venerdì 1 novembre 2019

Ecco un altro traditore!


Testo di Giuliano Pisapia (29 ottobre)

"Nulla di nuovo sul fronte occidentale" non è solo il titolo di un celebre libro. È quello che stiamo vedendo nei nostri mari. La Ocean Viking è stata bloccata da 11 giorni al largo in attesa di un porto sicuro con 104 esseri umani a bordo tra cui due donne incinte e ben 41 minori in condizioni sempre più precarie per il maltempo e gli spazi ridotti. Un numero di giorni superiore alla durata media delle attese di quando alla guida del Viminale c'era Matteo Salvini. Ed è notizia di queste ore che solo a fronte di una mobilitazione di cittadini, associazioni e politici è stato autorizzato lo sbarco a Pozzallo. Ma non è finita, parallelamente abbiamo la nave Alan Kurdi da due giorni con 90 persone a bordo, peraltro minacciata dalle armi dalle motovedette libiche prima di dar loro soccorso, in attesa di un rifugio sicuro. E' mai possibile che ogni volta un gesto di normale umanità debba arrivare solo dopo lo sdegno e la mobilitazione popolare e civica? Abbiamo ancora i decreti sicurezza e viviamo queste situazioni indecorose per un governo che non ho remore a definire schizofrenico. A quando quella svolta più volte annunciata?

4 commenti:

  1. Ma vada affanculo Pisapia. Li mantengano lui e tutti quelli come lui questi invasori e non con le mie tasse

    RispondiElimina
  2. Anche questo necessita dì cure psichiatriche.

    RispondiElimina
  3. Buongiorno a tutti, e si non li sbarcavano perché eravamo in elezioni e sapevano che il popolo ogni tanto non dimentica,ma lo hanno preso nel culo lo stesso!!Per quanto riguarda i 104 essere di merda no umana ma di animale fossero affogati avremmo 104 problemi in meno!!Venghino Venghino sono risorse da mantenere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente, se non erano ancora sbarcati, dipendeva dalle leggi salviniane e non dal periodo sensibile delle elezioni regionali in Umbria.

      Elimina