martedì 19 novembre 2019

Le sardine democratiche


Fonte: La Verità (Twitter)

Disastrosi autogol sui social e figuracce in tv dei leader del movimento che ha organizzato l'adunata antileghista a Bologna e Modena. Samar Zaoui invoca sui social un giustiziere sociale. Mattia Santori, ospite di Rai 3, affastella imbarazzi e bugie.

L'Emilia, dove il virus del comunismo è endemico


Testo di Carmelo Miceli

Anche Modena, in piazza Grande, si riempie di sardine. In occasione della cena elettorale di Salvini, di nuovo in migliaia sotto la pioggia in un nuovo flashmob per dire un altro NO alla politica dell'odio, dell'esclusione, dell'intolleranza. E ribadire che l'Emilia è terra libera, aperta, solidale e accogliente.
L’Emilia non si lega!
Modena non si lega!
Salvini si rassegni!

Il Vaticano è uno strumento nelle mani degli ebrei


A scorrere le pagine di Facebook non ci si annoia, e non tanto per gli eventi della vita quotidiana, dei comuni mortali che vi sono iscritti, ma per le notizie che riguardano la vita sociale di tutti noi, soprattutto quando se ne trovano alcune contrastanti tra loro. Per esempio, trovo la notizia che il Papa ha offerto una specie di pranzo natalizio, in anticipo sul calendario, ai poveri della sua città e, subito dopo, postata da un altro utente, la notizia che il Vaticano ha usato 650 milioni di euro, destinati ai poveri, per comprare interi palazzi a Londra.

Bufale (o presunte tali) in ammollo nell'acqua alta


Ho avuto un breve scontro dialettico con un utente di Twitter che si firma “Fatto il misfatto” e che sosteneva questa foto essere autentica, mentre io dicevo il contrario. La sua accusa nei confronti di Salvini era che a prendere in giro la gente è il - parole testuali - “cazzaro padano”. Alla fine, benché Salvini sia amato dal popolo, ho dovuto ammettere che forse anche lui, a sua insaputa, è un'emanazione di quelle sopraffine menti ebraiche che stanno giocando con noi come il gatto gioca col topo. 

lunedì 18 novembre 2019

Non è questo il momento, Zingaretti!

Testo di Aureo Muzzi

Mentre l'Italia annega, sprofonda, 20.000 persone, famiglie a Taranto saranno ancora più povere, Zingaretti ripropone lo ius soli perché glielo chiede Giannini, Boldrini e Saviano. Basta, non ne posso più. Lo ius soli/culturae è un importante investimento culturale, da fare però nei tempi e nei modi giusti, che non sono questi, che dimostrano solo frattura e distanza dal resto del Paese. Non basta blindare a sinistra l'attuale 18% dei voti PD. Fermatelo, così si sprofonda nelle sabbie mobili e si regala il Paese a Salvini.

Se viene meno l’appoggio americano, la UE ha i giorni contati


Testo di Danilo Santini (Twitter)

Se va avanti così, la UE non sopravvive”, dice Mario Monti, ex boia per conto di Bruxelles. “La UE l’ha scampata bella, con le elezioni di maggio, ma non ha fatto nulla per risolvere i suoi problemi. E oggi è circondata da avversari, inclusi gli USA che l’hanno creata”.

E’ inutile lanciare sottoscrizioni: gli italiani non si fidano più!



Mi spiace doverlo dire, ma io non do un centesimo ai veneziani. Con quello che tfanno pagare per bere un caffè, o una bottiglietta d'acqua, e i furti ai turisti e non solo, che per pranzare spendono cifre astronomiche. Possono sollevarsi da soli. Chiedano aiuto al papa, visto le chiese e la basilica che hanno. Bisognerebbe aprire un conto per il sud, ma come facciamo ad avere fiducia, dopo quello che è successo ai terremotati.

