sabato 23 giugno 2018

I compagni del PD devono essere inquisiti per ostacolo alla giustizia


Il migrante classico è quello che va all’estero, lavora un certo numero di anni, mandando i soldi alla famiglia rimasta in patria, e poi torna per costruirsi la casa nei luoghi d’origine. In Friuli, la maggiornanza dei migranti ha fatto così. Poi ci sono quelli che danno un taglio netto al passato e si rifanno una nuova vita nel paese d’adozione. Gli stranieri in Italia in questo momento, sudamericani, cinesi, filippini o ucraini che siano, lavorano duramente e mandano i soldi alla famiglia lontana, principalmente tramite Western Union. Nulla a che vedere con l’invasione di africani senza passaporto, che vediamo gironzolare in giro per le città, perché un minimo di controllo sulle transazioni economiche è possibile. Purtroppo, ci sono stranieri provenienti dai Balcani che vengono in Italia, ma non per lavorare come le altre etnie, bensì per ricavare denaro in modi illeciti: furti, rapine, sfruttamento della prostituzione e perfino accattonaggio. Sono dei “lavoratori” sui generis e anche loro mandano il denaro, racimolato qui da noi, in Romania, in Bulgaria e negli altri paesi dell’est Europa da cui sono inizialmente partiti. Li si può vedere con macchine di grossa cilindrata, proprietari di ville di lusso e dotati di altre forme di ricchezza come collane e altri monili d’oro. Evidentemente, il crimine paga. E pure l’accattonaggio.


Ora abbiamo un ministro dell’interno che vorrebbe sapere chi c’è sul territorio italiano, cosa fa per mantenersi e chi ha diritto di rimanere o viceversa deve essere espulso. La becera Sinistra che mette i bastoni fra le ruote del neoministro Salvini, prendendo le difese dei criminali, Rom o Sinti che siano, commette secondo me il reato di favoreggiamento. Non se ne rende conto, sia detto in sua parziale difesa, perché probabilmente obnubilata da ideologie buoniste ipocrite e assurde. Perciò bisognerebbe che ai compagni della Sinistra qualcuno aprisse gli occhi, affinché la smettano di ostacolare la giustizia.
[N.d.R. Ringrazio Francesco Spizzirri per avermi mandato il seguente video]

18 commenti:

  1. Mi piacciono la pacatezza e l’essenzialità delle tue argomentazioni, che condivido e sottoscrivo. Poi ho guardato il video ed ho solo capito che il tizio fa accattonaggio anche lui, infatti chiude chiedendo un aiutino in denaro per continuare a mostrare le sue illuminanti testimonianze.
    Aldilà delle sue dichiarazioni verbali, da cosa si capisce che quelle case, quel matrimonio e quegli interventi della polizia siano da collegare ai Rom? E se anche fosse, che nesso ci sarebbe con quelli che insozzano l’Italia? Perché un Rom dovrebbe vivere da barbone in Italia e costruirsi un splendida dimora in Romania?
    È mia mera curiosità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti i video blogger chiedono un aiuto economico. Non vorrei sbagliarmi, ma anche Claudio Messora lo fa.

      In quanto alla tua domanda, anche i Sinti nostrani, come i Casamonica, si costruiscono case che sembrano castelli, con tanto di piscina e altri lussi. E' una forma di affermazione sociale.

      Immagino che i Rom rumeni abbiano la stessa tendenza.

      Molti vivono nella sporcizia, nei campi nomadi, ma questa è percepita come tale solo da noi sedentari (Gagi).

      Per loro, essere circondati dall'immondizia, è normale. Lo vedo quando vado in Madagascar, dove la popolazione non ha cognizione di vivere in un ambiente che noi chiameremmo immondezzaio.

      A livello psicologico, se sono "figli del vento", non sono figli della terra. E questo si traduce nella mancanza di rispetto per il terreno attorno alle proprie abitazioni.

      Un animale nomade lascia i suoi residui ovunque, ché tanto poi si sposta, ma un animale sedentario non sporca mai vicino alla propri tana.

      Elimina
    2. Forse la mia domanda doveva essere più esplicita. Perché questo video blogger per parlare dei Rom italiani tira in ballo la Romania? E che c…o dimostra che le cose che fa vedere siano collegate ai Rom? Io non vedo altro che montatura intenzionale.

      Elimina
    3. So da molti anni che il 40 % della popolazione rumena è di etnia Rom.

      Perciò non vedo falsità nelle affermazioni fatte dal video blogger.

      Elimina
    4. Dimenticavo, nel 1965 ero alla Scuola Trasmissioni Esercito a S. Giorgio a Cremano (Na) e ti assicuro che non c’era alcun bisogno di scomodare il Madagascar e nemmeno i Rom.

      Elimina
    5. Dunque a priori e senza ombra di dubbio non è possibile che siano collegate con il restante 60%. Insisto, da cosa si capisce che siano certamente attribuibili al 40%?

      Elimina
    6. Per rispondere a questa tua ultima domanda, bisognerebbe andare sul posto.

