lunedì 24 settembre 2018

Il sangue arabo dei siciliani





Sicilia. Sciacca. Qui i cani si uccidono e poi si buttano in discariche a cielo aperto, sul bordo delle strade. Nessuno ci fa caso. Per loro è normale, tanto era solo un cane.

Svastiche sulla fronte e orecchi mozzati


Altro

Indagini veloci e pene esemplari per la banda di rapinatori di Lanciano. E subito una legge per la legittima difesa. Non possiamo permettere che succedano queste cose e che si venga ridotti così in casa propria. (Giovanni Toti).
Questa frase, del governatore della Liguria, mi ha fatto accendere una lampadina in testa. Può darsi che mi sbagli, ma da buon complottista non posso fare a meno di pensare al metodo del “Problema-reazione-soluzione”. Cioè, il nuovo governo sta per varare una legge sulla legittima difesa, in base alla quale la difesa con uso di armi in casa propria è sempre legittima e chi si difende non deve essere sottoposto a giudizio. Ci sono delle resistenze psicologiche da vincere, non solo da parte del PD, perché all’uomo medio l’idea di vivere nel Far West non piace. E allora, cosa ti organizza il governo ombra, o chi per esso? 

200 milioni di euro mal spesi


Testo di Paolo Sensini


Il decreto sicurezza-immigrazione voluto da Salvini si propone di regolamentare con un minimo di buon senso la bomba migratoria in corso. Niente d'eccezionale, dunque, ma solo ciò che si sarebbe dovuto fare già da vari anni. Del resto un istituto come la "protezione umanitaria" esiste solo in Italia. Il decreto si propone inoltre di abbattere al minimo il business dell'accoglienza, prevedendo una forte limitazione del famigerato SPRAR, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati costituito dalla rete degli enti locali, che negli anni è diventata una mangiatoia che rifornisce a spese degli italiani le varie Onlus e mantiene a gozzovigliare per troppo tempo i sedicenti profughi. Eclatante il caso di Riace, il comune calabrese ripopolato coi soldi dei contribuenti che pagano lo stipendio agli africani perché vivano a "casa" del sindaco Domenico Lucano. 

Siamo islamofobi perché abbiamo paura delle dittature teocratiche


Giulio Meotti: “L'islam dominerà in Svezia entro 50 anni”. A dirlo non è un politicante populista, ma questa rifugiata somala, Mona Walter. In Somalia, Mona non era religiosa, ma in Svezia è stata costretta dalla sua comunità ad andare in moschea e indossare l'hijab. “Per molti anni ho cercato di convincere gli svedesi a capire l'obiettivo islamico: prendere il controllo del loro paese. La prima cosa che faranno è richiedere i tribunali della sharia, come nel Regno Unito”. Walter afferma anche che “gli svedesi sono convinti che le leggi svedesi saranno sempre applicabili nel loro paese. Ma chiedi a un inglese se 30 anni fa avrebbe pensato che la Gran Bretagna avrebbe avuto tribunali della sharia legali nel 2018. Nessuno avrebbe pensato che fosse possibile. Se la Svezia riconoscerà i tribunali della Sharia, i musulmani avranno nuove richieste, come il permesso di governare le proprie enclave senza interferenze da parte della società svedese. L'obiettivo finale è che la sharia domini tutta la Svezia. Questo è l'obiettivo a lungo termine e l'Islam ha molta pazienza. La demografia è molto chiara: in 100 anni la partita è chiusa”. Fossi i fighetti del mainstream, che si sono barricati nella propria bolla di consumismo e fake news culturali, io farei uno sforzo e ascolterei questa donna somala coraggiosa. Tic tac: il tempo sta scadendo.

O la pena di morte o una lobotomia definitiva


Testo di Annalisa Piras

Questo è un signore di 70 anni. Medico in pensione, massacrato stanotte in casa a Lanciano
da 5 ladri. Alla moglie (la foto è impubblicabile) hanno tagliato il lobo di un orecchio, per strapparle gli orecchini. Il figlio gravemente disabile, l'hanno chiuso in una cantina. Era talmente terrorizzato che i Carabinieri hanno impiegato otto ore per far sì che uscisse. Quando è uscito è scappato per la vergogna (ha fatto i suoi bisogni tra i pantaloni).

Il maialino fatato parla ancora



Ancora parli maialino fatato? Non ti è bastata la batosta del 4 di marzo? Ti sei chiesto come mai queste persone che tu attacchi e critichi continuano a crescere e ad avere il pieno consenso della maggior parte di italiani, mentre tu e il tuo partito state sparendo? Ed in cuor mio spero presto.


domenica 23 settembre 2018

Italiani, i reietti d’Europa


Testo di Silvia Marina

Notizia che, se confermata, è di una gravità assoluta. La Merkel dichiara di voler espellere gli italiani, poveri e senza lavoro, che non possono pagarsi le spese sanitarie. Ma non può. Gli italiani sono comunitari e hanno diritto all'assistenza sanitaria. Quanto hanno rotto le scatole a noi con gli zingari, che non possiamo espellere né possiamo estromettere dalle cure? Ai cittadini comunitari bisogna garantire tutti i diritti e tutte le coperture di legge. Ma sembra che siano già un centinaio gli italiani in Germania che hanno ricevuto una lettera di preavviso. Se confermato, questo sancirebbe la fine della UE.

