domenica 31 marzo 2019

I 5 Stelle spariranno così come sono apparsi


Egidio Gariboldi: Preparerebbero anche una guerra civile. E nessun di loro ne uscirà illeso.

Salvatore Arba: Via dai coglioni anche i cinque stelle, luridi pezzi di merda.

Mariano Piras: Si stanno avvicinando, in fondo son molto affini.

Ignazio Berria: Non diciamo fesserie. Se fanno una cosa del genere scendono da cavallo e rimangono appiedati e isolati.

Il P.D.S. (partito di Satana) sta dando un fiero attacco al bene


Testo di Elio Ernani

Un piano satanico è in atto come aveva profetizzato suor Lucia di Fatima. Questo fine settimana a Verona si sta svolgendo il Congresso Mondiale della Famiglia. Politici della sinistra hanno organizzato una manifestazione di protesta contro il Congresso. Il Governo ha subito un’aggressione senza precedenti ad opera di M5S e della sinistra ed è stato costretto a ritirare il patrocinio alla manifestazione. In aiuto della sinistra italiana è scesa in campo “l’abortista” Ilary Clinton e tutta l’Unione Europea. Anche sacerdoti persi come don Ciotti e don Mazzi si sono schierati contro il Congresso della famiglia. Il presidente dell’Istat che avrebbe voluto partecipare al Congresso è stato aggredito mediaticamente ed è stato costretto a rinunciare. Gli albergatori della zona sono stati invitati dagli onorevoli e senatori di sinistra a non ospitare i partecipanti. Tutti i mezzi di informazione ed intrattenimento di Sky, Mediaset e RAI stanno attaccando, da giorni e senza sosta, il Congresso della famiglia.


Ci stiamo evolvendo o involvendo?


Laura Lanzi: Troppo facile pubblicare un post che mescola tanti problemi che per analizzare ci vorrebbe troppo tempo e troppo spazio e anche troppo facile pubblicare una foto così provocatoria. Ma chi si fa condizionare da queste cose? In ogni caso, la famiglia tradizionale. Ma cosa è stata sino a pochi decenni fa? Nelle classi più povere lavoro, ruoli ben distinti, uomini liberi di fare ciò che volevano e donne inchiodate da troppi figli da allevare. Nelle classi più agiate ipocrisia, corna a non finire, e comunque i soliti ruoli predefiniti, il patriarcato sopra ogni cosa e dio, patria e famiglia dogmi che sembravano intoccabili. E ora? Dopo anni di lotte, presa di coscienza, diritti finalmente acquisiti da parte delle donne siamo arrivati a questo? E tra le altre assurdità, le donne che non fanno figli si ammalano di cancro, (quante pur avendo figli si sono purtroppo ammalate) e via dicendo perché non usare anche l'omosessualità? Due persone dello stesso sesso che si amano suscitano scalpore, ma nessuno dei presenti al convegno ha un figlio, un nipote omosessuale? Negano che possano vivere la loro sessualità liberamente, non devono formarsi una famiglia, adottare dei figli, perché? L'amore non basta? La famiglia tradizionale non è una garanzia e lo sappiamo tutti. Quante situazioni tragiche conosciamo da sempre, bambini che vivono con i genitori che con le loro problematiche provocano in loro traumi anche gravi? E infine, se fosse vero che Salvini con la sua politica non vuole intervenire per rivedere leggi come la libertà d'aborto, perché si sente in dovere di ribadirlo? I metodi per aiutare davvero in modo serio le famiglie al di là dei sessi che la compongono sono ben altri. Aiuti economici, nel caso, e di sicuro sociali. Le discriminazioni sono pericolose sempre e per tutti, cominciano da un punto e non si sa dove possono portarci.

In Africa nessun africano è straniero



Si avvicinano le elezioni in Sudafrica – previste il prossimo 8 maggio – e con esse si è scatenata una nuova ondata xenofobia nella periferia di Durban. Oltre cento immigrati, per lo più provenienti dal Malawi, sono stati derubati di tutti i loro beni e cacciati dalle loro case, ora sono costretti a dormire all’addiaccio. Tra loro anche donne e bimbi. Una donna è morta, dopo una rovinosa caduta dal tetto di un centro commerciale, altre due persone sono state ricoverate in grave condizioni. Scappavano, avevano paura dei residenti sudafricani del quartiere che hanno preso d’assalto diversi negozi gestiti da somali domenica scorsa. La situazione è degenerata quando alcune attività commerciali sono state saccheggiate e poi bruciate.

I compagni di merende amano la famiglia tradizionale africana


Testo di Elena Vigliano

Quelli che hanno in odio l'idea di famiglia tradizionale italiana e vorrebbero persino renderla innominabile, sono gli stessi che, ogni giorno, da giornali e televisione, ci ammorbano e ci ossessionano con le loro statistiche sulla denatalitá, il calo demografico, l'invecchiamento della popolazione, l'insostenibilità del sistema pensionistico e, per farvi fronte, invocano la conseguente necessità di importare milioni di famiglie tradizionali africane a cui concedere la cittadinanza italiana.

sabato 30 marzo 2019

Gli eunuchi del NWO


La Famiglia è attaccata perché l’uomo sia più solo. L’uomo solo è un pezzo di materia. Un cittadino anonimo, senza forza. Distruggendo la famiglia si attacca l’ultimo e più forte baluardo che resiste al potere.