Le opere pubbliche nei paesi dove la corruzione non esiste


Testo di Angelo Carusone

Questa è la Oosterschelde Stormvloedkering, la diga di sbarramento antitempesta sulla Schelda Orientale nella provincia olandese della Zelanda. Si affaccia direttamente sul Mare del Nord (che non è l’Adriatico), è lunga circa 9 km ed è sorretta da 65 piloni. Le sue 62 aperture scorrevoli si chiudono in un’ora in caso di violente tempeste. La sua costruzione fu decisa dopo la disastrosa inondazione causata dal Mare del Nord nel 1953. È costata circa 2,5 miliardi ed è in funzione dal 1986. E funziona. Sipario.

La Svezia sta diventando stretta per gli svedesi


Fonte: Inside Over

Uno spot pubblicitario di un piccolo comune sta agitando il dibattito politico in questi giorni in Svezia. Teatro di questo scenario è la municipalità di Staffanstorp, non più di 20.000 anime poco a nord di Malmo. Si è dunque nella parte sud occidentale della Svezia, non lontano dall’asse viario dell’Öresund che collega la metropoli con la capitale danese Copenaghen.

L’esoterica Torino si sta islamizzando


Testo di Paolo Sensini

In vista del terzo Forum della Finanza Islamica in programma a Torino il 6 e 7 marzo 2020, l'Università, Ente Turismo Torino e la sindaca del M5S Chiara Appendino si pongono un ambizioso obiettivo da realizzare: fare diventare al più presto gli alberghi e i ristoranti della città "Halal Friendly", cioè rispettosi dei sacri precetti musulmani. Che in sostanza vuol dire cibo che rispetti i divieti islamici della shari'a, una copia del Corano nel comodino di ogni stanza d'hotel, frigobar privi di alcolici e tv senza canali per adulti. E ancora prodotti per il corpo certificati "halal", indicazione delle sale di preghiera più vicine e direzionate verso La Mecca per adempiere al momento rituale della preghiera. Et voilà! Queste le "priorità di Torino" per i prossimi tempi, mica occuparsi delle esigenze della maggioranza dei propri concittadini! Insomma, una città sempre più a misura d'islam, come prevedono i sacri dettami della "decrescita felice", elaborati dai sacerdoti del M5S.

domenica 17 novembre 2019

Gli ebrei vogliono che i Gojim entrino in guerra tra loro


Testo di Lisa Grazia

Infine, l'ultimo scenario è quello che piace di più al miliardario americano: gli alleati devono trovare il coraggio per aiutare l'Ucraina, anche a prezzo di un confronto armato con la Russia. "In questo modo si aiuterebbe non solo l'Ucraina, ma anche l'UE a ritrovare i valori e i principi che sono andati persi", — riassume George Soros.

Se chiude la ex ILVA siamo tutti fregati!


Testo di Luca D’Elia

Ho paura che troppa gente non ha ben compreso che è la chiusura dell'Ilva che farebbe saltare i conti pubblici, altro che la nazionalizzazione. A quel punto, con un crollo del PIL di almeno 1 punto e mezzo o usciamo in maniera traumatica dalla UE o veniamo devastati da patrimoniali e prelievi forzosi. Con la tenuta sociale che salterebbe e poliziotti costretti a decidere con chi schierarsi. Conti e 5 Stelle, andatevene!

Sporco leghista, sei il primo della lista!



Sabato mattina Petrillo incrocia a Foggia, dove vive da anni, lungo l'isolato viale Guglielmi, un gruppo di extracomunitari: lo prendono da dietro e lo scaraventano a terra urlandogli «Sporco italiano razzista». È egli stesso a raccontarci l'incredibile disavventura. L'anziano esponente della Lega ha ricevuto, poco prima che lo intervistassimo, la telefonata di solidarietà del deputato pugliese della Lega Rossano Sasso, e la telefonata della Prefettura di Foggia. Sull'accaduto interviene il vice segretario regionale della Lega Salvini Premier, Joseph Splendido, consigliere provinciale e comunale. “Piena solidarietà a Rocco Petrillo, vittima di un gesto infame - prosegue il legale e dirigente salviniano foggiano - spero che vorrà denunciare questi cinque vermi, che se la prendono anche con gli ottantenni. In pieno giorno e senza alcuna motivazione. Queste sono le conseguenze di un clima esacerbato dall’odio fomentato dalle sinistre e dell’immigrazione incontrollata, che in Capitanata è solo bacino di manovalanza per la delinquenza spicciola e per la criminalità organizzata della Quarta Mafia, oltre che essere veicolo di sfruttamento nei campi a solo vantaggio delle grandi aziende di trasformazione agricola”. 

