mercoledì 18 ottobre 2017

Le istituzioni perseguono chi segnala infrazioni e non chi le commette




Fonte: Il Populista


Vietato denunciare il degrado: nello specifico è vietato fotografare presunti profughi che bivaccano e rovistano nella spazzatura, contribuendo a determinare il degrado di cui sopra. Sembra una direttiva proveniente da un altro pianeta, da un’altra dimensione, da un altro sistema solare, invece accade nell’Italia del 2017, precisamente a Pesaro dove il prefetto Luigi Pizzi ha emanato una circolare per impedire ai residenti di scattare foto agli ospiti dei centri d’accoglienza. L’intento dichiarato è scongiurare “possibili scontri verbali e fisici tra residenti e migranti dei centri di accoglienza”, dunque il solerte rappresentante del Governo più che reprimere le situazioni inaccettabili denunciate dai cittadini, quindi lavorare per riportare ordine e decoro, intende perseguire i cittadini stessi. Disponendo “servizi di vigilanza e controllo del territorio, per prevenire e reprimere con rigore qualunque condotta del tipo sopra segnalato” e così chi seguiterà a fotografare le “risorse” in azione e addirittura osare chiedere loro le generalità sarà sottoposto a un procedimento per esercizio abusivo di pubbliche funzioni

La piramide rovesciata



Avete notato i media recentemente? Tra fake news ed argomenti quattrostagioni tirati fuori dal cassetto alla bisogna stanno raggiungendo il parossismo dell’indecenza: non si informa più la gente, non si evidenziano più gli argomenti importanti, men che meno i problemi. Si cerca solo di fare una cosa, solo una: tenere calma la gente, non facendole capire che sta andando letteralmente in rovina. L’ho già spiegato più e più volte, tra crisi (che i media hanno contribuito a rendere più pesante e profonda, non fosse per l’avallo della nefasta austerità) ed interessi delle élites locali, che poi sono gli stessi editori, oggi il gioco è quello di fregare il prossimo. Leggasi, visto che dette élites hanno avuto la possibilità di delocalizzare le proprie aziende, di pagare le tasse all’estero (vedasi FCA, ma non è l’unica), oltre a pagare meno di i dipendenti (Job Act etc.), dopo aver fatto guadagni fenomenali in borsa, alla fine lasciano un buco di gettito. Che deve essere colmato dagli italiani, dalla gente.

Una giornalista che ha reso nobile la sua professione



Testo di Barbara Lezzi


La moglie del premier maltese, accordi sull'energia e tangenti, tante tangenti, che provengono dall'Azerbaijann, il paese da dove parte TAP, il gasdotto sempre più sporco che dovrebbe approdare in Puglia. Lei non ci vedeva chiaro neanche in quest'opera. Daphne Galizia è stata fatta bruciare viva nella sua auto con una bomba perché, rendendo nobile la sua professione, aveva scoperto e svelato questi intrighi criminali. Aveva chiesto aiuto ma si è lasciato che venisse ammazzata per avere campo libero. Tutta la civile e democratica Europa deve pretendere chiarezza e deve fermare tutti i progetti in odor di sospetto se non vuole essere complice di quest'assassinio.

Il pregiudizio, figlio della coercizione ministeriale


Fonte: Udine Today

Gruppi di bambini non vaccinati messi in disparte in alcune scuole del Fvg. Cresce la psicosi. Diversi sono i casi negli istituti scolastici del Friuli Venezia Giulia di bambini non vaccinati lasciati in disparte a mangiare da soli in mensa. A rivelarlo Davide Vicedomini sul Messaggero Veneto. Nell'articolo non si accenna dove sia accaduto e quanti bambini abbia coinvolto, ma il Dipartimento di prevenzione e promozione della salute vuole intervenire sul fenomeno con una circolare che metta fine a queste incomprensioni (e pregiudizi) che possono nuocere sulla sensibilità dei piccoli. Il direttore regionale del Dipartimento, Paolo Pischiutti, ha infatti spiegato che le persone non vaccinate ci sono sempre state. “Non sono né untori né persone ammalate - ha dichiarato - Ci appelliamo al buon senso e all'elasticità dei dirigenti scolastici».

