venerdì 28 febbraio 2020

Rambo non va più di moda


Testo di Shiri Raz (traduzione di Wandervögel)


Negli ultimi anni, il modello di sessualità maschile nella cultura occidentale ha subito un cambiamento drastico. Se solo alcuni anni or sono, "un uomo vero" era quel tale che mangiava la bistecca, oggi il maschio alfa sessualmente attraente è l'uomo in salute che dà una certa importanza all'attività fisica e che dimostra sensibilità e consapevolezza; che sceglie di consumare solo cibo vegetale, ponendo gli animali al di fuori del proprio piatto. In qualsiasi modo la si guardi – socialmente od in termini di salute – l'immagine è la medesima: il veganismo è il nuovo modello di mascolinità per il ventunesimo secolo. 

"Un uomo vegano è qualcuno che non ha paura del pregiudizio e che tiene alla verità. Potrebbe esserci qualcuno di più attraente?" chiede Hila, una ventiseienne che celebra il suo essere 'single' e che è meticolosa nella scelta dei suoi compagni. Ronen, una trentunenne che è stata impegnata in un saldo rapporto con un uomo vegano per due anni, concorda: "Per me, gli uomini vegani sono una combinazione vincente di intelligenza e di sensibilità. Sono uomini consapevoli della loro salute e di quella del mondo. Molti non riescono a comprendere pienamente le implicazioni che la nutrizione onnivora riscuote sui loro corpi e sull'ambiente. Per me, quel tipo di ignoranza è squalificante." Sheila, una cinquantaquattrenne divorziata e la più datata del gruppo, condivide la sua esperienza personale, sostenendo che la differenza tra un appuntamento con un uomo di età pari o superiore a cinquant'anni la cui dieta è vegana, ed un appuntamento con un uomo onnivoro, ammonta alla medesima differenza che vi è tra una notte di grande piacere condiviso ed una notte di impotenza, frustrazione e vergogna. Queste dichiarazioni sono perdipiù convalidate da un sondaggio condotto dall'app di appuntamenti Zoosk, che ha dimostrato che i maschi vegani ricevono più richieste di contatto rispetto agli onnivori. 

"Più carne mangia un uomo, maggiore è il rischio di perdere la sua abilità maschile", afferma il dottor Aaron Spitz, urologo di lunga esperienza ed autore del bestseller "The Penis Book" (2018). Spitz ha partecipato allo studio che ha esaminato il ruolo dell'alimentazione onnivora sulla forza e la durata dell'erezione maschile, che è descritto in una delle scene più memorabili in "The Game Changer" – il nuovo film di James Cameron, Jackie Chan ed Arnold Schwarzenegger. In questa scena, che ha dato origine ad una grossa ondata tumultuosa che ha investito i vari social media, sia negli Stati Uniti sia nel resto del mondo, Spitz sfidava tre atleti professionisti per testare gli effetti di una cena vegana contro una cena carnea sull'intensità e la durata delle loro erezioni per quella notte. I risultati erano simili in tutti e tre i partecipanti – la rigidità e l'intensità dell'erezione erano significativamente più elevate dopo un pasto vegano rispetto a quanto verificato dopo un pasto onnivoro, quindi, di conseguenza, dopo la cena vegana, la durata dell'erezione è stata ben più alta, persino di centinaia di percentuali. 

Grazie a questi risultati ed altri presentati in modo più completo presso riviste professionali, sappiamo che il veganismo sta diventando gradualmente sinonimo di potenza maschile e di massima abilità fisica – dentro e fuori la camera da letto. Uno di questi studi è quello condotto da La Roberts e Yafi, che dimostrano nel loro articolo: "Dieta e salute sessuale degli uomini" (2018) che la qualità dello sperma dei maschi che seguono la classica dieta occidentale (che comprende carne, uova e latticini) è inferiore a quella dei maschi vegani. Un altro esempio è la ricerca completa eseguita dal medico e cardiologo Joel Kahn (2018), che ha scoperto che la dieta vegana migliora la qualità della vita sessuale degli uomini in molti aspetti, comprese la durata e l'intensità delle erezioni, il tasso di soddisfazione e la libido.

