mercoledì 24 maggio 2017

Madre Emma da Calcutta


Testo di Paolo Sensini


Emma Bonino è stata, insieme ai suoi compagni di merende radicali, una delle grandi propagandatrici della guerra in Afghanistan per "liberare le donne dal burqa". Ma lì e in altri paesi islamici le donne se ne sono fregate altamente delle sue giaculatorie "emancipatrici" e il burqa continuano a indossarlo felici e contente. Adesso però che una tale "moda" sta imponendosi rapidamente anche nei Paesi occidentali, la Bonino non ha più nulla da obiettare e gli va bene così. Anzi, ne difende strenuamente gli usi e costumi come grande "conquista di Civiltà". Ed è per questa sua "coerenza" politica che, guarda caso fa coincidere da più di 30 anni l'agenda di Soros con quella del Partito Radicale, viene insignita e trattata come una specie di "reliquia" della Repubblica... delle banane.

martedì 23 maggio 2017

Ogni tanto una bella notizia!




Un karma decisamente istantaneo per un cacciatore sudafricano molto noto in patria. Theunis Botha, 51 anni, di Tzaanen, venerdì scorso stava conducendo un safari di caccia nei pressi del parco nazionale di Hwange ma è morto schiacciato da una femmina di elefante uccisa da un colpo sparato da uno dei partecipanti alla battuta. Botha aveva deciso di organizzare il safari di caccia poiché in questo periodo sono frequenti i passaggi di elefanti per la stagione dell'accoppiamento. Una volta giunti davanti a quattro esemplari, il gruppo sarebbe stato attaccato da uno degli elefanti e una femmina aveva quasi attaccato il cacciatore. A questo punto, come riportano media locali e il Sun, uno dei suoi compagni di caccia ha sparato all'animale, che però è caduto sul fianco schiacciando Botha. L'uomo lascia una moglie e cinque figli.

La settemplice struttura dell’uomo, per nulla semplice

Namasté gentili e attenti lettori, per chi si interessa di scienze misteriche e/o esoterismo, il grande Rudolf Steiner, che pare abbia partecipato come relatore a ben 6.000 conferenze, è una "generosa" miniera di notizie straordinarie e di segreti svelati. Molti, compreso il sottoscritto, lo considerano un grande maestro, alcuni anche di più: un messaggero divino. Infatti, tanti figli di regnanti e di persone molto facoltose frequentano le scuole Waldorf o Steineriane. Penso che ci sarà un valido motivo per questa scelta! Buona vita! SDEI/Sergio





Ciò che nel corpo fisico appare rozzamente materiale è solo la sua parte manifesta. Dietro questa parte manifesta stanno le sue forze nascoste, che sono di natura spirituale. Qui non parliamo quindi di un lavoro sulla parte materiale apparente del corpo fisico, ma di un lavoro spirituale sulle forze invisibili che ne procurano la formazione e la disgregazione. Nella vita ordinaria l’uomo non può arrivare che a una coscienza assai poco chiara di questo lavoro dell’Io sul corpo fisico.

Anche i pacifici induisti non scherzano in fatto di fanatismo


Fonte: Asia News

Una folla inferocita di circa 100 persone ha devastato e vandalizzato la chiesa della Madonna di Fatima a Godamakunta, nel villaggio di Keesara (nella diocesi di Hyderabad). Gli assalitori hanno distrutto il crocifisso e infranto la statua della Vergine. L’ennesimo episodio di intolleranza verso la minoranza cristiana è avvenuto ieri intorno alle 9.30 di mattina (ora locale). La chiesa era stata consacrata lo scorso 13 maggio da mons. Thumma Bala, l’arcivescovo, nel giorno in cui la Chiesa universale ha festeggiato il centenario delle apparizioni di Fatima. Ad AsiaNews mons. Bala afferma con dolore: “Questo atto di dissacrazione, vandalismo e la distruzione delle statue ferisce in modo profondo i sentimenti religiosi della comunità cattolica. Siamo molto addolorati”.

Resistere all’attuale sistema criminale per non morire




"O fai di tutto per vivere, o fai di tutto per morire (dal film Le ali della libertà). Ieri ho saputo del suicidio di un conoscente e ho avuto tanti incubi notturni che filtravano il malessere di questa notizia, dove ciò che mi ferisce è una società che non si accorge di mancare completamente di amore ed empatia verso il prossimo, agevolando questi fatti drammatici. Una società che ci toglie economicamente, che ci obbliga a convivenze non desiderate che compromettono i nostri stessi stili di vita, non abbiamo più sicurezza dei nostri risparmi, delle vaccinazioni per i nostri bimbi, inquinamenti assassini per favorire il business, viviamo in un incubo di contraddizioni, dove non siamo tutelati, ma siamo solo schiavi lavoratori che devono mantenere questo sistema marcio. Sarebbe così facile vivere, se vi fosse il rispetto della persona, dell'ambiente, delle regole, della giustizia! Purtroppo chi, come me, persegue questa strada di integrità morale, oggi si sente solo, vive male, perché intuisce il degrado e la giungla, con tutti i suoi pericoli celati. Difficile difendersi di questi tempi, tutti sempre allertati al prossimo sopruso che ci toglierà un altro po’ di libertà e di fiducia nella vita. Svegliamoci o facciamo di tutto per vivere! O ci tocca morire e anche malamente! Non diamogli questa soddisfazione, amici che la pensate come me!

C’è del marcio in quella marcia



Che fossero davvero 100 mila o meno poco importa, a sfilare a Milano a favore dell’immigrazione (di ogni tipo di immigrazione) e contro i razzisti (cioè tutti coloro che non vogliono l’immigrazione che sta sommergendo Italia ed Europa) c’erano tutti ma proprio tutti, quelli che grazie agli immigrati illegali provenienti dalla Libia gonfiano i propri fatturati al ritmo di 4/5 miliardi di euro anni. Soldi nostri e in piccola parte dei contribuenti europei. Cooperative, associazioni enti cattolici e di sinistra che si spartiscono il grosso della torta stanziata per l’accoglienza di immigrati illegali giunti in Italia pagando criminali. Non potevano mancare nell’allegro corteo le organizzazioni che rappresentano le comunità di immigrati, certo preoccupate quanto le associazioni di cui sopra che un giorno l’Italia possa riprendere in mano la sua sovranità ricominciando a controllare le frontiere bloccando i flussi dalla Libia o riassumendo il controllo del territorio nazionale procedendo a rapide e massicce espulsioni dei clandestini.


lunedì 22 maggio 2017

Le città italiane stanno ripiombando nel Medioevo




Dalla stazione di Milano Centrale sono partita ed arrivata un'infinità di volte, talvolta la sera tardi, stanca morta al rientro da un viaggio di lavoro, marciando per i gradini per raggiungere la metropolitana, trascinando un trolley, cercando di essere invisibile, contando i minuti che mi separavano dal rientro a casa sana e salva. Tutti rivendicano diritti ai quali dovrebbero corrispondere altrettanti doveri. I cittadini già provati dalle difficoltà quotidiane, hanno il diritto di sentirsi al sicuro, senza essere impauriti, molestati, circuiti, aggrediti, derubati o devono pure sentirsi insultare da chi, ansioso di mostrarsi buono, vive nel suo mondo di privilegi e carica i problemi sulle spalle dei cittadini che si permettono di rivendicare il diritto di viaggiare e marciare al lavoro in sicurezza?

