venerdì 12 febbraio 2021

La parabola discendente di un partito sovranista


Testo di Stefania Damiani

Ciao amico leghista, come stai?

Come ti senti a essere europeista anche tu adesso?

Confuso eh?

Beh, dai è comprensibile.

Anni passati dietro a un tizio che ti diceva che ogni tuo problema fosse causato dall’Europa, l’euro, Draghi, Bruxelles, la Bce. E adesso?

Adesso ti dice l’esatto contrario.

Senza nemmeno chiederti scusa per averti mentito in tutti questi anni.

Ma che importa no?



Sei leghista. Ed essere leghisti significa questo: non avere ideali, non avere principi, se non obbedire al padrone.

Senza farti domande, senza sollevare obiezioni, senza mai sentirsi umiliati, traditi, insultati.

Avresti potuto farti delle domande già mesi fa.

Chiederti come mai l’Europa che sognava di farci fallire, come diceva il tuo Capitano, non ci abbia lasciati fallire con l’arrivo della Pandemia.

Come mai la BCE abbia acquistato decine di miliardi di nostri titoli salvandoci dai mercati e dallo spread.

Come mai abbia messo in campo il Recovery Fund e dato all’Italia la cifra più alta.

Ma come, non volevano farci fallire per venderci poi alla Germania e alla Francia come ha sempre detto il Capitano?

E invece no.

Non ti sei fatto alcuna domanda.



Per diventare europeista anche tu hai dovuto attendere che in 24 ore il tuo padrone ti dicesse che l’Europa e Draghi ora vanno bene. Perché così conviene a lui.

Caro amico leghista, solo Dio sa cosa sarai domani.

Forse un difensore degli immigrati, forse sfilerai ai gay pride, forse ti imbarcherai su una ONG se il Capitano deciderà che quello è ciò che gli conviene per il potere.

Non ti resta che aspettare.

In fondo lo hai sempre fatto. Lo hai seguito quando ti diceva “Italia di merda” e quando poi ti ha detto “Prima gli italiani”; quando ti diceva “Basta euro” e poi ti ha detto “Non abbiamo nessuna intenzione di uscire dall’euro”; quanto ti diceva che l’Europa sogna di farci fallire con “Draghi complice del massacro” e ora che ti dice che Draghi e l’Europa sono la salvezza.

Benvenuto in Europa, caro leghista.

Scuse accettate.

12 commenti:

  1. Eppure , nonostante che gli fanno anche i disegnini per fargli comprendere meglio , questo popolino non molla ... adesso i rivoluzionari aglio olio e peperoncino si buttano con la Meloni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà il momento in cui anche la Meloni si rivelerà essere traditrice dei suoi elettori.

      Elimina
    2. La meloni ha già mostrato quella che è con la sua bellissima manina che avrebbe fermato il covid malvagio stando a casa per 15 giorni (tanto per dirne una).

      Gg

      Elimina
  2. Vedendo la Meloni con le stampelle ho subito pensato sia scivolata su una buccia di banana, quella delle buone intenzioni. Che tali rimangono. Ovvero trattarsi di una sceneggiata per impietosire il suo elettorato, per prepararlo, magari, al comportamento pilatesco che ella avrebbe tenuto di fronte alla formazione del "nuovo" governo. Il tempo dei..... Meloni.

    Vedendo, assistendo, finché potei, allo show del venerdi sera "il cantante misterioso", ho capito tante cose. Possono fare quel che vogliono di noi oramai, o perlomeno della stragrande maggioranza di noi. Il fatto che vengano riproposti giochi, intrattenimenti già in voga nelle fiere del milletrecento, o forse prima, rafforza il mio sentire. Cioè che stiamo entrando in un nuovo medioevo. Senza salvamento, a meno che spiriti illuminati e potenti non ribaltino la situazione affrancando i galeotti dalla voga. Oppure ricorrere al più prosaico ma sicuro asteroide. Meglio due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il medioevo al confronto di quello che sta per abbattersi sull'Europa lo si può considerare un momento storico paradisiaco.

      Quel programmuculo è in linea con la sacra opera dei buoni muratori, simbolicamente rappresenta la condizione alla quale ci hanno ridotto: quella di bestie grottesche.

      Sugli asteroidi meglio fossero una decina e di dimensioni importanti così da cencellare questo pianeta osceno dalla faccia della galassia.

      Gg

      Elimina
  3. L'agenda per il 2030 parla chiaro. Basta aspettare. Io vi dico solo "godetevi questi ultimi mesi", poi sarà il disastro più totale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucida constatazione

      Gg

      Elimina
    2. Ciao Mauro, come va?
      Che ne dici del buon professore Grisù?

      Oggi ho assistito al suo insediamento, sia mai che non sia rispettoso dell'operato dei buoni grembiulini.
      Il tutto era insolito e di atmosfera diversa dalle precedenti cerimonie.
      Notare che Draghi ha anticipato il suo arrivo alle 11:57 invece che alle 12:00 (ieri si era rinchiuso in una caserma per creare la sua brigata).
      Che questa sia l'ultima cerimonia e l'ultimo governo "normale" (tra molte virgolette)?

      Gg

      Elimina
  4. Si sopravvive, il morale non dei migliori....
    Il Draghetto Ufficiale Di Picchetto, sembrerebbe il titolo di quei film commedia italiani anni 70,però senza la Fenech. Per la parità di genere vi compaiono il Di Mario e lo Speranza, ma non è la stessa cosa....
    Ne vedremo delle belle, ma non come al Lido De Paris...
    Stammi bene, un salutone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di mario ahahah

      Si non va assolutamente bene, le donne si sono lamentate che non sono state rappresente in giusto numero nella nuova squadra.
      La cosa si commenta da sola, inutile aggiugere altro.

      Sopravvivo anche io come te, come tanti in questo mare di rifiuti organici chiamato eufemisticamente "umanità"... Il ribrezzo e il senso di malessere è sempre più diffuso intorno a noi.
      Speriamo in un deus ex machina o un in repentina accelerazione degli avvenimenti, per ora purtroppo è una lenta agonia.
      Un caro saluto.


      Gg

      Elimina
  5. ..... Oops volevo dire Di Maio..........

    RispondiElimina