I preti: sempre dalla parte del male

Testo di Maurizio Denti

Questo cosiddetto prete benedice un gruppo di codardi, in modo che possano uccidere volpi innocenti. Tutte le religioni devono essere abolite.

Fenomeni da baraccone



Davide Cavallotto: Questi non sono uomini alla ricerca di diritti. Sono fenomeni da baraccone che fanno schifo!

Enza Sinato: Questi non sono gay. Questi sono depravati, quelli veri sono delle persone educate, dei veri signori, almeno quelli che conosco io.

Il povero Benito si rotola nella tomba


Alfonso Piscitelli: Hanno fatto un consiglio comunale in seduta straordinaria per revocare la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini (1883-1945). A Santa Paolina, in provincia di Avellino, sindaco Spinelli.
Annamaria Frattolillo: Ahahah, è tutta da ridere! Chissà come si è dispiaciuto Benito Mussolini!
Giuseppe Bazzani: Ma che teste di cazzo apocalittiche, fossi il figlio di quel coglione del sindaco chiederei di cambiare cognome, pagliacci.
Rosalba Evola: Un’intelligenza notevole! Penso che il duce sia contento di perdere questi compaesani!
Loredana Gemato: Come se non ci fossero cose più importanti da discutere, esempio come proteggere gli italiani da questa ondata di criminalità.
Milena Cammarata: Che assurdità! Sciocchezze comuniste! La Storia è immutabile: non si possono e non si devono eliminarne i protagonisti, ma si deve trarre insegnamento dagli eventi.

Pausa pranzo: vado a stamparmi da mangiare!


Fonte: Repubblica

Come spesso accade, tutto nasce da un errore. Nei laboratori di ingegneria dei tessuti del Politecnico della Catalogna si progettano muscoli, cartilagini e perfino organi interi per la chirurgia del domani. Giuseppe Scionti, ingegnere biomedico italiano, si cimenta con la biostampa tridimensionale di un orecchio, talmente morbido e compatto da sembrare vero. “I colleghi ci scherzavano sopra: che schifo, cos’è quella cosa? Non avevano tutti i torti: allo stato attuale non è possibile trapiantare un orecchio artificiale”, sorride Scionti, ricordando il percorso che l’ha spinto a fondare la startup Novameat e brevettare una tecnologia innovativa per l’industria alimentare. Sebbene sia appena agli inizi, negli ultimi cinque anni – cioè da quando fu presentato il primo hamburger ricavato da cellule staminali di vacca, nell’agosto del 2013 – il settore della carne sintetica ha fatto passi da gigante, soprattutto in Paesi come la Cina e gli Stati Uniti.

Chi gioca con le nostre vite?


Marina Pagano: Scena iniziale del film "incredibili 2" della Disney, uscito il 5 giugno...notate niente?

Antonino Minissale: Scusami ma non capisco: vuoi dire che il ponte è stato fatto saltare in aria?
Giovanni Sallusti: Le cose le fanno e lo dicono anche. Siamo noi a non capire gli eventi, ma nelle loro intenzioni danno sempre cenni su tutto.
Marina Pagano: In un mondo perfetto saremmo già insorti.
Lara Tisalbo: Triste presagio.
Marina Pagano: Ma il camion verde è davvero inquietante.
Michele Mah Boh: Beh, se andiamo a ritroso a vedere tutti i film in cui crolla un ponte..…
Marina Pagano: Sì certo, ma questo è nuovo e la cosa strana è il camion verde.
Angela Dionigi: Sono coincidenze che fanno pensare...una va bene, due iniziamo ad avere sospetti, ma se succedono spesso è inquietante.

sabato 22 settembre 2018

Re Erode oggi porta il cappello da cow boy



Il precedente rapporto di Amnesty International sul Sud Sudan risale a poco più di quindici giorni fa e già riportava dettagli sulle atrocità commesse nei confronti di civili inermi, da parte delle forze armate fedeli al presidente Salva Kiir, ma l’orrore di questa interminabile mattanza sembra tutt’altro che destinato a estinguersi, anzi, divampa con sempre maggiore recrudescenza, sia ad opera delle truppe regolari, sia da parte delle milizie fedeli a Riek Machar, ex vice-presidente di Salva Kiir e oggi suo acerrimo oppositore.

