nigeria? Ne dubito!

sabato 12 aprile 2014

Ci stanno abituando all'idea?

 
Per quale ragione nel 2011 il consigliere scientifico di Obama, John Holdren, dichiarò pubblicamente che da una quindicina d’anni il governo degli Stati Uniti sta irrorando i cieli con sostanze chimiche? Come può un alto esponente governativo divulgare tale informazione se si tratta di operazioni militari segrete? I comandi militari americani avevano ancora prima di lui detto che entro il 2025 gli USA avrebbero ottenuto il pieno controllo del clima della Terra, ovviamente per scopi bellici. Se il rilascio centellinato di tali informazioni viene autorizzato dal vertice della piramide, da chiunque essa sia composta, ciò può voler significare che gli esperimenti di irrorazione a livello planetario stanno facendo progressi e che i mandanti si sentono abbastanza sicuri non solo dell’esito finale, ma anche della mancanza di reattività della popolazione, che in fin dei conti funge da cavia. Cioè, in pratica ci stanno gradatamente abituando all’idea che sia cosa normale modificare il clima e in più ce lo fanno passare come un rimedio alle presunte modificazioni naturali del medesimo, accusando la CO2.

giovedì 10 aprile 2014

Scacciati senza colpa

 

La ricerca del petrolio nel lungo tratto di mare Adriatico che separa Croazia e Italia sta mettendo a serio rischio la sopravvivenza della fauna ittica locale e dei mammiferi che popolano questo corridoio marittimo. A denunciarlo sono numerose associazioni ambientaliste internazionali che ora lanciano un nuovo appello per la progressiva scomparsa dei delfini dall’Adriatico.
A far scappare i tursiopi, infatti, sarebbero i rumori prodotti dai sonar delle navi norvegesi che negli ultimi mesi perlustrano con particolare insistenza le coste croate dell’Istria alla ricerca di nuovi giacimenti di idrocarburi. Una nave in particolare, la norvegese Spectrum, sta facendo il giro dell’Adriatico producendo ogni 10 secondi un’onda sonora che si stima esser pari a 250 decibel (più forte del rumore prodotto dal decollo di un jet).

martedì 8 aprile 2014

E' tutto sotto controllo: non preoccupatevi!

 

Intervista di Maria Cristina Giovannitti

Cercando di approfondire la questione anche da un punto di vista fisico, intervistiamo il dott. Alessandro Sabatino, laureato in Fisica, dottorando presso il dipartimento di matematica dell'Università di Strathclyde, in Scozia e collaboratore per il blog Tagli.
Perché, secondo lei, è da escludere la presenza di scie chimiche?
Il motivo è molto semplice: le analisi chimiche che la comunità scientifica ha condotto in questi anni per studiare le scie di condensazione hanno evidenziato che le scie degli aerei sono composte da acqua e dai gas di scarico dell’aereo. In tutte queste analisi, condotte con tecniche diverse, non si è mai trovata traccia delle sostanze evidenziate da coloro che sostengono la teoria delle scie chimiche. E questo è stato fatto più volte sia da ricercatori universitari che da ricercatori in enti statali o regionali, come le ARPA.

lunedì 7 aprile 2014

Io non ne sarei così sicuro

 

Intervista di Maria Cristina Giovannitti

Dopo le interviste a Rosario Marcianò a sostegno delle scie chimiche, lasciamo spazio a chi – invece – ritiene queste teorie pura fantascienza. ArticoloTre intervista due esperti del settore. Fulvio Turvani è un tecnico aereo, si occupa di manutenzione dei velivoli e di assistenza durante il volo, nonché  lavora a stretto contatto con piloti dell’aeronautica militare e di recente anche dell'ex Alitalia. Insomma un conoscitore del campo aeronautico che ci spiega come l’irrorazione chimica è una pratica impossibile.

lunedì 24 marzo 2014

Il vero prezzo della mozzarella

 

Quando comprate la mozzarella non dimenticatevi il resto !!!
Chi mangia la mozzarella è complice di questo massacro !!! I bufalotti sono destinati a morte già da piccoli... il latte serve per fare la mozzarella... e non può essere sprecato per allattare i bufalotti maschi. Ritrovamenti come questa immagine dimostra, presa da un sito della riviera senza data certa, fanno pensare che i poverini vengono o venivano buttati vivi nei canali... eh... si risparmiava sullo smaltimento!!! Forse queste cose non capitano più, ma i bufalotti maschi continuano a morire, un po' come succede ai pulcini maschi negli allevamenti di galline ovaiole. A questo si aggiunge l'inquinamento provocato dai liquami che ancora oggi finiscono nei canali, nei fiumi e quindi nel mare. Infatti, dalle analisi si evince che nelle nostre acque c'è una forte presenza di batteri E.Coli. Poi ci sono le terre sottratte all'agricoltura anche con metodi minacciosi... Comprando prima i lotti esterni, prendono poi quelli interni, accessibili solo da stradine in sterrato, a poco prezzo spazzando via quelle stradine. Ed infine la vostra mozzarella ammazzerà anche voi. Basta informarsi un po sulla Caseina per capire che state ammazzando voi stessi oltre i bufalotti.
Ecco, gente, la vostra mozzarella... a che prezzo la state pagando !!!!
La scelta resterà solo vostra, ma almeno ora saprete il vero prezzo della mozzarella.

sabato 22 marzo 2014

Anche gli elettroni, nel loro piccolo, s'incazzano



I miei lettori sanno quanto per me siano importanti i riscontri incrociati. Ovvero, se qualcuno avanza una tesi ardita – e più ardita è, più importanti sono i riscontri incrociati – è necessario che ci sia almeno un’altra persona che confermi la tesi proposta. Se poi se ne aggiungono altre, è tutto grasso che cola.
Così, se Rosario Marcianò pubblica un articolo in base al quale si afferma che sono in aumento i casi di Alzheimer, e poi arriva il professor Nicola Limardo, nella foto, a dire la stessa cosa, abbiamo già due pensatori che, pur non avendo alcun rapporto l’uno con l’altro e anzi pur non sospettando l’esistenza l’uno dell’altro, affermano la stessa cosa. Il professore, la sera del 21 marzo a Codroipo, è arrivato a dire che “l’accumulo di qualcosa ci sta facendo ammalare”, parole testuali. E non è stata l’unica rivelazione sbalorditiva che ha detto nel corso della conferenza.

I militari si preoccupano della sovrappopolazione

 

Questo scioccante video è appena emerso dal sito Defense Intelligence Agency (DIA) e promuove apertamente lo spopolamento globale, aggiungendo che stanno prendendo provvedimenti per evitare che più persone popolino la Terra.
Elenco dei modi in cui stanno attualmente implementando il loro ordine del giorno:
1 - OGM (Organismi Geneticamente Modificati)
Vi siete mai chiesti perché la Cina, la Russia, e circa 60 altri paesi richiedono l'etichettatura degli OGM, ma l'America non lo fa? Oggi ci chiediamo perché la FDA mette un timbro di approvazione su un prodotto che provoca tumori, cancro e infertilità negli animali da laboratorio? La domanda è: perché gli OGM sono consentiti e messi sugli scaffali quando sono stati conosciuti come portatori allo sviluppo di tumori e cancro negli esseri umani? Inoltre ci chiediamo perché i tassi di natalità sono in un costante declino negli ultimi 12 anni?