A Verona si è dato convegno tutto il puttanaio della Sinistra



Si sono mobilitati tutti: Movimenti lgbt, femministe, l’Anpi, Repubblica, e tutto il puttanaio sinistrato, compresi molti attivisti dei 5*. Viene da chiedersi dunque che cosa abbia di così tremendo questo congresso delle famiglie, da aver scatenato tutta questa caciara. Questo congresso, è dipinto in malafede e viene data una lettura parziale e strumentale dell’evento, che ritengo una importante occasione per ribadire che la famiglia è il pilastro fondamentale della nostra società. Non ho nulla contro gli omosessuali, ma non hanno niente a che vedere con il concetto di famiglia tradizionale, vivano la loro vita, punto! Il politically correct e l'ipocrisia dimostrata da questi odiatori è confermata dal loro "silenzio assordante" sugli scandali delle donne islamiche e la loro sottomissione all'uomo/marito, o dei tanti casi di spose bambine che accadono quotidianamente anche qui in Italia.

Il comunismo ateo ha portato al femminismo intollerante


Testo di Barbara (Twitter)
Altro
Tutta la sinistra contro il congresso della famiglia, però quando fanno le loro di manifestazioni, guai a dire qualcosa, perché altrimenti sei omofobo, razzista, retrogrado, bigotto. E invece primi intolleranti sono proprio loro! Fate pena!

Tanto di cappello a chi vuole fare del bene all’umanità


Testo di Curzio Conrad

Quando una persona decide di lavorare nell'"umanitario", non lo fa certamente a cuor leggero ed è consapevole dei rischi che corre. Io ho lavorato per cinque anni in Afghanistan, perché sapevo che potevo mettere a frutto le mie conoscenze linguistiche, le mie qualità umane, lavorando nelle carceri e dando sollievo alle vittime della guerra, con empatia e professionalità, fare interventi con le autorità al fine di far rispettare maggiormente le leggi internazionali umanitarie, il rispetto delle condizioni minime per la detenzione e contro la tortura! Anche io ho perso cari colleghi, mentre si stavano impegnando per il bene del prossimo, alcuni sono sopravvissuti, ma li ho dovuti assistere dopo feroci attacchi. Se anche la nostra azione spesso era solo una goccia d'acqua nel deserto, ne è valsa la pena! Prego per Silvia Romano, sperando che tutto si risolva per il meglio. Nei vostri post ecommenti, per favore, portate almeno rispetto per chi ha fatto una scelta, credendo ancora nel bene per l'umanità.

L'apologia del diverso



Una storia d'amore tra esseri non del tutto umani che ci chiede cosa sia davvero l'umanità. L'eterno interrogativo se sia più la natura o la cultura a fare di noi quello che siamo si sviluppa qui in un intreccio di genere, tra il fantasy e il crime, declinato però secondo l'estetica del realismo sociale.

Tutti sono tradizionalisti con la sessualità degli altri


Testo di Pasquale Videtta

Il Congresso Internazionale della Famiglia è quel luogo in cui Matteo Salvini, 46enne, già divorziato dalla prima moglie con cui ha avuto un figlio, separato dalla seconda compagna con cui ha avuto un secondo figlio, a lungo convivente con Elisa Isoardi e ora impegnato con quella che potrebbe essere la sua prima figlia, e Giorgia Meloni, concubina (come verrebbe definita da tradizionalisti ancor più radicali di lei) 41enne con una figlia fuori dal matrimonio, ti spiegano che i gay e le lesbiche non possono costituire una famiglia perché bisogna difendere la "famiglia tradizionale". Purché sia degli altri.

Ma non sanno cos’è il sequestro di persona, poverine!



Migranti insoddisfatte dal cibo, chiudono le cuoche in cucina. Nel riminese quattro nigeriane richiedenti asilo non hanno gradito il cibo della struttura che le ospita e, come riporta l’Ansa, hanno chiuso a chiave le cuoche in cucina! Le donne avrebbero anche detto "se volete uscire dateci dei soldi per poter comprare qualcosa di buono da mangiare”. Le cuoche sono state liberate all’arrivo dei Carabinieri.

venerdì 29 marzo 2019

La castrazione chimica è solo una dose di bromuro più forte


Fonte: Fanpage

"La castrazione chimica è una riduzione dell'integrità psico-fisica di un individuo: io sono il ministro della Salute e sono anche un medico quindi non posso essere a favore di un provvedimento che riduca l'integrità psico-fisica di una persona". Così la ministra della Salute Giulia Grillo parlando con i giornalisti in Transatlantico. "Sono favorevole a intervenire con tutti gli inasprimenti possibili e immaginabili delle pene però – spiega – come capite bene, da un punto di vista tecnico e sanitario, è impossibile dare un parere favorevole a una posizione di questo tipo". La ministra ha detto di no alla proposta rilanciata dal ministro degli Interni Matteo Salvini per punire gli stupratori. 