Questi risultati riecheggiano nella coscienza pubblica grazie alla scelta fatta da un numero crescente di atleti di adottare uno stile di vita compatibile con il veganismo. Tra questi, vi è il cinque-volte campione del mondo di Formula 1 Lewis Hamilton, il rinomato giocatore di pallacanestro Kyrie Irving, il pugile David Haye, i calciatori Jermain Defoe, Chris Smalling e Fabian Delph che giocano nei massimi campionati mondiali, e molti altri. Defoe, che si è classificato come il settimo miglior cannoniere nella storia della massima competizione calcistica inglese, attribuisce il suo successo allo stile di vita vegano da lui adottato diversi anni orsono. 

Queste testimonianze dai campi sportivi prendono parte alla composizione della nuova immagine della virilità maschile, per cui l'uomo forte è colui che riempie il piatto con legumi e verdure. Eppure, una ragione diversa per la nuova e sexy valutazione del veganismo è quella di essere una scelta istruita derivante dalla consapevolezza politica e sociale dei diritti animali e dell'influenza distruttiva dell'industria zootecnica sul pianeta. È anche una scelta che ospita un elemento di audacia, ed è l'espressione di un sano individualismo. Quando un uomo sceglie il veganismo, e non solo per motivazioni salutistiche, esprime un pensiero indipendente, oltre a consapevolezza e sensibilità nei confronti degli animali non-umani e del pianeta. Questi sono caratteri di leadership, di coraggio e di fiducia, caratteri che sono sempre stati considerati sessualmente attraenti. 

Secondo Esther Perel, un'autorità globale in materia di coppie e di terapia sessuale, una libido sana si basa su due solide fondamenta: la solidità della fiducia e della sicurezza e la solidità del desiderio di avventure audaci. Queste sono due esigenze umane sovente in contraddizione, ma cruciali, che creano un'esperienza di lussuria e di attrazione sessuale. In molti modi, il veganismo risponde positivamente ad ambedue le esigenze: un maschio vegano è uno che è sicuro di sé ed è sufficientemente forte da affrontare critiche e scetticismo, e simultaneamente dimostra di essere anche coraggioso, scegliendo qualcosa di etico e di salutare, abbandonando così le vecchie malsane abitudini onnivore e speciste.  Qualunque sia il motivo per cui si è diventati vegani, non vi è dubbio che il modello della sessualità maschile del ventunesimo secolo non sia più quello di un uomo che si considera al di sopra degli altri o di uno che necessita di riposare dopo avere divorato un carico pesante di costolette, ma piuttosto un uomo sensibile e razionale che può fare l'amore con ancora più energia.

48 commenti:

  1. un mio amico mi aveva riferito di problemi in quel senso, età intorno ai 40, in sovrappeso di almeno una ventina di kg e grande mangiatore di schifezze
    con conseguenti problemi di colesterolo e trigliceridi alti, pressione sanguigna alta, etc. ma soprattutto era sconfortato da "quel" problema

    da circa un mese e mezzo sta seguendo una alimentazione vegan su nostro consiglio, non credo gliene freghi alcunchè degli aspetti etici, ma meglio che niente

    oltre ad aver perso 5 kg mangiando cose buone, senza bisogno di diete punitive (gli sto fornendo almeno una torta fatta da me a settimana, che bisogna fà, signoria mia!!) mi ha riferito che già dopo tre settimane ha notato un netto miglioramento, anzi, diciamo che ha visto "rifunzionare" ciò che prima non funzionava più

    forse il sangue si sta ripulendo ed è tornato più fluido? non so...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho tra le mie conoscenze un uomo di poco più di 50 anni. Fuma tre pacchetti di sigarette al giorno, beve molto alcol, gli piace moltissimo la carne di cavallo e non perde occasione di dirmelo. Stamattina l'ho accompagnato a comprare il pesce, perché venerdì.

      E' fuori e dentro gli ospedali e non posso mandarlo a quel paese perché è il mio miglior cliente.

      Credo che non abbia mai superato il trauma dell'esser stato lasciato dalla moglie e stia cercando di suicidarsi. Gozzovigliando.