Qualcuno si è accorto che gli animali portano voti



In principio era Dudù, il cane di casa; l'ultima uscita sul tema, invece, è stata sull'agnellino, per la 'campagna' di Pasqua. E ora gli animali diventano da passione privata affare politico. "Un sondaggio su un campione di 2mila persone indica che se alle prossime elezioni si presentasse un movimento per la difesa dei diritti degli animali e dell'ambiente avrebbe il 20%". Silvio Berlusconi partecipa a Milano alla presentazione del nuovo partito in vista delle elezioni di cui è socio fondatore insieme alla paladina degli animali Michela Brambilla, già al governo con l'ex Cavaliere, ministro del Turismo e sottosegretario. Obiettivo: intercettare 7,5 milioni di famiglie, "quelle che - spiega - hanno un animale da affezione in casa, e sono la metà delle famiglie italiane".

Gentiloni sta sovraccaricando la pazienza degli italiani


Fonte: Leggo


Ottocentomila bambini e ragazzi potrebbero non essere in regola in vista dell'inizio del nuovo anno scolastico. Il decreto approvato venerdì impone l'obbligo di vaccinazione per l'iscrizione a scuola e le Asl potrebbero essere sommerse da moltissimi casi da gestire. Secondo una stima de "La Repubblica", i bambini "scoperti" alla scuola materna sarebbero 204.274, quelli alle elementari 287.622, quelli alle medie 178.882 e quelli alle superiori 146.058. Il totale è di 816.836 bambini, che per tornare sui banchi devono fare i vaccini. Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, assicura che l'introduzione sarà graduale in modo da non sovraccaricare gli istituti sanitari. Le scuole avranno il compito di segnalare casi sospetti alle Asl. Le famiglie saranno invitate a provvedere e in caso di rifiuto partirà la sanzione (da 500 a 7.500 euro) ed eventualmente anche la segnalazione al Tribunale dei minori.

Gesù e la lancia infuocata che penetra le carni


Namastè, gentili e attenti lettori, questo straordinario e originale post, arrivato sempre per "caso", lo dedico in particolare a Roberto e a tutti gli scettici come lui che non credono che Gesù sia esistito veramente, lo faccio non per "convertire" qualcuno, bensì per stimolare un confronto, anzi un dialogo costruttivo, possibilmente privo di giudizi e pregiudizi di tipo personale. Vedi altri post!
BUONA VITA - SDEI/SERGIO


Il testo e stato scritto da Peppe Pulton, noto contattista sardo, che fin dalla tenera età riceve visite interplanetarie, dalle quali apprende notizie segrete. Ha instaurato un rapporto di amore e di condivisione con i pleiadiani, i quali sovente lo riempiono di conoscenza e calore.

De Lorenzin redivivo



Gli Arconti si prendono beffe di noi comuni mortali. Pensano che la gente abbia memoria corta e infatti per le nuove generazioni è così, ma noi eravamo vivi, forse, e coscienti, alla fine degli anni Novanta, quando un ministro della sanità finì in prigione per corruzione. E ce ne ricordiamo. Ah, dove sono finiti i magistrati di una volta?! Se tanto mi dà tanto, chi ci garantisce che la ministra Beatrice Lorenzin non abbia ricevuto una tangente simile a quella presa da De Lorenzi? Non dobbiamo fare nemmeno la fatica di immaginarlo, di ipotizzarlo, perché è stato Il Sole 24 Ore a scriverlo pubblicamente: la GlaxoSmithKline ha intenzione di investire un miliardo di euro in Italia, per diffondere i suoi vaccini. E allora, come la mettiamo? De Lorenzi in prigione e Lorenzin sugli altari?

domenica 21 maggio 2017

Qualcosa di miracoloso


Fonte: Speed24 News

Il risveglio dopo la morte è possibile? Alcuni casi avvenuti in passato ci dicono di sì. Può succedere dopo poche ore, al massimo dopo qualche giorno, ma mai nessuno aveva superato il limite dei 3 mesi. Questo è il periodo di tempo trascorso da un uomo nella sua bara, ben 94 giorni passati in un totale stato di morte cerebrale, con la cessazione totale di ogni attività vitale e l’inizio del processo di decomposizione. Detta così sembrerebbe una delle tante bufale presenti in rete, eppure le foto non mentono, così come le dichiarazioni di importanti e autorevoli medici internazionali che, venendo a sapere dell’accaduto, si sono precipitati a Lima, in Perù, per analizzare le condizioni di salute dell’uomo (Alejandro Tanatos, 54 anni) e per capire come sia potuto risorgere. Perché di resurrezione stiamo parlando, non di un semplice caso di morte apparente.


L'eccezione che conferma la regola



In un certo senso è una buona notizia. Il 5 maggio due funzionari nigeriani incaricati di assistere le popolazioni colpite da carestia nel nord est del loro paese sono stati condannati a due anni di prigione per aver venduto del cibo donato dalla cooperazione internazionale, invece di distribuirlo alle famiglie in difficoltà. Al momento dell’arresto avevano già sottratto dai magazzini 300 sacchi di riso. Il direttore del Comitato di emergenza dell’Onu per i disastri, Saleh Saeed, il 15 marzo aveva avvisato che cose del genere sarebbero potute capitare: tuttavia, aveva detto, la situazione in Nigeria, Yemen, Somalia e Sudan del Sud (i quattro stati che all’inizio di marzo hanno dichiarato lo stato di carestia) è talmente grave che non importa se, come al solito, una parte dei fondi andranno perduti, verranno dirottati dai governi e finiranno nelle mani di gruppi armati. La buona notizia, allora, è che una volta tanto, finalmente, persone che si sono appropriate di generi di prima necessità destinati a salvare la vita a gente che muore di fame sono state arrestate e condannate. In Nigeria è la prima volta che succede. C’è di più. Sempre in Nigeria in questi giorni sono in corso indagini su come vengono gestiti gli aiuti d’emergenza per far fronte alla crisi umanitaria nel nord est. L’inchiesta si è da poco estesa ai vertici della Nia, l’Agenzia investigativa nazionale, in seguito al ritrovamento di oltre 43 milioni di dollari in contanti in un appartamento usato dall’agenzia. Il presidente Muhammad Buhari ha ordinato la sospensione del direttore della Nia, Ayo Oke, il 19 aprile e di un suo stretto collaboratore, David Babachir Lawal, il 3 maggio.