Per certi mentecatti l'Italia che non accoglie è un paese di emme


MeA partire dal momento in cui un corpuscolo entra nell'ostrica, il mollusco si ammala. Ma qui il paragone è falso e tendenzioso, come siete voi cattocomunisti, perché in Europa sono entrati e stanno entrando migliaia di corpuscoli velenosi che porteranno l'intero continente alla malattia e infine alla morte. Grazie a voi buonisti.
Samantha de Simone: Uno di questi corpuscoli che ammalano senz’altro sei tu.
Me: Tipica risposta stizzita dei sinistroidi. Come fai a non vedere che è in atto un'invasione strisciante e silenziosa, senz'armi e con l'appoggio di quinte colonne presenti sul posto? Cioè voi, traditori della vostra gente
Samantha de Simone: Meglio traditrice che come te.
Me: Pensandoci meglio, credo che tu abbia ragione. Io sono stato un corpuscolo velenoso per questa società necrofila, in modo particolare per alcune categorie: cacciatori, vivisettori, pellicciai, allevatori di visoni e, soprattutto, uccellatori. Ma che vuoi saperne tu?!

La Sinistra non vede la realtà da lei stessa creata



"Ha iniziato a picchiarmi e a sbattermi la testa contro un muro. Mi ha tagliato l'orecchio con il coccio di bottiglia a metà, cioè credo fosse una bottiglia, non sono riuscita a guardare bene. Ma sentivo tutto il sangue che colava. Mi ha strappato il reggiseno e il vestito, mi ha rotto tutte le calze. Mi ha fatto anche togliere le scarpe". Un racconto da brividi, roba da far venire la pelle d'oca. Come è possibile che un simile figuro, clandestino e pluripregiudicato, fosse ancora in giro a tre passi dal locale su cui aveva buttato una molotov quattro mesi prima perché non l'avevano fatto entrare? E dopo un racconto simile - e i mille episodi di questi giorni, tra accoltellamenti e sgozzamenti - qualcuno afferma che Torino è una città sicura?

Ma la mamma dov'è?


Testo di Fabio Daddy (Twitter)

L’ho cresciuto da solo ed è stato tanto entusiasmante quanto difficile. È sereno, è amato, ha spalle grosse e sta disegnando il suo futuro. Sono padre, gay e lui è orgoglioso di chi siamo. Chi siete per dire che la nostra non è una famiglia? 

La Sinistra accusa i conservatori di oscurantismo



La violenta, irrazionale, unanime levata di scudi contro il World Congress Family è stata davvero inspiegabile. Si può non condividere una manifestazione, ma basta non andarci. È facile. A me non è mai venuto in mente di farmi venire una crisi isterica per i gay pride, e neanche perché la presidente della Camera, un ministro o un senatore donna gli accordassero la loro compiacente benedizione. L’Unar, organo della presidenza del consiglio dei ministri, finanziava dei circoli dove si facevano festini a base di sesso (che sia omosessuale o etero non cambia la sostanza, in questo caso), e per lungo tempo, fino a che la cosa non è stata tirata fuori dalle Iene, nessuno ha avuto niente da dire, però se il logo della Presidenza del Consiglio compare sulla locandina di Verona apriti cielo. Addirittura un convegno in cui si parla di famiglia, che schifo! Visto che in Italia le culle sono vuote, le scuole chiudono e ci stiamo estinguendo, magari proviamo a sentire che ha da dire il convegno, o ci affidiamo alla ricetta di Emma Bonino? Vogliamo ascoltare il ministro ungherese che ha risollevato la natalità nel suo paese, o per principio è inascoltabile? (Gli ungheresi hanno la lebbra?) Magari la loro ricetta è sbagliata, ma ascoltare potrebbe anche avere un senso, visto che ha funzionato.

I demolitori


Non sono sicuro che questi tre concetti, uniti insieme, siano stati coniati da Mussolini. Di fatto, il comunismo ateo ha cominciato fin dalla sua nascita, da quando Marx disse che la religione è l’oppio dei popoli, a demolire il primo concetto: Dio. Il secondo, non poteva non demolirlo perché fin dall’inizio, da quando fece circolare il famoso appello: “Proletari di tutto il mondo unitevi!”, il comunismo si presentava come un movimento internazionale, fondando infatti l’Internazionale Comunista. Gli eredi del partito comunista italiano, sedicenti democratici, stanno dando segnali di coerenza con i principi mondialisti dei padri fondatori e infatti a molti italiani appaiono come traditori perché si preoccupano più dei migranti che non degli italiani stessi. In questo modo, stanno demolendo il secondo concetto della trilogia: la Patria. E infine, parallelamente a ciò, i comunisti, o il loro fac-simile sinistroide, stanno demolendo la Famiglia e in questi giorni in cui c’è un congresso su quel tema a Verona, stanno dando il meglio di sé. La fanno demolire dai loro vezzeggiati giullari vestiti di colori sgargianti e variopinti: i gay. 

