giovedì 12 aprile 2012

Scacciamosche governativi


Ieri è successa una cosa gravissima! Il sito con cui collaboro è stato preso di mira da guastatori professionisti filogovernativi. Sulla loro appartenenza e identità ci sono pochi dubbi, dal momento che se Anonymous è quel che dice di essere non avrebbe senso attaccare siti come Stampa Libera. Se invece Anonymous è un fasullo gatekeeper allora, per quel che ne so, potrebbero essere stati gli stessi hackers che recentemente hanno portato attacchi informatici ai siti della polizia, del vaticano, di Equitalia e di Trenitalia. Ché tanto sappiamo già come funzionano gli attacchi false flag. In italiano “a falsa bandiera”.
Per quel che ne so, Anonymous potrebbe essere stato creato proprio per mettere a tacere la voce virtuale della resistenza, facendogli fare come “inizio carriera” piccole azioni di disturbo verso siti governativi. Quello di Trenitalia, per esempio, dopo dieci minuti era di nuovo ripristinato, mentre quello del vaticano è rimasto all’oscuro per una mezzora.
Poca cosa!
Stampa Libera non sappiamo per quanto tempo rimarrà oscurata, ma al momento in cui scrivo sono già passate dodici ore.

La stessa cosa era successa pochi giorni fa al Prigioniero e solo per la bravura del suo titolare il blog ha ripreso vita in breve tempo.
A Freeanimals finora non è successo niente del genere, ma non è detto che prima o poi anche a me non venga riservato l’onore della censura. Se fossi previdente dovrei mettere su disco tutti gli articoli, in modo da conservarne memoria storica, ma un pizzico di pigrizia e un po’ di fatalismo mi trattengono dal farlo.
Nella vita reale mi è già successo che un giudice disponesse di mandare all’inceneritore due faldoni di articoli riguardanti le attività di Animal Liberation Front, compiute da me e da altri in vent’anni di sabotaggi e incursioni varie.
Quello è stato un duro colpo per me, anche perché sembrava più una cattiveria che altro, da parte di un magistrato, un’azione senza senso, se non quello di voler cancellare le prove della nostra attività passata in favore del popolo oppresso degli animali.
Fu solo uno dei tanti episodi di repressione messi in atto verso gli animalisti liberazionisti di cui,

volente o nolente, nella mia zona sono stato l’esponente di spicco. Il resto della repressione poliziesca si esprimeva soprattutto attraverso le intercettazioni telefoniche, e per anni sono cresciuto con la sgradevole sensazione che le mie telefonate fossero ascoltate.
Poi, nei momenti topici, ovvero quando stavo organizzando azioni di liberazione, le attenzioni su di me e i miei “complici” si facevano più pressanti. E allora iniziavano i pedinamenti, il controllo della posta ordinaria e le intercettazioni ambientali sia in casa che nel furgone.
Tutto ciò al fine di arrestarci in flagranza di reato. O subito dopo. Com’è successo nel 2006. Non sto qui, ora, a raccontare come sono andate le cose, perché ci vorrebbe un articolo a sé stante. Per ora mi preme rendere noto a chiunque che forse siamo solo all’inizio di una più vasta repressione che colpirà siti come Tanker Enemy, Luogo Comune, Come Don Chisciotte e il blog di Paolo Franceschetti, oltre a una miriade di piccoli siti come quello su cui scrivo.
Stiamo forse per entrare in un’era di obnubilamento della democrazia, per altro mai esistita veramente. Un’era di dittatura in cui gli occulti padroni del mondo verranno allo scoperto e i cittadini saranno resi ancora più schiavi di quello che sono adesso.

I meccanismi psicologici li conosciamo: quando qualche voce discordante irrita, il Sistema si difende, come fa ognuno di noi con tafani, mosconi e zanzare fastidiose.

Il Nuovo Ordine Mondiale fa passi da gigante. Prepariamoci al peggio!

33 commenti:

  1. Ciao Roberto!
    Hai davvero un passato coi fiocchi, hai mai pensato di farci un fumetto o un film (a tutto vantaggio della causa animalista)? :)
    Cmq credo che il vile attacco a Stampalibera sia il colpo di coda di un sistema che sta morendo e si sente con le spalle al muro, ma chi vivrà vedrà.
    Non credo c'entri Anonymous, che semmai ha mostrato di condividere le nostre idee ed intenzioni, piuttosto penso a gente ben pagata.
    Mandi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la visita, Jacopo!
      Ho cercato di mettermi in contatto con Lino, ma ha la segreteria.
      Apprezzo il tuo ottimismo e ti chiedo di farmi sapere qualcosa di Lino e della sua opera di restauro perché sono veramente sulle spine.
      Anche un utente di SL ieri mi ha chiamato, preoccupato.
      Un abbraccio resistente.
      Ciao

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu come Jacopo sei ottimista! Spero che abbiate ragione!
      Un abbraccio e grazie per l'apprezzamento.

