domenica 30 settembre 2018

Tutti i delinquenti sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri



I dati del ministero della giustizia e le cronache quotidiane certificano che alcune etnie come Zingari, Romeni, Nigeriani ed alcune altre, delinquono molto più ( 5 o 6 volte tanto ) della media dei delinquenti italiani. Per quale mai motivo dobbiamo tenerceli a casa nostra? Deportiamoli! E quando vengono arrestati e processati facciamo accordi per fargli scontare la pena nei paesi di origine dove sanno bene come trattarli. Se il nostro parere fosse un pregiudizio non sorretto dai fatti si potrebbe dire che siamo razzisti, ma dato che esso è certificato sia dalle statistiche che dai dati del ministero della giustizia che afferma come nelle carceri ci sia il 46% di immigrati che costituiscono invece solamente l’8% della popolazione, quanto affermiamo è solamente pura deduzione logica. Mandiamo a casa tutti i politici che non ci difendono. Sono la concausa ed i complici morali delle rapine, degli stupri e degli assassinii che insanguinano le nostre case e le nostre strade. Diamoci una sveglia!

Sporca giornalista, sei la prima della lista!


Fonte: Vita

C’è chi chiude i porti ai migranti e chi invece decide di spalancargli la porta di casa. Come hanno fatto gli attivisti di Refugees Welcome Italia, la piattaforma che promuove l’accoglienza in famiglia dei richiedenti asilo. Attivo in 20 città, in poco più di due anni il progetto è stato in grado di mobilitare e unire un centinaio di persone che si riconoscono in una nuova cultura dell’accoglienza semplice ed efficace. Tra di loro c’è anche la giornalista torinese Anna Masera, 58 anni. Laureata a Yale in storia, con un Master in giornalismo alla Columbia University, dopo essere stata per due anni capo ufficio stampa alla Camera dei deputati, attualmente è public editor (garante dei lettori e utenti web) del quotidiano La Stampa. Da pochi giorni anche lei ha accolto nella sua casa un ragazzo straniero. Si chiama Dodou, ha 21 anni e viene dal Gambia.

Li salveranno con le inquadrature




Parliamoci chiaro, se la piazza fosse strapiena, il PD farebbe di tutto per farla vedere, poco importa se i servi di regime in tv ci dicono il contrario, non credetegli! La manifestazione PD è l'ennesimo flop come il Referendum e come il 4 marzo. Se ne facciano una ragione, hanno perso tutto! Guardate bene la foto, oltre le prime file c'è il vuoto assoluto!

Sudario rosso


Testo di Paolo Sensini

Quella indetta a Roma dal PD non è una manifestazione politica, ma uno spettacolo di Zelig a cielo aperto. Solo che i comici e i battutisti chiamati a eseguire il loro trito repertorio non fanno per niente ridere, ma sono semplicemente patetici. Maglietta rossa la trionferà!

Quattro pericolose minacce alla sicurezza nazionale



Condannati solo perché cristiani e praticanti: questa è la colpa di Victor Bet-TamrazAmin Afshar-NaderiShamiram Issavi e Hadi Asgari, arrestati dopo che le forze di sicurezza in borghese hanno fatto irruzione nelle loro abitazioni di Teheran durante un privato raduno natalizio. Sono stati presi di mira esclusivamente per aver praticato pacificamente la loro fede cristiana. Complessivamente sono stati chiesti per loro 45 anni di carcere. I quattro sono accusati di aver organizzato e condotto messe in casa e di aver viaggiato fuori dall’Iran per partecipare a seminari cristiani: prove che hanno fatto scattare il reato di “minaccia alla sicurezza nazionale“. Yousef Nadarkhani è in carcere, mentre gli altri tre sono liberi su cauzione. Tutti sono in attesa del verdetto del tribunale d’appello. Firma ora per annullare la condanna, Victor Bet-Tamraz, Shamiram Issavi, Amin Afshar-Naderi e Hadi Asgari sono stati presi di mira unicamente per l’esercizio pacifico dei loro diritti alla libertà di religione e credo, espressione e associazione.

sabato 29 settembre 2018

Massone non morde massone


Testo di Gianluca Riccio

Come era prevedibile, e già questo rattrista, Unicef ha deciso di non sporgere querela per la sottrazione degli oltre 6 milioni di euro finiti secondo i PM toscani nei conti di aziende riconducibili al cognato di Renzi e ad Eventi6. L'annuncio dell'organizzazione farà piacere agli indagati perché grazie alla riforma che porta il nome dell'ex ministro della giustizia, Andrea Orlando, se la parte lesa non sporge formale denuncia l'intera inchiesta può concludersi con un nulla di fatto. Unicef Italia ha realizzato una delirante diretta Facebook, che potete guardare sulla fanpage ufficiale UNICEF Italia, per rendere nota la decisione e motivarla con incredibili supercazzole. Alle spalle del 'relatore' una foto di bimbi africani sorridenti, agitata come uno spauracchio alle critiche. Chi parla non si trova davanti a quei bimbi, in realtà, ma dietro: si fa scudo del tema della solidarietà per poi lasciare che milioni di euro finiscano a faccendieri per acquistare case private, altro che aiuti! Per quanto mi riguarda ho chiuso con le donazioni ad Unicef. La sua condotta è aberrante ed offensiva nei confronti di donatori e volontari.