      Elimina
    2. Sì, Stefano, dopo un po' di tempo che si segue un'alimentazione vegana o fruttariana, il sangue diviene più alcalino, e, di conseguenza, le varie abilità fisiche ne giovano.

      Elimina
  2. Ehm...
    In effetti noto che c'è uno strano e sbalorditivo cambiamento in positivo nelle mie prestazioni.. Come posso sapere se è merito dell'assenza di carne nella mia dieta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non saprei rispondere alla tua domanda, ma c'è un prima e un dopo?

      Se sì, allora, ti puoi rispondere da solo.

      Elimina
  3. Come mai spesso vedo che essere vegano va a braccetto con l'essere omosessuale, trans o altro? Mi incuriosisce questo fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Portami qui tua sorella che ti dimostro il contrario!

      Elimina
    2. A me incuriosisce dove tu avresti visto che le due cose andrebbero a braccetto. Anzi, essere gay che io sappia non ha niente a che fare con la causa vegana e per ciò che riguarda l'alimentazione si comportano "normalmente" mangiando di tutto e, in ogni caso, essere gay non significa essere animalisti e quindi vegetariani o vegani, ma solo avere preferenze sessuali diverse, il che non implica alcunchè in merito all'alimentazione.

      Elimina
    3. Gay e vegani sono due tribù diverse.

      Come fra le tribù indiane capitava che qualche Cheyenne si maritasse con qualche Sioux, e viceversa, così può capitare che qualche gay sia vegano e qualche vegano sia gay.

      Rientra nel calcolo delle probabilità.

      Elimina
  4. In effetti vista dall' ottica del vivere vegan l' aspettativa di vita di un onnivoro si sta sempre di più avvicinando (facendo le debite proporzioni)a quella di un animale da allevamento di cui si nutrono.Pieni di farmaci, nutriti in maniera innaturale e con alimenti non adatti alla nostra specie,degenerati geneticamente e quindi sempre più soggetti all' insorgere di forme tumorali.L' elenco potrebbe crescere in maniera inquietante....l' umanità non si vuole tanto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'umanità vorrebbe anche volersi bene, ma c'è qualcuno (arconti?) che la tiene nell'ignoranza, offuscando la ghiandola pineale.

      Elimina
    2. La pressoché totalità della massa onnivora è formata da individui fisicamente e mentalmente ammalati, ma costoro girano la frittata e giudicano noi vegani come "patologici". Bah!

      Elimina
  5. Sono contrario alle coppie vegetariane/vegane che obbligano i figli a crescere secondo il loro stile di vita, impedendo ai figli di assimilare veri pasti che aiutano a migliorare la crescita (tipo: i vegani non mangiano il latte e i derivati, che come tutti sanno sono essenziali per la crescita di un bambino).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citazione:

      "come tutti sanno".


      Ah ah ah ah ah ah!

      Elimina
    2. "Veri pasti". Veri in che senso?
      Latte e derivati sono tutto tranne che essenziali per un bambino, anzi predispongono un bambino ad essere suscettibile a probabili future patologie

      Elimina
    3. Cazzate, i latticini non sono affatto necessari né salutari, anzi, danneggiano le ossa (checché se ne dica). Infatti, nel Regno Unito vi è un elevato consumo alimentare di latticini e la conseguenza è una netta crescita di diagnosi di osteoporosi. Un neonato umano necessita solo di latte umano, e basta.

      Elimina
  6. Stupendo! Non sapevo quasi nulla. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla. È stata una traduzione costruttiva anche per me.

      Elimina
  7. Io sono una ragazza seria e responsabile, ma non sono neppure una bacchettona tutta casa-e-chiesa. Mi piace trascorrere del tempo gioioso con dei ragazzi, ma a patto che questi siano vegani da almeno tre mesi. Può sembrare un'idiozia, ma gli onnivori necrofagi sono sporchi dentro e fuori, puzzano, quando sudano odorano come cadaveri (beh, loro sono ciò che mangiano!!). Io dall'odore della pelle riesco più o meno a riconoscere se una persona è vegana o onnivora. Comunque, voglio ringraziare Wandervögel per la traduzione di questo interessantissimo articolo... eh sì, posso confermare che le migliori soddisfazioni, incluse quelle sessuali, me le hanno regalate esclusivamente maschietti vegani. È una cazzata quella che vuole che la carne sia necessaria per il vigore sessuale... il toro è un animale erbivoro ed è molto....prestante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veronica, con questo commento ti stai avvicinando pericolosamente alla zona Troll off limits.