Carestie in Africa, altri migranti in Europa


Fonte: Green Report

Kayoro Parish, nell’Uganda sudorientale, è uno dei tanti luoghi colpiti da una prolungata siccità iniziata nel maggio 2016 e dove il cibo stava diventando sempre più scarso, per questo i contadini, in attesa che tornassero le piogge,  hanno deciso di mettere insieme le loro povere risorse e piantare un grande campo comunitario di mais. Nella scorsa primavera sono tornate finalmente le piogge e il loro mais cresceva fiorente. Poi è arrivato  dal  nulla il fall armyworm, il bruco della lafigma (Spodoptera frugiperda), e le larve di una falena grigia mai vista a Kayoro Parish hanno cominciato a divorare il mais.

martedì 17 ottobre 2017

Niente gessetti per la Somalia




La Somalia è in lutto. Sabato 14 ottobre il gruppo jihadista al Shabaab, legato ad al Qaida, ha messo a segno il più devastante attentato terroristico dalla sua costituzione nel 2006. Ha fatto esplodere un camion carico di esplosivo in una zona affollata della capitale Mogadiscio, nei pressi di un albergo, il Safari Hotel, e di diversi negozi, chioschi, ristoranti e uffici governativi. Il bilancio provvisorio è di 276 morti. Ma non si sa quante persone siano ancora sepolte sotto le macerie degli edifici crollati e i feriti sono più di 300, molti dei quali in gravissime condizioni. Tanti altri, che non sono in pericolo di vita, presentano lesioni invalidanti e mutilazioni.

Tre criminali del secolo scorso che fanno danni anche oggi



Testo di Cleodato Felici


Tre criminali comunisti che hanno massacrato 20 milioni di russi per i loro brutti scopi: Stalin, Lenin e Trotzsky. Hanno rovinato il mondo con la loro politica dittatoriale. Nella rivoluzione d’ottobre i russi non hanno avuto nessun vantaggio: hanno solo cambiato padroni.

Quell’acrobata circense amico dei cacciatori bresciani



Politicamente viene dal PCI di cui fu, da giovane, un convinto attivista nel famigerato gruppo del Leoncavallo, famoso per le sue aggressioni con le chiavi inglesi. Non capisce l’internazionalismo insito nel comunismo e per tale motivo fonda l’associazione dei “Comunisti padani”, fulgido esempio di scarsità intellettuale e di impreparazione politica. I suoi studi passano dalla facoltà di scienze politiche a quella (difficilissima) di scienze storiche, ma nemmeno qui riesce a prendere la laurea dimostrando in concreto la levatura delle sue capacità intellettuali. Per anni fa il portaborse di Bossi, anche quando questi rubava i soldi della lega o faceva fare il dirigente politico a quel genio del “Trota” ed il “Non saperlo” sarebbe stato da cretino, mentre “il saperlo senza reagire” sarebbe stato da disonesto. Accetta passivamente l’alleanza con il pluripregiudicato Silvio Berlusconi e sta al governo assieme a lui avallando le tante leggi “ad personam” che hanno salvato il Cavaliere dalla galera ed oggi progetta una alleanza elettorale con Berlusconi al quale vorrebbe però sottrarre il comando della stessa. 

Lotte intestine fra ebrei



Ogni tanto gli ebrei si scannano tra loro. Lo fanno spesso servendosi di scandali sessuali, sia in ambito finanziario, dove la fanno da padrone, sia in ambito cinematografico, dove pure dettano legge. Mi viene in mente Roman Polanski, accusato di pedofilia, ma lì c’era di mezzo anche il satanismo, nel quale molti ebrei si dilettano. Mi viene in mente Dominique Strauss-Kahn, per silurare il quale è bastata la testimonianza di una cameriera prezzolata. Ora è la volta di Harvey Weinstein, che la faccia di viscido maiale ce l’ha di suo. Non conosco le origini etniche delle altre attrici che ora lo accusano di averle ricattate sessualmente, ma mi chiedo: cosa ci fa la stella di David tatuata sul braccio sinistro di Asia Argento? Sarà anche una brava attrice, figlia d’arte, ma non sarà anche lei parte della grande famiglia sionista mondiale?