Lasciate ogni speranza voi che andate in Africa!


Testo di Sergio Scorza

Silvia è stata uccisa? Una terribile notizia arriva dal Kenya: Silvia Romano sarebbe stata uccisa nel corso di una sparatoria tra il gruppo di predoni che la aveva rapita e una cellula di Al Shabaab, i jihadisti della Somalia che erano intenzionati a "comprarla" per poi chiedere un riscatto all'Italia. La notizia è stata rilanciata dal quotidiano di Nairobi The Star, notizia che ha avuto moltissima eco in Kenya. Il ministro degli Interni locale, però, non ha voluto né confermare né smentire, spiegando solo di essere "in contatto con le autorità italiane. C'è piena collaborazione e ne verremo a capo". Speriamo tanto che questa ipotesi venga smentita ma il parere negativo espresso dalle autorità keniane ad una rogatoria che consentisse l'intervento di un nucleo investigativo italiano non è proprio un buon segno.

giovedì 28 marzo 2019

Gli omosessuali nulla potrebbero senza il patrocinio degli ebrei



Ogni anno la lobby gay celebra il gay pride, e nessuno disturba i suoi raduni. La stessa lobby gay vuole impedire ad ogni costo il congresso della famiglia di Verona. La lobby gay non rappresenta tutti gli omosessuali. La lobby gay è diventata una minaccia per la democrazia.

Prendete nota, voi tutti gay, ciechi e spensierati!


Fonte: ANSA

Dal 3 aprile in Brunei omosessuali e adulteri rischiano la lapidazione: il piccolo Stato islamico ha introdotto la pena coranica come parte dell'attuazione, fortemente criticata, di un nuovo codice penale basato sulla sharia. Lo riferisce il Guardian. Dalla prossima settimana, gli individui nel piccolo regno sud-est asiatico saranno dunque soggetti a una nuova serie di leggi draconiane, che includono anche l'amputazione di una mano e di un piede per il reato di furto. Il Brunei, che negli ultimi anni ha adottato una forma più conservatrice di Islam, ha annunciato nel 2014 l'intenzione di introdurre la sharia, il sistema legale islamico che impone severe pene corporali: una direttiva del sultano del Brunei, che è uno dei leader più ricchi del mondo con una ricchezza personale di circa 20 miliardi di dollari e siede sul trono dal 1967.

Gli inquisitori del tubo catodico


Testo di Marco Zorzi

Fazio che parla di "un italiano" riferendosi al senegalese terrorista del pullman, è nella sostanza l'equivalente dell'inquisitore O'Brien che in "1984" di Orwell mostra quattro dita a Winston, costringendolo a convincersi che siano cinque. L'imposizione da parte del Potere di una assurda "realtà", che ad esso serve anche se palesemente falsa, come fosse normalità comunemente accettata. Una violenza morale esercitata attraverso il mezzo televisivo, strumento di ipnosi di massa, con lo scopo di imporre alla popolazione una visione distorta e irreale, funzionale al Potere, che viene fatta diventare reale con un'azione di persuasione occulta sulla mente. E molti, i più sprovveduti, ne cadono vittime.

La dittatura arriva per gradi


Testo di Stefano Re

In una contea di New York hanno appena messo il coprifuoco: i bambini non vaccinati non possono entrare nei ristoranti, nei luoghi di culto, nei centri commerciali. Non hanno vietato di uscire a chi è malato, cosa che già sarebbe abominevole, hanno vietato di uscire a chi non è vaccinato. Non conta se sono totalmente sani: è il fatto di non assumere un farmaco che diventa un reato. Lo capite cosa sta accadendo? Lo vedete che questa è una demolizione sistematica dei diritti fondamentali dell'uomo, attuata sotto il nostro naso, in piena luce, senza alcuna vergogna o limite? È questo il mondo in cui volete vivere? In cui se non prendi un medicinale ti vietano di uscire di casa? Non c'è più da discutere qui, non c'è più da protestare. Non è domani il momento in cui ribellarsi e combattere: è adesso.

mercoledì 27 marzo 2019

Lo sconforto di un’animalista


Testo di Tamara Panciera

Tempo addietro ero a Conegliano, cittadina che amo. Non pioveva da tempo, l'aria era irrespirabile, in centro alcune paperette si affannavano a sguazzare in un piccolo rigagnolo ormai povero d'acqua. Ho provato una tristezza senza fondo, un senso di irrimediabile, di troppo tardi. Oggi si parla di incendi, e questo per me è il peggiore dei pensieri. Sapete che vi dico, amici? Non mi interessa proprio sopravvivere a tutto questo, non mi interessa vivere in un mondo dove gli alberi vengono spazzati dal vento o inceneriti dal fuoco, in un mondo dove gli animali raggiungono a fatica e sconfortati pozze inaridite. Non è il mio mondo.