Il Dio dei giostrai


Mandano avanti un minorenne. Fa amicizia con la vittima prescelta per l’estorsione. Il ragazzino chiede un prestito alla vittima, titolare di un bar, che glielo concede. Poi il barista chiede indietro i soldi. Il minorenne glieli restituisce, ma si fa avanti suo zio, che intorta il barista inventandosi una banda di pericolosi albanesi che rivogliono indietro il denaro a loro volta prestato al ragazzino che se ne è servito per saldare il debito con il barista. Se il ragazzo non restituisce la somma ai cattivoni albanesi, verrà picchiato a sangue e lo stesso zio sarà tenuto in ostaggio. La somma nel frattempo è salita a 15.000 euro. Il barista paga. Sua madre va dai carabinieri, subodorando l’estorsione ai danni di suo figlio scellerato e ingenuo (mai fare amicizia con Rom e Sinti). I C.C. mettono microspie e telecamere nascoste nel bar. Il presunto capo albanese della banda, nome vero Cley, quasi come la famosa coppia Bonnie e Clyde, finisce al gabbio e si becca 4 anni e 6 mesi con rito abbreviato. I complici Mayer e Cari subiranno il processo con rito normale. Il ragazzino va in pace con Dio. Il Dio dei giostrai.

[N.d.R. Grazie a Francesco Spizzirri per avermi segnalato il video]

Salvini, fucilatore di partigiani



I ragazzi delle scuole imparano chi fu Muzio Scevola o Orazio Coclite, ma non sanno chi furono i fratelli Cervi. Non sanno chi fu quel giovanetto della Lunigiana che, crocifisso ad una pianta perché non voleva rivelare i nomi dei compagni, rispose: «Li conoscerete quando verranno a vendicarmi», e altro non disse. Non sanno chi fu quel vecchio contadino che, vedendo dal suo campo i tedeschi che si preparavano a fucilare un gruppo di giovani partigiani trovati nascosti in un fienile, lasciò la sua vanga tra le zolle e si fece avanti dicendo: «Sono io che li ho nascosti (e non era vero), fucilate me che sono vecchio e lasciate la vita a questi ragazzi». Non sanno come si chiama colui che, imprigionato, temendo di non resistere alle torture, si tagliò con una lametta da rasoio le corde vocali per non parlare. E non parlò. Non sanno come si chiama quell'adolescente che, condannato alla fucilazione, si rivolse all'improvviso verso uno dei soldati tedeschi che stavano per fucilarlo, lo baciò sorridente dicendogli: «Muoio anche per te… viva la Germania libera!». Tutto questo i ragazzi non lo sanno: o forse imparano, su ignobili testi di storia messi in giro da vecchi arnesi tornati in cattedra, esaltazione del fascismo ed oltraggi alla Resistenza'.

La stampa giudaica colpisce ancora



Testo di Matteo Salvini

L'Espresso riesce a paragonare il Decreto Salvini sulla sicurezza alle leggi razziali. Il titolo: "1938-2018. Un decreto che discrimina. Ottant’anni dopo le leggi razziali."
Questi non sono normali!

Gli irriducibili esterofili minimizzano i crimini degli stranieri


Testo di Enrico Priotti (28 settembre)

Volete farvi quattro risate amare? Andate su qualche forum di kompagnowskji e cercate quelli che discutono sulla rapina di Lanciano. Vedrete che chi commenta è più preoccupato e seccato per il fatto che i delinquenti siano tutti rumeni, che non per due anziani connazionali massacrati di botte e derubati da questi criminali. Ovviamente non una parola di elogio per il brillante lavoro svolto dalle Forze dell'Ordine. Anzi, nel fondo traspare un odio, un disprezzo irriducibile nei loro confronti. Qualcuno scrive l'immancabile "anche gli italiani delinquono", qualcun altro cerca le solite infami scusanti (li emarginiamo, siamo razzisti, è colpa della nostra società, devono pur vivere anche loro, vorrei vedere se foste voi al loro posto, ecc.....). Riescono sempre a stupirmi per il loro livore, la loro pochezza mentale ed etica, il loro sistematico schierarsi imperterriti con ciò che c'è di peggio al mondo. Non si smentiscono mai, sembrano provare un enorme piacere ad avvoltolarsi nel guano.
E se ne fanno pure un vanto.