      Elimina
  3. verissimo hai ragione sta facendo passi da gigante e ormai per paura colpisce tutto e tutti quelli che fanno vera informazione menando fendenti alla cieca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio per le eventuali censure sul web che Lino, durante la prima riunione a cui ho partecipato l'anno scorso, propose di passare al cartaceo. Non trovò molti consensi, ma forse pensandoci bene non sarebbe una cattiva idea.
      Speriamo solo di non dover tirar fuori il caro vecchio ciclostile.
      Un saluto.

      Elimina
  4. Ciao Roby,
    ancora in questo momento (ore 11.05) il sito di SL è disattivato, non volevo pensare ad una censura, ma ad un problema di piattaforma del server ... credo che dovrò ricredermi.

    Un saluto,

    wlady

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wlady, ho appena parlato per telefono con Lino Bottaro (ore 13.13). Dice che si tratta sia di censura che di problemi tecnici. Ad ogni modo entro stasera pensa di riuscire a ripristinare il sito.
      Vedremo in che termini.
      Grazie.
      Ciao.

      Elimina
    2. Grazie del chiarimento Roby; senza dubbio qualche articolo e commenti vari, erano ostici, ma non di più di quelli che ci sono in altri blog.

      Ciao,

      wlady

      Elimina
  5. ormai la censura ci pressa... mi basta fare un esempio... c'erano tanti video sulla fistulazione delle mucche, e sono tutti scomparsa, restano un paio di lingua inglese, quelli italiani sono tutti censurati, mi pare che ce ne sta uno solo, i video stranieri non comparono nelle ricerche di google... cercando fistulazione su google esce solo un articolo de Laverabestia... ma non più i video... quindi se possono censurare una cosa simile... figuriamoci se si pongono qualche problema a far scomparire un sito, un blog... forse anche il mio blog, VeganPress... dovrei salvarlo sull'HD... non si sa mai !!!
    Ciao, Pasquale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccolo:
      http://laverabestia.org/read_post.php?id=1215&user=18

      Pensa che molti anni fa, in una delle nostre incursioni ALF, siamo entrati nelle stalle dell'università di agraria di Udine, dove sapevamo che c'erano delle mucche con l'oblò, come le chiamavano i giornalisti.
      Le abbiamo viste infatti, ma abbiamo portato via solo tre grossi agnelli, che poi mi hanno anche defecato in macchina, tanto che ho dovuto smontare i sedili per pulire ben bene e far sparire le tracce.
      Dopo la liberazione siamo andati direttamente a Belluno, da Udine, per lasciare i tre agnelloni a gente fidata, così che non sono mai stati recuperati.
      Stranamente, nessuno è venuto a casa mia a farmi la perquisizione che ci aspettavamo. Evidentemente, il danno è stato limitato, per l'università.
      Ciao

      Elimina
  6. Karma?...ogni uno riceve quel che semina....SL ha ricevuto forse la stessa paga con cui mete a tacere chi questiona qualche suo articolo,siamo nella società del occhio per occhio,poi credi veramente che qualche "organizzazione" dia cosi importanza ai siti complotisti? il fatto che ci siano una miriade dimostra il contrario !!!!
    secondo me è solo causa-reazione !!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martin, capisco che stai ancora covando un po' di risentimento, ma non credo che si tratti di Karma. Abilitando i commenti, leggevo affermazioni molto pesanti contro lo Stato, le banche, gli ebrei, gli Illuminati e gli americani. E mi chiedevo: "Ma se i diretti interessati leggessero queste frasi, cosa penserebbero?".
      Ieri è arrivata la loro risposta. Avendo il potere per farlo, l'hanno fatto.
      Si chiama censura.
      Ciao.