      Per stavolta te lo passo.

      Elimina
    2. Veronica, ti confesso che penso che le onnivore siano sessualmente impure.

      Elimina
    3. Cosa vuol dire....sessualmente impure?

      Elimina
  8. Derek Tresize ! Stupendo Marito e Papà...

    RispondiElimina
  9. Ecco Veronica e'proprio CIO' che ha rovinato tanti Giovani maschi , e' il fallimento della societa' occidentale quando si e' cosi ' esigenti il maschio fuggie va altrove giustamente difatti le donne italiane sono tra le piu inscopabili inchiavabili e brutte in circolazione , mai sentito dire da qualche straniero vado a gnocca in Italia oppure ahh le donne Italiane mai ! ma vuoi mettere qui nel south east asiatico dove tra indigeni alle ragazze basta prendere una bella sbronza e con due parole dolci c si fanno dar giu anche da un orango ,vedra' veronica che presto a voi donne Italiane capiteranno tra le Mani I Negri e I musulmani e dopo la musica cambia voglio vedere poi il suo veganesimo dove va a finire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove vuole che vada a finire?

      Se una convinzione etica è salda, non la si cancella facilmente.


      Ma poi, perché deve banalizzare un discorso serio che concerne la salute fisica e mentale dell'essere umano?

      Elimina
    2. Provo una profonda,profondissima vergogna nel leggere questo commento da troglodita. Purtroppo chi ha scritto invece non ha idea di cosa sia la vergogna. Altro che Coronavirus... Ci vorrebbe un'epidemia letale per il cervello di certa gente... Un virus che sappia riconoscere gli imbecilli e tolga loro la possibilità di esprimersi.

      Elimina
    3. Sed Vaste è un troglodita.....simpatico!

      Elimina
  10. @Freeanimals,

    va BENE che ci avviciniamo alla PRIMAVERA ma c' è un "fiorire" esagerato di ANONIMI, ciò crea una confusione incredibile che squalifica il DIALOGO sul BLOG, almeno si qualificassero ANONIMO 1, ANONIMO 2 etc. invece niente;

    penso che tu dovresti intervenire subito, se ben ti ricordi su STAMPA LIBERA questi NESSUNO venivano "bannati", è anche una questione di NETIQUETTE che tu ogni tanto, giustamente ricordi a NOI LETTORI !!!

    SDEI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è colpa mia se la gente è pigra.

      I Troll, invece, li riconosco subito.


      Mi sono specializzato.

      Elimina
  11. Dato che viviamo in mezzo ai pervertiti, quest'ultima mia traduzione non è da intendersi come una sorta di conversione del sottoscritto al libertinaggio sessuale. In verità, il sesso genera solamente piaceri illusori, bassi, degradanti. Il piacere più grande è quello di entrare in comunione con il Creatore, vivendo in pace ed armonia con le creature da Egli create.
    Roberto avrà notato che, di recente, sto scrivendo meno pezzi di prima. Avverto una certa stanchezza. In vent'anni di vita ho scoperto il luminoso ed il macabro che vi sono nell'essere umano. Ne ho lette e vedute di tutti i tipi, e non mi sorprendo più di nulla. Qual è la mia missione in questa reincarnazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue parole mi fanno venire in mente un libro che lessi anni fa.


      Anche l'autore, Giovanni Papini, quando lo scrisse aveva poco più dei tuoi anni.

      Elimina
  12. Fossi in te non me la prenderei più di tanto. Hai solo tradotto alcune pagine di un libro Quando si parla di argomenti inerenti il danaro il cibo oppure il sesso si scatena una ridda di reazioni spesso sguaiate e incomposte.Bisogna aspettarselo.