Per quale paese sta lavorando quest’uomo?


Testo di Luciano De Bei

Queste sono le vere priorità della sinistra: lo Ius culturae. Lui, ora responsabile del ministero della cultura italiana riconosciutogli dalla Costituzione, invece di fermare la distruzione della nostra cultura e tradizione che da tempo è sistematicamente sotto attacco, in particolar modo nelle istituzioni scolastiche d'insegnamento pubblico, si preoccupa di offrire integrazione a chi è sotto l'occhio vigile e attento di ben altra cultura qual è quella islamica, che non accetterà mai di integrarsi e far propria la nostra tradizione cristiana. Mi chiedo per quale paese stanno lavorando questi signori pagati dal cittadino italiano.

sabato 16 novembre 2019

Una foto di capodanno fatta passare per un raduno antifascista


Testo di Nicola Morra (Twitter)

Ieri sera a Bologna tante Sardine, unendosi, facendo squadra, costruendo un'enorme condivisione fra piccoli, hanno sconfitto lo squalo capitano, facendolo sentire un capitone.

Grazie Ilaria!


Testo di Bruna Di Dio

Questa donna andrebbe ringraziata, ci restituisce quel senso di civiltà, è lei che con questa vittoria non solo continua ad aver perso un fratello vittima di Stato, ma ci restituisce un pizzico di democrazia da cui ricominciare. A Stefano, ma anche a Federico e a tutti coloro in attesa di giustizia.

Ecco cosa stanno facendo i razzisti fascisti in Bolivia


Testo di Angelo Casali (14 novembre)

I nostri media definiscono senza virgolettati la Anez come presidente ad interim, mentre virgolettano colpo di stato relegandolo alle dichiarazioni di Morales. In questo modo prendono posizione a favore dei golpisti boliviani, mistificando la situazione, falsificando i fatti, e facendoci credere che Morales fosse un dittatore (in realtà rieletto dalla maggioranza degli elettori, la questione semmai era sul distacco su Mesa e il ballottaggio) e che in Bolivia questo governo del tutto incostituzionale, non eletto dalla maggioranza del parlamento (i deputati del MAS non sono potuti accedere al parlamento per la loro stessa incolumità) traghetti il paese alla democrazia. In realtà questo è uno dei più classici colpi di stato fascisti, orchestrato dagli USA e condotto dalla parte più reazionaria, razzista e fascista della Bolivia.

I kompagni, se a spingerli è l'odio, riempiono le piazze



La risposta di Bologna a Salvini è stata davvero spettacolare. C'è chi si chiude nell'odio e il rancore e chi invece vuole stare all'aperto in piazza, senza paura. Il messaggio è chiaro: Bologna non si Lega!

Zingari, un'etnia che non conosce la gratitudine



Ha dell’assurdo quello accaduto nei pressi del campo nomadi di Via Candoni, alla Muratella, Roma. Il 118 ha effettuato un intervento nell’insediamento a seguito della segnalazione di un malore occorso ad una 16enne; terminato l’intervento tuttavia, nel momento di uscire dal campo, inspiegabilmente il mezzo di soccorso è finito bersaglio di una sassaiola che ha mandato in frantumi un vetro. Il personale a bordo si è quindi allontanato rapidamente dall’area temendo il peggio ma allertando immediatamente i Carabinieri. Sul posto dunque sono giunte alcune autopattuglie che hanno iniziato le indagini di un fatto che, al momento, resta davvero senza spiegazioni.

venerdì 15 novembre 2019

Menti plagiate (e umide)


Testo di Rossella Fidanza

Si lamentano degli idranti. Ma erano due giorni che preparavano questo. Collettivi e Centri Sociali contro la Polizia in via Riva Reno, ieri a Bologna. Secondo questi "fascisti rossi" (cit. Del Debbio), la Polizia avrebbe dovuto lasciarli distruggere ed aggredire, oppure loro compito (siano benedetti) è quello di difendere l'ordine pubblico? Lavori forzati per gente come questa.