E' nato in Italia ma non è riuscito ad integrarsi




Lui è Ismail Tommaso Hosni, l'accoltellatore della stazione di Milano. Dai tratti somatici tipicamente svedesi e il nome di origini probabilmente irlandesi si era stranamente convertito all'Islam ed era diventato simpatizzante dell'Isis. Alla stazione di polizia si è giustificato dicendo di sentirsi solo. Il Prefetto e il Sindaco lanciano l'allarme: Attenzione ai single!

venerdì 19 maggio 2017

La guerra di Sergio


La Tigre in gabbia: Nell'articolo originale una frase era segnata in grassetto: "Non ti atteggiare da quello che ci ha capito qualcosa. Lo sappiamo tutti che non sai niente! Sii quel niente!" Capito SDEI?


Veg Anna: Tempo fa fui estasiata da un detto di Lao Tzu, che non suonava proprio così, ma che ho tradotto e spiegato prima a me stessa per farlo comprendere anche agli altri, che ebbero da ridire su quello normalmente tradotto. Il detto è: il saggio non compete, perché rifiuta la competizione. Perché mi dovrei incaponire ad essere un'architetta se invece riesco bene nella coltivazione delle piante? Ognuno all'arte sua. Collaborazione, non competizione. Insieme all'Ateismo ed al Veganesimo debella la maggior pare del male. Altro che rivoluzioni armate che sono sempre durate da natale a santo stefano, da pasqua a pasquetta. Ogni essere vivente è unico ed irripetibile. Lo dico sempre anche ai miei Gatti, che in tema di competizione sono troppo umani, troppo umani, Sorella Natura Bella e Cannibale [in luogo di “oh mon dieu”], ma Reale.

Anonimo: Veg Anna è un boot automatico:

http://www.repubblica.it/tecnologia/social-network/2016/07/29/news/fenomeno_fake_l_invasione_degli_utenti_falsi_dalla_politica_social_al_dating_online-145032463/

Il vento è favorevole per i gay in politica




Testo di Dario Tinnirello


Massimo Milani - Candidato Sinistra Comune a Palermo. Con lo slogan "Casa, pace, pane e rose. Siamo tutte favolose". Favolosa non mi sembri e il mio voto non lo prendi.  

Avvoltoi ministeriali che si contendono le ossa da spolpare



Una settimana fa si era consumato il primo scontro, ma il tema vaccini fa ancora discutere all’interno del governo due ministri. Un primo accordo sul principio dell’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola è stato raggiunto, ma lo scontro più aspro si sta consumando sulle fasce d’età da includere. Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, vuole infatti che i vaccini siano obbligatori per l’iscrizione ai nidi, alle materne ed alle scuole elementari, ovvero per la fascia 0-10 anni. Di avviso contrario la titolare dell’Istruzione Valeria Fedeli, per la quale l’obbligatorietà dovrebbe riguardare solo la fascia 0-6 anni, ovvero i nidi e le materne. Proprio su questo nodo cruciale relativo al decreto voluto dalla Lorenzin, i tecnici dei ministeri e della Presidenza del Consiglio hanno discusso nella riunione preparatoria al Consiglio dei ministri di domani. Ma la ‘quadra’ non è stata raggiunta e, dunque, a sciogliere il ‘nodo’ sarà venerdì proprio il Cdm, dove il provvedimento approderà come già annunciato dal premier Paolo Gentiloni. Una questione non da poco, e fondamentale per Lorenzin che, a sostegno della necessità di estendere l’obbligo fino ai 10 anni, si rifà alle avvertenze del mondo scientifico, secondo cui il calo delle coperture vaccinali nel nostro Paese è “drammatico” e per salvaguardare la salute pubblica, l’unica modalità efficace sarebbe appunto l’estensione dell’obbligo.

E’ in atto un’offensiva mondiale contro i vegani


Fonte: Leggo

Uccidono il loro bambino dandogli solo latte vegetale. Dopo tre anni dalla morte del piccolo di sette mesi, la coppia belga di vegetariani convinti, proprietari di un negozio biologico, rischia fino a 18 anni di carcere. L'accusa è di aver nutrito il figlio per diversi mesi con latte vegetale, prima che il piccolo morisse per malnutrizione cronica e disidratazione. Un comportamento che, secondo la procura, rivela un «rifiuto deliberato di alimentazione». «Ho dovuto interrompere l'allattamento dopo tre mesi non avevo latte sufficiente», ha raccontato la madre, citata dal sito “7 su 7”. 

Il cambiamento dei circhi che tanto auspichiamo



PADOVA - Ha letteralmente piantato le tende al parco Raciti al Brentella il MagdaClan Circo che proporrà i suoi spettacoli da domani fino al 4 giugno. Un circo contemporaneo, senza animali, costruito intorno alle capacità fisiche e acrobatiche dei protagonisti, ma anche a una drammaturgia che mischia l'arte dei saltimbanco con il teatro e la danza, costruendo un vero e proprio racconto con i diversi numeri proposti. «Siamo noi stessi artisti a creare le storie e i mondi che portiamo in scena - racconta Davide De Bardi, ventinovenne padovano, presidente della compagnia - È la parte più creativa e affascinante». Un modello di circo che ha nel canadese Cirque du soleil uno degli esempi più noti e che è sempre più diffuso. «Nel circo tradizionale hanno trovato spazio gli animali esotici perché come i freak, i fenomeni da baraccone, la gente non aveva occasione di vederli. All'origine del circo c'è però l'uomo».


