giovedì 15 novembre 2012

La gola a mezzogiorno

Un amico conosciuto su internet è venuto a trovarmi, cioè ha voluto sapere chi c’era materialmente dietro la mia tastiera a più di 500 Km di distanza. Siccome lui fa l’imprenditore e io sono disoccupato, gli ho chiesto se per caso aveva lavoro da offrirmi.
Inaspettatamente mi ha risposto che potrebbe assumermi per contattare clienti, facendo telefonate da casa, e al di là del fatto che tale proposta, di primo acchito, non mi abbia entusiasmato (perché mi fa venire in mente quelle ragazze che per seicento euro al mese lavorano molte ore nei call centers), mi ha almeno fatto venire voglia d’intervistarlo per chiedergli lumi su come mai la sua azienda vada in controtendenza rispetto alla maggioranza delle ditte che in Italia stanno licenziando a tutto spiano.
Fra poco sentiremo le sue risposte,  ma prima è giusto avvisare i lettori che l’intervista, partita con le migliori intenzioni nel voler sondare i problemi dell’economia italiana, in riferimento all’attuale crisi economica, ha poi preso una strada tutta diversa, grazie alle interessanti e oserei dire originali posizioni filosofiche dell’intervistato.
Ne è venuto fuori un animato scambio di battute tra me e lui e, successivamente, una testimonianza degna d’attenzione, anche se ai problemi dell’economia italiana abbiamo fatto solo qualche vago accenno.

Vittorio ha 52 anni e vive a Rapallo, in provincia di Genova. E’ sposato con una tailandese conosciuta in America ed è padre di tre bambini di sei, sette e quattordici anni. La sua ditta si occupa di manutenzione e sostituzione di pezzi di ricambio di apparecchiature radiologiche ed ecografiche.

Cosa ti ha fatto rientrare in Italia dopo quindici anni negli USA e come mai sei passato dall’import-export del caffé, del cacao e dello zucchero al settore delle apparecchiature mediche?

Siccome non avevo pregiudiziali verso gli Yankee, come molti della mia generazione, ho voluto esplorare quel grande continente, con tutte le sue opportunità, e poiché avevo degli agganci familiari in loco mi sono impegnato nel commercio di quei generi alimentari e quando ho deciso di rientrare in Italia, ho ripreso il commercio di materie prime, soprattutto fagioli, per poi spostarmi sul settore medicale che ha funzionato molto bene.

Poiché la tendenza attuale, in economia, è quella del licenziamento, come valuti, in un ampio contesto, il fatto che la tua azienda assuma personale?

Le regole generali, per noi che siamo un'azienda di nicchia, non valgono. Quindi anche se l'economia è in crisi ci sono eccezioni.

L’attuale crisi economica, a tuo giudizio, è stata pilotata dalle élite massoniche o si tratta di un fenomeno fisiologico insito nei meccanismi dell’economia mondiale?

Parte della crescita era virtuale e basata su denaro fittizio, quindi più che una crisi io lo chiamerei ridimensionamento e un ritorno alla realtà.  Per farti un esempio, se oggi guadagno dieci, domani guadagno cento e dopodomani guadagno ottanta, non posso strapparmi le vesti e gridare allo scandalo perché sono sceso di venti punti, perché sarebbe scorretto dimenticare che negli anni Cinquanta guadagnavo dieci.

Tra i lavori di cui c’è offerta negli uffici dell’impiego io trovo tornitori, saldatori e venditori, ma nessuno li vuole fare e nel caso dei primi due io non avrei nemmeno le competenze per farli.
Infatti, siamo stati abituati troppo bene e ci hanno instillato bisogni inutili da soddisfare con soldi che non abbiamo. Tutto alla fine dipende dalla percezione che abbiamo della realtà.

Cosa è successo tre anni fa che ti ha cambiato la vita, modificando la tua visione del rapporto uomo/animali?

Ti sembrerà strano - e forse ti farà anche ridere - ma è stato un libro dal titolo improbabile che  mi ha illuminato. S’intitolava “E’ facile controllare il peso se sai come farlo”, di Allen Carr. La frase “Se gli ippopotami, i cavalli e gli elefanti mangiano erba, perché invece di mangiare quegli animali non mangiamo erba anche noi?” mi ha colpito nella sua semplicità e nell’impossibilità di trovare obiezioni ragionevoli.
Poi ho cominciato ad informarmi su internet, soprattutto leggendo siti come “Come Don Chisciotte” e piano piano ho scoperto l'esistenza dell'abuso sistematico sugli animali.
Se non c’è consapevolezza, le sofferenze che infliggiamo agli animali sono la più grave ripercussione delle nefandezze di cui siamo responsabili, ma non l’unica. Quella è la più nascosta, la meglio occultata.

Come spieghi che un’antica cultura buddista produca persone come tua moglie e la sua famiglia, del tutto refrattarie ai diritti degli animali, mentre noi cristiani riusciamo ancora a prendere coscienza e a fare scelte etiche?

Non c’è differenza tra cristiani e buddisti, perché in tutti i casi è la gola a spingere le scelte comportamentali. Come possiamo comunque essere sicuri che il cristianesimo sia quello che ci è stato insegnato? Io penso che la religione di Cristo sia come un aereo che è stato dirottato. E’ partita con una destinazione, ma è atterrata da tutta un’altra parte. I padri della Chiesa, che traducevano, interpretavano e divulgavano la Bibbia, lavoravano sotto la protezione dei principi e avevano chiari interessi di predicare cose a loro gradite. Di fronte alla prospettiva di finire a studiare i testi sacri e a ricopiarli stando al freddo lontano dai privilegi e dagli agi del castello, hanno sicuramente fatto sì che i testi sacri non scontentassero né i nobili che fungevano da mecenati, né la plebe che doveva essere il cliente ultimo delle loro predicazioni.  Per quanto riguarda il buddismo, che non ha un vero e proprio testo sacro, i cervelli che hanno sviluppato il credo buddista hanno fatto sì che prendesse più la strada della filosofia, che non quella degli intrallazzi con il potere temporale. Per tale ragione, il buddismo oggi è minoritario rispetto al cristianesimo e la gente, qui da noi come laggiù, segue più gli stimoli della fame che gli scrupoli morali, che sono – non dimentichiamolo – un’occupazione per stomaci appagati.

L’uomo, cristiano o buddista che sia, dovrebbe sentire impellente la necessità di non nutrirsi di prodotti animali per un insieme di fattori, che vanno dal senso di giustizia, di bellezza e di salubrità. Oppure, come diceva Osho Rajneesh, per una semplice questione di buon gusto. Se una persona si preoccupa dell’instaurazione del NWO, o del signoraggio o di mille altre questioni, ma è grassa, non fa sport e mangia prodotti animali, non è in armonia con se stessa e con la natura. Sarebbe utile imparare a comprendere tutti i tasselli di un quadro generale in cui tutte le cose sono legate tra loro. Non ci si può dichiarare pacifisti o non violenti e contemporaneamente nutrirsi di cibi prodotti con violenza. In caso contrario, chi è che decide cosa è giusto e cosa è sbagliato, la mia gola? Le mie papille gustative?

Le teorie degli studiosi di complotti indicano che la direzione politica mondiale vada verso il NWO. Nessuno ha la sfera di cristallo ma tu che stai leggendo “Il mondo Nuovo”, di Huxley, trovi qualche riscontro con la realtà, qualche segnale premonitore?

NWO e' un concetto astratto, ad un certo livello c'e sempre stato un ordine mondiale e sempre ci sarà. In certi periodi il problema è più acuto, ma comunque sono d'accordo che al momento il potere politico si stia accentrando in maniera pericolosa.
Che poi, in fin dei conti, questo NWO, se esiste, siamo noi tutti.  Sette miliardi di persone, con le loro esigenze, fanno ognuno delle infinitesime pressioni per avere maggiore sicurezza, ed ecco che viene loro fornito il Ministero della Difesa. Oppure vogliono avere maggiori beni a disposizione, ed ecco che viene loro fornita la multinazionale che soddisferà i loro bisogni. Ogni volta che vogliamo di più, e facciamo una piccola azione per ottenerlo, diamo un minuscolo contributo per creare la realtà in cui viviamo. Se ci chiediamo perché le grandi aziende e le nazioni agiscono in modo così terribile, ricordiamoci che le loro azioni sono il semplice risultato di miliardi di piccole azioni che facciamo ogni giorno quando vogliamo qualcosa di più.  Di conseguenza, non è davvero questo o quel politico o amministratore delegato di una grande società che decidono veramente di incominciare una guerra o distruggere l'ambiente, ma le loro azioni sono semplicemente i risultati di miliardi di piccole spinte da parte di tutti noi.

Aspetta, fammi capire se ho inteso perfettamente il tuo pensiero: tutti aspirano al potere e quelli che il potere già ce l’hanno, e anche tanto, ne vogliono ancora di più. Mai sazi, vogliono spingersi fino a dominare l’intero pianeta e quindi mirano all’instaurazione del governo unico mondiale. In definitiva, nel merito della questione, mi stai dando ragione.