L'altro Balotelli



Sadio Manè, giocatore più pagato del Liverpool, stella del Senegal, risponde così a un giornalista:
“Ho resistito alla fame, ho lavorato nei campi, sono sopravvissuto alle guerre, giocavo a calcio a piedi nudi, non ho avuto educazione e molte altre cose in più, ma oggi con quello che guadagno grazie al calcio, posso aiutare la mia gente. Ho costruito scuole, uno stadio, offriamo vestiti, calzature, cibo alle persone di estrema povertà. Inoltre, do 70 euro mensili a tutte le persone di una regione molto povera del Senegal contribuendo all'economia familiare. Non ho bisogno di ostentare auto lussuose, ville lussuose, viaggi, molto meno aerei, preferisco che i miei ricevano un po’ di quello che mi ha dato la vita”.

L'estrema adattabilità vincente dell'ebreo


L’ebreo accetta volentieri tutto quel che si vuole, sempre d’accordo con voi, a una condizione: che sia sempre lui che comandi. E’ per la democrazia, il progresso, tutti i lumi, dal momento che ciò va nel suo senso. Grandi etichette e furfanteria. La formula gli è proprio indifferente, si sbroglia sempre, purché sia lui che comanda, in definitiva, attraverso persone interposte, attraverso missioni occulte, attraverso le banche, attraverso il suffragio universale, attraverso i semi-ebrei, attraverso i massoni, attraverso i matrimoni dinastici, tutto quel che si vorrà, pure i Soviet, purché sia lui che comandi. Fabbrica altrettanto bene il suo grano nelle monarchie nordiche che nei Comintern calmucchi o nelle logge del Messico. E’ a suo agio dappertutto purché sia lui che comandi, non abbandona mai i fili.
(Ferdinand Céline – La bella rogna, 1941)

Oltre la satira, c’è l’insulto


Testo di Vanda Sanzogni

Vauro: evidenza di un vero razzista e hater! Questo messaggio istiga l'odio dei nostri fratelli di altre etnie, contro noi italiani! Vauro è un uomo pericoloso! Il suo è terrorismo ideologico!

Anche il Capitano è loro servo!

Testo di Matteo Salvini

Felice di aver partecipato oggi all'inaugurazione del Consolato israeliano a Firenze, insieme all'ambasciatore Dror Eydar e ad altri amici della Comunità ebraica. Sempre e per sempre vicino al Popolo d'Israele, baluardo di democrazia in una terra martoriata anche in queste ore dai missili e dai lutti. Ringrazio la Comunità fiorentina che ha dato vita a un nuovo presidio di libertà, di progresso e di relazione economica e commerciale, fondamentale nel momento in cui in Europa Israele subisce l'isolamento, nel silenzio generale.

Non avrai altra vittima all’infuori di me


Testo di Paolo Sensini (14 novembre)

Da quando è scoppiato il "caso Segre" non si fa altro che parlare ovunque di "dovere della memoria". Una memoria che da due decenni – da quando è stata istituita quella che si chiama appunto la "Giornata della Memoria" – è diventata sempre più pervasiva. Ed esclusiva: della Seconda Guerra mondiale, con i suoi 55 milioni di morti, si ricordano ormai solo i morti ebrei (la senatrice a vita Segre propose a suo tempo d'inserire la Shoah come traccia obbligatoria di storia all'esame di Maturità). Gli altri morti è come se si fossero dissolti, obliterati. Insomma, una "memoria" molto selettiva, ingiustamente selettiva. E tutti gli altri morti civili, sepolti durante la guerra sotto bombe o mostruosità simili, non meritano d'essere ricordati? Perché questo doppio standard che si configura come una vera e propria discriminazione di alcuni ai danni di tutti gli altri?

La CIA colpisce ancora!