Le baruffe genoane


Testo di Gino Briganti

Genova (Sto male dal ridere). I centri sociali organizzano corteo contro il razzismo e la polizia fascista, invitando i profughi. I profughi vedendo il locale dei centri sociali attrezzato decidono di rimane lì. I compagni spiegano ai profughi che non possono stare lì perché non saprebbero come mantenerli e li invitano ad andarsene. I profughi decidono di occupare lo stabile dei compagni. I compagni sono costretti a chiamare la polizia fascista per riappropriarsi del centro sociale. I profughi mentre vengono portati via ammanettati dalla polizia fascista inveiscono minacce di morte, accusando di razzismo i ragazzi dei centri sociali. Quattro nigeriani sono stati denunciati dai ragazzi dei centri sociali per aggressione e una ventina di antifascisti denunciati dai profughi con l'accusa di razzismo.

Non ridete, bastardi!

venerdì 28 settembre 2018

Le loro mamme piangono sempre



Ecco come un bambino risponde ad un pediatra che vuole convincerlo, in presenza della madre, a farsi vaccinare. Ecco la sua stupefacente risposta. "Ieri il pediatra dice al mio bimbo di 9 anni di leggere questo opuscolo e di convincermi a vaccinare sia lui che il piccolo perché si rischia la vita. Mio figlio risponde: “OK, dottore, però le posso dire anche perché non bisogna vaccinarsi?”. Il medico accetta e mio figlio dice: “Ho quattro compagni di classe che prima stavano bene, dopo i vaccini non capiscono più niente, hanno la maestra di sostegno e le loro mamme piangono sempre”.

Salvini a capo degli italiani stupidi


Un tizio entra in un bar ipertecnologico per bere qualcosa. Il barista, un robot, gli chiede qual è il suo Quoziente d' Intelligenza:
- 150 risponde il cliente.

Allora il robot gli serve un Whisky di malto di 16 anni, e gli parla di riscaldamento globale, di interdipendenza ambientale, di meccanica quantistica, ogm, nanotecnologie ecc...

L'uomo incuriosito vuole testare ancora il robot.
Torna l'indomani, il robot, chiede qual è il suo Q.I. e l'uomo risponde: 90

Allora il robot serve una birra, e inizia a parlare di calcio, donne, dei suoi piatti preferiti ecc...

Sempre più intrigato, il tizio ritorna nel bar il giorno dopo, e il robot gli richiede qual è il suo Q.I.:

Il tizio risponde: 40

Allora il robot gli serve un bicchiere di Tavernello e gli chiede:
- Allora, si vota Salvini anche la prossima volta eh?

Il vero reddito di cittadinanza si fa con moneta sovrana



Reddito di cittadinanza sovvenzionato con moneta a debito dei cittadini. Provvedimento per sopravvivere e ben venga, ma, fino a quando non si batterà moneta di proprietà del popolo, non si potrà parlare di reddito di cittadinanza, perché il reddito può essere definito tale dal diritto solo quando viene generato da un bene di proprietà, la moneta del popolo. La vera giustizia sociale potrà essere realizzata solo quando verrà restituita al popolo la proprietà della moneta, oggi é solo una giusta elargizione caritatevole e come tale può essere revocata purtroppo.

Ritmiche canzoncine pericolose


Testo di Giulio Meotti

“Entrate negli asili nido e uccidete i bebè bianchi, acchiappateli e impiccate i loro genitori”. E' la nuova canzone del rapper francese Nick Conrad, originario di Champy (il supermercato della cannabis) e cresciuto in una famiglia camerunense. Dei terroristi francesi in effetti sono davvero entrati in una scuola a Tolosa uccidendo tre bebè, ma ebrei, e di bianchi ne hanno sterminati a caterve in questi anni. E' il multiculturalismo francese il cuore ardente di questo odio, antiebraico, antibianco e antioccidentale. Questi sfigati figli della Francia giocano a fare le vittime eterne, ma sono i violenti. E possono ringraziare i benpensanti e i goscisti, chi ti dà di razzista se denunci questa cultura terroristica, come se essere di colore o musulmano ti fornisse una legittima patente di odio. La barbarie ribolle sotto la sottile crosta della civiltà.

[N.d.R. Grazie a Francesco S. per la segnalazione]

Il Duce fornì il modello



Una delle ultime uscite idiote di Salvini del 27 settembre scorso, a proposito del bilancio statale, è stata questa: “Di fronte alla felicità dei cittadini cosa può contare qualche numeretto?” Salvini ha due sistemi dialettici. Il primo, che non è di sua invenzione, consiste nel raccogliere ed amplificare le opinioni della gente, comprensibilmente preoccupata ed indignata, riguardo al problema dell’immigrazione e dell'insicurezza che ne deriva. Questo è un tema che egli non affronta perché lo senta o lo convinca in quanto egli è solamente lo sfruttatore di una sensazione generale dei cittadini e sposerebbe qualsiasi tesi che gli procurasse popolarità, come in effetti accade.

giovedì 27 settembre 2018

Anche il quarto è straniero


AltroTesto di Anna Ranieri

Ecco le facce dei tre criminali che hanno distrutto per sempre la tranquilla esistenza di tante famiglie abruzzesi. Scolpitevele nella memoria. Questo ci meritiamo, noi che li abbiamo anche accolti nel nostro Paese.