Chi scherza col fuoco si brucia



A Bari ieri sera al termine della manifestazione "Mai più con Salvini" di Potere al Popolo e centri sociali, con poco più di 100 partecipanti, l'estrema sinistra tentava di dare l'assalto alla sede di CasaPound. I militanti della formazione patriottica uscivano dalla sede con l'intenzione di proteggere le strutture e da quell'intendimento legittimo di difesa nasceva uno scontro prima verbale e poi fisico, in cui i compagni hanno avuto la peggio.

Non solo pomodori



I lavori che gli italiani non vogliono fare più... Ma andate a quel paese! Ci sono tanti giovani italiani che mandano curriculum con la speranza di essere assunti e poi arrivano ‘sti cazzo di furboni e senza fatica trovano posto con la scusa che sono richiedenti asilo (ma di che? Da cosa?). È uno scandalo!

Quando la felicità sarà riconcessa agli uomini


Suggerito da Sabrina Gualini

Le ragazze del SAF - madri, mogli, sorelle - vennero sottoposte dopo il 25 Aprile a ogni genere di sevizia. In quanto soldati repubblicani e soprattutto in quanto donne furono umiliate, torturate, violentate e brutalmente assassinate.  Segue l'ultima lettera di Franca Barbieri alla madre. Franca faceva parte dei servizi segreti della Repubblica, catturata, le venne offera la salvezza in cambio della sua abiura. Affrontò il plotone di esecuzione gridando "Viva l'Italia". 

I negri non reggono l’alcol



Poco fa un immigrato stanziato in un centro d'accoglienza di Isernia è stato trasportato al Pronto Soccorso, scortato da due macchine della Polizia. Pare che l'immigrato in questione si presentasse in evidente stato di ebbrezza. Inoltre, inveiva contro i passanti fino a svenire e rendere necessario l'intervento del 118. Questo è lo stato in cui versa Isernia, anche se il Prefetto stenta a rendersene conto.


Un paese di codardi violenti


Testo di Giulio Meotti

Tutti santi, quando muoiono. Oggi ad esempio i giornali sono un imbarazzante peana su Inge Feltrinelli. Nessuno o quasi che ricordi, accanto ai meriti, i tanti demeriti. Vale la pena rileggere quanto scrisse Indro Montanelli, uno dei migliori della storia italiana (assieme a Casalegno), dopo che nel 1977 le Brigate Rosse gli avevano sparato: “Dal Giornale mi mandano tre sacchi di telegrammi: ne hanno contati quindicimila. Ma la notizia che in fondo mi fa più piacere è che in due salotti milanesi - quello di Inge Feltrinelli e quello di Gae Aulenti - si è brindato all'attentato contro di me e deprecato solo che me la sia cavata”. E quanti brindarono negli stessi salotti buoni quando era stato ucciso il commissario Calabresi? Siamo un paese di editori e letterati che sputarono in faccia a Solzhenitsyn per aver detto che l'imperatore rosso era nudo o che pubblicarono la peggior feccia sulla decolonizzazione o il terrorismo palestinese (Italo Calvino, su tutti). 

venerdì 21 settembre 2018

E’ proprio quello che vogliono!


Testo di Andrea Tosatto

Negli anni ottanta i bambini autistici erano uno su diecimila. Quando arrivai a Dubai, nel 2008, erano già uno su cento. Ora siamo arrivati a uno su 36. Se la progressione si manterrà invariata, presto un maschietto su due sarà autistico. Molti bambini autistici non saranno mai in grado di lavorare, di sposarsi, di fare figli. Sicuramente un aumento vertiginoso dell'autismo significa diminuzione sostanziale della natalità e, in un paio di generazioni, riduzione drastica della popolazione terrestre.

Dio salvi gli italiani dal servilismo!


Scartata l’ipotesi che si tratti di un fotomontaggio, la foto è almeno verosimile e deduco che si tratti di uno dei tanti convegni che la comunità ebraica italiana organizza per celebrare se stessa. O qualche ricorrenza assurta a festa religiosa. Il 27 gennaio è l’apoteosi di tali giornate del ricordo. Mettersi la “Kippa” in testa viene fatto passare come un gesto di rispetto verso le credenze religiose di una onorata minoranza, ma può essere anche interpretato come una forma di sottomissione nei confronti dei nostri veri padroni, che non sono gli americani, ma gli ebrei. La scelta tra le due interpretazioni, rispetto o sottomissione non è facile. In altre occasioni, abbiamo visto donne parlamentari mettersi il velo in testa quando erano in visita nei paesi musulmani. Anche lì, rispetto o sottomissione? Visto che Islam significa proprio sottomissione, viene facile credere che si tratti della seconda ipotesi. Se Napolitano e gli altri sinistroidi si fossero trovati all’interno di una sinagoga, allora potrei capire, ma se era solo una normale sala per convegni, che necessità avevano di mettersi la papalina in testa? Cosa farei io al loro posto? E’ probabile che mi adeguerei, visto che quando mi capita di entrare in una chiesa per ammirare le opera d’arte mi tolgo sempre il berretto. Con gli ebrei ho un rapporto di amore-odio. Li ammiro per la loro intelligenza, ma anche li disprezzo per la loro falsità congenita. Per la loro arroganza. Dio salvi gli italiani dal servilismo!