Quando si ha a che fare con le ambasciate africane


Testo di Alex Serafini

Ad un certo punto abbiamo deciso di stare insieme, lei 16 anni, nata in Italia da genitori congolesi. Secondo i genitori, la questione della cittadinanza era regolata da una legge giusta, proprio perché è al raggiungimento della maggiore età che una persona può decidere con consapevolezza se desidera essere parte di una società o meno. Il contesto è quello degli anni novanta, quindi presumo molto differente da quello attuale dove le problematiche sui permessi di soggiorno sono, in sintesi, quelle su come poter mettere in condizione, persone che sono sul territorio, di poter accedere alla vita sociale con un impatto che sia il meno doloroso per tutti. Mi sembra chiaro che lasciare ai margini della società le persone, implichi maggiore insicurezza per tutti, facendo un bel regalo a chi gestisce attività illegali e criminali.

Parchi, campetti e giardini d'infanzia mai nata


Fonte: L’officina

Le polemiche sul “Congresso mondiale della famiglia” che si terrà prossimamente a Verona spingono ad alcune considerazioni per riportare il tema sul giusto binario. La famiglia non è proprietà ideologica di nessun partito, di nessuna religione. E’ un valore fondante della civiltà, cellula base della società. Dove non esiste, come in alcune tribù primitive, i figli sono in comune, non c’è la proprietà e manca lo stimolo a progredire.  Il “Congresso mondiale della famiglia” è d’ispirazione cattolica, perché i cattolici sono impegnati nella difesa della famiglia, ma ciò non toglie che l’impegno possa essere condiviso anche da chi cattolico non è.

Il figlio abbronzato di Salvini


Testo di Giorgio (Twitter)

Matteo Salvini dice: “È come se fosse mio figlio”. E anche lui dice che gli verrà concessa la cittadinanza per meriti speciali (?). Da qui comincia la dissipazione del formidabile consenso accumulato nell'ultimo anno da Salvini. Non è un mio auspicio, è una constatazione.

I musulmani sono pregati di uscire dai nostri profili social



Mi hanno bloccato l'altro account per 3 giorni con la scusa dell'odio razziale perché non voglio che le chiese si trasformino in moschee. Per favore, senza rancore, se ho mussulmani tra le amicizie e mi cancellano mi fanno un favore? Non odio nessuno. Ma amo l'Italia e le religioni che rispettano le donne. Quindi anda dal mio profilo. Tanto non mi servite a niente, né mi interessate. Senza odio verso nessuno. W Dio, il mio. Quello buono. Non abbiamo nulla a che fare, né lo stesso ideale. Vi dovete cancellare. Se a qualcuno non piace ciò che scrivo me lo dice in privato. Non mi segnala. Quindi per favore cancellatevi. Non sono interessato ad avervi tra le amicizie finché non imparate a rispettare le donne. Via gli invasori dall'Italia liberata.

La Sinistra scatena un’altra tempesta in un bicchier d’acqua


Testo di Paolo Diop

A chi vuole a tutti costi lo Ius Soli! Voi che credete che la legge attuale sia discriminatoria e razzista! E' discriminatoria verso chi ha dato il sangue ed ha difeso i confini di questa Nazione. È discriminatoria verso chi veramente si è integrato e ne ha accettato i doveri e poi i diritti. È discriminatoria verso chi per anni ha seguito un percorso per far parte di questa Nazione. È discriminatoria per chi non vuole essere italiano prima di poterlo decidere!

martedì 26 marzo 2019

Le televisioni sono asservite alle industrie farmaceutiche


Testo di Eva Vignelli

Che vergogna. Nessun TG ha parlato di questa manifestazione. Informazione imbavagliata. E questa sarebbe democrazia? Migliaia alla manifestazione pacifica per la libertà di scelta vaccinale.

Idee chiare che i buonisti non vogliono capire



Non è il fatto di essere neri a disturbare, ma il fatto che siano davvero troppi e che vengano qui con sentimenti ostili, di rivalsa e di vendetta, come insegna l'episodio dell'autobus dato a fuoco e tanti altri tristi episodi di cronaca. Questa gente non ci ama, cerca solo di sfruttare il nostro welfare, ha dei forti complessi di inferiorità verso l'uomo bianco e ciò gli provoca aggressività e un desiderio di provare che i neri sono migliori dei bianchi. In realtà i razzisti sono proprio loro. La loro presenza non reca nessuna utilità al popolo italiano, crea conflitti e tensioni, sovraffollamento delle strutture pubbliche e dei servizi, e mi fermo qui perché ce n'è già abbastanza per giustificare il rifiuto di questi stranieri. Se continuate a insistere su questo tasto del razzismo, non raccoglierete che il consenso degli stranieri e l'allontanamento degli italiani. Se voler essere italiani per voi equivale a essere razzisti e fascisti, ebbene, rassegnatevi a stare in opposizione per altri vent'anni. Con queste idee al potere non ci tornerete mai più perché solo una minoranza, quasi sempre implicata nel business dell'accoglienza e dei lavoratori a basso costo, può condividerle.