Il passaporto per il NWO



Testo di Marco Chiorboli

Orgoglioso e felice di aver ricevuto dall'ambasciatore universale Satyamo Hernandez il passaporto apolide multiculturale di cittadinanza universale.

Un libro interessante


Ma allora è vero! Gli italiani stanno diventando non solo fascisti, ma addirittura nazisti. Il 46enne Paolo Berizzi oggi lo ribadirà in pubblico, in provincia di Bergamo. E’ un laureato in filosofia e quindi gli si deve credere per forza. Così si presenta su Twitter: “Nato a Bergamo nel 1972, laureato in filosofia, inviato de la Repubblica dove lavora dal 2000. Ultimo libro: NazItalia (BaldiniCastoldi)”. L’autore, spalleggiato dall’intero PD, si sente autorizzato a dire che i fascisti in Italia stanno alzando la cresta perché qualcuno ha deciso di fare l’accostamento tra razzismo-xenofobia e fascismo e siccome, di fatto, gli italiani cominciano ad averne abbastanza degli stranieri che delinquono, rifiutando la loro presenza sul territorio nazionale, è logico a detta dei Kompagni che gli italiani stiano tornando ad essere fascisti. Eppure, laureato in filosofia com’è dovrebbe sapere ciò che diceva Eraclito: “Non ci si può bagnare due volte nella stessa acqua del fiume”.

I molti enigmi di William Cooper


La prima domanda che viene in mente è se veramente William Cooper ha ingaggiato una sparatoria con la polizia, rimanendo ucciso, o se questa è la versione fornita ai media dagli sbirri. Poiché aveva un passato nell’esercito, avendo preso una decorazione addirittura in Vietnam, è verosimile che in casa Cooper avesse delle armi e che le abbia usate contro i poliziotti che volevano arrestarlo. Resta comunque da vedere se le cose riguardo alla sua morte siano andate proprio così. La seconda domanda è se, per ipotesi, gli Illuminati contro cui si scagliava, in radio e nei suoi libri, avessero deciso di eliminarlo in quanto voce scomoda, la divulgazione di informazioni abbastanza strampalate per il cittadino medio fossero un capo d’accusa sufficiente per decretare la sua morte. Cioè, le cose che diceva rappresentavano un pericolo per l’Establishment o per il governo al punto tale da dover inscenare una sparatoria con esito fatale per lui?

La Mafia delle case-famiglia



Potete chiudermi pure quest’altro account se volete, ma le verità vanno dette. “Sequestri di Stato”: un'altra Mafia che nessuno vede. Assistenti Sociali, Magistratura, Politici e prestanomi, che tolgono i figli a famiglie in difficoltà economiche chiudendoli nelle “Case-famiglie”, dove ogni bambino costa allo Stato italiano una media di 300 € al giorno. Ora la mia domanda è: perché non dare a queste famiglie in difficoltà economiche anche solo 50 € al giorno per farle vivere una vita dignitosa con i loro figli che sono la cosa più bella del mondo, risparmiandone poi 250 €?  Taluni, per far soldi, non esiteranno mai a sfruttare le vite altrui. Riflettete e diffondete.

La Sinistra in piena crisi isterica


Testo di Andrea Munari


Fascisti e fascismo ovunque! Ad ogni ora del giorno e della notte, fascisti in tv, fascismo in radio, fascisti per le strade. Inizio a pensare che in Italia da quando la sinistra ha perso elezioni e comuni, si stia parlando di "fascismo" più di quando il fascismo in Italia c'era davvero. E' che stanno letteralmente impazzendo i compagni, perché si accorgono di una cosa che li spiazza e li mette in uno stato di ansia e panico indicibile: si stanno accorgendo che le loro "etichette" non funzionano più e non fanno più presa su quella opinione pubblica che alla fine, forse perché nauseata dai loro ripetitivi schemi ideologici, finisce addirittura col rivolgere la propria solidarietà proprio verso i destinatari delle loro invettive. Cosa che provoca in loro vere e proprie crisi isteriche.

mercoledì 26 settembre 2018

Ai giardinetti, attenti a dove vi sedete!



Udine - Ferma condanna della politica di Centrodestra e di Centrosinistra rispetto alla scritta "Profughi ai forni" seguita da una svastica, comparsa sabato pomeriggio su una panchina dei bastioni di Palmanova e denunciata ieri dal sindaco, Francesco Martines. Tuttavia, stigmatizzato il gesto, le riflessioni dell'uno e dell'altro versante politico prendono la piega della dialettica in punta di fioretto, con il Pd che considera il fatto «il risultato» del «clima d'odio che si sta diffondendo», come afferma il segretario regionale del Pd Salvatore Spitaleri con un evidente anche se non esplicito riferimento alle posizioni sui migranti espresse in particolare dalla Lega, e il capogruppo del Carroccio in Consiglio regionale Mauro Bordin che diffida chiunque dal collegare simili frasi al pensiero leghista.