Direi di sì.  Vorrei anche menzionare che va bene seguire i blog e partecipare alle discussioni ma non dobbiamo mai dimenticarci di dare la priorità alle nostre azioni.  Quindi fare del nostro meglio per migliorare la situazione intorno a noi, lavorando con impegno, essendo solidali con i nostri vicini e sorridendo anche quando la vita ci porta delle difficoltà. Ogni pezzetto di carta riciclato ha il suo valore, sebbene ce ne vogliano miliardi per fare anche una sola piccola differenza.
Il valore morale delle azioni che commettiamo fra noi esseri umani è in ogni caso trascurabile rispetto a come ci comportiamo con gli animali e la terra, che sono senza difesa e senza parola. Questo è veramente il più grande crimine di sempre che continua ad essere commesso ogni momento che passa.  Preoccuparsi dei problemi che abbiamo tra noi umani, prima di porre fine a questo crimine o per lo meno di arginarlo seriamente, è in realtà solo un tentativo illusorio di sentirci utili e buoni.

In conclusione, non possiamo lasciare che sia la nostra gola, quando ci sediamo a tavola a mezzogiorno, a decidere per noi.



87 commenti:

  1. devo riconoscere nell'intervistato una saggezza non molto comune di questi tempi,la trovo molto condivisibile.
    alla fine il problema siamo noi,con i nostri pensieri e desideri a dare forma e sostanza alla nostra società.
    su intenet c'è un marasma di colpevolizzatori contro la politica,scienze,religioni...ecc.tutti che trovano colpevoli altri x le proprie difficoltà a vivere,non riconoscendosi come parte in causa,certo chi+ chi - in base alla posizione occupata nella società e conseguente opportunità......................
    siamo dio ma anche lucifero......dipende da noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente, bisogna superare i 50 per diventare un pochino saggi.

      Hai detto una cosa verissima: è più facile colpevolizzare gli altri, che cercare colpe e responsabilità dentro di noi.

      Ciao

      Elimina
  2. sulla falsariga dei consigli sinceri.
    è + facile dare bei consigli ad altri che consigliare se stessi.
    siamo proprio un essere difficile e pieno di contraddizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle mie parti c'è un modo di dire: "Non datemi consigli: voglio sbagliare da solo!".

      Elimina
  3. Che dire,sono in totale sintonia col pensiero di Vittorio,Roberto dopo avermi sentito nei commenti avevi capito perché mi sarei "riconosciuto"!!!
    Son sicuro che la sua esperienza di aver vissuto in un altro continente e convivere con una persona di un altro continente ancora ,abbia arrichito di non poco il suo modo di vivere,donne e buoi NON dei paesi tuoi !!!! :-))))
    e bello sentire qualcuno con mente e atitudine possitiva oltre che obietiva,e dimostra ancora una volta che ogni uno é artefice del suo destino e gli va come vuole che gli vada...
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vittorio è stato 15 anni in America....
      Deve avere qualcosa di speciale quel continente!

      Elimina
  4. Quando nulla.. nulla è un caso! Sono in perfetta sintonia con l'intervistato... al femminile.
    Quello che afferma Vittorio è di una verità che sento profondamente. Ho avuto (e ho ancora, se pur in minima parte) contro tutti i colleghi poichè mi rifiuto categoricamente di distribuire prodotti alimentari di provenienza animale (stiamo parlando di una microscopica ditta di distribuzione "alimentare")... nonostante tutto ad oggi la ditta (nata da una semplice invenzione fuori "dalle righe comuni") si trova in "difficoltà" poichè, nonostante le mie scelte "di non ragionevole logica", non riusciamo e servire adeguatamente "tutte le richieste".. quindi è vero che ci si può "inventare"... Questa premessa per collegarmi alle esigenze di lavoro comune. Concordo in pieno quando Vittorio afferma che siamo stati abituati troppo bene! Oh! quant'è vero! Sai Roberto, personalmente mi sono buttata nei lavori più impensabili quando "avevo bisogno".. Il mio ragionamento, da sempre, è stato: mi danno 5€ all'ora? (questo perchè l'ho vissuto) beh, moltiplicati per 5 ore sono 25 €.. togli le spese (fossero anche di 10 €!) beh... sono 15 € al giorno x 20 giorni sono 300 € che , piuttosto che stare col fondoschiena sulla poltrona a logorarmi il cervello e far fare il bucato ai miei genitori.. almeno gli pago il detersivo!... a me è successo, come a tantissimi di noi.
    In questi ultimi due giorni stiamo "impazzendo" per cercare una persona (fra i tantissimi disoccupati che conosciamo) che faccia "semplicemente" da autista.. nient'altro! in cui il resto del lavoro lo fa il collega... tutto questo per un massimo di 5/6 ore! ti assicuro che è gente che sta mandando curriculum da tutte le parti... ma alla nostra offerta (7€ all'ora netti)... beh, meno di 50 € non se ne parla! quindi 10€ netti al'ora più i contributi naturalmente (la ns. richiesta è per un massimo di tre settimane)...... ora, scusa ma personalmente non trovo nulla di logico in questo ragionamento! Non ho 80anni! ma Santa Energia! quanti vizi!
    Poi, perdona se mi dilungo, ci si fa tante domande sul perchè e il per come le aziende "scelgono" e sono invase da lavoratori che arrivano da oltre confine... e non so! essere un po' più umili ed accettare quello che in un momento di difficoltà "ti arriva" piuttosto che mettersi su un piedistallo perchè "io ho un diploma", .... no?
    Io l'ho fatto e nè mi vergogno (anzi!), nè mi pento... se non avessi avuto "quelle umilianti esperienze" (che sono molto al di là del guidare un furgone!)oggi non potrei scrivere un messaggio del genere.. e non avrei avuto l'opportunità di inventare qualcosa fuori dagli schemi.... ma sono PROPRIO quelle esperienze (senza se, senza ma, senza vergogna) che mi hanno portata ad inventarmi... in caso contrario penso che ... beh, probabilmente a quest'ora stavo a mandare curriculum pure io.
    saluti
    cat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Albsorio scrive:
      “a 3.5Km da dove vi scrivo, (abito nella civile Italia), ci sono lavoratori che lavorano per 0.50 €/ora”


      Qui:
      http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11084

      Non lo avrei mai immaginato!

      Elimina
  5. roberto, approfitto del tuo spazio.......

    domenica 18 novembre alle ore 18.00 nella sala dell'ex collegio dante sarà presente come relatore mauro biglino, tema trattato: il dio alieno della bibbia.
    porterà alla conoscenza del pubblico presente le traduzioni dall'ebraico antico del codice dei masoreti a sua volta derivato dal codice di san pietroburgo,le fondamenta del vecchio testamento.
    collegio dante via nicolò tommaseo 10
    vittorio veneto (tv)

    piccolo contributo economico (x le spese sostenute) di 5 euri.
    ass.ne salus bellatrix
    se vieni,spero che tu colga l'occasione.....mi piacerebbe conoscerti.
    ovviamente tutti i lettori sono invitati!!!
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michy, da tempo avevo messo in programma di andare a Pordenone a sentire una professoressa americana, vegana:

      http://www.facebook.com/events/452721684774157/?ref=nf


      Ma se tu abiti a Vittorio Veneto posso venire in moto ad intervistarti. Pensa intanto a un argomento su cui ti senti ferrato.

      Ciao e grazie per l'invito.

      Elimina
  6. Saluti a tutti da Vittorio l'intervistato, grazie per i vostri gentili commenti sulle mie risposte.
    Se volete sapere di piu su di me potete trovare le mie idee presso www.ecceideas.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vittorio, verrò sicuramente a visitare il tuo sito, grazie :-)

      Elimina
  7. Chi è Peter Singer?
    Chi sono i Fruttariani?
    Come mai il signor Vittorio ha sposato una donna non-vegana?
    Era veramente un essere alieno quello della rotonda di Mortegliano in Friuli?

    Con rispetto

    g

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Filosofo australiano vivente, animalista.
      2) Mangiatori di frutta (e forse semi) e nient'altro.
      3) Perché quando l'ha conosciuta anche lui mangiava carne.
      4) Secondo me sì, ma sto tuttora indagando.

      Contraccambio il rispetto.

      :-)

      Elimina
  8. Già...la saggezza è accompagnata dall'intelligenza e questa persona è dotata...

    RispondiElimina
  9. Mah... a me mi pare la solita riflessione "moscia", che incanala tutto il discorso verso la solita manfrina dell'uomo avido e malvagio per natura, che stranamente poi nessuno si vuole riconosce come tale. Sono sempre gli altri ad esserlo, oppure l'umanita' "altra"; mai noi, che ormai siamo consapevoli e svegli, che guardano oltre l'umane debolezze. Stronzate! L'uomo non e' malvagio ne' avido per natura, ma molto emotivo e puo' diventare come un bambino. E' per questo che ci fregano: siamo spinti da qualcosa che loro non hanno e che vogliono controllare.