giovedì 18 maggio 2017

Il governo italiano sta commettendo alto tradimento


Testo di Stefano Burini

Amici, il governo ha deciso di attuare il blocco navale per tutta la durata del G7, allo scopo di proteggere i potenti della terra dall'ingresso nel nostro territorio di migliaia di soggetti privi di documenti, incontrollabili, che entrano in Italia contro la legge e pertanto costituiscono un pericolo oggettivo. Per proteggere i potenti il blocco navale si attua in un'ora. Per proteggere i potenti siamo uno Stato sovrano che non permette l'immigrazione illegale. E per proteggere il popolo? Per proteggere il popolo dalle molestie stradali, dai quartieri-ghetto, dal degrado, dalla delinquenza, dalla mortificazione della sua identità, della sua libertà di vivere sicuro negli spazi che s’è conquistato in secoli di guerre e morti? Per proteggere il popolo no, amici. Al popolo non è concesso rivendicare sovranità, chiedere legalità, giustizia, benessere, pace sul proprio territorio.
Al popolo si dice che la sovranità non esiste, che invocarla è nazionalismo, che gli italiani non hanno più diritti su Roma, Torino e Napoli di quanti ne abbiano africani, arabi o chiunque altro, che pretendere d'avere un territorio tutto per sé è egoismo, è razzismo.

Il grado di civiltà degli invasori è inferiore al nostro



Che che se ne dica, e qualunque possa essere il fine ultimo volto a giustificare un'immigrazione come quella che stiamo subendo in Italia, tutti condannano, ma nessuno vuole muovere un dito per porre rimedio, pur sapendo che le conseguenze saranno disastrose per l'Europa. È luogo comune dedurre e ritenere necessarie le porte aperte a chicchessia, senza alcuna necessità di protezione o impedimento di accesso. Se noi riteniamo il nostro paese il punto di riferimento dove si deve svolgere la nostra vita e dove con i nostri vicini dobbiamo dividere i nostri sentimenti, non mi pare che ci possa essere una coesistenza facile con gente sconosciuta, con grado di civiltà di gran lunga inferiore a quello che noi abbiamo avuto la fortuna di conseguire, con il sacrificio dei nostri antenati.


Si sta come d’autunno sui Campi Flegrei



Una possibile eruzione ai Campi Flegrei potrebbe essere più vicina di quanto non ci si aspettasse. Questa, in sintesi, la conclusione a cui è giunta una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Communications e condotta da Christopher Kilburn dello University College London (Ucl) e da Giuseppe De Natale e Stefano Carlino dell’Osservatorio Vesuviano dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). In effetti i segnali di irrequietezza del supervulcano dei Campi Flegrei (Napoli), stanno diventando sempre più numerosi e in questo studio sono stati misurati per la prima volta in modo sistematico, tanto da permettere la messa a punto di un modello che aiuta a prevedere il comportamento del supervulcano. “Non c’è nulla di imminente” precisano gli studiosi, che però invitano le autorità “a prepararsi a un’eventuale eruzione”. Peccato che il territorio è ancora alle prese con un piano di emergenza di cui i cittadini sanno poco o nulla, mentre le prove di evacuazione sono ancora una chimera.


Cercasi piastrellista esoterico


Fonte: Il Giornale


Il primo dicembre il boss delle cerimonie, Don Antonio Polese è morto nel suo grande hotel La Sonrisa, ora, però sono emersi dettagli incredibili di quella giornata di dolore. Il caposala del ristorante, Davide Gaetano, ha raccontato a Il Corrierino gli attimi successivi alla morte del boss delle cerimonie. "Don Antonio – dice Davide – era a casa sua e lì è stata allestita la camera ardente. La Sonrisa l'ha creata lui. E' come se fosse suo figlio, ma ancora di più il salone reale. Ad un certo punto, mi hanno raccontato che le mattonelle della stanza in cui era stata allestita la camera ardente si sono letteralmente alzate e crepate. Le mattonelle cadevano dalla bara alla porta di uscita come se stesso indicando il salone reale". "La famiglia ci tiene molto alla sicurezza, per questo motivo il fatto è insolito. Un fenomeno paranormale - continua -. In cuor mio è come se Don Antonio avesse voluto farci capire che sarebbe voluto andare nel salone reale. E noi l'abbiamo accontentato. Infatti, la bara è stata immediatamente spostata". Quello che è successo a La Sonrisa ha parecchio turbato amici e famigliari che però si dicono contenti di aver soddisfatto l'ultimo desiderio di Don Antonio Polese.

Per alcuni la pericolosità dei vaccini è fantacomplottismo


Donato Italico: Premesso che non esistono farmaci senza effetti collaterali nocivi e che nessun farmaco andrebbe assunto con leggerezza, lo stato attuale delle ricerche e delle evidenze scientifiche dice che i vaccini sono i farmaci con minori effetti collaterali, i casi cioè di effetti indesiderati documentati sono meno di 1 su 1 milione. La faccenda della immunità di gregge vale per tutelare quella percentuale di popolazione composta da soggetti non vaccinabili, perché o troppo piccoli o con patologie che rendono controindicata la vaccinazione, che sono tanto più esposti al contagio quanti più soggetti vaccinabili scelgono di non vaccinarsi, e quindi di rischiare di entrare in contatto con l'agente infettante e diffonderlo. E' semplice da capire, se si intende capire: la nostra libertà di scelta della cura finisce laddove inizia il diritto altrui alla salute. Per questo se ci piace correre in auto o in moto andiamo in pista: perché, se lo facessimo su strada, non metteremmo a repentaglio solo la nostra vita, ma anche quella altrui. Per questo accettiamo i limiti di velocità e le relative sanzioni.


mercoledì 17 maggio 2017

Il pisello di Sgarbi


Testo di Micki Daquino


Io ho un solo neurone, pure impazzito, ma ci sono persone che hanno il cranio vuoto, ci bersagliano con le pubblicità durante i film, che palle! Devi essere magra per la prova costume, perché? Io mi piaccio anche con la pancetta. A chi non piaccio si giri dall'altra parte. Devi comprare i detersivi, perché? Posso anche pulire con l'aceto, la casa splende lo stesso, poi guardo le iene, mi si calano le braghette, devo sorbirmi uno Sgarbi che si crede raffinato e colto, con un fisico decadente da tutte le parti mentre caca! Penso fra me, magari 30 anni fa poteva essere anche carino, ma ora, che schifo, attorniato da gente che ama farsi insultare, siamo alla paranoia. Penso che si è perso il gusto della decenza, poi ci arrabbiamo se vediamo qualcuno pisciare per strada, magari non poteva comprarsi un caffè per entrare in un bar a far pipì, o magari pensava di prendere delle piattole andando in un bagno pubblico, ma Sgarbi che si fa riprendere mentre caca è il massimo. Beh, devo dirgli di mostrarci anche il pisello, magari è un'opera d'arte...