Il magico mondo di Minniti



Fermi tutti, Minniti dalla sua postazione nel bel mezzo della periferia romana ha sentenziato: "Non c'è alcun allarme sicurezza che giustifichi un decreto da parte del governo". Sicuro, certo, avete per caso notizia di problemi ai Parioli, al Vomero, a Capalbio, Porto Cervo, Taormina o Portofino? Ma non scherziamo, l'ordine regna assoluto e che volete che gli freghi se il Quartiere Aurora di Torino, ad esempio, è in mano agli spacciatori, se a Tor Bella Monaca, a San Basilio, Romanina o Pigneto sembra di essere nel mezzo delle riprese di Gomorra, e se le donne non possono azzardarsi ad uscire di notte in molte città se non vogliono essere violentate? Minniti non avverte alcun allarme sicurezza. Punto.

Quello che Adolfo aveva in serbo per noi


AltroTesto di Crewdelius


Hitler voleva trasformare l’Italia in colonia agricola per la Germania e farla vivere di agricoltura, turismo e un po’ di terziario. Ci ha messo quasi 80 anni, ma c’è riuscito.

Ero un giudeofobico e nessuno me l’aveva detto!



Freeanimals, che ha per slogan il motto latino “Veritas Vincit”, è un attivo blog di impianto cospirativista uso a postare articoli che contengono i principali temi della polemica complottista: scie chimiche, cip sottopelle, invasione di extracomunitari etero diretta da organismi sovranazionali, etc., il tutto inserito in un contesto giudeofobico. Freeanimals si caratterizza poi per un approccio etnoregionalista, razzista e sovranista.

Le sciocchezze di Mario Monti


Nella trasmissione di ieri 25 settembre, su Rete 4, intitolata “Stasera italia” e condotta da Barbara Palombelli, un redivivo Mario Monti se n’è venuto fuori dicendo che i sovranismi sono pericolosi perché portano alla guerra, avendo probabilmente in mente la genesi della seconda guerra mondiale del secolo scorso. Al che, l’altro Mario ospite in collegamento, il Mario Giordano, gli ha risposto: "E allora, se i sovranismi portano alle guerre, tanto vale instaurare subito il nuovo ordine mondiale". Non lo ha detto come se lui fosse favorevole, ma solo come conseguenza logica del ragionamento del suo interlocutore. Vedete a che punto siamo? Si sta facendo passare, piano piano, l’idea che il governo mondiale impedirà l’insorgere dei conflitti armati, trascurando il fatto che a volere fortemente il NWO sono proprio quelle nazioni e quei governi imperialisti e guerrafondai che basano le proprie ricchezze sulla produzione e vendita di armi. Mario Monti andrebbe fucilato per alto tradimento dell’Italia e dell’umanità, e invece tutti lo chiamavano professore e lo trattavano con compita deferenza.

Ventri molli e schiene tagliuzzate


Testo di Giulio Meotti

No, queste immagini nei giorni scorsi non sono arrivate dall’Iraq, dall’Afghanistan o dallo Yemen. Sono arrivate dal Pireo, in Grecia, dove nei giorni scorsi la comunità islamica ha celebrato l’Ashura, flagellandosi di fronte ai propri figli. E no, non ritengo che queste cartoline del multiculturalismo siano compatibili con la nostra società aperta, democratica, liberale, come i delitti d’onore, i matrimoni forzati, la mutilazione genitale, la burqizzazione delle ragazze. Ma chi tollera questo bagno di sangue a cielo aperto? Perché accettiamo di importare nella nostra bella Europa, nella Grecia che fu la culla della dignità del corpo umano, questo martirologio mediorientale? Siamo davvero un ventre molle?

martedì 25 settembre 2018

La salute degli immunodepressi non dipende dalle altrui vaccinazioni



Non lo faccio per dare "soddisfazione" a qualcuno. Ho già condiviso, da tempo, le mie battaglie. Ma, dato che ho visto che qualcuno ha, diciamo, "commentato negativamente" (per utilizzare termini soft) il fatto che magari io a primo impatto non dimostri di stare male, che mi metta i tacchi, che mi trucchi eccetera... vorrei ricordare che non è sempre Domenica... non è stata sempre Domenica. Non ho vergogna a mostrarmi anche così, in tutta la bruttezza della malattia. Ora sono in un periodo positivo, nonostante il mio livello di immunodeficit sia anche aumentato, è vero... e questo è dovuto anche al fatto che IO sono cambiata. Perché quando ci si ammala, la cosa più difficile è dare un senso a quello che ti succede. 