Evo Morales, legittimo presidente della Bolivia, votato da milioni di cittadini, è stato costretto dall'esercito a dimettersi. La sua casa è stata saccheggiata dalle milizie di destra filo americane. Ancora una volta a decidere le sorti di un paese in Sud America non sono i cittadini ma gli Stati Uniti che appoggiano l'opposizione di destra, violenta, della peggior specie nel paese. Morales ha ridato dignità al suo popolo.
1) Ha tolto dalla povertà milioni di persone.
2) Ha garantito il diritto allo studio a tutti i cittadini della Bolivia.
3) Ha esteso i diritti al popolo degli indios i nativi di quel paese.
4) Ha fatto crescere la Bolivia come mai prima.
5) Ha nazionalizzato le aziende strategiche del paese, dando fastidio ai ricchi boliviani e agli americani che non vedono l'ora di impossessarsi delle miniere del paese.
6) Ha abbassato i prezzi dell'acqua, dell'energia, della benzina a prezzi simbolici, come beni universali. Lascia una Bolivia che cresce da quattordici anni a tassi del 6% all'anno. Vincerà le prossime elezioni burla un liberale amante della libertà (sic) e dell'occidente. Il popolo boliviano vedrà privatizzati i giacimenti di gas nel nome dei supremi valori del libero mercato e perderà le enormi conquiste sociali di questi anni a partire da sanità e istruzione pubbliche. La Bolivia tornerà ad essere quello che è sempre stata: il paese più povero del Sud America. Oggi è un giorno triste per il Sud America, con i media occidentali che nascondono tutto e l'Unione Europea muta.

giovedì 14 novembre 2019

I palestinesi si meritano il fosforo bianco!



Per protestare contro la morte del leader terroristico ucciso dalle forze di Israele, i palestinesi hanno dipinto un povero asino con i colori della bandiera di Israele. Dopo aver fatto un giro con l'animale per le strade di Gaza, hanno cominciato a picchiare l'animale con legnate e staffilate, fino alla sua morte. Poco dopo lo hanno cosparsdi benzina e gli hanno dato fuoco quando era moribondo, che ancora urlava di dolore a causa delle sofferenze passate. Alla fine, il povero animale è morto. Tutti hanno voltato le spalle alla sua sofferenza, ridendo per la cattiveria che avevano appena commesso e se ne sono andati per la loro strada, fino alle loro case, come non fosse successo nulla.

Duecento insulti al giorno levano la Segre di torno!

Testo di Mariagiovanna Maglie (Twitter)
I consiglieri di Bergoglio sempre sul pezzo. Si scopre che i dati sull'antisemitismo di Repubblica erano una bufala, 200 l'anno, non 200 al giorno, ma loro fanno finta di niente. Due parole su Israele sotto attacco? Quelli che ci vivono sono ebrei.

Comportamenti universitari già visti in passato


Testo di Hurricane Angelo (Twitter)

Tricolore fa schifo. Non puoi entrare. La Sinistra caccia un leghista dall’università. Uno studente entra nell’aula professori occupata della facoltà di Scienze Politiche dell’università La Sapienza ed è cacciato perché leghista. E noi di destra siamo accusati di essere dei dittatori. È follia!

Sul clima qualcuno dice la verità


Testo di Lisa Grazia (13 novembre)

E con questa, bye bye, riscaldamento climatico. Lo scienziato ampiamente noto come il “Padre del riscaldamento globale” ha ammesso per la prima volta che i dati utilizzati per promuovere la sua teoria del cambiamento climatico, erano falsi e manipolati fraudolentemente da Al Gore per soddisfare un’agenda.

Lapsus salviniano



Solo con pieni poteri si può governare adesso l’Italia, perché l’Italial’hanno distrutta e ci serve un governo forte e coraggioso, che fa quello che dice, nociarlatani che adesso dicono una cosa e dopo un minuto ne dicono un’altra.

mercoledì 13 novembre 2019

L’ottimismo del moribondo


Fonte: Today

Il 2019 sarà un anno "bellissimo" e l’Italia cambierà marcia grazie a "un piano di ripresa incredibile". Parola del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Così il premier ha risposto al giornalista Alessandro Poggi, inviato di Povera Patria, nell’intervista in onda  su Raidue. Dopo il "boom economico" alle porte profetizzato da Di Maio, anche Conte ostenta ottimismo sulle prospettive economiche del Paese. E afferma, testuale: "Ci sono tutte le premesse per un bellissimo 2019 e per gli anni a venire. L’Italia ha un programma di ripresa incredibile. C’è tanto entusiasmo e tanta fiducia da parte dei cittadini e c’è tanta determinazione da parte del governo".