Attenzione: Veg Anna è uno spambot automatico


Fonte: Repubblica

I governi, dal canto loro, ne sfornano a migliaia per ragioni di propaganda interna. Uno dei casi più evidenti è quello del "50 Cent Party" cinese, il cyberesercito di distrazione di massa della Repubblica popolare che un recente studio dell'università di Harvard ha stimato in grado di produrre qualcosa come 448 milioni di commenti falsi in un anno. Sono interventi orientati politicamente e stabiliti, grazie a due milioni di persone che operano ogni giorno sui social network drogando i dibattiti digitali con commenti e opinioni, quasi sempre sotto mentite spoglie, per guidare le discussioni verso temi più graditi agli alti papaveri di Pechino. Ciascuno di questi "soldatini dei social" riceve 5 jiao, cioè 0,08 centesimi di dollaro, a intervento. Si tratta del caso estremo, in cui il fake è organico al regime, corrisponde a una persona in carne ed ossa e segue istruzioni precise.

Olocausti, olocaustini, olocaustacci


Testo di Paolo Sensini


RAI, di tutto di più: dalla squillante voce di Piero Marrazzo, già presidente della Regione Lazio con ampio stuolo di trans a sua disposizione, ben pagati con i soldi dell'erario, ora corrispondente da Gerusalemme per la RAI, veniamo a sapere che "Bashar al-Assad ha fatto largo uso di forni crematori contro migliaia di oppositori nel penitenziario di Saydnaya, 50 chilometri a Nord di Damasco". Le prove? Voci diffuse da Stuart Jones, responsabile per il Medio Oriente del Dipartimento di Stato americano, ma al momento il grado di attendibilità si attesta sul "si dice". Un "si dice" che potrebbe costare un bel po' di bombe, magari constatando subito dopo che si era trattato dell'ennesimo bluff per scatenare una nuova guerra umanitaria. Tutto questo però basta alla Tv di Stato per dare pieno credito e diffusione a chiacchiere su ipotetici "campi di sterminio" siriani, senza procedere a una minima verifica se accuse di tale gravità non rientrino nel novero delle "fake news". È stato sufficiente che lo riferisse un giornalista del calibro di Marrazzo, uno che di situazioni scabrose se ne intende parecchio, e tanto basta.

Chiesa, Stato e Mafia uniti nella realizzazione del NWO



I soldi per i migranti andavano alla ‘ndrangheta. Su 100 milioni di euro stanziati negli ultimi 10 anni, la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, guidata dal procuratore Nicola Gratteri, ne ha contati almeno 32 che sono finiti nella “bacinella” della cosca Arena. È questo il numero più importante della maxi-operazione “Jonny” che ha portato all’arresto di 68 persone tra cui il governatore della Misericordie Leonardo Sacco e don Edoardo Scordio, parroco della chiesa di Maria Assunta di Isola Capo Rizzuto. Sono loro, secondo gli investigatori della polizia, dei carabinieri e della guardia di finanza, i veri promotori dell’organizzazione criminale che faceva capo al clan Arena. Grazie alle convenzioni stipulate con il ministero dell’Interno, la Misericordia in un solo anno, nel 2009, si è accaparrata 6 dei 13 milioni di euro per la gestione dei centri di accoglienza. Attraverso la Misericordia e Sacco, infatti, la cosca Arena, era riuscita ad aggiudicarsi gli appalti indetti dalla prefettura di Crotone per le forniture dei servizi di ristorazione al centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto e di Lampedusa. Appalti che venivano affidati a imprese appositamente costituite dagli Arena e da altre famiglie di ‘ndrangheta per spartirsi i fondi destinati all’accoglienza dei migranti.

martedì 16 maggio 2017

Alla fine c’è solo il nostro cuore vulnerabile



Ti si sono aperti tutti i chakra e stai fluendo in sincronia perfetta con l’esistenza? Senti l’amore cosmico che ti fa salire la kundalini? Sei certo di essere a un passo dall’illuminazione? Senti energeticamente, dici che tutto è Uno, vedi le vite passate, hai preso 23 livelli di Reiki e hai 5 nomi sannyasin? Sei convinto che il mondo sia un’illusione e te ne freghi di tutto? O hai davvero qualcosa da insegnarci, o com’è più probabile, ci sei davvero dentro fin sopra il collo. Sei infettato dall’ego spirituale, un altro astuto nemico sulla strada verso la vittoria. L’ego spirituale è una delle più astute maschere dell’Io. È l’uso e il consumo di tutto ciò che è “spirituale” per la gratificazione dell’ego. È il nuovo vestito di quel vecchio ego che prima faceva classifiche mondane e misurava chi era il più figo, ma ora vuole accumulare cose nel mondo dello spirito. Però la puzza dell’ego è sempre la stessa. Solo che adesso vuole farsi bello con conquiste interiori, cambiamenti metafisici, seminari che danno i superpoteri, terapie che guariscono da tutti i problemi, ricette belle e fatte sulla felicità permanente.


Solo un apprendista stregone può aver inventato l’euro


Testo di Enrico Masala


Ma, insomma, si può sapere chi ha inventato l'euro? chi sono le menti eccelse che ha dato vita a questa porcheria? Una moneta unica per 28 paesi che hanno sistemi fiscali diversi, costi del lavoro diversi, necessità sociali diverse.... Che porta ad un concentrato di stati con doppio parlamento (oltre commissione e consiglio, con pasticci sempre più forti), con problemi di conversione delle monete nazionali mai risolti, che non chiarisce neanche a chi appartiene questa moneta, quanta ne circola e quanta ne dovrebbe circolare... L’ultima: non ha neanche una sua agenzia di rating, con le conseguenze che abbiamo visto a Trani! No, temo che l'inventore dell'euro sia una specie di Apprendista Stregone, uno che si è trovato in mano una situazione per fare cose gigantesche essendo, tutt'al più, capace di preparare un piatto di spaghetti in bianco!

Sta arrivando Nibiru?