Tanto carina, tanto banale


Testo di Francesco Sechi

Nadia Toffa pubblicizza l'uscita del suo libro e dice che “ il tumore è un dono, che i tumori sono tutti uguali e che guarire sta alle persone”. Cara Nadia, sono felice che tu sia guarita ma secondo me il tumore non è un dono, il tumore è una grande merda, i tumori non sono tutti uguali e guarire sta alla scienza e alle strutture che ti curano. E (chissà) alla divina provvidenza. Perché chi è morto ha lottato proprio e più di te, magari con meno possibilità finanziarie e appoggi politici. ‬

P.s.
Dici che il tumore è un dono ma il tuo libro costa 15 €. Cara Nadia, perché non doni il libro e il cancro te lo tieni? Sai, non sono graditi i regali riciclati.

Luigi Di Maio vuole emulare Macron


Testo di Fabio Salamida

Il Presidente francese Macron annuncia un maxi-taglio fiscale del 25% e Giggino, quello che voleva fare il premier, esulta su Twitter: «La Francia - scrive Giggino - per finanziare la sua manovra economica farà un deficit del 2,8%. Siamo un paese sovrano esattamente come la Francia. I soldi ci sono e si possono finalmente spendere a favore dei cittadini. In Italia come in Francia». Peccato che non sia così semplice. La Francia ha un debito pubblico al 97,7%, l'Italia al 133,4%, il secondo più alto dopo la Grecia. I nostri cugini d'oltralpe crescono anche molto più di noi, basta vedere le tabelle del PIL degli ultimi anni. Quindi no, non possiamo fare come la Francia. E non serve una laurea in economia per capirlo. C'è poi una questione di merito. Macron forza sui conti abbassando sensibilmente le tasse su cittadini e imprese: l'obiettivo è quello di creare un boom economico e rilanciare l'economia. Giggino e i suoi vogliono forzare su un'economia assai più debole per il reddito di nullafacenza, una misura assistenzialista che rischia di affossare definitivamente i conti dell'Italia.


Per attivare una scheda SIM ci vuole un documento



Arrivano senza documenti e poi tutti con cellulari di nuova generazione. Mi viene un dubbio che ci sia qualche prestanome da parte di chi gestisce queste cooperative di accoglienza. Ma un’indagine sulle schede sim, no?

lunedì 24 settembre 2018

Il sangue arabo dei siciliani





Sicilia. Sciacca. Qui i cani si uccidono e poi si buttano in discariche a cielo aperto, sul bordo delle strade. Nessuno ci fa caso. Per loro è normale, tanto era solo un cane.

Svastiche sulla fronte e orecchi mozzati


Altro

Indagini veloci e pene esemplari per la banda di rapinatori di Lanciano. E subito una legge per la legittima difesa. Non possiamo permettere che succedano queste cose e che si venga ridotti così in casa propria. (Giovanni Toti).
Questa frase, del governatore della Liguria, mi ha fatto accendere una lampadina in testa. Può darsi che mi sbagli, ma da buon complottista non posso fare a meno di pensare al metodo del “Problema-reazione-soluzione”. Cioè, il nuovo governo sta per varare una legge sulla legittima difesa, in base alla quale la difesa con uso di armi in casa propria è sempre legittima e chi si difende non deve essere sottoposto a giudizio. Ci sono delle resistenze psicologiche da vincere, non solo da parte del PD, perché all’uomo medio l’idea di vivere nel Far West non piace. E allora, cosa ti organizza il governo ombra, o chi per esso? 

200 milioni di euro mal spesi


Testo di Paolo Sensini


Il decreto sicurezza-immigrazione voluto da Salvini si propone di regolamentare con un minimo di buon senso la bomba migratoria in corso. Niente d'eccezionale, dunque, ma solo ciò che si sarebbe dovuto fare già da vari anni. Del resto un istituto come la "protezione umanitaria" esiste solo in Italia. Il decreto si propone inoltre di abbattere al minimo il business dell'accoglienza, prevedendo una forte limitazione del famigerato SPRAR, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati costituito dalla rete degli enti locali, che negli anni è diventata una mangiatoia che rifornisce a spese degli italiani le varie Onlus e mantiene a gozzovigliare per troppo tempo i sedicenti profughi. Eclatante il caso di Riace, il comune calabrese ripopolato coi soldi dei contribuenti che pagano lo stipendio agli africani perché vivano a "casa" del sindaco Domenico Lucano. 