Il vero centro di comando dell'Unione Europea



Mentre in Italia si discute sulle elezioni in Basilicata: "ho vinto io, no ho vinto io", c'è gente che non perde tempo. Parigi, prima sessione congiunta del Parlamento franco-tedesco composto da 50 parlamentari del Bundestag e da 50 parlamentari de l'Assemblée Nationale presieduta da Wolfgang Schäuble e dal suo omologo francese Richard Ferrand. L'Architettura Istituzionale dell'Unione Europea è già superata nel silenzio generale: l'UE non è più un'unione tra pari, così come è stato previsto dai Padri Fondatori, ma un Direttorato Franco-Tedesco dove gli altri sono chiamati ad eseguire quanto deliberato.

I razzisti sono come sadici aguzzini


Testo di Nawal Soufi

Ciao "fratello" razzista. Vuoi sapere perché i migranti non vogliono essere riportati in Libia? Ok. Ti risponderò con delle domande. Ti è mai capitato di violentare tua madre perché qualcuno ha il fucile puntato contro di te e contro di lei? Ti è mai capitato di violentare tua sorella e di vedere nascere tuo figlio dalla pancia di tua sorella? Sai quanti figli di scafisti abbiamo in Europa? Cioè, sai quante donne hanno partorito al loro arrivo dei bambini non voluti? Sai cosa significa mangiare un pezzo di pane in 24 ore e vedere un pezzo di formaggino come fosse oro? Ti è mai capitato di fare i tuoi bisogni dentro un secchio e davanti agli occhi di centinaia di persone? Ti è mai capitato di avere le mestruazioni e non poterti lavare per settimane o mesi? Ti è mai capitato di essere messo all'asta e venduto come uno schiavo nel 2019? Ti è mai capitato di nutrire tuo figlio con the zuccherato e spacciarlo per latte? Ti è mai capitato di essere picchiato a sangue perché chiedi l'intervento di un medico? Ti è mai capitato d'essere fucilato per colpa di uno sguardo di troppo? Ti è mai capitato di svegliarti con le urine versate in faccia? Ti è capitato che qualcuno ti aprisse il corpo con un coltello e mettesse subito dopo del sale per sentire maggiormente le tue urla? Per tutti questi motivi, caro razzista, ti posso classificare tra i criminali che hanno accettato un secondo Olocausto.


Io sono un bastardo


Passeggiando con il cane al di fuori del parco delle Risorgive, un giorno incontrai alcuni archeologi al lavoro sul sito del Castelliere di Codroipo. Siccome mi spiegarono che le popolazioni dell’età del bronzo che lo abitavano non avevano nome, decido ora, per proseguire nella stesura di questo articolo, di chiamarle Popolazioni X. Non è facile immaginare l’evolversi e il dipanarsi del tempo, con tutte le generazioni che si sono susseguite facendo le stesse cose ogni giorno, mangiando, dormendo, cacciando e riproducendosi all’interno delle loro luride capanne, ma possiamo immaginare il giorno in cui quelle popolazioni si ritrovarono faccia a faccia con degli invasori, nomadi migranti provenienti da altrove. Di primo acchito, immagino sia scattato nelle popolazioni X un sentimento di diffidenza, unito a comportamenti difensivi. Poi, se gli invasori non erano particolarmente ostili, potevano subentrare atteggiamenti di socializzazione con relative collaborazioni, superando le inevitabili differenze linguistiche. Tutto dipendeva dallo spirito che animava gli invasori e dalle disposizioni che venivano impartite dai loro capi. 

lunedì 25 marzo 2019

Sei medievale, disse lo stregone all'esorcista



Congresso mondiale delle famiglie: a chi e a cosa serve davvero? Facile dirlo: alla tre giorni che si svolgerà a Verona a partire dal 29 marzo parteciperanno varie associazioni anti-abortiste, anti-femministe, anti-gay e anti-concezionali. Che tipo di idee o di proposte ci si può aspettare dunque dalla mescolanza di questi gruppi? L'allargamento dei diritti delle famiglie esistenti? Oppure - più prevedibilmente - un intensificarsi delle campagne oscurantiste nei rispettivi Paesi per togliere dei diritti alle famiglie omogenitoriali, agli omosessuali e a tutti coloro che non rispecchiano i loro canoni? La risposta è così ovvia che perfino dei rappresentanti dell'esecutivo gialloverde non particolarmente sagaci (come Di Maio e Conte) lo hanno capito e hanno tolto alla manifestazione il patrocinio del governo, bollandola come un avvenimento di carattere medioevale. Per la cronaca, saranno presenti tuttavia i ministri Salvini, Bussetti (ministro della scuola) e Fontana (ministro per la Famiglia). Se queste sono le premesse, povera Italia. Benvenuta nel Medioevo prossimo venturo!