      Elimina
  7. Roberto,ma tu pensi veramente che questi qui che mensioni,si prendano la briga di fare tutto cio? ma sai nel mondo quanti siti come questo ci sono,e molto piu intransigenti? io penso solo che si è trattato solo di conseguenza in base alla loro politica,io ti cancello e io ti pago con la stessa moneta,ed è qui che questi siti possono fare il salto di qualità ed invece si perdono in piccolezze !!! ed in paranoie !!! leggiti alcuni commenti,su SL,dimmi senon è stato una caduta libera in quanto a "personaggi" che frequantavano e commentavano e nel sito,tu stesso ne sei stato "vittima" da fascisti che ti accusavano ( e derivano) di qualsiasi cosa,io stesso sono stato piu volte accusato da Bottaro e la admin. di debunker,e altre castronate prima di venir fatto "sparire" e allora certo tu lo chiami risentimento,beh io lo chiamo incoerenza,persino un tale Jacopo Castellini ( se non sbaglio) mi minaccio con le "leggi italiane"di calumnia !!!! ma ti rendi conto !!! quelli che si dicono anti-sistema,poi lo usano quando li conviene !!!! dai,facciamo i seri,hanno ricevuto un po di quello che loro fanno...poi tranquillo al piu presto verrà riprestinato,quando si acorgerranno che è stato solo un errore di server...
    ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti devo dare in parte ragione, Martin, perché Lino, da me sentito poco fa, ha ammesso che c'entrano anche problemi tecnici, ma la censura c'è stata.
      Mi ha anche detto che è fiducioso di riuscire a rimettere le cose a posto entro stasera.
      I rapporti tra te e Stampa Libera sono degenerati per cause a me sconosciute, forse perché siete partiti con il piede sbagliato. Una volta cominciato a litigare, è difficile tornare indietro perché siamo tutti più o meno orgogliosi.
      Ti posso assicurare che Lino è una persona straordinaria e anche Jacopo è un bravo ragazzo. Bisognerebbe resettare tutto e ricominciare daccapo perché Stampa Libera avrebbe bisogno di gente in gamba come te, sia come utente che come autore. Anche tu, in quanto proveniente da un regine dittatoriale qual era l'Argentina, avresti molte cose da dire.
      Peccato che le cose siano andate di traverso.
      Ciao

      Elimina
  8. scusate ma i problemi tecnici sul sito non cancellano le pagine e lasciano il resto... semmai vedi un bell'errorone (taglio diretto) e cancellazione del database con l'errorone mai visto in vita mia un sito con la pagina principale su e le notizie sparite... mai visto, se era un problema server ripeto vedevi un bel 500 server error o un errore php e saluti... anche se come nel mio caso se ti cancellano il db lo vedi di sicuro un errore php!

    RispondiElimina
  9. @Numero sei,
    su SL da questo tipo di errore: 404.

    "Page not found. Spiacente, ma stai cercando qualche cosa che qui non esiste."

    Come puoi visionare qui: http://www.stampalibera.com/?p=33050

    Pertanto, da come la vedo io, la risorsa richiesta non è stata trovata ma in futuro potrebbe essere disponibile.

    L'errore 404 non deve essere confuso con "server non trovato" o simili errori, dove la connessione al server non può proprio essere stabilita.

    Non ho visto l'errore 500 php, ma solo un errore http che non è stato completato.

    Ciao,

    wlady

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. wlady non e' per insistere, ma un 404 indica che la pagina che stai cercando non c'e' non che sia disponibile in un prossimo futuro. Se tu cerchi una pagina inesistente, su un qualsiasi sito ti da un 404 ma mica vuol dire che quella pagina sara' disponibile in futuro, non c'e' e basta, quindi sta a indicare in questo caso che le pagine su stampalibera non ci sono piu'... io spero che possa recuperare i dati e che i danni ricevuti siano messi apposto, senno' 404 lo avra' adesso e 404 avra' anche dopo!
      il 500 non fa solo riferimento ad una sparizione del server (daltrone non e che il server si mette le zampine e scappa via staccando le interfaccie di rete da sole) e se quello fosse stato prevalentemente un problema tecnico avresti avuto appunto errori di php oppure un classico 500 che fa riferimento ad esempio a problemi di natura tecnica sul webserver mentre errori php fanno riferimento appunto alla perdita e/o corruzione dati.
      non ti trovi il sito su con il template e gli articoli spariti nel nulla, daltronde il sito i dati, compreso funzioni, gestioni, il cerca ad esempio sono gestiti dallo stesso database che gestisce le notizie! se c'e' un problema tecnico va giu' tutto: il sito, le notizie, tutto

      Elimina
    3. oh sia ben chiaro non e' una critica... nei tuo confronti ma solo una valutazione...

      Elimina
    4. Ma certamente Numero sei, ci mancherebbe che alla mia età, mi metto a fare il permaloso, se scriviamo in queste pagine come nelle altre dei blog, ci dobbiamo stare a pieno titolo, con educazione e le giuste valutazioni, accettando i diversi indirizzi di tutti e poi trarne le personali considerazioni.