Siamo islamofobi perché abbiamo paura delle dittature teocratiche


Giulio Meotti: “L'islam dominerà in Svezia entro 50 anni”. A dirlo non è un politicante populista, ma questa rifugiata somala, Mona Walter. In Somalia, Mona non era religiosa, ma in Svezia è stata costretta dalla sua comunità ad andare in moschea e indossare l'hijab. “Per molti anni ho cercato di convincere gli svedesi a capire l'obiettivo islamico: prendere il controllo del loro paese. La prima cosa che faranno è richiedere i tribunali della sharia, come nel Regno Unito”. Walter afferma anche che “gli svedesi sono convinti che le leggi svedesi saranno sempre applicabili nel loro paese. Ma chiedi a un inglese se 30 anni fa avrebbe pensato che la Gran Bretagna avrebbe avuto tribunali della sharia legali nel 2018. Nessuno avrebbe pensato che fosse possibile. Se la Svezia riconoscerà i tribunali della Sharia, i musulmani avranno nuove richieste, come il permesso di governare le proprie enclave senza interferenze da parte della società svedese. L'obiettivo finale è che la sharia domini tutta la Svezia. Questo è l'obiettivo a lungo termine e l'Islam ha molta pazienza. La demografia è molto chiara: in 100 anni la partita è chiusa”. Fossi i fighetti del mainstream, che si sono barricati nella propria bolla di consumismo e fake news culturali, io farei uno sforzo e ascolterei questa donna somala coraggiosa. Tic tac: il tempo sta scadendo.

O la pena di morte o una lobotomia definitiva


Testo di Annalisa Piras

Questo è un signore di 70 anni. Medico in pensione, massacrato stanotte in casa a Lanciano
da 5 ladri. Alla moglie (la foto è impubblicabile) hanno tagliato il lobo di un orecchio, per strapparle gli orecchini. Il figlio gravemente disabile, l'hanno chiuso in una cantina. Era talmente terrorizzato che i Carabinieri hanno impiegato otto ore per far sì che uscisse. Quando è uscito è scappato per la vergogna (ha fatto i suoi bisogni tra i pantaloni).

Il maialino fatato parla ancora



Ancora parli maialino fatato? Non ti è bastata la batosta del 4 di marzo? Ti sei chiesto come mai queste persone che tu attacchi e critichi continuano a crescere e ad avere il pieno consenso della maggior parte di italiani, mentre tu e il tuo partito state sparendo? Ed in cuor mio spero presto.


domenica 23 settembre 2018

Italiani, i reietti d’Europa


Testo di Silvia Marina

Notizia che, se confermata, è di una gravità assoluta. La Merkel dichiara di voler espellere gli italiani, poveri e senza lavoro, che non possono pagarsi le spese sanitarie. Ma non può. Gli italiani sono comunitari e hanno diritto all'assistenza sanitaria. Quanto hanno rotto le scatole a noi con gli zingari, che non possiamo espellere né possiamo estromettere dalle cure? Ai cittadini comunitari bisogna garantire tutti i diritti e tutte le coperture di legge. Ma sembra che siano già un centinaio gli italiani in Germania che hanno ricevuto una lettera di preavviso. Se confermato, questo sancirebbe la fine della UE.

I preti: sempre dalla parte del male

Testo di Maurizio Denti

Questo cosiddetto prete benedice un gruppo di codardi, in modo che possano uccidere volpi innocenti. Tutte le religioni devono essere abolite.

Fenomeni da baraccone



Davide Cavallotto: Questi non sono uomini alla ricerca di diritti. Sono fenomeni da baraccone che fanno schifo!

Enza Sinato: Questi non sono gay. Questi sono depravati, quelli veri sono delle persone educate, dei veri signori, almeno quelli che conosco io.

Il povero Benito si rotola nella tomba


Alfonso Piscitelli: Hanno fatto un consiglio comunale in seduta straordinaria per revocare la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini (1883-1945). A Santa Paolina, in provincia di Avellino, sindaco Spinelli.
Annamaria Frattolillo: Ahahah, è tutta da ridere! Chissà come si è dispiaciuto Benito Mussolini!
Giuseppe Bazzani: Ma che teste di cazzo apocalittiche, fossi il figlio di quel coglione del sindaco chiederei di cambiare cognome, pagliacci.
Rosalba Evola: Un’intelligenza notevole! Penso che il duce sia contento di perdere questi compaesani!
Loredana Gemato: Come se non ci fossero cose più importanti da discutere, esempio come proteggere gli italiani da questa ondata di criminalità.
Milena Cammarata: Che assurdità! Sciocchezze comuniste! La Storia è immutabile: non si possono e non si devono eliminarne i protagonisti, ma si deve trarre insegnamento dagli eventi.

Pausa pranzo: vado a stamparmi da mangiare!


Fonte: Repubblica

Come spesso accade, tutto nasce da un errore. Nei laboratori di ingegneria dei tessuti del Politecnico della Catalogna si progettano muscoli, cartilagini e perfino organi interi per la chirurgia del domani. Giuseppe Scionti, ingegnere biomedico italiano, si cimenta con la biostampa tridimensionale di un orecchio, talmente morbido e compatto da sembrare vero. “I colleghi ci scherzavano sopra: che schifo, cos’è quella cosa? Non avevano tutti i torti: allo stato attuale non è possibile trapiantare un orecchio artificiale”, sorride Scionti, ricordando il percorso che l’ha spinto a fondare la startup Novameat e brevettare una tecnologia innovativa per l’industria alimentare. Sebbene sia appena agli inizi, negli ultimi cinque anni – cioè da quando fu presentato il primo hamburger ricavato da cellule staminali di vacca, nell’agosto del 2013 – il settore della carne sintetica ha fatto passi da gigante, soprattutto in Paesi come la Cina e gli Stati Uniti.