I maestri del pensiero mondialista


Testo di Paolo Sensini

Pretendono che venga accolto amorevolmente qualsiasi sconosciuto in arrivo da ogni parte del mondo, dandogli vitto, alloggio, vestiti all'ultima moda e paghetta con i soldi sottratti dalle tasche dei cittadini. Mica con quelli dei propri conti correnti! E facendovi prosperare sopra una fiorente industria "solidale" che alimenta un esercito di clientele politiche. Ma nei confronti di qualsivoglia concittadino osi pensarla diversamente da loro, magari esercitando anche solo un semplice dubbio, esigono gogne mediatiche, visite psichiatriche, processi... e galera. Voilà il fantastico mondo di sinistrati e radical shit, gente che delle proprie storture mentali ha fatto uno stile di vita. A spese degli altri, s'intende!

Manipolazione percettiva di massa


Una razza aliena è sbarcata sulla Terra. Il suo obiettivo è impossessarsi dei nostri corpi. Ma c’è un problema: loro sono in pochi, mentre noi siamo in sette miliardi. Hanno bisogno quindi di manipolare la nostra mente per potersi impossessare dei nostri corpi. Hanno un elemento formidabile dalla loro parte: l’astuzia. Sanno come fare. Il che è già garanzia di vittoria, per loro. E di sconfitta per noi. Giocano d’astuzia come i prestigiatori. Ci distraggono con una mano, mentre con l’altra fanno il loro sporco giochino. Ci indicano un nemico da combattere con la mano destra, i migranti, ma con la mano sinistra tirano in ballo la protezione dei bambini. Sanno che, in quanto specie prolifica, ci teniamo alla protezione dei nostri bambini e ci propinano la narrazione che se non vacciniamo i nostri bambini li esponiamo a terribili malattie contagiose. Poiché la maggioranza di noi vuole che i bambini siano protetti, la minoranza passa per essere snaturata e perversa, perché non vuole che i bambini siano protetti dalle malattie. I “Pro Vax” sono indotti a odiare i “No Vax”, accusandoli di essere un pericolo per la salute pubblica, giacché non sono disposti a vaccinare i propri figli. I quali non entreranno nelle scuole, negli asili, nei luoghi pubblici e nemmeno nelle gelaterie. Lo scopo della razza aliena è impossessarsi della maggioranza dell’umanità, incartata con la bufala dei vaccini. La minoranza può essere facilmente spazzata via con mezzi semplici, e lo sarà quando la maggioranza sarà stata infinocchiata. Occorre avvertire i “Pro Vax” dell’inganno che stanno subendo. Che tutti stiamo subendo, perché solo così l’umanità potrà sottrarsi alle grinfie degli alieni. Alla loro astuta manipolazione percettiva. Sempre che siamo ancora in tempo.

L'alieno che lo parassitizza vuole manifestarsi


Uomo 2.0. Questo 22enne americano si è sottoposto a 110 interventi per diventare un alieno. “Voglio essere un  alieno, voglio che quello che è il mio io interiore si rifletta all’esterno. Voglio essere un ibrido."

.... soldi ben spesi.

giovedì 20 settembre 2018

Anche i cagnetti stanno dalla parte giusta


Fonte: TG Com 24

Durante il consiglio comunale cittadino di Monza, l’assessore del Pd Marco Lamperti, all'opposizione, ha chiesto delucidazioni sul nome del cane poliziotto. Narco della Decima Mas, questo il nome per esteso dell'animale, sarebbe un chiaro riferimento alla Decima Flottiglia Mas, unità della marina italiana che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, fece parte del corpo militare della Repubblica di Salò e collaborò attivamente con le forze armate tedesche in Italia settentrionale. "Trovo di poco gusto - dice l'assessore - il riferimento alla Decima Mas: forse non tutti sanno o si ricordano cosa è stato".

Poveri genovesi!


Testo di Giorgio Magrini

Giorno 36 dalla tragedia del ponte Morandi.
- la strada per il traffico pesante è stata inaugurata, ma non vi si può accedere.
- un camion ha perso il carico in strada Guido Rossa, che è stata chiusa. 
- stasera ci sarà la partita alle 19, ma molti sostengono che non sarà un problema andare allo stadio.
- domani inaugurano il salone nautico.

I cani da pastore dicono al gregge dove deve andare


Fabio Kandinsky: Mi avete rotto le palle per mesi per un post su un libro di scuola media sulla delocalizzazione, voglio vedere cosa mi dite di questo adesso!
Gianna Pagliai: Urge riforma scuola. Non più ragazzi indottrinati ma individui con capacità di ragionamento e scelte autonome!
Vania Baldin: Home schooling: è pieno di insegnanti appiedati, se si tengono i ragazzi a casa si evita almeno l'80% del bombardamento pro NWO.
Mimma Maria Gei: Il guaio è che molti insegnanti hanno sempre indottrinato i ragazzi al di fuori delle loro competenze....troppa politica.
Cristina Fasani: Chi sa leggere tra le righe significa che ha la chiave di lettura, il resto è fuffa. Nemmeno a spiattellarglielo in faccia può capire! A mio avviso una gran cerchia di persone non è in grado perché ormai lobotomizzati.