Fonte: Leggo

Un pianeta di un altro sistema solare rischierebbe di entrare in collisione con la Terra provocando terremoti e tsunami distruttivi entro il prossimo mese di agosto. Il ricercatore David Meades sostiene l'imminente impatto di un "Pianeta X" che potrebbe portare morte e devastazione. Secondo quanto riporta il Sun, i teorici della cospirazione credono che questo impatto potrebbe provocare decine di terremoti con una magnitudo superiore ai 9 gradi della scala Richter, sismi devastanti che darebbero origine a tsunami altrettanto forti a cui potrebbero ottimisticamente sopravvivere solo il 50% della popolazione mondiale. «Siamo in pericolo», avverte il professor Meades, «il tempo sta cambiando a causa del collegamento elettromagnetico plasmatico tra i pianeti e questo potrebbe portare a conseguenze devastanti per il nostro pianeta».

lunedì 15 maggio 2017

Quando ci accorgiamo di essere vissuti come schiavi è troppo tardi


Introduzione di SDEI

Namastè, gentili e attenti lettori, questo per me illuminante articolo può essere una risposta per gli "scettici" che non credono e contestano che ci sia in atto un risveglio delle coscienze in tante persone, provate solo ad immaginare se 10 anni fa un articolo così sarebbe stato scritto e poi divulgato raggiungendo l' attenzione di un grande numero di lettori. Sarebbe stata fantapolitica mentre nel qui e ora è diventato una positiva realtà, una solida certezza!

Fonte: UnUniverso

La sopportazione dell’uomo medio, ovvero “se tutti facessero come me”. L’uomo medio sopporta molte cose, ma se c’è una cosa che proprio non sopporta, è sapere che qualcuno ha smesso di sopportarle. Negli ultimi anni ho maturato una posizione sempre più aspra contro l’attuale sistema del lavoro. La mia reazione è stata “mollare tutto e partire”, nel contesto più ampio di una personale ricerca della Felicità. Quando racconto la mia storia però, c’è sempre qualcuno che mi risponde: “Eh, bravo, però se tutti facessero come te, chi fa il pane, dopo? La società crollerebbe”. Oggi rispondo in questo modo: io non sono semplicemente uno che “ha mollato tutto ed è partito”, questo è l’aspetto più superficiale. Nella sostanza, io sono uno che negli ultimi cinque anni si è dedicato più alla ricerca della propria serenità che alla carriera o al denaro.


L’estinzione silenziosa, per cause inconfessabili, di un bellissimo pesce


Fonte: Leggo

I cavallucci marini stanno scomparendo dal mare. E stavolta non è soltanto colpa del riscaldamento globale che sta determinando effetti catastrofici in ogni angolo del Pianeta. L'uomo, infatti, gli da’ la caccia. Una caccia spietata che sta decimando i cavallucci, tanto che le stime, diffuse dai ricercatori di Sea Shepherd, parlano di 35 milioni di esemplari pescati ogni anno. Un numero enorme e assolutamente non sostenibile. Anche perché, cosa te ne fai di un cavalluccio marino? La domanda, forse, sorge spontanea. La risposta, meno. Dalla metà degli anni '50 (quando la gente scoprì quanto poteva essere bello fare bagni di sole e di mare) fino alla fine degli '80, cavallucci marini, piccoli pesci palla e stelle marine, erano considerati oggetti, macabri souvenir in vendita nei negozietti delle classiche località balneari, anche nel nostro Paese. Una moda di dubbio gusto che, fortunatamente, sarebbe stata osteggiata anche dalle Autorità competenti. In Oriente, invece, nel frattempo, quella "moda" era da sempre considerata qualcosa di più. Un farmaco, una medicina. Denti di tigre, code di lucertola, corni di rinoceronte, cavallucci marini essiccati e quant'altro. Tutti ingredienti degni delle pozioni di Maga Magò. Solo che, stavolta, non sarebbe stato un film.


Furto di ostie per le messe nere




LENDINARA - Rubate le ostie consacrate dall'altare maggiore della chiesa di Sant'Andrea. Un furto sacrilego sconvolge la frazione di Rasa, dove i ladri si sono introdotti nella chiesa parrocchiale per danneggiare e depredare il tabernacolo dell'altare principale. Uno sfregio alla chiesa costruita tra il XVIII e XIX secolo, ma soprattutto al sentimento religioso dei fedeli, dato che questa volta nel mirino dei ladri non sono finiti oggetti preziosi. Lo racconta il parroco don Luciano Schiavo, comprensibilmente turbato e amareggiato. “Mi sono accorto dell'accaduto alle 6.30 del mattino, quando sono entrato in chiesa per prepararla in vista delle funzioni della giornata”, racconta il sacerdote. “I ladri hanno scardinato il tabernacolo dell'altare maggiore del 700, asportando tutta la parte in marmo, e hanno portato via la pisside che conteneva alcune particole consacrate». Hanno anche frugato in un paio di cassette per le offerte, abbandonandone una fuori dalla chiesa, ma le hanno trovate vuote.

I vaccini provocheranno un scisma culturale nella società?


Testo di DaemonZC

Un mesetto fa mi ritrovai a discutere di vaccini con un amico, ingegnere meccanico nonché assiduo lettore di libri di ogni genere (insomma, uno avvezzo alla logica e ai ragionamenti). E sollevai la questione della "vaccinazione di gregge", dicendo che a rigore di logica era un non-sense. Se in una popolazione di 1000 individui ne vaccini 800 e 200 rimangono per scelta senza vaccino, allora gli 800 sarebbero comunque salvi. La risposta fu di totale disaccordo, si impantanò per un tempo lunghissimo a dire che "1000" è un numero troppo basso. Allora gli riportai lo stesso esempio ma con 1.000.000 (800.000+200.000) ma, quasi furioso, iniziò a dire che la gente non può fare quello che gli pare e che ci sono dei professionisti medici che sanno cosa dicono.

Trovò un escamotage interessante. Disse che se vaccini solo una parte della popolazione, allora il vaccino non funziona e che la sua efficacia è valida solo per una popolazione completamente vaccinata. 