Il giudaismo è una maledizione per l'umanità



Il reato ė contro un maschio, le "menti" femministe tacciono. Fate abbastanza schifo. Un bimbo di cinque mesi è morto nella notte tra venerdì e sabato all'ospedale Sant'Orsola di Bologna dove è arrivato venerdì pomeriggio da Scandiano (Reggio Emilia) in condizioni disperate a causa di un intervento di circoncisione fatto in casa dai genitori, di origine ghanese.

Il colore della pelle non c’entra


Testo di Angelo Ghezzi
Non sono razzista per il colore della tua pelle
Divento razzista quando si ha il diritto di sposare bimbe di 8 anni e tu ne hai almeno 50
Divento razzista quando decidi di gettare giù dall'ultimo piano un ragazzo gay per la sua diversità
Divento razzista quando il tuo Dio ti permette di lapidare una donna fino alla morte
Divento razzista quando tu uomo puoi massacrare di botte una donna perché essere inferiore
Divento razzista quando muoiono bambine grazie all'infibulazione
Divento razzista quando massacri milioni dicristiani ardendoli vivi o decapitandoli in nome di un Dio
Divento razzista quando uccidi a caso persone innocenti solo per punire quelli che chiami infedeli
Divento razzista quando tu entri in casa mia e pretendi di farla da padrone, imponendomi di non festeggiare il Natale, fare il presepe o mettere il crocifisso nelle aule 
Divento razzista quando tagli la gola a milioni di animali arrecando loro un'atroce sofferenza perché solo così ti diverti
No, non è il colore della pelle, ma ciò che rappresenti: nessuna religione che si rispetti può incitare all'odio e alla violenza
Sono razzista con chi fa della propria cultura, rimasta indietro di secoli, un'arma feroce ed assassina
Sono razzista perché nessun Oseghale possa mai più tagliare a pezzi ancora viva una ragazzina di 18 anni, nella mia Nazione
Non potrò mai integrarmi con una cultura così diversa dalla mia

Passo e chiudo

Orgoglioso di essere schiavo di Geova


Fonte: Repubblica

Prato, Gad Lerner davanti ai militanti di Forza Nuova che gli gridano 'ebreo'. Il giornalista, a Prato per prendere parte al presidio antifascista, ha visitato nel pomeriggio piazza del Mercato Nuovo, dove si è tenuta la manifestazione di Forza Nuova. Quando è arrivato c'erano soprattutto giornalisti e videomaker, i militanti di estrema destra erano ridotti a un gruppetto. Mentre Lerner si allontanava uno di questi gli ha urlato 'ebreo'. Il giornalista si è voltato, è tornato indietro e prima di riprendere la camminata ha detto: "Certo che sono ebreo".

I musulmani stanno antipatici a tutti


Jeanphilippe MorellIo la cittadinanza ha quel ragazzo egiziano non ce la darei. Lui ha telefonato alla polizia x salvare la sua pelle, se non era sulla autubus e vedeva i suoi coetanei italiani nei guai, non credo che telefonava alla polizia, io credo che non bisognerebbe dare la cittadinanza ha musulmani, xchè in Francia ci sono molti musulmani con cittadinanza francese, ma che non si riconoscono con i valori liberali dell'occidente.
Daniela Parma: Jeanphilippe Morell, giusto, i musulmani non dovrebbero avere la cittadinanza perché i loro valori non coincidono con i nostri, ma poi tutti i lavoratori che vanno all’estero non chiedono tutti la cittadinanza, fanno il loro lavorano, non danno fastidio a nessuno e rimangono italiani.
Jeanphilippe MorellDaniela Parma, la religione islamica è razzista con le donne che ritiene inferiore, è razzista con chi non è islamico, è razzista con chi è gay ho lesbica. Gli Islamici quando diventano maggioranza in una città vogliono comandare loro, creando il partito Islamico e imponendo la shaaria.

Trento, sociologia, fascisti rossi


Testo di Francesco Agnoli

Chi era presente ad ascoltare la conferenza sulla bellezza della differenza maschile/femminile in sala Belli, nel palazzo della Provincia di Trento, ha visto l'inimmaginabile: centinaia di giovani urlanti, manipolati da qualche vecchio marpione e da qualche femminista radicale attempata, che urlavano e imprecavano con violenza. Per oltre due ore. Nessuna volontà di ascoltare, ed eventualmente replicare. Solo tanto odio, da fascisti rossi. Ma il peggio sono stati i giornalisti che hanno raccontato una falsità dietro l'altra, sostenendo che la colpa sarebbe degli organizzatori e dei carabinieri, che hanno solo impedito che in una sala da 80 posti, entrassero 400 persone! Che hanno impedito che le persone in sala venissero picchiate ed insultate! Questi stessi giornalisti prima hanno costruito la menzogna dei relatori senza titoli, poi hanno aggiunto che il problema starebbe nella mancanza di contraddittorio. Come se in passato l'assessore Sara Ferrari avesse mai dato il minimo spazio a posizioni diverse dalla sua! Violenza e menzogne, due cose che stanno spesso insieme, sulla bocca di chi fa professione continua di tolleranza, ma non ha argomenti razionali da proporre.