Musulmani, venite a liberarci!


Testo di Rosalba Diana

La disfatta. In un'intervista con Världen Idag, una donna che ha lavorato in una scuola materna svedese (comunale, nemmeno privata) rivela uno scenario da distopia realizzata. E' finita nei guai per essersi rivolta ai bambini con "lui" o "lei" invece che "hen" (il pronome neutro), e per non essersi trattenuta nel rispondere "sei una bambina" a una alunna che le chiedeva (di nascosto dalle insegnanti-psicopoliziotti) "ma io sono un bambino o una bambina?". Tutti i libri della biblioteca sono accuratamente controllati, per evitare ogni riferimento ai generi maschile e femminile (vietatissima Pippi Calzelunghe, solo fiabe su trans e alla scoperta della omosessualità); le parole "papà" e "mamma", così come "maschio" e "femmina" sono abolite; "gruppi di discussione" a partire dai due anni mirano a "rendere normale" l'attrazione per il proprio sesso, i maschi sono scoraggiati dal vestirsi da maschi (mentre bambole e macchinine sono state bandite: permessi solo i neutrali Lego). Di questo passo l'arrivo dell'Isis lassù sarà accolto con sollievo e come una liberazione.

Contrordine, compagni giornalisti!



Testo di Ozymandias

Storia dei vaccini. Il potere addomestica il pensiero. Una piccola riflessione su come la stampa abbia mutato in questi anni la percezione su un tema così importante.

Invece di combattere gli schiavisti se la prendono con chi li contrasta


Giovanna Fisichella: Ahahahah stronzi... Volete le scuse dall'Italia per cosa? Manteniamo centinaia di migliaia di vostri connazionali e volete le scuse? Invece riguardo la Francia che spreme 14 paesi africani col franco CFA non dite nulla, vero? Buffoni!
AltroCesare Sacchetti: L'Unione africana pretende le scuse di Salvini per aver definito gli immigrati clandestini "schiavi". Se un migrante prende un euro all'ora per raccogliere pomodori, è difatti uno schiavo. L'Unione africana invece di combattere questo traffico, combatte Salvini.

mercoledì 19 settembre 2018

Ho un dolore dentro



Ho i brividi. Questi miei fratelli e sorelle annegati, nell'indifferenza. Perché sono considerati animali da produzione, come fossero oggetti. Non mi basta più sapere che fa parte della cultura, non mi basta più sapere che la società legittima tutto questo scempio. La verità è che della società prendiamo quello che ci fa comodo e rifiutiamo quello che non ci fa comodo. Se la società dicesse che da domani non ci saranno più partite di calcio ci sarebbe un sacco di gente per strada. Se questo schifo di ingiustizia persiste è perché ci nascondiamo vigliaccamente dietro uno spicchio di società che ci legittima a mordere vite, a sbranare occhi, a far annegare esseri senzienti. Invece questa società va rivoltata, va messa sotto - sopra. A questa violenza bisogna mettere fine. All'ipocrisia delle gabbie più larghe e dell'uccisione etica bisogna mettere fine. La vita è fatta di sfaccettature, ma la lotta, come dice un mio amico, è duale. O stai di qua, o stai di là. Le altre posizioni sono chiacchiere.

Preti, mezzi preti, pretinicchi e quaquaraqua


Fonte: Oggi Treviso

Santa Lucia di Piave - Il parroco contro i cristiani-salviniani. Nel periodico parrocchiale “Insieme” don Paolo Cester non ha usato mezzi termini per definire quei “fedeli” che stanno dalla parte del leader leghista: “Non sono cattolici”. L’articolo del parroco di Santa Lucia prende spunto da un titolo apparso su Libero lo scorso 24 agosto, “I cattolici (85%) fedeli a Salvini”. “Questi sedicenti cattolici riempiono le statistiche, mandano i figli a catechismo e chiedono (tutti!) funerali cristiani: ma non entrano mai in chiesa e scoprono dopo anni (a volte tanti anni!) che il loro parroco è cambiato! Non mi risulta difficile pensare che l’85% di questi “cattolici di Stato” abbiano posizioni come quelle descritte dal citato quotidiano. Posizioni lecite. Ma costoro non sono cattolici!” Il tema è ovviamente quello dell’accoglienza dei migranti. Secondo don Paolo ci sarebbe contraddizione tra l’atteggiamento “leghista” e il comportamento richiesto ad un vero cattolico, che sarebbe invece improntato all’ospitalità. “Dire “sono cattolico ma non sono disposto ad accogliere i disperati” è una contraddizione assoluta! Equivale a dire “sono cristiano ma non credo nella resurrezione”. Il paragone sconfina anche nel mondo – a dire il vero ben poco spirituale – del calcio: “Equivale a dire “sono interista ma spero che vinca la Juve”.