Il partito di governo litiga con la sua fotocopia


Renzi, che a quanto pare non intende scollarsi dalla poltrona, secondo la migliore tradizione andreottiana, sta accusando la Raggi di essere incompetente nell’amministrazione della capitale d’Italia e il casus belli sono i rifiuti. Sulla tribuna chiamata Facebook circolano foto che mettono a confronto i cassonetti dell’immondizia romani con quelli fiorentini, visto che il principale accusatore della Raggi è stato sindaco di Firenze, e non si notano differenze salienti. In entrambi i casi, ci sono sacchetti pieni d’immondizia deposti vicino a cassonetti stracolmi e questo succede un po’ in tutte le città italiane, magari in alcune, come Napoli, più delle altre. Dipende da che ora viene scattata la foto: poco prima che passi il camion a svuotarli è normale che ci sia immondizia fuori da essi, per una questione di leggi fisiche e di cattive abitudini degli italiani. Viviamo in una società consumistica, dove sono le industrie, meglio se multinazionali, a dettar legge e a indirizzare le scelte dei consumatori. Il principio dell’usa e getta è ben saldo nella mente degli italiani, ma anche di altre popolazioni poco sensibili sui temi dell’ecologia. Tutto deve finire da qualche parte, dice una delle leggi ecologiche. E intanto, l’ex presidente del consiglio ci propone l’ennesima telenovela, inscenata per scopi elettorali. I consumatori, nonché utenti di mass-media, vengono distratti da argomenti più seri e obbligati a parteggiare per uno o per l’altro dei due contendenti. Forse c’è di peggio della spazzatura di plastica, vetro e cartoni. Peggiore è la spazzatura propinataci dai telegiornali.


domenica 14 maggio 2017

Il Diavolo in Madagascar


Io non so cosa sta succedendo in questi giorni, ma, in ambito familiare, si verificano situazioni che non mi piacciono. Prima, una settimana fa, mi sono ubriacato e ho cominciato a spaccare tutto, prendendomi a botte con mia moglie. Poi, oggi che si doveva festeggiare il compleanno di Tina, che scadeva il 9 maggio, Annika è arriva in ritardo, a pranzo, accompagnata da Sammy, e si è presa un sacco di botte da sua madre. Aveva fatto la stessa cosa anche il 15 febbraio scorso, quando era il suo compleanno e in entrambi i casi, sia oggi che allora, c’era una torta che si doveva tagliare. Il 15 febbraio tornò a casa verso le due del pomeriggio, ma si salvò dalle busse. Oggi invece le ha prese. E di brutto.


Neanche nel Terzo Mondo succedono queste cose



E' stato trovato morto, ancora legato al cancello che lo ha trattenuto fino a che il cuore non ha retto più. Morto di sofferenza e stenti. E' questa l'atroce storia di un pony finita in un modo così barbaro in una zona di campagna al confine tra Ladispoli e Cerenova. Abbandonato lì, ancora legato al cancello di un'abitazione, tra l'indignazione e la rabbia degli abitanti che non si spiegano il motivo di tanto accanimento su un animale apparentemente sano. 

Testati sugli animali, tutti i farmaci sono pericolosi


Fonte: Leggo


Soffriva di bipolarismo e aveva deciso di curarsi, così il suo medico le ha prescritto un farmaco per la sua patologia, ma le conseguenze sono state devastanti. Khaliah Shaw, 26enne americana, studentessa del Georgia College, nel 2014 ha iniziato a prendere la Lamotrigina, un farmaco utilizzato anche per il trattamento dell'epilessia, commercializzato come Lamictal negli Stati Uniti, ma dopo qualche giorno il suo corpo è stato massacrato dalla medicina. Khaliah ha iniziato a notare delle bolle sul suo corpo: «Erano molto dolorose, mi sentivo il corpo in fiamme», ha raccontato al Daily Mail la studentessa a cui è stata diagnosticata la sindrome di Stevens-Johnson, un disturbo della pelle rarissimo che si verifica in genere con una reazione a qualche particolare farmaco o per un dosaggio errato. 

sabato 13 maggio 2017

Gli africani ci massacreranno


Testo di The Roman

Dezzani si chiede se l’oligarchia politico-amministrativa, al potere in Italia su mandato della finanza internazionale, abbia la forza per tener mansueti gli italiani mentre vengono derubati. La stanno importando, a migliaia al giorno. Queste masse di africani ben alimentati dai nostri sfruttatori a nostre spese, saranno pronti a massacrare gli autoctoni ribelli, in nome dell’uguaglianza e del progresso. Non che capiscano cosa vuol dire ovviamente, questi falsi rifugiati saranno veri strumenti di oppressione.


Il grande precursore


Testo di Maria Laura Danesi

Per chi non lo sapesse Giuditta Dembech è una delle pochissime persone ancora in vita che hanno conosciuto Gustavo Adolfo Rol, sul web ho trovato una sua interessante intervista in cui cita personaggi come Federico Fellini, Don Juan, Castaneda e strani episodi occorsi a Fellini che voleva girare un Film nello Yucatan in Messico e che però poi vi ha rinunciato a causa di strani fenomeni paranormali, chissà se dipende dal luogo o dalle persone. Giuditta Dembech é una persona molto equilibrata, si percepisce da come parla della vicenda di Gustavo Rol.


Scie chimiche benefiche che non vengono diffuse


Il signor Regera ha 53 anni e sei figli. L’ultimo gli è nato un paio di settimane fa. Vive a Besely Nord, vicino a Itampolo, ed è proprietario di molti terreni agricoli, ma da quattro anni non piove e non può coltivare niente. Essendo stato a pranzo da me ieri, ne ho approfittato per sapere come fa a tirare avanti, visto che, secondo la Boldrini, gli africani che arrivano da noi sono portatori di un modello di vita che presto sarà anche il nostro. Quindi, noi bianchi pasciuti, abbiamo tutto da imparare riguardo alle tecniche di sopravvivenza degli africani.

L’insofferenza di molti internauti per l’inutilità delle lamentele virtuali


Testo di Massimo

Ho capito. Anche oggi, un’altra dose dell’amaro calice. Sì, ma poi? Vado in crisi di astinenza quando non leggo gli articoli del Direttore Blondet. Già, ma poi? Leggo i variopinti post dei tanti lettori, a metà tra speranza e rabbia, comunque veri e sinceri. Bene, ma poi? Tutti davanti al “picci” ad aspettare Godot? Perché allora (io sono disposto nonostante le modestissime risorse, a tirare fuori soldi) non passare ad una forma di azione, diversa da quelle solite? Dove si possa mettere in gioco quella parte di noi, vera, capace di rinuncia, che consenta di combattere questi dementi che, consapevolmente o inconsapevolmente, hanno distrutto quel che restava del mio, del nostro paese? Perché così, parlarne tra di noi, non basta più. Non è più possibile assistere alla distruzione di tutto, ad opera di questa pletora progressista di voltagabbane, di veri e propri degenerati e mentecatti.


venerdì 12 maggio 2017

La guerra del pattume


Testo di Lorenzo Giraldo


Ci sarà perché ce la metti tu, gran bastardo, per poi dimostrare che avevi ragione, ma noi abbiamo filmati e testimonianze che dicono il contrario, caro il mio Bomba. Se non vuoi fare un’ennesima figura di merda, gira il culo e levati dalle palle, cretino, da momento che l’immondizia in Italia ci sarà sempre finché ci sarai tu.