    Il NWO e' certamente un termine vago, ma e' appunto per questo che merita uno studio approfondito a livello storico, metastorico, filosofico, esoterico, politico, sociale, religioso, scientifico, mitologico... si tratta del nostro destino di specie. Non si puo' chiudere il discorso suggerendo di essere piu' umili a livello materiale. Ai voglia! Mi devono bastare 10€ per i miei bisogni personali di un mese (ma non mi lamento per questo, perche' mi sento sempre meglio, sempre piu' conscio della resa dei conti prossima). Il discorso dei bisogni materiali e' relativo, non e' il fulcro del loro dominio: vogliono assogettare i nostri sentimenti al loro volere; vogliono che siamo noi a desiderare il LORO volere.

    Ora come ora, il NWO non siamo noi, ma ha una dimensione di dominio preciso, che sta prevalicando anche grazie alle nostre menate buoniste, le quali stanno distruggendo come un virus il nostro spirito. Non per niente l'intervistato ha la tipica mentalita' globalista e borghese, dove emotivamente si sente gia' vicino al loro "nuovo mondo" - un mondo sterile.

    PS: si, oggi sono abbastanza incaxxato. Sono dovuto passara vicino ad una sinagoga, che ce posso fa... perdonatemi... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maksim, grazie per la tua visita.
      Forse la verità sta nel mezzo. E' vero, come dice Vittorio, che ogni uomo è responsabile delle proprie azioni e se le proprie azioni sono di infimo grado contribuiscono al sorgere di dittature.
      Ma è vero anche quello che dici tu e cioè che l'uomo è (anche) buono e solidale e che nel corso della storia, le dittature, le ha più subite che volute.
      Oggi, il vero pericolo è la manipolazione portata alle estreme conseguenze.
      Tolti noi pochi che ci sforziamo di ragionare, resterà solo una massa amorfa di individui che i potenti potranno facilmente governare.
      Oggi pomeriggio vado a sentire una conferenza organizzata dai massoni di Udine. Il titolo è già inquietante: "Oltre la crisi per ritrovare l'Uomo: cittadini di un nuovo tempo".
      Seguirà articolo.

      Ciao

      Elimina
  10. okkio che che ti bollano come antisemita,vabbè,tanto + inflazionato di così.....

    RispondiElimina
  11. Sono d'accordo con Maksimiljan. C'è già stato, ormai decenni fa, un "ingegnere delle anime"...
    Le mie riflessioni nascono dall'osservazione della vita di tutti i giorni. I mass-media creano l'agenda quotidiana della maggior parte delle persone. Nei giovani, specie della generazione più giovane della mia, per fortuna, sembra che questa consapevolezza sia stia diffondendo un po' di più. Anche perché l'illusione che ci propinano ("Tutto va bene" - "It's all good") vacilla sotto i colpi della realtà delle nostre strade. Molti sono comunque bell'e omologati, marchiati e punzonati con i logo e le firme. I logo e le firme diventano fede. Dolce e Gabbana sono due leader religiosi. C'è gente che non vive altro che per le loro mutande. Fatte in Cina a due lire da cinesi morti (ahimé) di fame, vengono ricomprate qui a Firenze a 100 € dagli stessi cinesi (però miliardari), che le riportano in Cina. Anche Firenze è ormai un logo. L'Italia è ormai un logo. Le "anime", l'umanità intrinseca di OGNI persona, NON SERVONO (intesa nel senso letterale), quindi, se non sono "servi", bisogna renderli tali e/o eliminarli. IL POTERE AL GIORNO D'OGGI TENDE AD ELIMINARE OGNI "RAPPORTO" UMANO: questo è il NWO. L'essere umano deve diventare una macchina, su cui poter operare l'ingegneria. Ma vi chiedete, come me, per quale REALE ragione tutti i dati (e non solo finanziari) ed il credito vogliono spostarlo sulle CARTE, appunto, di credito? ELIMINARE IL RAPPORTO FISICO CON IL DENARO (che già era stato depotenziato con l'introduzione della cartamoneta). In questo modo sei COSTRETTO a rivolgerti a una BANCA per ogni tuo movimento di denaro. CONTROLLO. La banconota bene o male la controllavi te, sapevi quanto spendevi per averla presa fra le dita e ceduta alle dita di un altro. Con la carta no: TUTTO VIRTUALE, tutto nei caveau delle banche. Il TUO credito lo controllano LORO. Sicuramente A VANTAGGIO DEI LORO FINI, IN PRIMA ISTANZA.
    Basterebbe già SOLO questa constatazione per parlare di NWO.

    Con rispetto

    g

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le banche non possono spingersi oltre un certo limite, altrimenti ci arrabbiamo davvero e torniamo al baratto (come mi pare si faccia in Toscana) o alle monete locali. E se si presentano i finanzieri li prendiamo a calci in culo!

      Elimina
    2. Anche perché l'illusione che ci propinano ("Tutto va bene" - "It's all good")
      Billi g. se questa é una illusione,lo é pure quella di che "Tutto va male"-"It's all bad" il concetto é da dove TU guardi la realtà,il famoso bichier mezzo pieno o mezzo vuoto,dipende della tua concezione,c'è una favola bella e molto esemplare,piu o meno dice così:
      C'era un tale Pepe che viveva in campagna,allevava cavalli insieme al suo figlio,arriva la guerra e il suo figlio viene arruolato,lasciandolo da solo,i suoi vicino gli dicono che sfortuna Pepe,ti hanno portato il figlio alla guerra !!!
      lui rispose: cativa sorte o buona sorte,chi lo sa?
      al tempo essendo vechio e da solo i cavalli fugono dal recinto,i vicini ancora vanno di Pepe e gli dicono,che sfortuna sei senza il figlio adesso anche senza i cavalli !!!!
      lui rispose:cativa sorte,buona sorte chi lo sa?
      pasa il tempo,la guerra finisce,il fglio di Pepe,tornando a casa,trova nei boschi un gruppo di cavalli erano i suoi che pasocolavano insieme ad altri selvaggi che si erano aggiunti,lui li prende e gli porta a casa,tornato a casa il figlio con il doppio di cavalli,i vicini dicono a Pepe,che fortuna !!!!
      lui rispose: buona sorte,cativa sorte,chi lo sa?
      ciao

      Elimina
    3. Sì, è vero. Dipende dal punto di vista da cui uno vede le cose. Non è vero che tutto va bene. Ma non è neanche vero che tutto va male.
      Però se vai a chiedere di sapere certe cose le "autorità" fanno ostruzionismo e insabbiature.
      Vedi fatti di politica internazionale (servizi segreti) e questione UFO, ad esempio. Certo, i servizi segreti devono rimanere segreti. Ma a vantaggio dei cittadini? Siamo sicuri?

      P.s.: non sapevo ci fossero forme di baratto qui in Toscana: sapevo della Sardegna... Mi informerò!

      g

      Elimina
  12. Altra constatazione "dura": sempre più donne e ragazze vogliono uomini "devirilizzati" e sempre più uomini vogliono donne che dominino e glielo mettano nel ---- (vedi anche "moda" dei trans).
    Anche nel sesso si parla sempre più spesso di dominio, potere, schiavizzo a destra e a sinistra (in una generale aridità di sentimenti). L'aspetto procreativo, la fertilità (intesa anche come generosità delle forme femminili), il piacere dell'imperfezione...cedono il passo all'ossessione del ventre piatto (altro logo commerciale, insieme alla "tartaruga"). Nella tradizione più genuina sia orientale che occidentale il ventre era appunto sinonimo di fertilità, vitalità animale, sentimento, bonarietà, saggezza, autoironia, giovialità, convivialità...
    NON SONO A FAVORE DELL'OBESITA' eh...!
    Dico: nel giusto limite dell'umano...
    g

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scenario che tu tracci è una derivazione commerciale volta a presentare una perfezione che in natura non esiste. Suscitare i sensi di colpa, in questo caso per non avere il ventre piatto o la "tartaruga" è retaggio delle religioni.

      Tutto sommato, possono sbraitare quanto vogliono, pubblicitari, moralisti e affini, ma noi tiriamo dritti per la nostra strada verso.....la prima pasticceria.

      Elimina
    2. Ma è una derivazione commerciale o un retaggio delle religioni? O tutt'e due?

      g

      Elimina
  13. Comunque sono anche d'accordo con chi dice che TUTTO PARTE DA NOI...
    Essendo Buddista (Soka Gakkai), credo profondamente che una "rivoluzione umana" nella vita del singolo individuo sia l'unica via percorribile ed appropriata per un cambiamento in meglio delle cose e delle persone che ci stanno intorno. Io percorro questa via attraverso la recitazione di Nam-Myoho-Renge-Kyo.

    P.s.: però penso anche che chi ama gli animali non debba dimenticarsi di amare TUTTI gli esseri umani, cioè, almeno rispettarli, anche nella loro diversità dal nostro punto di vista.
    E' la cosa più difficile.
    Ma non lo è se si riconosce la natura di "Budda" in tutti loro così come in noi stessi...

    Con rispetto e grazie per l'interessantissimo e vivace blog.

    g

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Billy!
      E' un piacere avere qui con noi un buddista. Quando arriverà anche un islamico o un ebreo allora faremo festa e.....scanneremo il vitello grasso!