domenica 24 marzo 2019

Per i cattocomunisti carnevale non finisce mai


Fonte: Imola Oggi

L’ultima moda dei buonisti? Indossare il giubbotto di salvataggio che spesso viene usato in mare quando vengono salvati dei migranti. Una “moda” social subito sposata da diversi esponenti del mondo buonista di casa nostra. Sindaci, giornalisti e attivisti delle ong. L’intento di “Orange Vest Movement” è uno solo: “Evitare la criminalizzazione delle Ong”. E già nella presentazioni gli obiettivi sono molto chiari: “Siamo Orange Vest Movement, e ci impegniamo a combattere con tutte le nostre forze chiunque consideri un atto di solidarietà un crimine umano. Siamo un movimento salva gente, partorito da una comunità internazionale che crede che ogni persona meriti di essere salvata.

Anche i piccioni hanno diritto di mangiare


E così, anche Codroipo sperimenta il suo cortocircuito immigrazionista. Non si è trattato di spargimento di sangue, ma di squilibrio mentale da parte di un pakistano di 24 anni. Il quale, ieri mattina, è entrato nel supermercato Prix, armato di bastone, e mentre cassiere e clienti scappavano spaventati, il direttore lo ha affrontato e si è sentito rivolgere una strana richiesta: “Chiudi il supermercato perché hanno diritto di mangiare anche i piccioni”. Se il ragazzo è stato in grado di esprimere un concetto abbastanza elaborato, significa che è in Italia già da un po’, ma quando i carabinieri lo hanno acciuffato e portato in caserma, si è saputo tramite l’interprete che il giovane aveva il permesso di soggiorno scaduto e che era senza fissa dimora. E’ stato denunciato a piede libero per detenzione di oggetto atto ad offendere. 

Un partito che scatena tempeste in un bicchiere d’acqua


Ascoltando ieri sera su Rete 4 le affermazioni di Monica Cirinnà, in merito al prossimo congresso mondiale della famiglia a Verona, mentre diceva che andrà a protestare perché sono state escluse le famiglie non convenzionali, mi viene da fare alcune considerazioni. Il partito a cui appartiene, oltre ad aver promosso la legge sulle unioni civili di cui porta il nome, è caratterizzato anche dalla campagna per far ottenere ai bambini figli di stranieri, ma nati in Italia, la cittadinanza tramite il cosiddetto “ius soli”. Se poi ci metto vicino le istanze per la costruzione della TAV, chiesta non solo dal PD ma anche dalla Lega e da Forza Italia, mi viene da pensare che in tutti e tre i casi si tratta di tempeste in un bicchier d’acqua.

Africa senza pace


Fonte: Mamafrica

Un genocidio è in corso, più di 6 milioni di persone (la metà sono bambini sotto i 5 anni!). Sono stati massacrati tra l’indifferenza generale e con il sostegno degli Stati Uniti e dell’Europa. Centinaia di migliaia di donne e bambine sono state violentate e mutilate dagli eserciti occupanti. E tutto questo per un motivo principale: per cogliere la ricchezza eccezionale di minerali che detiene il sottosuolo del paese. 

Ci stanno indorando la pillola



Accordo con la Cina: via della seta: firmato! La Cina è interessata a due porti Italiani, Genova e Trieste. Ma questi sanno cosa i cinesi, che si sono pappati il più importante porto greco,  stanno combinando e come hanno ridotto il sistema (dei diritti) per i lavoratori nei porti ellenici? C'è poco da stare allegri quando i cinesi aprono e permettono di percorrere le loro vie. Ci stiamo svendendo con l'illusione di fare un buon affare. Eppure come operano e ciò che annientano, tramite il loro operato, le imprese cinesi nei vari distretti industriali italiani è più che conosciuto. Ancora una volta niente di buono sotto questo sole.

In tivù fanno vincere la presunta modernità

Fonte: Rivelazione

Il mondo del "Gay Pride" ieri vince a "Ciao Darwin" contro il mondo del "Family Day". E faranno in modo di far vincere questa ideologia perversa anche dentro la nostra società. Attenti, perché noi che crediamo nella famiglia naturale tra non molto saremo i diversi.

sabato 23 marzo 2019

Scuse tardive del rappresentante della comunità senegalese



Naturalmente il commento al fatto è che si tratta di un caso isolato, dimenticando il numero incredibile di attentati piccoli e grandi che l’Europa subisce. Non solo, ma i problemi che si hanno in paesi come la Svezia e altri paesi europei: bambini che non possono andare a scuola, e donne che abbandonano alcuni quartieri di Stoccolma, perché non sono tollerate dalla popolazione musulmana, aree no go zone, dove vige la sharia e soprattutto attentati o atti violenti diretti contro gli autoctoni. Nessuno è contro gli islamici, ma un popolo ha diritto a non essere invaso da un altro che ha una cultura agli antipodi. Il rispetto per le culture e identità deve essere un fatto reciproco e non a senso unico.