      E la stessa cosa andrebbe fatta per ogni notizia raccolta in rete. Per esempio, quando si riunisce il Bilderberg, se non voglio prendermi le critiche degli ipercritici e diffondere notizie su quella riunione segreta che non ho potuto verificare, dovrei, da bravo giornalista/blogger, indossare una di quelle maschere di lattice del film "Mission Impossible", con Tom Cruise, e farmi passare per John Elkann.

      Ma siccome non posso farlo, i miei utenti devono correre il rischio insieme a me di leggere una notizia non verificata.

      Questo passa il convento. Vi dovete accontentare.

      Elimina
    7. E per quanto riguarda l'immondizia in cui vivono i malgasci e i Rom, so benissimo come vivono i nostri meridionali, perché in Meridione ci sono stato e ho visto.

      Ma devo fermarmi qui perché, se entro nei dettagli, subito salta fuori qualcuno ad accusarmi di razzismo.

      Dico solo una cosa, tanto per capirci, il focolaio di colera, dovuto al consumo di molluschi marini crudi, si verificò a Napoli, a metà degli anni Settanta, non a Trieste.

      Scusa, sono andato troppo oltre.

      Elimina
    8. Comincio a dare ragione a quelli che sostengono che gli alieni siano fra di noi, perché talvolta mi sento uno di loro con difficoltà di comprensione delle logiche terrestri.
      Io non metto in discussione le argomentazioni del tizio che espone, ma considero inappropriate le immagini che mostra.
      Se volessi fare un video per denunciare le pratiche illegali della comunità cinese di Prato, sarebbe logico mostrare avvenimenti a Pechino a sostegno? Oltretutto lì sono quasi tutti cinesi! Non sarebbe meglio mostrare quello che succede a Prato?
      Se volessi fare un video sulle associazioni “Fogolârs furlans” in Argentina, sarebbe meglio mostrare un’osteria di Codroipo, dove sarete in molti i friulani, oppure far vedere qualche circolo a Buenos Aires?
      Penso di aver chiarito definitivamente il modo di vedere.
      Infine, a proposito dell’immondizia, non trascuriamo le immagini di Roma, non quelle relative ai Rom, che pure non scherzano.

      Elimina
    9. Forse hai ragione a dire che le immagini delle case lussuose in Romania non dovrebbero essere mostrate in un servizio che parla dei Rom in Italia, ma a giudicare dalle incursioni delle teste di cuoio rumene, sembra che anche laggiù il reddito dei Rom si basi su attività criminose, né più né meno di come viene qui da noi.

      E' un'etnia che ha il DNA del parassitismo nel sangue.

      Elimina
    10. Mi rassegno alla logica terrestre e rinuncio alla replica.

      Elimina
  2. Mentre le masse si fanno stupidamente trasportare dall'Uomo Qualunque di turno, io debbo dire che la questione dei nomadi non è molto importante.

    I comportamenti scorretti di taluni nomadi sono strumentalizzati per distrarre l'opinione pubblica dalle reali contraddizioni che albergano in seno al paese. Presto o tardi, le contraddizioni imploderanno ed apriranno il Vaso di Pandora.

    Ritengo che il tempo sia maturo per disegnare la cartina politica dell'Italia post-unitaria:

    - restaurazione del sabaudo Ducato Piemontese, inglobando ad esso la Liguria, la Valle d'Aosta e la Savoia francese;
    - annessione del Sudtirolo da parte dell'Austria;
    - fondazione della Repubblica Lombarda;
    - restaurazione della Repubblica di Venezia, inglobando ad essa il Friuli ed il Trentino;
    - fondazione della Repubblica Giuliana con Trieste quale capitale;
    - divisione dell'Emilia-Romagna in due stati indipendenti;
    - restaurazione del Granducato di Toscana;
    - fondazione di un nuovo Stato Pontificio occupante l'intero Lazio, l'Umbria, le Marche, e l'Abruzzo;
    - restaurazione del Regno di Napoli occupante il meridione d'Italia;
    - fondazione dello Stato Libero di Sicilia;
    - fondazione della Confederazione di Sardegna.

    Freeanimals, cosa ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando sono arrivato allo Stato Pontificio, mi è scappato da ridere.

      Ma poi ho pensato che tu non sei il vero K, ma il suo clone Troll.

      Elimina
    2. Io mi vedrei male nello Stato Pontificio, visto che ore vivo nelle Marche. Sicuramente finirei nelle grinfie dell'inquisizione, perciò preferisco l'attuale situazione. Rispondo giusto per partecipare al gioco.

      Elimina
    3. Meglio un morto in casa, che un Negri dietro la porta.

      Lo conosci il proverbio, vero?

      Elimina
    4. Sullo stato pontificio, avrei dei dubbi. Sarebbe meglio chiamarlo:"regno d'Italia centrale".:)

      Elimina
    5. E il re chi sarebbe?

      N.B.
      Questo tuo commento è troppo....anomalo. E quindi sospetto.

      Elimina