      ;-)

      Elimina
    2. Come un vitello grasso?! Noto dell'ironia...! ehehe :D

      g

      Elimina
  14. Maksimiljan,vedi la diferenza del Buon Vivere quando capisci veramente le cose e il mal vivere come il tuo ,pieno di brontolio e accecato dal risentimento,l'intervistato come pure io,possiamo vivere benissimo,anzi io vivo benissimo in questo mondo,nella mia realtà,me godo ogni secondo,vivi di più il presente,invece che vivere un futuro immaginario,pieno di insidie e nefandezze,ti fa male al cuore incazarte per il solo fatto di passare davanti ad una sinagoga !!!! pedala nei boschi,respira aria pulita e puliscite la mente di tanta confusione e complotismo e questo quel che fa male mica il pseudo NWO!!!!!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisci. Il mio non e' mal vivere. Io vivo bene, non ho limitazioni particolari. Quello che non sopporto e' la menzogna e l'ipocrisia imperante che permette allo Stato di rinchiudere delle persone, perche' amministravano un forum contro la prepotenza di Sion (successo ieri). Arrestati per reato di pensiero ed opinione! Capisci? In teoria, cosi', io stesso sarei perseguibile... sarei un criminiale... un cyber-criminale. Ma a nessuno importa, tanto sono stati descritti "solo" come "terrosristi razzisti ed antisemiti". La cosa e' gravissima! Il mio risentimento non e' tanto perche' non vivo adeguatamente, ma perche' sono molto empatico e non tollero queste ed altre ingiustizie... anche per questo sono di diventato, di conseguenza, un complottologo. Ieri, passare davanti alla sinagoga, mi ha fatto incaxxare piu' del solito, perche', per reazione empatica, vennero fuori tutti quei sentimenti che quella struttura simbolicamente rapresentava.

      Quello di dire "vivi il presente, il momento ultimo" e' solo un modo per fregarsene emotivamente della realta' circostante e soddisfare la nostra sfera egositica, per una sorta di vigliaccheria nel affrontare il Mostro, che tutti noi abbiamo come contraposizione al nostro spirito. Roberto l'ha trovato nell'animalimso questo Mostro (e nesta pagandole conseguenze... ma e' proprio accettare le conseguenze che e' sintomo di spirito "fertile"), io nel... beh, sappiamo gia'... vedremo le conseguenze in futuro.

      cit:
      "pedala nei boschi,respira aria pulita e puliscite la mente di tanta confusione e complotismo e questo quel che fa male mica il pseudo NWO!!!!!"

      A me mi vieni a dire ste robe? :-D
      Faccio piu' di 6.000km in bici all'anno e circa 1000km di corsa (nei boschi anche :-) )... Proprio ieri, per incaxxatura, sono andato a correre per 10km, poi subito dopo, fatto 30 flessioni... :-D

      So bene cosa ha bisogno il mio corpo, mente, spirito ed anima.

      Ciao.

      Elimina
  15. Ripeto ancora la diferenza fra il mal vivere e il buon vivere.Questi tipi che hanno oscurato il forum,mica spartivano insegnamenti di Vita,per me chiunque divida con odi é un povero di spirito e che venga oscurato a me non cambia niente,anzi forse c'è meno merda in giro!!!
    Sai non credo serva ( o almeno a me) troavare un "nemico"esterno per sodisfare le mie ansie di guerriero che la vede sempre giusta,e chi ti dice che sei della parte giusta o no? la tua "morale"? il tuo senso di giustizia? il mio vivere ogni atimo a full non é vigliacheria ne disconoscere che qualcun altro sofre,ma allora o ci faccio qualcosa di concreto per aiutare chi soffre ( non scrivendo nei blog,eterne discusioni di leoni cibernetici e pecore nella realtà) o riconosco un piano al di sopra le nostre capacità mentali e qui finirebbe la diatriba filosofica !!!! nel senso se c'è un piano evolutivo messo in moto di una realtà che supera il nostro raciocinio allora a cosa serve urlare come bimbi?
    Quando sto con la persona che amo mi la godo,faccio l'amore con una intensità unica perché ci sono libero con la mia mente e pensieri,se fossi un complottista mentre faccio l'amore starei gia pensando che c'ho dietro il Rokerfeler di turno che mi sta inculando e che noia !!!! da macho latino passo a essere un sodomizato del NWO !!!!! e no,caro mio,me dispiace ma io VIVO,di certeze l'unica che abbiamo e che prima o poi lasciamo le penne ( per essere in onda animalista) il resto é un nostro vissuto,apartiene solo a noi,e le nostre scelte sono fatti nostri,RESPONSABILITA di ogni atto,questo é quel che si vuole,niente altro,se cadi nella tua bici,cosa fai? ti la prendi con la radice del albero che era lì a farti un dispeto? perdi il lavoro,cosa fai ti meti a piangere o complotare contro il datore di lavoro, o ti alzi le maniche e te ne cerchi un altro? questa é la diferenza fra l'agire ed il essere "vittime",secome io vittima non mi sento,dico bene,adesso a provare qualcosa altro,la Vita é piena di oportunità,e a me che piace vivere,le prendo e vivo bene,sono contento,non mi le lascio "fugire"e siccome non sono speciale,anzi sono un straniero che ha dovuto da solo farsi una Vita qui,credo che lo possono fare tutti.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cit:
      "Questi tipi che hanno oscurato il forum,mica spartivano insegnamenti di Vita,per me chiunque divida con odi é un povero di spirito e che venga oscurato a me non cambia niente,anzi forse c'è meno merda in giro!!!"

      Ecco l'egoismo lacerante. Ma che ne sai cosa sono gli insegnamenti di vita. Credi che siano solo quelli che pensi tu? Intanto questi sono arrestati ed evavano famiglie, amici, mogli, figli... tutto questo perche' avevano un forum, che non sei manco andato mai a visitarlo, ma apprendi dagli imparzialissimi media quanto erano razzistoni, nazzzzzzisti ed antisemiti. Invece era un forum che diffondeva approfondimenti storici e di attualita politica ed altro. Solamente non andava a genio a qualcuno uno contro-informazione simile. L'odio qui si e' manifestato solo da una parte... quelli che sono fuori dal carcere.

      cit:
      "Quando sto con la persona che amo mi la godo,faccio l'amore con una intensità unica perché ci sono libero con la mia mente e pensieri,se fossi un complottista mentre faccio l'amore starei gia pensando che c'ho dietro il Rokerfeler di turno che mi sta inculando e che noia !!!!"

      Ma che stai a di'... ma chissenefrega delle tue acrobazie amorose. Ma che credi, che io pensi ai Rothschild anche sulla tazza da cesso? La mia e' resistenza mentale e psicologica. Cerco un'inegrita' spirituale completa, che non mi faccia diventare una checca moscia, che guarda solo alle sue voglie egoistiche... o come le descrivete voi: "insegnamenti di vita"...
      Il web puo' essere uno spazio per diffondere conoscenza. Questo lo si fa anche resistendo alla repressione telematica, non certo raccontare le magnifiche scopate con la tua partner. C'e' gia NOvella 2000 per questo...

      cit:
      "questa é la diferenza fra l'agire ed il essere "vittime",secome io vittima non mi sento,"

      Bene che non ti senti vittima, perche' e' la cosa peggiore che si possa fare. Non mi sento nessuna vittima neppure io. Quello che vorrei e' che qualcun altro la smettesse di fare la vittima, per legittimare la sua prepotenza sugli altri.

      Ciao.

      Elimina
  16. Cit."La mia e' resistenza mentale e psicologica"
    vedi sei così chiuso,che ti resisti persiste a qualsiasi cambiamento,lasciati fluire,caro mio,rilassati un po,impara qualche "acrobazia"amorosa e vedrai che ti sciogli....secondo me sei un po in astinenza !!!! e tirando in ballo le checche mosce,ti spunta fuori ,forse qualche frustrazione sessuale,anche qui hai qualche incipo !!!!
    Non capisco perché ti ha inportunato così tanto un semplice commento,potresti rifleterci su,pedalando ovviamente ( così almeno ti scarichi ;-))
    Tu sei VITTIMA,non dal sistema che a uno come te nemmeno considera ( ti la pasi e spassi nel web,al sistema semmai interesa chi é attivo ( senza connotazioni sessuali :-)))nella realtà mica chi comodamente seduto nel divano ne spara a vambera online !!!!)
    sei VITTIMA di te stesso caro Maksimiljan,del tuo rancore,odio e risentimento verso chi é diverso,ancora un sano consiglio: "un uomo può vincere mille volte mille bataglie,ma è il più grande triunfatore quando vince Se stesso" lo diceva Sidartha qualche secolo fa...
    buone pedalate e atento a non inciampare,che il NWO si trasveste anche di radici !!! :-))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cit:
      "vedi sei così chiuso,che ti resisti persiste a qualsiasi cambiamento"

      La mia ragione di tale "chiusura" e' proprio nel fatto che sono riusciato a cambiare maggiormente me stesso.
      Sei tropo egocentrico, pensi che la tua via o insegnamento siano gli unici praticabili. Non e' cosi', dipende dalla spiritualita' di ognuno.

      cit:
      "secondo me sei un po in astinenza !!!! e tirando in ballo le checche mosce,ti spunta fuori ,forse qualche frustrazione sessuale,anche qui hai qualche incipo !!!!"