Una sceneggiata per ingannare migliaia di allocchi


Testo di Pas De Ritis

E’ tutta una messa in scena. Tutto inventato. Quasi sicuramente non hanno fatto nessuna perquisizione. Alcuni mesi fa l'aveva organizzata pure Salvini, una sceneggiata del genere, con svastiche, targhe naziste con su scritto "Adolf Hitler Platz" ed armi, tra cui un missile che non era affatto possibile potesse essere detenuto da un qualche simpatizzante, data la sua grandezza, di 5 metri di lunghezza per un metro di altezza circa. Come potrebbe un privato detenere un'arma simile? Lo potevano sapere solo Salvini, Gabrielli e qualche alto funzionario di polizia o militare. Abbiamo a che fare con gente che sta piuttosto fuori di testa e che comanda senza fare niente, pagata pure profumatamente. Dico io. Ma l'Italia, ridotta così, in mano a gente del genere, può, non dico vincere la guerra, ma nemmeno azzardarsi a farla. Siamo in mano al nulla politico, a schegge impazzite, che han perso il lume della ragione e cercano di giustificare il loro inutile lavoro sollevando casi mediatici pietosi a cui nemmeno i bambini possono credere. Un paese, purtroppo alla deriva totale. Mi duole constatarlo.

Quell’ascaro della Ascani!


Testo di Anna Ascani

Questo è l’arsenale rinvenuto oggi in Toscana. Armi di tutti i tipi, esplosivi, cimeli nazisti, persino un lanciagranate. Un commando di estrema destra pronto a tutto. Persino a far saltare per aria una Moschea. Per fortuna sono stati fermati dalla Digos che ha avviato le indagini partendo proprio da alcune conversazioni qui sui social dove si sentivano liberi di inneggiare all'odio razziale e al fascismo. Chi ha sdoganato tutto questo si è macchiato di una colpa grave. E prima o poi dovrà risponderne!

Il popolo italiano si lascia disossare


Testo di Corrado Rossi

La Grecia sempre più vicina e lo stato cosa fa? Dà la caccia agli evasori. Governo fatto di gente inutile quanto incapace. Intanto pensa ai migranti, invece di garantire il lavoro ai suoi connazionali e poi ci si stupisce che la gente si incazzi? E, cosa peggiore, adesso va di moda che se sei un italiano incazzato perché vedi i due pesi e le due misure, che chi ricopre cariche istituzionali adotta, ti pigli del razzista. Ma non basta, sei razzista anche per tutta quella pletora di inutili italiani che, non avendo problemi, per il momento, amano fare gli esterofili buonisti, da avanspettacolo! Intanto il paese diventa un paese di disoccupati, tassati a più non posso. Per contro però anche il popolo, i suoi interessi, proprio non è in grado di tutelarli, si fa disossare muto. Che paese ragazzi!

Cecità dei buonisti o allarmismo dei cattivisti?


Umberto MelloniCerto che se un milione e mezzo di mussulmani sono in grado di schiavizzare 60 milioni di italiani, io mi farei qualche domanda. O son super uomini questi mussulmani o ditemi voi. Fatevi delle domande, coraggio!
Corrado Rossi: Senza offesa, però si capisce che non sei molto dedito ai ragionamenti. Il problema non sono il numero di migranti, per il momento, anche perché con le politiche in vigore qualsiasi mente “semplice” capisce che è comunque destinato ad aumentare. Il vero problema attuale deriva dal fatto che le istituzioni inspiegabilmente, per favorire il migrante, danneggiano gli italiani. A me ad esempio è capitato più di una volta di vedere, in ospedale, far passare prima i migranti (le cui visite sono pagate anche da me) negli ambulatori, per le visite che loro non pagano, piuttosto che far rispettare almeno la coda, visto che già non pagano! Se poi come credo a te queste cose non infastidiscono, logico che la cosa faccia nascere dubbi. Ma i problemi per il momento sono di carattere “civico”, dove il pensiero che il migrante debba essere trattato meglio di un italiano è quello che la sinistra, ed inspiegabilmente molti stupidi italiani, sostengono a spada tratta.
Umberto Melloni: Secondo me invece vi piace fare dell'allarmismo. Per quanto riguarda l'esempio che hai fatto, sulle visite in ospedale, potrebbe tranquillamente essere che le persone "fatte passare avanti" avessero urgenze più gravi degli altri. E questo indistintamente dalla nazionalità.

