sabato 23 marzo 2019

Scuse tardive del rappresentante della comunità senegalese



Naturalmente il commento al fatto è che si tratta di un caso isolato, dimenticando il numero incredibile di attentati piccoli e grandi che l’Europa subisce. Non solo, ma i problemi che si hanno in paesi come la Svezia e altri paesi europei: bambini che non possono andare a scuola, e donne che abbandonano alcuni quartieri di Stoccolma, perché non sono tollerate dalla popolazione musulmana, aree no go zone, dove vige la sharia e soprattutto attentati o atti violenti diretti contro gli autoctoni. Nessuno è contro gli islamici, ma un popolo ha diritto a non essere invaso da un altro che ha una cultura agli antipodi. Il rispetto per le culture e identità deve essere un fatto reciproco e non a senso unico.

Il veleno delle vipere cresciute in seno


Stefano Giarolli: Indagato per terrorismo rischia l’espulsione. Il qua presente, oltre che essere un clandestino a Jesolo Lido, e ospite della Croce Rossa Italiana, in hotel, a spese degli italiani, ci ha pure minacciato, che quello che è successo a Milano sull’autobus dato a fuoco non è niente in confronto a quello che verrà. Allora io dico: Basta. Fuori di qua!

Giordano Danieli: Rispeditelo per "raccomandata espresso" al suo paese di imbecilli, che vengono qui per minacciare. Non li vogliamo! Il Ghana è stata una colonia inglese, tuttora l'economia è sfruttata dagli inglesi. Perché non vai a rompere i maroni a loro, grandissimo deficiente?

Se ammazzi il mio amico, io ti uccido!


Fonte: TPI News

Non ha perdonato la madre per avergli ucciso il suo migliore amico e ha vendicato la morte del suo cagnolino uccidendola. La storia terribile arriva dalla contea cinese di Jianhu, dove Shao, il ragazzino di 13 anni protagonista della vicenda, viveva assieme alla sua famiglia. La tragedia si è consumata il 16 marzo scorso, quando il ragazzo ha perso la testa e ha ucciso la madre, una 37enne proprietaria di un negozio di abbigliamento. 

La Cina è WC


Fonte: ADN Kronos

La Cina ha una "strategia rapace di dominio del mondo". Nel giorno in cui il presidente cinese Xi Jinping atterra a Roma, Steve Bannon mette in guardia l'Italia dal rischio di diventare una preda delle mire espansionistiche di Pechino. Iniziative come la Via della Seta, o aziende come la Huawei, "daranno alla Cina il dominio del mondo", sostiene l'ex capo stratega di Donald Trump, ospite nella capitale di Lettera 22, per una conferenza alla Biblioteca Angelica. Bannon punta anche il dito contro il "partito di Davos" che ha salutato Il presidente Xi come "il salvatore della globalizzazione".

Ubi major, minor cessat: lo ius soli è più importante del terrorismo


Testo di Stelio Fergola

Attacco a scuolabus, su La7 si delira e si rilancia lo ius soli. A L’Aria che tira Myrta Merlino è categorica: “Quello che è successo dovrebbe farci riflettere tutti!”. Ma mica sul fatto che un senegalese con un pezzo di carta possa non essere italiano semplicemente grazie a una firma. E nemmeno sul fatto che la sua azione sia stata indiscutibilmente razzista, in quanto diretta verso un gruppo di bambini in gran parte di etnia europea e non subsahariana. No no, per Myrta Merlino occorre intervistare Adam, bambino marocchino nato in Italia e chiedergli sulla drammatica vicenda vissuta personalmente. Per poi sentenziare che “questi bambini (quelli come Adam) sono più italiani di noi!“. E infine la perla. L’umanissima conduttrice piena di amore per il prossimo chiede al povero ragazzino se si sente italiano o marocchino: “Tutte e due” risponde il poveretto, circuito e attorniato da una sequela di squali cronistici che avevano l’unico scopo di rilanciare il multiculturalismo ad ogni costo, ignorando i dati di fatto di una tragedia che è stata sfiorata anche in virtù delle loro idiozie.