Oggi le comiche


Testo di Paolo Sensini

Bernard-Henri Lévy, il filosofo-menestrello delle bombe umanitarie, delle primavere arabe e delle rivoluzioni colorate, ogni tanto viene accolto come si conviene: a torte in faccia. È accaduto a Belgrado in occasione della presentazione del suo ultimo film, "Peshmerga", la solita schifezza in linea con tutte le sue molteplici attività.


I 100 passi di Macron


Testo di Luigi Ranalli


La Francia ce la siamo giocata, mi spiace molto. Mi spiace di più che l’italiota medio come non riesce a vedere ad esempio i benefici che la Gran Bretagna sta avendo con la Brexit non riuscirà neanche a riconoscere i danni che Macron arrecherà ai francesi in questi primi 100 giorni di oligarchia. Rimaniamo ciechi, una posizione di comodo, ed eventualmente ci svegliamo solo quando siamo toccati personalmente, nel nostro “particulare”, dalle nefaste politiche europeiste in atto.

Come i buonisti mistificano la realtà


Testo di Bruno Dimitri


Ma porco Giove, sto guardando “La gabbia” e i buonisti del cavolo cercano a tutti i costi di giustificare queste immigrazioni, per colpa della guerra (che non c’è). Ma io dico una cosa: quando c’era la guerra in Italia, mi volete dire quanti partigiani (e lo sa il mondo intero quanto non li amo) sono fuggiti dall’Italia? E allora, c’è qualcosa che non quadra. Inoltre, il signor Rampini (giornalista?) li paragona agli emigranti siciliani che andavano in Belgio. A riporco Giove, lo sa che andavano a morire nelle miniere di carbone e non in albergo a 4 stelle come gli attuali immigrati che ci stanno invadendo?

Vade retro, reincarnazione!




Purtroppo è molto diffusa la dottrina eretica della reincarnazione sopratutto tra coloro che seguono la dottrina new age. Ho sempre pensato che l'anticristo escatologico affermerà in qualche modo la veridicità della reincarnazione. Catechismo della Chiesa Cattolica: la morte è la fine del pellegrinaggio terreno dell'uomo, è la fine del tempo della grazia e della misericordia che Dio gli offre per realizzare la sua vita terrena secondo il disegno divino e per decidere il suo destino ultimo. Quando è « finito l'unico corso della nostra vita terrena », noi non ritorneremo più a vivere altre vite terrene. « È stabilito per gli uomini che muoiano una sola volta » (Eb 9,27). Non c'è «reincarnazione » dopo la morte.

giovedì 11 maggio 2017

La sacerdotessa di Iside


Il giorno stesso in cui si è celebrata, mi è arrivato via mail un invito a partecipare alla festa del Wesak. La celebrazione si è tenuta in un ristorante di Porpetto, in provincia di Udine e a condurla è stata una certa Marisa Pellizzon. Poiché si definiva “Operatrice olistica in discipline bio-naturali, donna di medicina e mediatrice spirituale, sacerdotessa di Iside dei misteri egizio-atlantidei e terapie essene”, ho pensato: questa è la solita sballatona che parla con gli angeli e che rientra a pieno titolo nella categoria dei “picchiatelli”. Una sciroccata. Come avrà avuto la mia mail? Poi leggo sul blog che un utente, nonché amico, del mio blog faceva riferimento alla celebrazione del Wesak, e mi sono incuriosito. E’ possibile che i….picchiatelli arrivino tutti da me? Cosa sono io, una specie di parafulmine? Rifugium peccatorum?

Il circo è la Guantanamo degli animali



Un domatore di leoni viene attaccato dal grosso felino davanti ai bambini e alle famiglie che stavano assistendo allo spettacolo. Le immagini choc, riprese da uno degli spettatori e poi postate in rete, mostrano Islam Shaheen, 35 anni, domatore di Alessandria in Egitto, essere aggredito da un grosso leone. La bestia si scaglia improvvisamente contro l'uomo. Immediatamente gli altri domatori hanno provato ad allontanare il leone, che non aveva alcuna intenzione di mollare la presa. Il pubblico ha assistito alla scena e mentre il leone provava a divorare il suo domatore gli spettatori hanno iniziato ad abbandonare gli spalti tra le grida terrorizzate dei bambini.


Il vero trafficante di uomini è lo Stato


Testo di Paolo Sensini


L'esposizione mediatica di questi giorni sulle navi-taxi delle ONG rischia di oscurare il vero centro della questione, ossia che tutto il movimento nel Mediterraneo è possibile perché la marina militare lo permette. Se vi fossero altre disposizioni da parte dei vertici governativi e militari, col cavolo che ogni giorno sbarcherebbero sulle coste meridionali migliaia e migliaia di clandestini. In altre parole, tutto ciò succede perché voluto e favorito da quell'ectoplasma delinquenziale chiamato Stato italiano, e ovviamente i trafficoni "umanitari" delle ONG sguazzano alla grande nel lucroso business.

Il campo inesplorato della guarigione


Fonte: Aghape

La salute nelle tue mani: il metodo M.O.B.E.E. (Oltre l’Auto-Guarigione)


Corso intensivo con il dott. Claudio Pagliara, oncologo esperto di medicina olistica


7 e 8 ottobre 2017 a Imola


Su questo corso è attiva la promozione “ 2x1” per chi si iscrive entro il 15.07.2017


Imola, hotel Olimpia, via Pisacane 69


La Scienza negata al tuo servizio: il metodo MOBEE -avanzato- (Metodo Olistico BioEnergetico Ezio Ecologico)


Lamarck aveva intuito l’epigenetica


Testo di Mimma Dabramo

Secondo la teoria dell'evoluzione di Lamarck, i cambiamenti nell'aspetto (e nelle funzioni vitali) di un essere vivente erano da imputare all'uso che esso faceva di un determinato organo. Per fare un esempio, secondo Lamarck esistevano in origine soltanto giraffe dal collo corto, le quali "sforzandosi" di brucare le foglie sugli alberi più alti generarono le moderne giraffe dal collo lungo. Oggi la teoria Lamarckiana è superata in favore della teoria Darwinista, che basa i suoi principi sul fenomeno della selezione naturale (gli individui con i caratteri adatti all'ambiente sopravvivono e li trasmettono, gli altri no). Tuttavia, possiamo affermare che Lamarck avesse parzialmente intuito un campo d'indagine oggi noto alla scienza: quello dell'epigenetica.