Terroristi cristiani uccidono un imam in Siria


Testo di Giulio Meotti

Terroristi islamici hanno appena ucciso padre Hanna Ibrahim in Siria. Stava andando a restaurare la chiesa di Deir Ezzor. L'Isis fece già saltare in aria la chiesa armena dedicata al milione di vittime del genocidio turco. Le loro ossa, conservate nella cripta, finirono per strada, accanto alle rovine. L'Occidente in rovina non vuole vedere la persecuzione di così tanti cristiani.

martedì 12 novembre 2019

L'ossessione della Sinistra per il ritorno del fascismo


Giuse Dor: Cari accoglioni, assaggiate un po' anche voi la delinquenza che ci avete imposto!
Silvana Costa: E mo' come la mettete?
Paola Morena: E adesso muti!
Ivana Fabiani: Chi la fa l'aspetti.
Maxy Honor: Mi sembra la storia dell'uovo "Fascista" nell'occhio della colorata di Torino.

Chi è che semina odio?



Testo di Giorgia Meloni

Nei gruppi di sinistra, oltre le offese, ora si passa direttamente alle minacce di morte nei miei confronti. Per i media e i politici di sinistra che accusano me di "seminare odio" tutto regolare?

L'Olocausto dei russi



Si chiamava Engelsina Markizova. A molti non dirà nulla questo nome, ma se cercate una fotografia ufficiale di Stalin del 1936, è lei la bimbetta in braccio al dittatore. L’immagine fu pubblicata su tutte le prime pagine dei giornali con la dicitura “Papà Stalin”. In verità, come testimoniò Aleksandr Solzhenitsyn nei tre saggi “Arcipelago Gulag” Stalin era tutto tranne un papà affettuoso verso il proprio popolo: tra il 1930 e il 1953 nei campi di lavoro sovietici morirono circa 20 milioni di persone e il 40% di loro erano solo adolescenti e bambini innocenti, figli di genitori colpevoli d’essere ebrei o non allineati al potere. Erano classificati come “Nemici del Popolo” e nei gulag patirono la fame, soprusi indicibili e la fucilazione.

Per i Kompagni esistono anche i "negri da cortile"


Tony Iwobi: Ecco un altro esempio di odio e intolleranza della sinistra. Quando la rabbia e l’arroganza portano a giudicare senza nemmeno conoscere la persona che si giudica. Pessima figura di questo giornalista di sinistra, con tanto di infelice strumentalizzazione della storia. Studiare mi ha insegnato a conoscere prima di giudicare: che bassezza.

Me: Django l'ho visto e ovviamente stavo dalla sua parte e da quella degli altri negri. Ma quello era un contesto di cultura puritana anglosassone, veramente razzista. Come si può paragonarlo alla nostra società tollerante e democratica, in cui Tony Iwobi ha fatto la libera scelta di mettersi con la Lega?