Un Troll fa un’offerta che non si può rifiutare


Testo di Anonimo

Saluti dal grande Ordine degli Illuminati allo stato unito e in tutto il mondo, questa è un'opportunità aperta per unirsi alla fratellanza degli Illuminati, dove puoi recuperare i tuoi sogni perduti, e anche dove puoi vedere la luce della ricchezza e della felicità senza sacrificio di sangue. E paghiamo anche la somma di $ 800.000 per dare il benvenuto a tutti i nuovi membri che si uniscono alla fraternità e anche una casa a loro scelta e casa con investimenti, insieme a questa opportunità nella vita di essere famosi.

venerdì 22 marzo 2019

Gli sloveni non vogliono meticciarsi


Darko Stojicic: E così proseguono direttamente per Italia.
Gianmario Gibellini: Fanno bene.
Darko Stojicic: E’ giusto dissuadere la gente perché molti che partono dall'Africa si aspettano di trovare il paradiso terrestre in Europa.
Gianmario Gibellini: C'è già tanta disoccupazione in Europa.
Pietro Lollo: Dovrebbero mettere delle boe con un cartello uguale anche al largo di Lampedusa: “Proceed to France. Thank you”. «Allez en France. Je vous remercie".
Cozzula Mario: Nooo! In Sardegna! Li aspettano a braccia aperte!
Silla Cornelio: I furbetti: firmano il trattato per la UE solo per i profitti, ma l'immondizia non la vogliono. Dovrebbero uscire e non chiudere le loro inesistenti frontiere.
Giuseppe Auciello: Mica in Slovenia sono fessi come gli italiani, indottrinati dal comunismo fino a paralizzare i neuroni cerebrali.

Alè, avanti con il multiculturalismo!


Testo di Marco Zorzi

Incredibile: un panamense, un africano della Sierra Leone, un siriano. Ecco alcuni dei candidati a sindaco di Firenze, per il Partito Unico Del Genocidio Contro Gli Italiani. Mai nessuna situazione di tutta la storia d'Italia aveva visto una simile inaudita degenerazione. Portare degli alieni a milioni nel proprio territorio e invitarli prima a sostituire e poi a rappresentare un popolo che non è e mai sarà il loro. In realtà la popolazione virtuale anonima futura che vorrebbero perversamente plasmare dopo la "soluzione finale" per l'eliminazione del popolo italiano. Fanno schifo. Traditori maledetti! 

Al cane che morse Maometto bisognerebbe fare un monumento


Fonte: Daily Muslim

Il fatto è accaduto a Torino a bordo di un autobus di linea. Vittime alcune ragazze musulmane che erano a bordo del 59/ e che sono state aggredite dapprima verbalmente, quindi passando alle vie di fatto. A rendere noto quanto successo è stata una di esse, Fatima Zahara Lafram, esponente cittadina dei Giovani Musulmani d’Italia e sorella di Yassine Lafram, presidente dell’UCOII (Unione Comunità Islamiche d’Italia). Ad andare in escandescenze è stata un’altra passeggera che non ha tollerato la paura di una di loro per un cane che era stato portato sul bus e che ha detto: “Avete paura di un cane ma non di farvi saltare in aria negli attentati…” È stato allora che la situazione è degenerata, con le malcapitate che hanno anche subito le ire della persona rivelatasi oltremodo razzista e violenta, alzando le mani sulle ragazze e strappando ad una di loro l’hijab che indossava. Il conducente ha allora prontamente fermato il bus ed allertato la Polizia che è intervenuta sul posto per raccogliere le testimonianze delle persone coinvolte.

L’altra Greta



Chi è Izabella Nilsson Jarvandi? Anche lei giovane (ha 15 anni), anche lei determinata (ha fatto, microfono alla mano, arringhe davanti ai palazzi istituzionali svedesi), anche lei un personaggio, insomma, eppure un personaggio che i grandi media si guardano bene dal celebrare. Come mai? Per un motivo semplice: a differenza di Greta, Izabella ha sposato istanze contrarie al pensiero dominante. Per esempio, riservando parole contro le migrazioni di massa e a favore delle politiche familiari (ha osato perfino solidarizzare con l’Ungheria di Viktor Orbán).