Il bandito Pier Carlo


Testo di Paolo Sensini


"Siamo in una fase di espansione, di ripresa della crescita che nasconde una sfida strutturale. Siamo fuori a livello globale da una crisi terribile che ha colpito l’economia dal 2007-2008". A dirlo è il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan in occasione dell'ultima manovra economica del governo, secondo cui "il Paese sta uscendo da una crisi profonda grazie all’aggiustamento della finanza pubblica e la ripresa della crescita". Incredibile ma vero: l'Italia non è mai caduta tanto in basso dal dopoguerra come nell'ultimo periodo, di cui peraltro non si intravede alcun segno di ripresa. Che i burocrati di governo stravolgano le cose è un fatto notorio, ma non si era mai giunti a livellli di spudorate menzogne come queste. In pratica siamo all'inversione pura e semplice della realtà, oltretutto da parte di una compagine governativa che ha fatto della persecuzione di "bufale" e fake news uno dei suoi cavalli di battaglia.

Non è un pazzo ma un manipolato mentale


Fonte: Tgcom 24


Un morto e due feriti è il bilancio dell'aggressione con un coltello avvenuta alla stazione della metropolitana Parsons Green, a Londra. Le forze dell'ordine, arrivate sul posto, hanno transennato temporaneamente l'area. L'attacco, secondo Scotland Yard, non sarebbe legato al terrorismo. Il mese scorso, 30 persone erano state ferite per un attacco bomba nella stessa stazione. La stazione di Parsons Green è infatti stata teatro di un attentato terroristico: un ordigno rudimentale fu collocato in un vagone della metropolitana ed esplose parzialmente. Per quella vicenda è finito in carcere come sospetto autore materiale un giovane rifugiato di origini irachene.

La Matrix secondo Platone


Testo di Rita Jemma



Secondo il mito della caverna coloro che sono privi della filosofia (i dormienti, in genere coloro che sono all'oscuro della verità) sono paragonabili ai prigionieri di una caverna (nati e cresciuti dentro questa caverna) vincolati a guardare in una sola direzione perché sono legati a terra, con un fuoco dietro le spalle e un muro di fronte. Tra loro e il muro non vi è nulla; tutto ciò che essi vedono sono le proprie ombre, e quelle degli oggetti dietro di loro, proiettate sul muro dalla luce del fuoco (tra loro e il fuoco vi è un muretto tramite il quale alcuni uomini sporgono piante oggetti e animali, la cui ombra viene proiettata sul muro di fronte i prigionieri). Inevitabilmente essi considerano queste ombre come reali e non hanno nozione degli oggetti a cui sono dovute.

lunedì 16 ottobre 2017

Ci bruciano dall'alto come formiche sotto la lente d'ingrandimento


Fonte: Il nuovo mondo

Tutti abbiamo visto in tv i terribili incendi che hanno colpito la California distruggendo case e vite, ma finito il disastro qualcuno ha fatto notare qualcosa di inquietante. Le foto degli incendi mostrano l'alluminio fuso che corre lungo il marciapiede, mentre gli alberi di Pino "altamente infiammabili" hanno ancora foglie verdi! Il legno non brucia e si consuma forse prima che un metallo si fonda? Nella foto in copertina un'auto è praticamente fusa in mezzo alla strada, ma a pochi metri di distanza troviamo dei vigneti perfettamente verdi, che, solo per il calore generato nelle vicinanze avrebbero dovuto bruciare o come minimo appassire. Alcuni ipotizzano che questi terribili incendi siano stati provocati e che, non si tratti sono di fuoco normale, ma di armi militari ad energia diretta, le uniche che sono attualmente in grado di fondere un metallo lasciando intatto il legno a pochi metri di distanza. Come? Con le microonde. Lo scienziato "non ufficiale" Pier Luigi Ighina, italiano, famoso per la sua valvola antisismica e la macchina della pioggia, prima di abbandonare questo mondo aveva anche messo a punto una macchina in grado di fondere i metalli a distanza, e stiamo parlando di più di 50 anni fa! Immaginate ora quale evoluzione può aver avuto tale tecnologia in ambito militare.