La crudele sorte dei bimbi arlecchino


Testo di Manola Sambo

Eccola l'ittiosi arlecchino. Non serve avere grandi capacità empatiche per avere l'idea di cosa possa pensare, provare e sentire un genitore di fronte ad un figlio con questa patologia. Giovannino non potrà mai essere esposto alla luce. Avrà sempre problemi di respirazione. Dovrà essere sottoposto continuamente a spugnature per evitare che si rompa la pelle. Sarà costantemente a rischio infezioni e dovrà vivere tutta la sua vita in un ambiente sterile. Sottoposto a cure antibiotiche e morfina per alleviare i dolori della carne che si lacera. Di certo non possiamo dire che non sia stato voluto, dal momento che i genitori sono ricorsi alla fecondazione assistita, pur di averlo. Ma, sinceramente, voi come reagireste? Vi sentireste in grado di occuparvene? Forse i genitori hanno avuto paura di non essere in grado di prendersene cura. Forse non si sono sentiti all'altezza. Io non lo so. So per certo che il piccolo soffrirà finché avrà vita. E che forse sarebbe stato meglio, per lui, non essere nato. Perché la sorte spesso sa essere crudele, iniqua e beffarda.

lunedì 11 novembre 2019

Ci manca solo la Presidentessa della Repubblica ebrea!


Fonte: Stop Censura

“Speriamo che Liliana Segre resista alle pressioni che sta subendo, è una persona pacata, so per certo che sta soffrendo per quello che succede, è turbata. Come abbiamo scritto, riflette se andare avanti con la missione della commissione” su razzismoantisemitismo e istigazione all’odio. Lo ha specificato il direttore de la Repubblica, Carlo Verdelli, sottoscrivendo la proposta della direttrice di Huffington Post, Lucia Annunziata, di candidare alla presidenza della Repubblica la senatrice a vita. 

All'orrore del comunismo non c'è mai fine



Le ricerche condotte da una commissione speciale governativa slovena, hanno consentito l’individuazione di una nuova foiba a Kocevski Rog, nei pressi di Novo Mesto. Si presume che circa 1500 anti-titini siano stati massacrati dai partigiani comunisti a guerra terminata. Alcuni dei responsabili di quelle stragi, che, come in Italia, servivano ad eliminare tutti gli oppositori al regime comunista titino (in Slovenia gli anticomunisti si chiamavano domobranci) sono ancora in vita. Tra i resti trovati, 185 croci, 146 medagliette con l’effigie di santi. Le ricerche proseguono per individuare altre foibe e rendere finalmente giustizia alle vittime del comunismo.

C’è bacio e bacio


Fonte: Movimento Sociale italiano di Taranto (Twitter)

Questo è il messaggio che dobbiamo dare a quelle fecce comuniste che vogliono distruggere la nostra patria e religione.


Del Debbio ospita un balordo e la Serracchiani ne approfitta



Veramente nei talk show al 90% sono presenti sempre ospiti di falsa sinistra, ovvero pd. Se per caso ci sta uno di destra, o della lega, è comunque uno in mezzo ad almeno tre o quattro squali di falsa sinistra. Se la Serracchiani vuole togliere anche la minima percentuale di presenza dell'opposizione in tv, faccia pure, vorrà dire che guarderemo altro. Se questi miserabili credono di poter fermare la libertà di pensiero e di parola si sbagliano, la loro arroganza sarà un boomerang.

Sputano nel piatto dove mangiano



"L'Italia è una merda" (...) Luca, lo zingaro di 32 anni che in provincia di Padova ha messo incinta una bimba di 12 anni, rivendica le "usanze" dei sinti e il ruolo delle bambine tra la sua gente, attraverso chiare minacce e pesanti insulti rivolti a Giuseppe Cruciani e agli italiani che, a suo dire, "non capiscono" la cultura rom.

Pace fatta fra negri e ariani


Fonte: Leggo

Un ragazzo di 19 anni originario del Gambia è il protagonista di un gesto che gli è valso il plauso dei Carabinieri. Giovedì sera, in piazzale Pablo a Parma, il giovane ha assistito a uno scippo ai danni di una donna, ma non si è limitato a guardare: ha lasciato il gruppo di amici e si è precipitato all'inseguimento del ladro fino a quando non è riuscito a bloccarlo. Sono state poi le forze dell'ordine a recuperare la borsa e arrestare il rapinatore, un 40enne di Parma. Il ragazzo, dopo aver stretto la mano ai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile cittadino, ha minimizzato il suo gesto carico di senso civico dicendo: «Ho fatto solo il mio dovere».