I predatori della corriera perduta


In queste ore in tivù, nelle discussioni sul caso dell’autista senegalese, vengono evidenziati tre punti: 1) i precedenti penali del soggetto, che non avrebbero dovuto permettergli di fare quel lavoro; 2) il coraggio di tre ragazzini, uno in particolare, figlio di un egiziano; 3) l’abilità dei carabinieri intervenuti nel portare in salvo gli studenti. Queste tre considerazioni sono fatte da esponenti sia di Destra che di Sinistra, ma i primi mettono in risalto il fatto che l’amministrazione comunale di Crema, da cui lo scuolabus dipende, è di Sinistra, mentre i secondi insistono sulla necessità di concedere lo “jus soli” a quel ragazzino egiziano e a tutti gli altri minorenni, nati in Italia da genitori stranieri, che si trovano nelle sue condizioni. In questa vicenda ci sono però due altri livelli di discussione che non sono affrontati da nessuno, perché, il primo, troppo spiacevole e, il secondo, sconosciuto.

giovedì 21 marzo 2019

Politici e mass-media che girano la frittata


Testo di Libero Subania

Per il circo mediatico è sbagliato e ingiusto fare presente che il dirottatore di San Donato Milanese, che risponde al nome di Sy Ousseynou, è un senegalese, perché ciò indurrebbe "sentimenti di razzismo nella gente". Mentre va sottolineato con forza, a parere di media e politici accoglioni, che taluni dei ragazzini che rischiavano di essere inceneriti dal loro autista di autobus sono figli d'immigrati africani. Insomma bisogna rigirare la frittata e nascondere i frutti maturi dell'integrazione, che ogni giorno vediamo sprigionare i loro effetti un po' ovunque. Il che non è altro che un modo politicamente corretto per fomentare razzismo scaricando poi la colpa sugli altri.

Dopo le guerre interreligiose, la pace del NWO


Testo di Rita Jemma


Dopo le nazioni, il secondo male sono le religioni, perché hanno combattuto e ucciso per motivi che non interessano a nessuno. Le religioni di origine semitica, come il giudaismo, il cristianesimo e l'islam, furono le prime a inculcare nella mente della gente l'idea che la guerra può essere "santa". E altri culti si sono poi accodati, massacrandosi a vicenda in nome di Dio. Le religioni hanno distrutto l'integrità dell'uomo. Lo hanno spezzato, non solo in parti, ma in parti che continuano a lottare tra di loro. In questo modo hanno reso schizofrenica l'umanità: hanno dato a ogni uomo una personalità dissociata. Ed è stato fatto in maniera molto furba e astuta: tramite la condanna del corpo e del sesso, facendo rivoltare l'individuo contro la sua stessa natura. Tutte le religioni sono contrarie a ciò di cui l'uomo può godere. E' loro interesse mantenere l'uomo infelice, distruggere ogni sua possibilità di trovare pace, gioia e appagamento; di trovare il paradiso qui e ora. Per l'esistenza “dell’altro mondo” l’ infelicità è indispensabile.

Ousseyne, ci fai o ci sei?


Testo di Trinidad Cortes

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini parla di quanto avvenuto a Milano, dove un uomo di origini senegalesi ha dirottato e dato fuoco a uno scuolabus per fortuna senza provocare né morti e feriti. L'attacco aveva chiari intenti di strage, come affermato dal pm Alberto Nobili, e il ministro Salvini ha deciso di applicare il pugno duro. Parlando a Porta a Porta, il leader leghista ha detto: "Domani mando una circolare a tutti i sindaci per fare quello dovrebbe essere scontato ma che non tutti fanno: chi lavora a contatto col pubblico porti la fedina penale. Certificato penale obbligatorio, possibilità di revoca della cittadinanza se c'è aggravante di terrorismo e videosorveglianza nelle scuole e negli asili nido. Voglio capire chi ha messo in mano quell'autobus a questo signore". Sull'uomo che ha incendiato e provocato il terrore sulla Paullese, il ministro leghista non usa mezzi termini: "L'autista del bus è una bestia e un ignorante". E adesso, l'idea è che il governo possa applicare una linea molto più dura in conseguenza di un attacco che poteva avere conseguenze ben più gravi di quelle che ha avuto. Come affermato dalle forze dell'ordine, l'autista, Ousseyne Sy, aveva chiaramente intenti di compiere un attacco su vasta scala. E in un periodo in cui l'allerta terrorismo è massima, così come il pericolo emulazione, si vuole evitare che altri mezzi di trasporto possano essere presi di mira.

La Sinistra deve avere qualche problema con gli sfinteri anali



E’ incredibile come la finta Sinistra italiana si affanni tanto per i migranti africani: prima vota per bombardarli e poi, capitanati da Napolitano, votano insieme al traditore Berlusca per i bombardamenti, mentre la Lega si astiene. E ora li vogliono portare in Italia. Ma non solo, fanno gli alzabandiera per i colonialisti e difendono il franco coloniale. In tutta la mia vita non ho mai visto la Sinistra difendere i colonialisti e bombardare chi vuole stamparsi una sua moneta, eppure abbiamo gli allocchi che tifano ancora per una Sinistra che non c'è.