    Probabilmente il dr.Aaron Spitz affronterà nel suo libro aspetti più etici e comportamentali altrimenti sarebbe veramente un libro del... . Penis.

    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autrice del testo è una donna, Shiri Raz.

      Aaron Spitz dev'essere un altro autore di libri ebreo come la suddetta.

      Elimina
  13. OoMmaadonna pure il vegano colpito da crisi esistenziale a 20 anni ! Ma guardi io fossi in lei comincerei subito a riempire qualche paginetta del suo passaporto Per andare a vedere un po chi se LA passa peggio e magari passare qualche momento di relax in un qualche posto, le dico solo che mai baratterei LA thailandia con I postacci italici manco sotto tortura , percio' cominci da qui da krabi ko kood Pucket ko samui e checcazzo oppure le filippine El Nido o Boracay Palawan o Mala pasqua o anche mindoro piu vicina giri e disperda un po del suo seme campano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima impressione che ebbi quando capitò su questo blog, fu che Wandervogel non poteva avere 20 anni, trattandosi di ....un'anima antica. Poi dovetti ricredermi, quando gentilmente mi mandò la sua foto.


      Io sto ancora aspettando la sua!


      Ad ogni modo, il suo è un ottimo consiglio e io e Wandervogel verremo volentieri a trovarla in Thailandia. Lei ci farà da Cicerone.

      Elimina
  14. Non avevo letto l'articolo quando vedo un Nome ebraico mi blocco mi sento defraudato del tempo impiegato nella lettura tanto So che sono tutti in malafede I Circoncisi e hanno sempre il pallino del Pene in testa , Aaron Spitz Nome e cognome ebreo l'altro khan cananeo come I nostri ebrei elkann ebrei Depravati ( LAPO) padroni di mezza Italia , io non LA capisco free animals xche' si ostina a sentire sta robaccia che viene Fuori dagli eredi Della scuola di francoforte e poi di Chicago tutti dei pervertiti ebrei cocainomani a partire dall'ebreo massone Sionista Sigmund Freud , tutte cose che wandervogel sa bene gliele appioppa apposta sparge il veleno di nascosto come un fiume carsico ma voi dormite spero non tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io personalmente non ho niente da dire su Sigmund Freud.


      E poi, Wandervogel è al momento mio collaboratore.


      Pubblico tutto ciò che mi manda senza applicare censure.
      Anzi, ho anche pensato che potrebbe diventare coautore del blog, se volesse, ma sento che c'è un po' di stanchezza nelle sue parole.

      Una stanchezza che gli animalisti conoscono bene. Siamo stanchi delle cattiverie degli uomini.

      Elimina
    2. Ma chi se ne frega se l'autrice è israeliana o groenlandese!
      L'essenziale è il succo, il contenuto del testo.
      Dato che sovente gli onnivori dicono che i vegani non sono virili, ho voluto tradurre questo testo contenente risultati di studi scientifici che smentiscono quanto affermato dagli stolti necrofagi.

      Elimina
  15. Elena. S la denatalita' italiana ai minimi storici da ragione al troglodita Sed Vaste, sara' stato volgare ma nei fatti gli uomini italiani effettivamente fuggono all'estero, in Italia sono solo gli stranieri a fare figli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno degli aspetti del genocidio dei nativi europei.

      Tutto programmato da tempo.

      Elimina
  16. @Gentili & attenti LETTORI,

    il nostro RADICAL(E) VEG il Wv, si chiede giustamente qual' è la sua MISSIONE in questa REINCARNAZIONE, in realtà qualunque PERSONA dotata di un normale BUON SENSO & CURIOSITA', si pone nell' arco della sua VITA queste 3 DOMANDE;

    - UNO: da DOVE provengo !?;

    - DUE: ma PERCHE' SONO nel QUI & ORA !?;

    - TRE: ma DOVE sto ANDANDO !?.