      Riportavo solo quello che ho letto su "fichipedia":

      http://it.wikipedia.org/wiki/Errore_404

      Ciao ;) e grazie

      wlady

      Elimina
    5. ma no prego era solo una considerazione, a me la censura non piace... quindi ovvio che covi del risentimento...

      Elimina
  10. Freeanimals, a che episodi ed incomprensioni allude Martin? Non ne sono al corrente.

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che Martin sia l'unico utente che il buon Lino Bottaro abbia bannato in vita sua. Lino e altri sono convinti che Martin, di origini argentine ma abitante in Italia, sia un debunker.
      Conoscendo il pensiero di Martin penso che Lino si sbagli, ma il litigio è avvenuto prima del mio arrivo su Stampa Libera e altri particolari non ne conosco.
      Siccome legge queste righe, Martin se vuole può scendere nei particolari.
      Ciao.

      Elimina
  11. Io non ci capisco nulla, ma ho fiducia nella capacità diagnostiche di Numero 6.
    Aspetto anch'io come voi chiarimenti da Lino Bottaro, sulla natura della censura, anche se di solito la prima sensazione è quella giusta.

    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  12. http://www.stampalibera.com/
    è di nuovo on-line, nessuna motivazione è stata ancora divulgata

    Ciao,

    wlady

    RispondiElimina
  13. La censura alza l'attenzione e la partecipazione (audience, par ingles)... non tutto il male...
    Mandi salvadi

    RispondiElimina
  14. Stanno sistemando il server, adesso è funzionante, ma va a singhiozzi.

    questo è quello che scrive lìadmin:

    admin:
    13 aprile 2012 at 10:31

    Carissimi amici,
    secondo le ultime analisi sembra ci sia stato un problema tecnico sul provider web dovuto al massiccio invio di spam da parte di ignoti che ha causato seri rallentamenti sul server mysql e il conseguente blocco del sito da parte del provider. Ad ogni modo il webmaster sta tutt’ora verificando e cercando di capire le esatte circostanze. In definitiva sappiamo solo di aver subito un attacco da parte di ignoti con un massiccio invio di spam, tuttavia non riusciamo ancora a capire come proteggerci da ciò.
    Ci scusiamo per la tarda risposta ma eravamo presi, in quanto si è puntato a recuperare tutto prima di fare i controlli sull’accaduto.
    Un ringraziamento a tutti per la solidarietà dimostrataci.

    RispondiElimina
  15. Anni fa anch'io partecipavo a una campagna di invio spam verso un'allevatrice di cavie chiamata Giovanna Soprani. Avevamo fatto molte manifestazioni e presidi davanti al suo allevamento a San Polo d'Enza (RE) e nel contempo le inviavamo per posta molta spazzatura, insieme a molte telefonate fasulle fatte a tutte le ore.
    Lo scopo era di convincerla a chiudere l'allevamento, che riforniva stabulari e laboratori d'Italia e fuori.
    Alla fine la donna ha chiuso il lager ma non dopo che la polizia ci manganellasse ben bene nel novembre del 2004.
    Ora c'è un altro grosso allevamento, quello di Green Hill a Montichiari, ma ne sono rimasto un po' tagliato fuori, né so se gli animalisti attuano campagne di invio spam ai padroni francesi dell'allevamento.
    Quello attuato contro Stampa Libera è un boicottaggio con una logica: fare azioni di disturbo per sfiancare l'avversario.
    Come dice giustamente Rosario Marcianò dovremmo guardare in direzione dei compagni di merende di Paolo Attivissimo, che in questo settore, bisogna riconoscerlo, tiene fede al suo cognome.

    RispondiElimina
  16. Conclusioni esatte, Freeanimals. Attivissimo, nomen omen.

    Ti segnalo il seguente video per eventuali confronti con l'alieno di Mortegliano.

    http://youtu.be/OonT4j5llJo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Zret! L'altezza corrisponde, gli occhi fosforescenti pure, ma quello avvistato in Texas lo è stato solo grazie allo sviluppo della fotografia, essendo invisibile a occhio nudo, mentre quello di Mortegliano si è fatto vedere successivamente anche in altri posti e da altre persone.
      L’ultimo avvistamento è del periodo pasquale, come puoi leggere qui:

      http://www.facebook.com/#!/photo.php?fbid=434096756607128&set=p.434096756607128&type=1&theater

      Ciao

      Elimina