Dietro Greta c'è la "Green economy"



Come noto non sono un climatologo, ma solo un attempato studioso (non scienziato) del clima globale ed ho una posizione di scettico nei confronti dell’Anthropogenic Global Warming. Per buona fortuna, la scienza non procede per processi democratici, ma per verifiche sperimentali. La sua storia è piena di teorie maggioritarie miseramente decadute perché sperimentalmente non sostenibili: si pensi come esempi all’ipotesi geocentrica di Tolomeo o a quella del calorico pur condivisa da tanti eminenti scienziati del tempo. La modalità tipica di avanzamento nelle conoscenze scientifiche consiste nell’elaborazione dei dubbi e il più grande nemico del progredire della scienza non è l’ignoranza, è l’illusione della certezza.

Luca Traini dall'altra parte dello specchio



La tentata strage di Milano è un fatto di una gravità inaudita. Il conducente del bus carico di studenti in passato era stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e molestie sessuali. Ancor bene che nel suo curriculum non figurava un tentato dirottamento aereo. Ha costretto le insegnanti a legare le mani degli studenti: voleva ucciderli tutti quanti. La cosa più inquietante del gesto compiuto da questo terrorista è che non ha agito in base ad un'ideologia (o religione) incompatibile con la cultura italiana ed europea. Tutt'altro. La motivazione alla base del suo gesto - le persone in Africa muoiono e la colpa è di Di Maio e di Salvini - coincide con gli schifosi slogan che vengono ripetuti da mesi da scrittori, santoni, politicanti e sciacalli vari. Tutti italianissimi e tutti violentemente - a parole - intolleranti. Se è vero che le responsabilità sono sempre personali, è anche vero che da stasera per certi spacciatori di odio e moralizzatori da quattro soldi guardarsi allo specchio, senza provare un pizzico di disgusto, sarà meno semplice. Almeno lo spero.

mercoledì 20 marzo 2019

Eh, niente, ormai si sono fissate col governo omofobo!



Donne di sinistra bollite come lo zampone con le lenticchie, che vengono aizzate ad imparare a pappagallo frasi senza senso e di cui non conoscono neanche il significato. Donne che rinnegano la propria patria, l'Italia, che ricordiamo ancora una volta, ha depenalizzato l'omosessualità nel lontano 1866, ben prima dall'anglicana Gran Bretagna (1967), della Germania comunista (1968), della luterana Norvegia (1972) o d'Israele (1988). Che da noi non vi sia alcun allarme "omofobia" è poi suffragato dall'UNAR – l'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali – presso il quale esiste un numero verde per la segnalazione di presunti casi di "omofobia". E non le vediamo mai protestare contro la sinistra più becera, quella che per anni ha rovinato e umiliato milioni di italiani.

Qualcuno ha dato il via libera alla ferocia dei malviventi



Un ufficiale dei carabinieri di Ravenna mi ha detto: "Una volta i ladri facevano di tutto per evitare il contatto col derubato o la sua famiglia, ben informati dagli avvocati che la pena, in tal caso, sarebbe lievitata molto. Emergeva in ogni intercettazione. Oggi emerge purtroppo il contrario. Sentiamo che si vantano tra loro di aver massacrato la famiglia anche se era evitabile. Spesso sono sotto effetto di droghe". Sentito questo autorevole parere, la mia opinione è che se vieni a derubarmi, o peggio minacciarmi, voglio avere la legge della mia parte. Voglio spararti in faccia tutti i proiettili. Così tua madre non ti riconoscerà se non per il nome sulla bara. Armi in ogni casa. Sì alla legittima difesa sempre e in ogni caso. Sì anche a sparare nella schiena finché il ladro è dentro la proprietà privata. Disinfettare. I ladri non sono persone. Sono parassiti.

Il Capitano sull'orlo di una crisi di fiducia


Testo di Il Cupo Mietitore (Twitter)

Provocazione al 100%. L’equipaggio va arrestato immediatamente. Se ci sono delle regole vanno rispettate, altrimenti qui ognuno fa il cazzo che gli pare. Matteo Salvini, se molli questa volta hai toppato. Io metto la parola fine a sostenere la tua persona.