      Blah... le solite stronzate freudiane, che fanno diventare l'individuo una macchina sessuale. Il fatto e' che esternare l'intimita' significa essere poveri di spirito, dove la sessualita' diventa l'esaltazione di se stessi (egocentrismo). A nessuno interessa cosa (e come lo fai) con la tua partner per manifestare la tua beatitudine, perche' non me ne frega una mazza. Incetrare la vita sul godimento e' piu di quanto anti-buddista si possa pensare.

      cit:
      "sei VITTIMA di te stesso caro Maksimiljan,del tuo rancore,odio e risentimento verso chi é diverso,"

      Ma ti senti, o meglio vedi quando scrivi? Sembra una sfilzata di luoghi comuni: "odio, risentimento, rancore verso il diverso"... Ma chi cacchio e' poi sto "diverso"? Il fatto e' che siamo tutti diversi per innumerevoli ragioni. Io giudico le persone dai loro comportamenti e dalle azioni: un gruppo in particolare si distingue in maniera negativa (almeno per quello che io intendo per negativo) e lo voglio far conoscere agli altri. Ti crea problemi?

      cit:
      "Tu sei VITTIMA,non dal sistema che a uno come te nemmeno considera ( ti la pasi e spassi nel web,al sistema semmai interesa chi é attivo ( senza connotazioni sessuali :-)))nella realtà mica chi comodamente seduto nel divano ne spara a vambera online !!!!)"

      Mi chi cacchio si sente vittima del sistema? Casomai il sistema mi permette di vivere in maniera abbastanza agiata e scrivere davanti al pc. Non e' questa la mia ragione dell'affrontare certi argomenti, ma e' una questione spirituale. Che il sistema non mi caga (penalmente intendo) e' ovviamente logico. La mia vuole essere solo una vocina sull'ipocrisia e menzogna che imperversa su tutta la scena visibile... e lo faccio con gli istrumenti che ho a disposizione. Stai tranquillo che se esisterebbero divisioni armate, sarei il primo ad andare. (Ovvove, ovvove... e' un nazzzzista guevvafondaio... :-D ... che poi le SS avevano anche i reggimenti tibetani, concessi proprio dal Dalai Lama... :-) )

      cit:
      "un uomo può vincere mille volte mille bataglie,ma è il più grande triunfatore quando vince Se stesso"

      Ecco, infatti... l'egocentrismo scopaiolo e' il primo da battere... :-D

      Elimina
    2. Citazione:
      "Stai tranquillo che se esisterebbero divisioni armate, sarei il primo ad andare".


      Questo è anche il mio sogno segreto: mi accontenterei anche meno di una divisione. Mi basterebbe un manipolo di eroi....una sporca dozzina.....un esercito di 12 scimmie....

      Elimina
  17. Nel mio piccolo, sono totalmente d'accordo con martin.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente, nel piattume generale, ovvio che vengano esaltati tali "mosciaggini"...
      (Sto parlando di pensiero, non dell'individuo in se)

      Elimina
    2. Nel mio piccolo, sono totalmente in disaccordo con Martin.
      Trovo che non riesca a fare ragionamenti profondi. Alla pari di Wasp.
      Si comincia con il ragionare e si finisce per ostentare la propria "intelligenza" sotto forma di personale filosofia e stile di vita.
      Quando poi si passa a dare consigli ... muore ogni tentativo di relazione.
      Un'epidermica antipatia. Come quella per i politici.

      Elimina
    3. Gianni,a te da fastidio che un altro sia felice!!!!
      ma a me non cambia propio niente,spero solo trovi un giorno la tua felicità !!!!

      Elimina
    4. Abbiamo un concetto diverso di felicità!
      Direi radicalmente diverso.
      Così come forse di amore, amicizia e, di sicuro, anche su ciò che è bello o brutto, giusto o sbagliato.
      Neanche a me cambia niente.
      Goditi la vita.

      Elimina
    5. Grazie Gianni,vedi?nel diverso siamo uguale !!!
      ciao.

      Elimina
  18. Maksimilajan !!!! dai,che ti viene un colpo,respira e mantieni la calma "spirituale"....
    cit. "Incetrare la vita sul godimento e' piu di quanto anti-buddista si possa pensare."
    e allora? mica son budista io!!!,e se le ss avevano il suo regimento tibetano bene per loro,fra un massacro e l'altro avranno imparato cos'é il karma !!!!
    Vedo che ancora sei shockato del mio commento con quelache tintegiatura sessuale,e ti sei agrappato a questo come se ti stessi guardando un porno !!!! mica ho sternato le mie prestazioni,ci mancherebbe,non vorrei poi trovarmi tutte le tipe del web a battere alla porta ( battere in senzo di bussare,chiamare :-)))
    poi sto ovviamente scherzando sai, ti manca un po di umorismo nella vita caro mio,oltre che senso comune....

    cit."Casomai il sistema mi permette di vivere in maniera abbastanza agiata e scrivere davanti al pc. " ecco le contradizioni,sei pieno di contradizioni e le sterni in continuazione ( lasciando perdere i lapsus freudiani )lotti contro il sistema ma poi lo ringrazie per quel che ti offre,mitico !!!!!
    ma sai una cosa caro Maksimiljan,questo é quel che il "sistema"vuole,bamboloni come te,che la unica reazione é sparare baggianate nel web,al suo tempo i partigiani imbraciavano il fucile,oggi qualcuno si fa menare dalla polizia,ed altri come te se ne stanno belli comodi a scrivere sentenze di Malanga & Co. cosa scomoda di più al sistema secondo te ? vedi quel che sei, un PRODOTTO del NWO proprio, "ordinato nel mondo cibernetico "uno che si sente un leone on line ma é una pecora nel mondo reale !!!!! niente di più Orwelliano !!!! critichi,ti incazzi,aprendi "conoscenze"nel web,poi vai a pagarti le tasse,come tutti i cittadini del mondo !!!!! fai ridere i polli Maksimiljan !!!( far ridere i polli inteso sempre nella onda animalista ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cit:
      "ma sai una cosa caro Maksimiljan,questo é quel che il "sistema"vuole,bamboloni come te,"

      Ma a me non interessa una mazza di come mi vuole er sistema (parola vuota ed astratta per quelli che non vogliono prendere posizione). Io sono qui sul web come estensione del mio pensiero, non per propagare uno stile di vita. Il web non e' altro che questo; non lo divinizzo certo, ma non lo snobbo neanche, o peggio ancora usarlo come un bimbominkia.

      cit:
      " al suo tempo i partigiani imbraciavano il fucile,oggi qualcuno si fa menare dalla polizia,ed altri come te se ne stanno belli comodi a scrivere sentenze di Malanga & Co. cosa scomoda di più al sistema secondo te ?"

      Ripeto ancora: non sono qui per essere "scomodo" a qualcuno... non mi interessa. I partigiani hanno abbracciato il fucile perche' c'era la guerra, perche' qualcuno gli dava i fucili... a noi manco i forconi ci e' permesso piu' portare... :-D. Comunque io, adesso come adesso, piu' che partigiano farei resistenza nelle Waffen SS... :-)

      cit:
      "vedi quel che sei, un PRODOTTO del NWO proprio, "ordinato nel mondo cibernetico "uno che si sente un leone on line ma é una pecora nel mondo reale !!!!! niente di più Orwelliano !!!! critichi,ti incazzi,aprendi "conoscenze"nel web,poi vai a pagarti le tasse,come tutti i cittadini del mondo !!!!! "

      Mi ritengo piu' uno scarto che prodotto... :-D
      Leone on-line? Ma bisogna essere un leone per esternare un proprio pensiero? Ma chi ha parlato di coraggio? Io esprimo solo una certa indignazione che sento... tutto qui. In effeti non posso fare altro via web. Quello che non sopportavo del tuo commento e' quella presunzione di avere capito tutto della vita e propagare insegnamenti a destra e a manca di uno che si sente figo per questo. Io non ho mai propinato consigli se non su richiesta. E se ora sono incazzato (ovviamente gia' l'incazzatura divene dannosa alla Vita... cioe' per forza devi avere qualche frustrazione sessuale) e' perche' rappresenta una mia certa emotivita'... nel bene e nel male. Meglio cosi' che un frichettone pieno di se' che propina consigli per sentirsi figo.

      cit:
      "mica son budista io!!!,"
      Se mi citi Siddharta, allora devi almeno comprendere l'idea buddista.

      cit:
      "e se le ss avevano il suo regimento tibetano bene per loro,fra un massacro e l'altro avranno imparato cos'é il karma !!!!"

      Infatti, manco il karma hai capito cos'e'... di storia non parliamo poi...

      Ciao.