Un calabrese ucciso da uno più calabrese di lui


Testo di Nuccio Recupero


Quello a terra si chiamava Maurizio Gugliotta, aveva 52 anni abitava a Settimo Torinese ed era calabrese.  Khalid Be Greata, un nigeriano di 27 anni, lo ha ucciso con una coltellata al collo. Lo ha fatto perché voleva occupare il suo posto al mercatino del libero scambio 'Il Barattolo', in via Carcano, a Torino. L'italiano ha reagito e la "risorsa" lo ha fatto secco. Dopo, non contento, ha tentato di ammazzare anche un altro italiano intervenuto nella lite. Quest'ultimo si è salvato perché gli abiti che indossava hanno "assorbito" la coltellata, procurandogli soltanto una ferita al petto. Il mercatino, che doveva essere sospeso per l'accaduto, è invece rimasto aperto. Del resto, nessun dramma: è morto solo un italiano. “Ha funzionato tutto benissimo”, è stato il commento alla vicenda del consigliere torinese dei 5 Stelle Davide Lanternino, che illumina la politica della Circoscrizione 7 con il suo savoir-fare, la sua delicatezza e la sua capacità di imparziale giudizio.

Speriamo che il vento di Destra non sia una tempesta in un bicchier d’acqua




Mi inchino agli antichi nemici, Sebastian Kurz è il nuovo enfant prodige europeo, un Macron austriaco, solo che lui ha una compagna di addirittura 5 anni più giovani di lui. Strano vero? Ma la sinistra non si abbandona agli osanna che fece per il neo presidente francese, sarà mica perché il probabilissimo neocancelliere austriaco non è di sinistra? Eh, già, l'Austria vira decisamente a destra, altro ceffone alla sinistra e difatti la sconfitta Merkel mastica amaro e sputa bile. Ma lui ha vinto, la destra ha esondato e l'aria seguita a virare a destra. Dice la Merkel che l'Austria non è un esempio da imitare, non sono certo un grande come lei ma così, a occhio, direi che lo è eccome e difatti il vento di destra spira sempre più impetuoso in tutta Europa.

Colpisce di più un pugno o l'indifferenza?



ROMA – Una ragazza è stata aggredita, nell’indifferenza generale, su un autobus. Giorgia Curcuruto, giovane romana che lavora in centro come barista ma abita a Tor Pignattaraha raccontato la sua odissea al Corriere della Sera. Era il 27 luglio, dopo le 20, e la ragazza era seduta sul 409 per tornare a casa: “Uno straniero, forse del Marocco, non lo so con certezza, comunque anziano, mi ha messo le mani sulle spalle dicendo di lasciargli il posto. Gli ho risposto che già che me lo domandava in quel modo, senza un briciolo di educazione, allora la risposta era no: mi ha dato un pugno. Ho gridato, la gente si è girata dall’altra parte”. “Sono stata picchiata da uno sconosciuto e nessuno ha detto niente –  è la sua accusa -. Eppure tutti hanno visto, l’autobus era pieno. Almeno dopo il pugno qualcuno sarebbe dovuto intervenire. E invece nemmeno il conducente ha alzato un dito per difendermi, anzi se n’è lavato le mani”.