Il silenzio dell'Occidente, unicamente impegnato a colpevolizzarsi


Fonte: La Postilla

L’islam uccide. La “religione di pace e amore” uccide ancora. Questa volta la vittima è un sacerdote cattolico, padre Pierluigi Maccalli della Società delle Missioni Africane (Sma). Nulla fa immaginare che sia l’ultimo martire “silenzioso” dei nostri tempi. Già, perché la morte di un cristiano non fa notizia. Un cristiano può morire. I caschi blu dell’Onu si preoccupano del presunto razzismo in Italia ma tollerano la morte dei cristiani per mano dell’islam. Il Niger non è tra le nazioni con il più alto tasso di uccisioni di cristiani.

Le leggi razziali per giustificare la bomba migratoria


Testo di Paolo Sensini

Sono passati 80 anni dalle leggi razziali varate dal regime fascista e 75 dalla loro abolizione, ma i media parlano e celebrano tale ricorrenza come fosse un argomento di strettissima attualità. Come mai questa insistenza, al punto che anche il CSM ha dovuto commemorare l'evento cospargendosi il capo di cenere? Vi è una sola spiegazione possibile: creare un parallelismo storico del tutto artificiale e fuori luogo tra la situazione degli ebrei negli anni '30 del Novecento e quella dei finti profughi oggi, tant'è che gli stessi mezzi di disinformazione di massa usano spesso paragonare Auschwitz ai centri per l'identificazione ed espulsione (CIE) dei clandestini afroislamici. 

Passerelle regali


Testo di Walter Tomada

Leggo che giovedì il rampollo savoiardo Emanuele Filiberto sarà a Fagagna a "celebrare" il centenario della Grande Guerra con un cenone da 125 euro a testa. Mi sorprende che stasera - nella stessa logica - non sia a Trieste a "celebrare" l'80° anniversario di quelle leggi razziali che il 18 settembre 1938 il suo prode antenato Vittorio Emanuele III controfirmò zelante non appena Benito Mussolini gliele sottopose. Servirebbero scuse, non banchetti. La 1a guerra mondiale per l'Italia fu una carneficina da 650 mila morti, per il Friuli fu una tragedia che oppose fratelli contro fratelli su fronti opposti e significò un terribile anno di occupazione con 150 mila profughi. Per tutto questo serve rispetto, grazie, non passerelle vip.

Cosa li spendiamo a fare i 35 euro giornalieri?


Marco Galateo: Questa è Bolzano, piazza della Vittoria. Davanti a bambini, famiglie e passanti in pieno giorno. Siamo noi gli esagerati o c’è bisogno di un cambiamento dell’amministrazione?
Roberto Marchiaro: Povero! Chissà cosa ha mangiato? Sicuramente qualcosa che in Italia è diverso dal suo paese. E quando il mal di pancia ti assale, cosa c’è di meglio di una cagata in piazza in mezzo al verde, dietro una pianta che a lui ricorda tanto casa sua! Povero! Sparare a vista.
Federico Proietti: No. Sono solo da eliminare. In qualsiasi modo, purché fuori! Magari un petardo nel... Non sono scurrile, ma purtroppo per il momento è l’unica soluzione, forse.

martedì 18 settembre 2018

Come possono fare una cosa del genere?



Ma la signora Kyenge, senza stare in Italia a fare la bella vita e a darci dei razzisti a noi italiani, come mai non pensa di aiutare il suo popolo? Stai bene qui da noi, vero, a diecimila euro al mese di vitalizio? Questo è quello che fanno ai bambini in Africa e lei sta qui a fare la santarellina e ad offendere tutti noi. Ma vergognati, brutta schifosa e soprattutto vaffanculo, zoccola!

Caos Congo


Fonte: Tempi [28 giugno 2017]

Hanno preso e massacrato l’intera popolazione del remoto villaggio di Cinq. Hanno ucciso donne, bambini e neonati con armi da fuoco, machete, perfino bruciandoli vivi. Hanno distrutto tutte le case e fatto irruzione in una clinica, sterminando medici e pazienti insieme. I crimini contro l’umanità di cui si sono macchiati il 24 aprile i miliziani di Bana Mura, in un contesto in cui è perfino difficile capire chi sono e per che cosa combattono, sono l’emblema della Repubblica democratica del Congo (RDC), un paese «sull’orlo della catastrofe» che sta per implodere a causa di gravissimi problemi politici, economici, etnici e sociali.