Chi gioca con le nostre vite?


Marina Pagano: Scena iniziale del film "incredibili 2" della Disney, uscito il 5 giugno...notate niente?

Antonino Minissale: Scusami ma non capisco: vuoi dire che il ponte è stato fatto saltare in aria?
Giovanni Sallusti: Le cose le fanno e lo dicono anche. Siamo noi a non capire gli eventi, ma nelle loro intenzioni danno sempre cenni su tutto.
Marina Pagano: In un mondo perfetto saremmo già insorti.
Lara Tisalbo: Triste presagio.
Marina Pagano: Ma il camion verde è davvero inquietante.
Michele Mah Boh: Beh, se andiamo a ritroso a vedere tutti i film in cui crolla un ponte..…
Marina Pagano: Sì certo, ma questo è nuovo e la cosa strana è il camion verde.
Angela Dionigi: Sono coincidenze che fanno pensare...una va bene, due iniziamo ad avere sospetti, ma se succedono spesso è inquietante.

sabato 22 settembre 2018

Re Erode oggi porta il cappello da cow boy



Il precedente rapporto di Amnesty International sul Sud Sudan risale a poco più di quindici giorni fa e già riportava dettagli sulle atrocità commesse nei confronti di civili inermi, da parte delle forze armate fedeli al presidente Salva Kiir, ma l’orrore di questa interminabile mattanza sembra tutt’altro che destinato a estinguersi, anzi, divampa con sempre maggiore recrudescenza, sia ad opera delle truppe regolari, sia da parte delle milizie fedeli a Riek Machar, ex vice-presidente di Salva Kiir e oggi suo acerrimo oppositore.

Chi scherza col fuoco si brucia



A Bari ieri sera al termine della manifestazione "Mai più con Salvini" di Potere al Popolo e centri sociali, con poco più di 100 partecipanti, l'estrema sinistra tentava di dare l'assalto alla sede di CasaPound. I militanti della formazione patriottica uscivano dalla sede con l'intenzione di proteggere le strutture e da quell'intendimento legittimo di difesa nasceva uno scontro prima verbale e poi fisico, in cui i compagni hanno avuto la peggio.

Non solo pomodori



I lavori che gli italiani non vogliono fare più... Ma andate a quel paese! Ci sono tanti giovani italiani che mandano curriculum con la speranza di essere assunti e poi arrivano ‘sti cazzo di furboni e senza fatica trovano posto con la scusa che sono richiedenti asilo (ma di che? Da cosa?). È uno scandalo!

Quando la felicità sarà riconcessa agli uomini


Suggerito da Sabrina Gualini

Le ragazze del SAF - madri, mogli, sorelle - vennero sottoposte dopo il 25 Aprile a ogni genere di sevizia. In quanto soldati repubblicani e soprattutto in quanto donne furono umiliate, torturate, violentate e brutalmente assassinate.  Segue l'ultima lettera di Franca Barbieri alla madre. Franca faceva parte dei servizi segreti della Repubblica, catturata, le venne offera la salvezza in cambio della sua abiura. Affrontò il plotone di esecuzione gridando "Viva l'Italia". 

I negri non reggono l’alcol



Poco fa un immigrato stanziato in un centro d'accoglienza di Isernia è stato trasportato al Pronto Soccorso, scortato da due macchine della Polizia. Pare che l'immigrato in questione si presentasse in evidente stato di ebbrezza. Inoltre, inveiva contro i passanti fino a svenire e rendere necessario l'intervento del 118. Questo è lo stato in cui versa Isernia, anche se il Prefetto stenta a rendersene conto.


Un paese di codardi violenti


Testo di Giulio Meotti

Tutti santi, quando muoiono. Oggi ad esempio i giornali sono un imbarazzante peana su Inge Feltrinelli. Nessuno o quasi che ricordi, accanto ai meriti, i tanti demeriti. Vale la pena rileggere quanto scrisse Indro Montanelli, uno dei migliori della storia italiana (assieme a Casalegno), dopo che nel 1977 le Brigate Rosse gli avevano sparato: “Dal Giornale mi mandano tre sacchi di telegrammi: ne hanno contati quindicimila. Ma la notizia che in fondo mi fa più piacere è che in due salotti milanesi - quello di Inge Feltrinelli e quello di Gae Aulenti - si è brindato all'attentato contro di me e deprecato solo che me la sia cavata”. E quanti brindarono negli stessi salotti buoni quando era stato ucciso il commissario Calabresi? Siamo un paese di editori e letterati che sputarono in faccia a Solzhenitsyn per aver detto che l'imperatore rosso era nudo o che pubblicarono la peggior feccia sulla decolonizzazione o il terrorismo palestinese (Italo Calvino, su tutti).