Un probabile caso di pareidolia


Fonte: UFO World

Quando nel 1999 vidi per la prima volta il film Matrix, mi accorsi a livello intuitivo che era molto di più di quello che appariva. Aldilà delle meravigliose scene di azione e del simbolismo filosofico ed esoterico, quello che mi aveva davvero colpito era la comprensione forse un po' paranoica che l’intera umanità viveva davvero in “una prigione senza sbarre, una prigione per la mente”. Dopo anni di studi e ricerche, sono arrivato alla comprensione che Matrix non è una realtà tridimensionale olografica simulata al computer, ma una gabbia energetica che intrappola le entità che si incarnano sulla Terra. Anche per me, che sono sempre estremamente razionale e coerente, soprattutto quando realizzo i miei video di denuncia, non è facile lasciarmi andare a dichiarazioni tanto forti e pesanti, così a cuor leggero! A tal proposito mi viene in mente una famosa citazione attribuita al filosofo Eraclito, che riguardo alla ricerca della verità disse: “Non troverai mai la verità, se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspettavi di trovare.”.

Il Corano vietato in Cina come la Bibbia nel Medioevo in Europa



I comunisti cinesi usano il pugno durissimo contro gli islamici: il governo ha dato ordine alla polizia di ritirare tutte le copie del Corano, i tappetini usati nelle preghiere e qualsiasi oggetto che riconduce all’Islam, in più proibisce l’utilizzo di burqa, veli islamici e barbe. Per una volta dovremo prendere esempio dai comunisti e bloccare la lenta islamizzazione dell’Occidente. È una forte stretta che va a toccare i fedeli musulmani quella decisa dalle autorità in Cina, che hanno chiesto – o meglio dire preteso – che siano consegnate tutte le copie del Corano in circolazione, ma anche i tappetini utilizzati per la preghiera e qualsiasi oggetto riconducibile alla religione. Un provvedimento duro nei confronti dell’Islam, di cui rende conto Radio Free Asia e che sta andando a colpire soprattutto nella regione dello Xinjiang, terra della minoranza turcofona degli uiguri, ma anche di kazaki e kirghizi con i quali hanno in comune proprio il credo.

Mentecatti rossi e neri


Ecco una dimostrazione di come la tecnica arcontico-sionista possa essere portata alle estreme conseguenze, fino al punto di mettere fratello contro fratello, compagno contro camerata. I fatti di Empoli, con gli abitanti di quella città terrorizzati alla sola idea che stavano arrivando i fascisti, come se si trattasse degli Unni o degli Ungari, dimostra quanto la paura sia cattiva consigliera. Per me, a distanza di quasi cento anni, è inconcepibile, ma per i comunisti e i socialisti di quelle zone, in quel periodo, la paura era giustificata. C’erano vittime da una parte e dall’altra. Carabinieri linciati o uccisi dai cecchini e anarchici giustiziati senza processo, bombe tra la folla e altre piacevolezze. Il traditore Mussolini che crea i fascisti, li arma, li plagia, gli fa indossare divise con tanto di teschio cucito sul petto, gli fa cantare canzoni che inneggiano alla morte. 

domenica 15 ottobre 2017

Gli escrementi non piacciono agli Dei


Nei tempi anteriori al quinto secolo avanti Cristo, gli Dei, ovvero gli astronauti alieni conosciuti come Anunnaki, camminavano in mezzo agli uomini. Tanto è vero che uno dei 613 comandamenti che poi sarebbero stati ridotti a dieci, ordinava ai soldati israeliti di portarsi dietro sempre un piolo di legno, da usare per scavare una buchetta nel terreno in cui depositare le proprie feci. E soprattutto, di allontanarsi dalle tende nel momento del bisogno. Geova, quando camminava nell’accampamento, non era per niente contento di pestare gli escrementi dei suoi soldati. Non fu solo per gli inconvenienti di avere contatti ravvicinati con i propri schiavi puzzolenti che gli Elohim decisero di eclissarsi. Fu perché il potere così come veniva da essi esercitato non era sufficiente, non raggiungeva il massimo dell’efficacia. C’erano sempre rivolte e tentativi di passare alla concorrenza, come nel caso degli abitanti di Sodoma, Gomorra e le altre tre città che volevano passare con i fratellastri di Jehowa e per questo furono annientate.