      Elimina
    2. L'esempio dei partigiani era inteso solo come sono cambiati i tempi,nel senso loro combatevano un "sistema",poi ho detto che oggi altri vanno in piazza per protesta contro un'altro sistema ancora,e poi ci sono quelli altri ( come te che lo fanno virtualmente) tutto qui,io non credo in nessuna lotta,di nessun tipo,perché non credo in nessun NWO,i sistemi ci sono sempre stati,e ci saranno,sta a noi saper vivere e basta.E per quello ho citato Sidarta,perché ritengo che ogni uno dovrebbe combatere dentro di se tutte le "imperfezioni"che abbiamo,solo così si potrà perfezionare il mondo,mica andando in piazza a pichiarsi,nemmeno imbraciando un fucile,non credo a queste rivoluzioni,non credo ne mi piace la violenza di nessun genere.La unica via é solo quella personale,interna.Il mondo rispechia ciò che siamo,e se le cose non stano bene tutti ne siamo responsabili.
      La idea buddista la comprendo molto bene,pur non essendo buddista,tu per capire la bibbia dovresti essere catolico? dimostri così il tuo indotrinamento e scarza capacità di giudizio.Ma io non ci posso fare niente,trane che dirti ogni tanto di tirare fuori la testa della Slovenia e capire cosa c'é nel mondo.Quello reale mica quello virtuale in cui vivi.
      P.S: della Vita non ho capito tutto,tipi come te ad esempio non gli capirò mai !!!!
      ma sono contento e felice così.
      ciao.

      Elimina
    3. Tu vivi al di fuori della realta' caro mio... e poi vieni da me a rifilare pistolotti pseudo sprirituali del cazzaro del web.

      cit:
      "La unica via é solo quella personale,interna.Il mondo rispechia ciò che siamo,e se le cose non stano bene tutti ne siamo responsabili."

      Ma va? Una banalita' al cubo per mezzo grammo. Quindi se la tua via e' "interna", allora cavati gli occhi, tappati le orecchie, cuciti la bocca, turati il naso e poi vivi la tua buddita'.

      cit:
      "Ma io non ci posso fare niente,trane che dirti ogni tanto di tirare fuori la testa della Slovenia e capire cosa c'é nel mondo.Quello reale mica quello virtuale in cui vivi."

      Ma come, la via non e' solo quella interna? Adesso mi vuoi dare consigli sui viaggi da fare? Cos'e', la virtualita' vale solo per gli altri?

      Della spiritualita' hai preso solo quello che piaceva a te per poterti "godere" la vita senza distrazione alcuna.

      Proprio una spiritualita' da quattro soldi della minchia... Il Gabibbo e' piu' profondo.

      Elimina
    4. infatti il gabbibo é il mio maestro !!!! :-)))))
      Maksimiljan,cosa ti é suceso ? in StampaLibera ti hanno fatto girare i marroni e adesso scarichi qui il zolfo?
      la Via interna la fai conoscendo il mondo caro,quando mangi tu la digestione la fai fuori o dentro di te? epure il civo é esterno !!!! si non ti é rimasto chiaro: quello che é fuori é dentro e viceversa ( lo dice un altro maestro non il gabibbo :-))))
      Cit."Della spiritualita' hai preso solo quello che piaceva a te per poterti "godere" la vita senza distrazione alcuna." bravo,vedi che quando rifleti ci arrivi pure tu? cosa altro avrei dovuto aprendere della spiritualità?
      Ciao e mi raccomando col fegato !!!! ssei ancora giovane,goditi un po la Vita che merita di essere goduta !!!!
      ciao

      Elimina
  19. Di nuovo sono Vittorio
    in due parti perche oltre il massimo numero di caratteri
    1 parte
    Concordo con Roberto, forse la verità sta nel mezzo, 2 questioni:
    La prima dove si tra Meditazione e Rivoluzione, guarda caso come in un mio pensiero (http://ecceideas.com/2012/01/05/meditation-or-revolution/) che riporto qui:
    ++Il non giudizio è al centro del nostro processo di illuminazione.
    Allo stesso tempo, è difficile non giudicare ed essere compassionevole allo stesso tempo.
    Come non giudicare quando ci è servito un piatto di carpaccio fatto con la carne del tuo bambino?
    Potrebbe il non giudizio essere un anestetico strumento di sopravvivenza per alleviare il nostro dolore?++

    Maksimiljan è più rivoluzionario, Martin più meditativo e io sono stato dipinto più meditativo perche ho detto che la cosa più importante e' fare del bene intorno a noi. Penso che ci sia c'è posto per entrambe meditazione e rivoluzione, ognuno di noi si può ritrovare nell'una o nell'altra a seconda della sia situazione personale.
    Il non bruciare camion come il non struggersi piu di tanto di Martin non significa divenire insensibili alle atrocità che ci circondano. Io personalmente pur predicando di fare le cose bene e non lamentarsi troppo, sono dilaniato giornalmente dal pensiero di tutto il male che pervade l'umanità.
    Allo stesso tempo sono convinto che le atrocità commesse contro la natura e gli animali meriterebbero da parte nostra ben di più che discorsi e sofferenze interiori. Meriterebbero sacrifici da eroi, come fanno i monaci buddisti quando si danno fuoco. il mio piu grande rammarico e vergogna è quello di non aver avuto l'onore di dare la mia vita, anche solo come gesto plateale, per urlare al mondo la mia opinione sullo scempio che gli uomini fanno della natura e degli animali. Alla fine Io non brucio i camion che trasportano gli animali perchè prima di tutto sono codardo e poi ho la scusa di evitare di andare in galera come ha fatto Roberto perche sono sono responsabile di una famiglia con tre figli e di una azienda con 5 dipendenti.
    Comunque penso che ci sia posto sia per gli eroi come Roberto che per i codardi come me, anch'io nel mio piccolo, oltre a soffrire dentro, faccio molti sforzi per sensibilizzare le persone che mi stanno intorno su questi problemi, ahimè con scarsi risultati, almeno in apparenza.

    RispondiElimina
  20. Di nuovo sono Vittorio
    in due parti perche oltre il massimo numero di caratteri
    2 parte
    La seconda riguarda il fatto che non e' la nostra responsabilità il risultato di tante piccole azioni, con l'implicazione che siamo tutti responsabili e cattivi e che non sia invece la colpa di un gruppo di superpotenti illuminati. I superpotenti sono sicuramente resposabili ma esprimono anche la risultante delle forze della massa. Ricordiamoci poi che le vittime diventano a loro volte carnefici appena ne hanno la possibilità e ripetono gli stessi errori. Come esempio guardiamo cosa hanno fatto gli europei dopo essere immigrati in America anche per scappare da oppressioni varie: hanno sterminato gli indiani. Allo stesso tempo come si puo ignorare che i potenti siano cosi "cattivi"? Forse una verità non esclude l'altra.

    Bisogna fare del nostro meglio nel nostro piccolo a prescindere dal risultato, se poi c'è un ordine maligno che cerca di controllare tutto e noi non ci possiamo fare niente, bene almeno teniamoci la soddisfazione di spargere un pò di bene intorno a noi, questo non potranno mai togliercelo. E comunque, come ho scritto nell'intervista, dobbiamo sempre ricordarci che anche il peggiore NWO non è niente rispetto a quello che noi uomini (oppressori e oppressi insieme) facciamo agli animali. Quando aneliamo giustizia dobbiamo sempre dare la precedenza a loro come meritori di compassione. Qui ripeto di nuovo questa mia frase che per me è di importanza capitale:
    "Il valore morale delle azioni che commettiamo fra noi esseri umani è in ogni caso trascurabile rispetto a come ci comportiamo con gli animali e la terra, che sono senza difesa e senza parola. Questo è veramente il più grande crimine di sempre che continua ad essere commesso ogni momento che passa. Preoccuparsi dei problemi che abbiamo tra noi umani, prima di porre fine a questo crimine o per lo meno di arginarlo seriamente, è in realtà solo un tentativo illusorio di sentirci utili e buoni.""

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo molto antipatico il signor ecceideas.
      Che parla di illuminazione, meditazione, di pensiero libero, che la ragione sta nel mezzo tra quanto dice tizio e caio, di giudizio e non giudizio ... come se si parlasse di fare il tifo per questo o quella squadra.
      Un'analisi "mediata" di responsabilità "medie" che sono si dei potenti ma che sono, al contempo, anche la risultante delle singole azioni di ognumo di noi.
      Tutto ed il contrario di tutto. Boh?
      Quanto al
      "Bisogna fare del nostro meglio nel nostro piccolo a prescindere dal risultato, se poi c'è un ordine maligno che cerca di controllare tutto e noi non ci possiamo fare niente, bene almeno teniamoci la soddisfazione di spargere un pò di bene intorno a noi, questo non potranno mai togliercelo. "
      stenderei un velo pietoso!
      "Bisogna" "fare" "del nostro meglio" "la soddisfazione di spargere un po' di bene" ...
      Questo signore dimentica che non abbiamo neanche la libertà di nascere. Neanche la libertà di decidere cosa sognare la notte quando mettiamo la testa sul cuscino. Sono altri a deciderlo per noi.
      Forse sarebbe il caso che ripensasse al senso della vita che, salvo errori e giudizi personali, sembra non sia stato ancora "oggettivamente" definito.
      Sono anche contro ogni tipo di liberismo, di lavori a pochi euro all'ora (se non allla giornata) ed alla malcelata ermetica raccomandazione in sfile "fornero" (proveniente da più commentatori) di fare meno gli schizzinosi.
      Ciao.