    Normalmente la prima RISPOSTA la otteniamo, in maniera DIRETTA e/o INDIRETTA, sul SECONDO degli INTERROGATIVI, succede nella maggioranza dei casi, quindi compreso il SOTTOSCRITTO;

    se il ventenne RADICAL(E) VEG, nella sua INDOLE "passionale" e a volte molto "indisponente", NON mi avesse catalogato in senso diminutivo, come un "vecchietto" con pochi neuroni rimasti, un "professorino" di periferia etc.;

    gli avrei potuto spiegare qual' è, chiaramente dal mio punto di VISTA, lo scopo PRIMARIO della sua PRESENZA in questo "meraviglioso" PIANETA TERRA, che qualcuno si ostina , sbagliando, a DEFINIRE una PRIGIONE invece è una SCUOLA;

    ma per me esiste una REGOLA ferrea, ognuno DEVE raccogliere quello che ha SEMINATO, nel BENE & nel MALE, l'inesperto di VITA il RADICAL(E) VEG il Wv ha scelto con ME, la DIVISIONE, è così SARA' fino a quando...lo chieda al suo SPIRITO !?

    SDEI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "[...] PIANETA TERRA, che qualcuno si ostina, sbagliando, a DEFINIRE una PRIGIONE invece è una SCUOLA"

      Quindi, per le vacche, le galline ed i maiali segregati e torturati negli allevamenti intensivi, la permanenza sulla Terra è da considerarsi come "scolastica"?

      Mi dispiace constatare nuovamente che tu proprio non riesci a vedere le cose al di fuori della distorta ottica del pensiero antropocentrico.

      E poi, piantala di portarmi rancore. Ho messo la parole 'fine' a quella diatriba.

      Elimina
    2. Citazione:

      "questo "meraviglioso" PIANETA TERRA".

      E' meraviglioso se nasci come membro della razza padrona, ma neanche sempre e solo per pochi.

      Per gli animali invece è un inferno.

      Se non lo vedi è perché hai scarsa empatia.

      Elimina
  17. Io credo che siano i carnivori a non sopportare noi vegani. In famiglia ho eliminato i termini carne, formaggio, uova, latte... col termine morte. Allora mi capita di chiedere a mia madre: oggi cosa mangiate? morte al forno?
    lo faccio con naturalezza, ormai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I carnivori non sopportano i vegani per la semplice ragione che li mettiamo con le spalle al muro di fronte alla loro coscienza sporca. Se ce l'hanno.

      Elimina
  18. on ce l'hanno. Finirano a mangiarsi fra di loro. Ed i loro "avanzi" se li mangeranno i topi.

    RispondiElimina
  19. @Gentili & attenti LETTORI,

    che sia chiaro una volta per TUTTE che IO rispetto, da SPIRITO LIBERO, le IDEE & le CONVINZIONI di TUTTI, ma questo NON significa che le "devo" anche CONDIVIDERE, ancora meno "tollerare" ogni FORMA di VIOLENZA anche se SOLO verbale;

    infatti provo grande stima & rispetto, come VEGETARIANO, per l' IDEA VEGANA, come del resto per quella dei CRUDISTI, dei FRUTTARIANI, e PERCHE' no anche dei BRETHARIANI, anche se il RADICAL(E) VEG il Wv li considera INESISTENTI pura FANTASIA;

    invece IO ne conosco una rappresentante, ed è una potentissima MEDIUM, che alla fine di un suo DIGIUNO terapeutico durato 27 giorni(= multiplo di 3), ha prodotto in fondo al palato una GOCCIOLINA dolcissima & energeticamente altissima di PRANA che l' ha saziata;

    più di qualcuno di VOI sorriderà o anche peggio, ma SONO stato TESTIMONE di questo straordinario FATTO, successo durante le ns. periodiche riunioni ENERGETICHE/ SPIRITUALI;

    penserete è forse MAGIA BIANCA la risposta invece è, documentatevi allora di che cosa si NUTRONO le CREATURE della Va DIMENSIONE, come erano ad es. gli EVOLUTISSIMI e antichissimi LEMURIANI terrestri;

    così capirete che in quell' EPOCA d' ORO, esisteva veramente il PARADISO TERRESTRE, dove i 4 MONDI vivevano in TOTALE ARMONIA & AMORE "incondizionato" tra di LORO !!!

    BUONA PACE & VITA

    SDEI


    RispondiElimina