Famiglia Cristiana bestemmia in copertina


Testo di Graziano Ganzit

Paragonare i nostri emigranti, che hanno contribuito alla creazione di ricchezza nei paesi ospitanti, agli attuali nullafacenti clandestini che costano cifre folli in mantenimento, è una bestemmia! Con un paragone simile si calunnia e si infanga chi ci ha lasciato la vita o è tornato con la silicosi regalatagli dal carbone estratto. Bravo Salvini a mantenere l'aplomb e pusillanime chi, sopra di lui, non ha difeso l'onore e il ricordo dei nostri emigranti.

Le femministe non si picchiano nemmeno con un fiore



No, ma siamo delle visionarie, femministe isteriche, il femminicidio non esiste, non è mai esistito, noi donne si campa bene, in sicurezza in strada e nelle nostre case. Non esiste la società maschilista. Non esiste differenza tra uomo e donna. Se ti dicono "sei roba mia" significa che ti amano, devi essere contenta. Angela, una di noi che non potrà più. Dunque parleremo anche per lei.

Per essere di Sinistra è utile essere scemi



Negli anni 70 a Milano, quando nelle assemblee delle scuole occupate da “lotta continua” e “potere operaio” i compagni erano a corto di argomenti contro coloro che a loro si opponevano ed ottenevano in questo un certo seguito, si mettevano a gridare “fascisti”. Era il loro modo di mettere a tacere le opposizioni perché da quella accusa di Fascismo nessuno si poteva difendere, né era difendibile. Non importavano le ragioni, i ragionamenti, né la logica. Tacciare di fascista era un sistema sicuro per avere ragione anche quando si aveva torto. Oggi, con poca fantasia e la medesima malafede, si ripetono gli stessi schemi e le medesime stupidate contro Salvini, che ha raggiunto significativi risultati di popolarità con la sua lotta contro l’immigrazione clandestina e, dato che non si è capaci di contrastarlo con i sistemi tradizionali e leciti, si tenta di zittirlo con l’accusa di fascismo.

lunedì 17 settembre 2018

Il gesto ignobile di un calciatore di colore


Francesca Lo Verde: Fosse successo al contrario avrebbero mandato i caschi blu dell’Onu anche alla figc.
Claudio Armino: Lo dico pure io, se fosse successo il contrario, domani Repubblica a tutta pagina...italiani razzisti, fascisti, ecc.
Susan Livorno: Poi lo sputo, lo ritengo proprio un gesto ignobile....fanculo!
Francesco Filippi: Schifoso! Torni a casa sua! Se fosse stato l’italiano a sputare a questo merdone, avrebbero subito chiamato gli ispettori dell onu!
Antonio Frosini: Speriamo che sia vaccinato.

Alle femministe piace urinare in pubblico

Fonte: TV Cidade
Brasile del sud. Femministe protestano nude urinando per terra all università, dove vi era un'assemblea, per attirare l’attenzione riguardo alla violenza sulle donne. Di certo l’attenzione c’è stata, ma non per il motivo della protesta.

Me lo mandi un bacione a Firenze?


Testo di Lorenzo Papetti

Firenze - Via De' Neri (Centro Storico). Con ordinanza del Sindaco di Firenze è vietato, fino agli inizi del 2019, mangiare panini per il decoro della città! Però vendere tranquillamente borse ed altri oggetti taroccati si può! Meditate, commercianti, meditate!

Da che loggia viene la predica!


"Abbiamo intenzione di inviare personale in Italia per valutare il riferito forte incremento di atti di violenza e di razzismo contro migranti, persone di discendenza africana e Rom". Michelle Bachelet, neo alto commissario Onu per i diritti umani. 

Testo di Lut Brando

Ma cos'è, un comò?! Facciamola subito a pezzi e rispediamola, ficcata dentro i suoi stessi bagagli, da dove è venuta. Perché non va a guardare i suoi degni compari, luridi stupratori delle donne siriane! Smembriamola! Come fanno le sue protette bestie nigeriane!

domenica 16 settembre 2018

Buffoni manipolatori della credulità popolare


Testo di Paolo Sensini

Matteo Orfini: «Sciogliamo il PD e rifondiamolo. Il partito com'è oggi non funziona». Dai tempi del vecchio Partito comunista italiano (PCI), ultimo tra le grandi formazioni comuniste dell'Europa occidentale a cambiare nome dopo il crollo dell'Unione Sovietica, hanno variato denominazione ben 3 volte: PDS, DS e infine PD, ma dietro i nomi di comodo c'erano sempre loro. E se anche questa volta mutassero di nuovo la sigla del loro involucro partitico non cambierebbe nulla: sarebbero i medesimi bifolchi schifati e rigettati dalla maggioranza dei cittadini, un destino che sperano di evitare nascondendosi ancora una volta dietro altri nomi di comodo per fare perdere le loro tracce. Però non si rassegnano e pur di eternarsi al potere sarebbero capaci di qualsiasi bassezza e contorsionismo. Buffoni!