      Elimina
  21. Ciao Gianni, con la premessa che non cerco un battibecco ma uno scambio costruttivo, per favore spiegami che cosa intendi con " Questo signore dimentica che non abbiamo neanche la libertà di nascere. Neanche la libertà di decidere cosa sognare la notte quando mettiamo la testa sul cuscino. Sono altri a deciderlo per noi".
    Se tu vivessi in Somalia magari avresti piu ragione di lamentarti. Una persona giovane che vive oggi in Italia se comparata a tutte le persone vissute nel mondo negli ultimi 2000 anni, si dovrebbe considerare superfortunata, sicuramente dentro l'uno percento dei piu fortunati. Poi siamo d'accordo che le cose potrebbero andare ancora meglio ma potrebbero andare anche molto, molto peggio. Con questo non giustifico le ingiustizie che ci sono anche da noi ma voglio semplicemente mettere le cose in prospettiva.
    Vittorio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La solita storia del "tu ringrazia Iddio che al resto penso io".
      Citarmi la Somalia. E perchè non Arcore?
      Siamo fortunati?
      Ma, scusami un pochino, secondo te avrei chiesto io di venire al mondo per partecipare a questa festa?
      Fortunato di cosa?
      Di non essere nato agnello tra un branco di lupi?
      Grazie Dio.
      A Napoli su di un muro c'è scritto "Dio ti ama". Un pochino più sotto qualcun altro ha aggiunto " ... figurati se gli stavi sul cazzo"!
      La puoi vedere qui
      Ciao caro. Buona vita.

      Elimina
    2. Una persona giovane che vive oggi in Italia se comparata a tutte le persone vissute nel mondo negli ultimi 2000 anni, si dovrebbe considerare superfortunata, sicuramente dentro l'uno percento dei piu fortunati.
      questa è un'affermazione discutibile,non è mica detto sia vero,ce lo raccontano i libri di storia,ma ci sono libri di storia misconosciuti che ci narrano la storia in maniera diversa.......un esempio: paolo de bernardi.

      Elimina
  22. Siamo fortunati perche il 99% dll'altra gente che è nata prima di noi ha avuto una siituazione molto piu difficile della nostra. Non mi sembra che abbiamo meritato e avuto il diritto a questa fortuna. Siamo stati solo fortunati. Se poi pensiamo di essere in una situazione cosi orribile e insopportabile abbiamo sempre l'opzione del suicidio. Ma la lamentela non serve a niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trattengo dal dire altro per non essere offensivo.
      Questa è la libertà.
      Tra pochi giorni viene Babbo Natale.
      L'acqua è bagnata.
      Il sole è caldo.
      Ora et labora.
      In saecula saeculorum.
      Amen.

      Elimina
  23. Che dire, amici?
    Siamo in quattro a leggere questo blog e riusciamo a scannarci tra di noi.

    Non lo dico per fare il solito appello al "volemose bene", ma per evidenziare che la Discordia tocca anche gli angolini più nascosti del web, nascosti come pensavo fosse il mio blog.

    Ora, tra la pubblicità inserita da poco e le litigate, mi sembra di essere diventato....adulto.
    Mi sembra (e questo piacerà a Maksimilian) di aver fatto il.....Bar-Mitzvà.

    Ciao e grazie a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. roberto ora hai cominciato a fare gli schèi.......con la pubblicità...........la bestia.
      etica,spero.
      a parte gli scherzi,visto che ho nominato etica.
      ho un amico avv.che x aiutare un cliente in difficoltà con concessione mutuo,si è rivolto alla banca etica.......................etica di marketing xchè in realtà non cambia praticamente nulla rispetto ad altre banche.
      alla fine il mutuo gli è stato concesso da una cassa rurale......
      perdonate il piccolo ot.

      Elimina
  24. ........... :-( che dire?

    a giudicare dai fatti, dai più personali a quelli mondiali, sembra che queste ondate di plasma solare che stanno bersagliando la Terra abbiano il loro nefasto effetto, forse è proprio vero che rendono gli uomini aggressivi e scatenano le guerre come diceva Cayce.
    certo è che butta male ultimamente, io sono un pò allerta..
    gli scontri stile eurogendfor dell'altro giorno in tutta Europa, la tensione che sale a Gaza, il cambiamento climatico, qui da me c'è stata un'alluvione che ha fatto danni e morti, ha lasciato amici senza più niente ed ha sterminato una quantità di animali enorme.
    Sgomenta vado un pò sul web a rifarmi gli occhi e vedo che SL invita esplicitamente e senza alcuna vergogna a votare uno del PDL, ancor più sgomenta vengo qui a cercar conforto e trovo che i "quattro frequentatori" (come dice Roberto) stan litigando tra loro... mah, e se facessimo una bella scelta radicale, tipo eremiti di clausura? così staremo tutti buoni e tranquilli. Concordo comunque con Vittorio che la lamentela non serve a niente, rende la vita ancora più amara, meglio il silenzio. è vero che non abbiamo la libertà di nascere ma in compenso possiamo terminarci quando ci pare.

    PS) e per finire, anche i miti si sgretolano, il mio amato Malanga ha fatto un paio di battute sui topi da laboratorio che mi costringono a cancellarlo dalla lista delle persone che stimo, che cocente delusione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai,non prenderla così,ci sono solo delle discussioni accese su punti di vista differenti,in fin dei conti saranno letti e ragionati dai 4 gatti e contribuiranno a farsi un'opinione,questo è parte della crescita personale.
      personalmente,ad ora,sono convinto che tutti (o quasi) gli accadimenti che ci investono +o- direttamente hanno origine da noi,dal nostro modo di vedere noi stessi e il resto del mondo,è lo specchio della nostra anima,roberto probabilmente non è d'accordo con me sull'anima ma spero prenda in considerazione il concetto,assolutamente non astratto,di anima,quella sensazione che ti fa sentire nel corpo (con +o- successo)cosa è sbagliato e cosa è giusto.
      siamo tutti liberi di cambiare vita,nessuno lo impedisce,il problema è che non si vuole o si ha paura di rinunciare a quello che si ha, esempio l'automobile,l'energia elettrica,il riscaldamento gas o gasolio,ecc.....chi si sente oppresso da questo ordinamento sociale,io aggiungo terminale,non ha il coraggio di attuare l'unica contromisura realmente efficace contro lo stesso e resta recluso volontariamente.
      mi ripeto,ma a riguardo, erich fromm ha scritto dei testi fenomenali.

      Elimina
    2. anche silvano agosti con il suo "tipico discorso dello schiavo" non è male

      Elimina
    3. Ciao Michy,
      anch'io ho letto volentieri E. Fromm.. poi arrivata alle ultime pagine di "avere o essere" è stato tipo un pugno nello stomaco: in un'unica pagina è riuscito a scrivere "della necessità della creazione di un Supremo Consiglio Culturale"... di una "nuova versione ampliata della Food and Drug Administration" e .... udite, udite! "della scelta dei membri del Consiglio Supremo che NON devono venire eletti dal Popolo nè dal Governo stesso, ma dal Gruppo di 50/100 persone che , a suo dire, dovrebbero coordinare gli interessi mondiali!!!!!????" insomma quello che, aggiungo io, sta accadendo ora ed è sempre accaduto.. la questione straordinaria è che il detto: "Il miglior modo per nascondere una verità è metterla davanti agli occhi".. è più che mai vero. Questo non toglie il fatto che abbia riportato ed insegnato molto, ma accidenti che brividi quando la chiave di lettura è più "lucida".
      Saluti
      Cat

      Elimina
    4. Alessandra,hai ragione il SILENZIO é la cosa migliore,come donna hai la sensibilità suficente per capirlo,pensavo anche io di trovare in questo blog di Roberto uno spazio per la riflessione e che un articolo potesse essere un filo di Arianna per uno sviluppo salutare invece così non é,sicuramente ne sono parte anche io,e allora preferisco ritirarmi.Sinceramente sono stufo della sterile discussione dei blog,poche volte ci si arricchisce ed in compenso tante volte ci si cade in bassezze,ho detto cento volte,il mondo é il nostro specchio,ci piaccia o no.L'unico cambiamento averrà quando saremmo cambiati noi.Sono contro ogni violenza,ironia sì,mancanza di rispetto no.Spero solo un giorno TUTTI possano vivere en serenità,con gioia,e credo che serva per questo vivere più la natura che il web,ritorno ad un "dialogo"con gli animali piuttosto che gli uomini.
      Un cordiale e caluroso saluto a tutti,fatti i bravi e godete ogni attimo.
      ciao !!!!! :-)

      Elimina
    5. Martin, davvero Maksimilian è stato in grado di ferirti fino a questo punto?

      :-O

      Elimina
    6. Martin, spero tu stia scherzando, ci mancheresti..

      Elimina
    7. @Michy

      ma lo sai che il filmato di Silvano Agosti "tipico discorso dello schiavo" me l'ha fatto conoscere una mia vicina che ha 86 anni, è vegana e vive sola in campagna con un cane, 5 gatti e 35 pavoni? :-)

      Elimina
    8. Citazione:
      "35 pavoni".