Il maligno fato




LA VECCHIAIA

La vecchiaia è una schifezza
Che dobbiamo sopportare
Anche se ci dà tristezza
E alla fin ci fa crepare

Siamo pieni di malanni
Di problemi e di tormenti
Che ci danno pene e danni
Che ci lasciano dolenti

Alla fin di nostra vita
Non ci basta di arrivare
Ma l’ambascia è poi condita
Con tristezza e cose amare

Un maligno fato impone
Di marciar verso la morte
Senza aver più cose buone
Ma dolori avere in sorte

Della vita le promesse
Più non sono mantenute
Le follie di già commesse
Non son qui, ma son perdute

La morale della storia
E’ che vita è una condanna
A disperder sogni e gloria
E dal ciel non cade manna

Siamo nati per soffrire
E vecchiaia è la certezza
Che non resta che morire
Sin da nostra giovinezza

La patria per Ceronetti


In quasi tutte le epoche si è gridato alla decadenza. Un vezzo nostalgico o nel caso della nostra Italia è proprio vero?
L’Italia mi fa soffrire, per motivi di passione civile. Mi vedo come un patriota vissuto in una ininterrotta perdizione di patria, in una non-patria. L’assenza di patria, scriveva Heidegger nel 1946, sta diventando un destino mondiale. Dappertutto, le patrie stanno scomparendo o s’immaginano di esserci ancora. Migrazioni di popoli e globalizzazione tecnologica abbattono quelle frontiere per le quali abbiamo combattuto e penato tanto. Posso dire come Lucrezio: “In questo tempo di sciagure per la patria”. Ma se ci rifletto, a una patria che c’è ormai così poco non toccano sciagure.


L’idea di patria ha avuto decisamente più fortuna a destra che a sinistra, forse come retaggio marxiano, “Gli operai non hanno patria”.
Non si capisce bene perché la destra si sia impadronita di questo concetto, anche se il vecchio dogma operaista certamente dà una spiegazione. Il patriottismo moderno nasce con la Rivoluzione francese, c’è quello del Risorgimento e poi si arriva a quello dei totalitarismi. L’ultra-patriottismo del Fascismo ha dato l’ultimo colpo di piccone al sentimento di patria. Dopo il ’ 45 la parola “patria” era del tutto squalificata: il termine è sparito, ed è stato sostituito da “Paese”, che prima non si era mai sentito in riferimento allo Stato. Tanto è vero che c’era un giornale di sinistra che si chiamava Il Paese. E non avrebbe mai potuto chiamarsi La Patria! Figuriamoci, sarebbe diventato subito uno strumento dei fascismi. In quei primi anni subito dopo la fine della guerra però, anche a destra si andava cauti con la parola “patria”.

La fonte della ricchezza degli ebrei nasce da lì


Antonella Leoni: Il vero Dio non ha mai detto cazzate del genere. Tutta roba inventata su misura da loro.
Zeffiro Rossi: Seguite ciò che dice lo storico Mauro Biglino, uno dei traduttori della Bibbia e ci renderemo conto che la Chiesa ha fatto scrivere ciò che ha voluto e non ciò che era scritto (Nuovo Testamento se non erro).
Maria Grazia Sabato: La verità è dentro ad ognuno di noi. Si deve lavorare molto su se stessi con la meditazione ed elevarsi spiritualmente. Alzando le vibrazioni si è in contatto diretto con la fonte Divina e tutto apparirà molto chiaro. E’ l'avidità, la materia e il potere di onnipotenza che frega l'essere umano.
Martin Littlestone: Se lo sono inventato, sono i più imbroglioni del pianeta.
Maria Grazia Sabato: Sono farisei e giudei. Questi per denaro ammazzano pure il loro sangue, come è avvenuto il massacro di tanti di loro, guidato da Hitler, ebreo, e scelto per massacrare i suoi fratelli. Non avranno mai pace.
Rosario Spina: Il fatto più grave è che ci hanno imposto il loro Dio, il loro libro e il loro mondo. La nostra servitù non è solo economica.

Si ripresentano le malattie che credevamo estinte


Testo di Mauro Bertuzzi

Vi siete mai chiesti in questi giorni, dopo aver appreso dai telegiornali sui casi di polmonite a Brescia, cosa sta succedendo? Bene, dicono che molto probabilmente sarà causa un virus nell'acqua. Non è mai accaduto in Italia, nemmeno nei tempi di guerra, di fame, di sete, quando si soffriva e si beveva acqua di pozzi sporchi di muschio, latte direttamente dalle mucche, verdure e erbe anche senza lavarle. No, no, no, non ci credo! L'Italia nostra, che con i nostri vecchi in guerra - quanto hanno sofferto - per salvaguardare questa nostra patria, in questi periodi, quelli deceduti si stanno rivoltando dalle tombe, vedendo quello che sta succedendo! Nessuno si è mai posto il pensiero profughi? Nessuno si è mai chiesto perché noi, se dobbiamo fare una vacanza nelle loro terre, dobbiamo fare profilassi, vaccini, ecc. Quanti africani ci sono in Italia? E nessuna vaccinazione.