      Trentacinque pavoni? :-O


      Chissà che concerto!

      Quando si mettono.....

      Elimina
    9. riconosci la casa già da un kilometro prima, dal verso rajastano dei pavoni :-) basta seguire le grida e arrivi. Poi vedi i profili degli alberi tutti vestiti di code di pavoni, perchè loro dormono sugli alberi, e le code meravigliose pendono giù dai rami....

      Elimina
    10. mamma mia........se abitassi vicino, tutti in...................PENTOLA!!!
      scherzo,forse no.

      Elimina
    11. x alessandra
      hai sentito lettere dalla kirghisia?
      sempre di agosti.
      è molto bella,troppo,magari si arrivasse ad una coscienza collettiva che permette un mondo alla kirghisia......
      vabbè,torniamo in terra.

      Elimina
    12. Citazione:
      "i profili degli alberi tutti vestiti di code di pavoni".


      ......onirico!

      Elimina
  25. Alessandra, anch'io ho sentito le battute di Malanga sui topi. Spero sia stata una svista da parte sua.

    In quanto ai quattro gatti litiganti su Freeanimals, non drammatizzerei più di tanto. Sono tutti adulti e vaccinati. Spero solo che non se la prendano troppo.


    Su Stampa Libera ultimamente ci sono stati problemi relazionali e non solo tra me e Parusia.

    Mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ha detto Malanga sui topi???

      g

      Elimina
    2. ah, naturalmente le dimissioni di @Parodia annunciate da lui erano una bella bufalona, proprio come gli arresti di massa. :-) mi pareva che mollava così sta pacchia insperata. Ormai copia e incolla compulsivamente tutto il giorno, si è fatto un sito dentro il sito, e ci si sta allargando dentro come un alien in gestazione... ;-)

      Elimina
    3. @Billy The Kid

      ha fatto battutine sceme, ma soprattutto prive di rispetto per la vita. vedi, non è soltanto farci la battuta sopra, è che io mi aspetto come minimo che una persona degna di stima si dissoci totalmente dalla vivisezione,e lo dica a gran voce se deve toccare l'argomento. se invece la dai per scontata e ci fai pure le battute di spirito per me sei indegno di credito.

      Elimina
    4. A Billy:

      Nel video che ho visto io diceva pressappoco: "....non preoccupatevi dei topi.....".

      Si riferiva agli studi di un vivisettore che avvaloravano le sue tesi.

      Elimina
    5. Beh, sicuramente non denota una grande sensibilità...

      g

      Elimina
  26. Cat, Erich Fromm, con il suo "Avere o essere", uscito alla fine degli anni Settanta, è stato determinante nella mia formazione, ma non sapevo delle conclusioni massoniche a cui era giunto verso la fine della sua carriera.

    Evidentemente, anche lui non è sfuggito alla regola: se vuoi avere successo editoriale, non c'è cosa migliore di una "spintarella" da parte degli Illuminati Sionisti.

    In questo, se i miei sospetti sono fondati, ha ragione Maksimilian. C'è una cupola sionista che domina il mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh.. io di questo nè ho "quasi" la certezza. Dico quasi perchè ancora mi mancano dei tasselli importanti e, nonostante non condivido alcuni estremismi di Maksimilian - non me ne voglia - sono pienamente sulla stessa lunghezza d'onda con "alcune" sue idee.
      Tornando a E. Fromm personalmente mi è sempre piaciuto e insegnato.. ma come dici tu NON è sfuggito alla regola (o ne faceva consapevolmente parte?).. Sono, aihmè, più propensa alla seconda ipotesi purtroppo.
      La verità è che siamo circondati! :-(( e in merito, per ora, preferisco agire/reagire con il mio sentire in merito.
      Saluti
      Cat

      Elimina
    2. Più che sionista, c'è una cupola divisa apparentemente in due: i conservatori Illuminati chiesastici e i massoni libertari libertini e oscuri vagamente satanici. Come dice il Buddismo: Illuminazione contro Oscurità fondamentale.
      MA IN REALTA' SONO DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA, così come l'elite mondiale sembra divisa in due, ma è una!
      E l'origine è da ricercarsi al di la del pianeta Terra

      g

      Elimina
  27. che fromm dica che ci voglia una forma di controllo sulla moltitudine è solo la logica conseguenza dei suoi studi.................è l'uomo che è sempre alla ricerca di certezze e segue chi gli dice cosa deve fare e come deve vivere,basta vedere la storia dall'avvento delle 2 guerre ad oggi fromm non veicola nulla di negativo,era solo un attento osservatore della complicata (in apparenza)psicologia umana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero abbia ragione tu sinceramente.. come fai notare è stato un attento osservatore. Il dubbio (forte) mi è venuto come ripeto nelle ultime pagine... mi aspettavo altre soluzioni.. non avendo certezze sul suo coinvolgimento negli "alti vertici" mi resta il dubbio, per il resto condivido... avercela una testa come la sua!
      Saluti
      Cat

      Elimina
  28. Devo fare precisazione specialmente per Gianni, dicendo che le azioni dei governi sono la risulatnte di miliardi di piccole azioni da parte di noi non volevo dire che sono cattive azioni da parte di una massa cattiva o colpevole, sono semplicemente le azioni di tutti i giorni dove ognuno vuole avere qualcosa di più per sè. Quando vogliamo di piu per la nostra gola o per i nostri figli o per noi stessi, non stiamo facendo qualcosa di intrinsecamente cattivo ma la risultante può essere pur sempre drammatica come possiamo vedere quello che succede agli animali e agli umani. Pur rimanendo intatte le responsabilità dei potenti, le loro azioni sono determinate anche da quello che facciamo noi ogni volta che vogliamo e compriamo e consumiamo qualcosa. Che poi loro vorrebbero farci schiavi e ci farebbero schiavi lo stesso siamo perfettamente d'accordo però è anche vero che se le masse si comportassero in maniera diversa, molto del vento sarebbe tolto dalle vele dei potenti. Per finire se un giorno la coscienza delle masse si evolvesse, si evolverebbe anche quella dei potenti che in realtà sono ingordi e stupidi proprio come le masse. Ricordiamoci che i potenti non sono una razza aliena e anche loro vengono dalle masse.
    La responsabilità è di tutti e la migliore cosa che possiamo fare è prima di tutto far pulizia nel nostro giardino e non lamentarci. Poi individuiamo pure le responsabilità negli illuminati, scriviamo articoli e andiamo a protestare.

    Questo e' un soggetto veramente interessante e mi farebbe piacere continuare la discussione con voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te su tutto tranne su questo punto:

      "Ricordiamoci che i potenti non sono una razza aliena".


      E non tanto perché David Icke parla apertamente di Confraternita Babilonese di origini aliene e Biglino e Sitchin concordano nel dire che siamo stati "creati" da alieni che ci sembrano eterni ma che sono solo molto più longevi di noi, quanto perché molto prima di scoprire il "complottismo" mi aveva colpito il fatto che la gente di Treviso e dintorni considerava Ezzelino da Romano un diavolo, per quanto malvagio fosse.

      E non parliamo di Dracul Wlad Tepesh o di Attila o di Gengis Kan.

      Tutta gente che agli occhi del popolo appariva come....non umana.

      Se il popolo ha questa sensazione, ci dev'essere qualcosa di fondato.

      Elimina
    2. Anche per i Faraoni d'Egitto...
      Oltretutto fra mummie con caratteristiche corporee strane e iconografia (vd. Akhenaton...)

      g

      Elimina
  29. Non discuto che sia possibile che i potenti discendano dagli alieni, pero non credo neanche che gli europei immigrati in america che hanno poi sterminato gli indiani fossero degli alieni, poi però si sono comportati esattamente come di potenti cattivi, a meno che svuotiamo di responsabilità le azioni della massa e diciamo che è guidata e strumentalizzata dai potenti. Quindi per ricapitolare: non siamo semplicemente cattivi, facciamo cose che hanno effetti cattivi ma non è colpa nostra perche siamo soggiogati e strumentalizzati da alieni/potenti, ergo non abbiamo responsabilità di quello che ci succede e l'unica cosa che ci rimane da fare è scrivere, discutere e lamentarci dei potenti/alieni senza che ci sia alcuna possibilità di cambiare le cose. Questo perchè siamo troppo pochi a capire queste trame dei potenti, e in cosi pochi sarebbe inpossibile fare una rivoluzione contro i potenti. Soluzione??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citazione:
      "facciamo cose che hanno effetti cattivi".


      Hai colto nel segno e non ti si può dare torto. Spesso non sappiamo quali conseguenze possano avere le nostre azioni.

      Resta da indagare il mistero dei potenti e dell'influenza che stanno esercitando da millenni sulla razza umana. Non ho prove dell'esistenza degli alieni in mezzo a noi ma solo molti sospetti.

      Elimina
  30. ..."gli europei immigrati in america che hanno poi sterminato gli indiani fossero degli alieni"...

    Ragazzi, qui è l'anello mancante! I fondatori degli U.S.A. erano MASSONI!!! Soprattutto da Inghilterra e Scozia.

    E alieni e Massoneria sono sempre andati a braccetto!!!

    g

    RispondiElimina