martedì 22 ottobre 2019

Mussolini era un pedofilo


Testo di Dragana Hemanjic

Pedofilia e fascismo. "Ho avuto uno zio fascista che fece la guerra in Eritrea. Con perfido orgoglio, quando ero appena undicenne, un giorno mi mostro delle fotografie della grandezza di pochi centimetri quadrati (come un grande francobollo) che lo ritraeva mentre lui poggiava i suoi piedi sui cadaveri di africani uccisi oppure con ragazzine nere che lui "utilizzava". Si scrive "madamato", ma si legge "stupro legalizzato". Un termine usato nelle ex-colonie italiane, prima in Eritrea e successivamente anche nelle altre colonie, Libia e Somalia. Mussolini col "madamato" permetteva a tutti i fascisti la propria bambina (7-8-9-10-11 anni) dentro il letto. Non solo ai militari, ma anche ai civili. Credo sia ovvio che solo un pervertito pedofilo può permettere tale scempio, una persona normale non la penserebbe nemmeno una schifezza del genere. Tra l'altro, sono tante le testimonianze di presunti stupri ai danni di ragazzine che hanno avuto la sfortuna di incontrare Mussolini. 

Ecco ciò che scriveva in Italia la propaganda fascista nelle sue riviste e nei suoi quotidiani: "Non si sarà mai dominatori, se non avremo la coscienza esatta di una nostra fatale superiorità. Con i negri non si fraternizza, non si può e non si deve". Il madamato, oltre alla schiavitù sessuale, produsse un'altra atrocità, non secondaria, i bambini nati da questi abusi. Il fenomeno portò alla nascita e al lorocontestuale abbandono di migliaia di figli "meticci", non riconosciuti dal padre la cui unica sorte era quella di essere abbandonati. Oltre a Mussolini, un personaggio italiano famoso, Indro Montanelli, "confessò" in un'intervista del 1982 di aver avuto, grazie al madamato, una bambina di 11 anni e mezzo nel proprio letto, si chiamava Fatima e la definiva "un animalino docile". 


Il madamato segnava il dominio autoritario e assoluto del colonizzatore sull'indigeno, dell'uomo sulla donna, dell'adulto sul bambino, del libero sul prigioniero, del ricco sul povero, del forte sul debole. Il madamato fu abolito dagli stessi, anni dopo, per lo scandalo che si innalzava viste, oltre le morti delle bambine a causa delle violenze sessuali, anche quelle per complicazioni durante e dopo le gravidanze. La gente sul fascismo sa ancora ben poco e i fascisti non leggono, non leggeranno tutto l'articolo. Quelli non hanno cultura, né coscienza, ed inizieranno ad insultare. Molti credono ancora "ai treni arrivati in orario" e altre idiozie diffuse da questa gentaglia. Sul madamato potete documentarvi quanto volete, sbaglierete se cercherete informazioni su blog e pagine fasciste, ma sarà facile trovare l'intervista di Montanelli e documenti a riguardo in rete. Potrete capire chi avrete di fronte quando cercheranno di insabbiare questa triste e amara storia. Se avete letto tutto, complimenti, per continuare ad essere persone che cercano di andare oltre il semplice slogan.

9 commenti:

  1. Beh allora bisogna ricordare le "marocchinate" oppure gli stupri di massa di donne tedesche a fine guerra milioni di donne seviziate e uccise dai liberatori American I e dai "docili" soldati dell'armata Russia delle bestie! ,I crimini dei fascisti impallidiscono a confronto con quello che hanno combinato gli Pseudo liberatori naturalmente nel silenzio convenuto son I vincitori ! , comodo raccontare solo CIO ' che fa piu comodo sopratutto a chi non sa ,ecco internet e' cosi mezze verita mezze bugie sbolognate in modo da far strippare i cervelli dei poveri internauti ma tanto vale allora cancellare LA storia e amen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'errore commesso in questo caso è usare le stesse categorie mentali di oggi, che viviamo in tempi di pace, con quelle di ieri, quando il mondo era impazzito e c'era la guerra.

      L'atteggiamento sano da prendere, descrivendo le atrocità del passato, sarebbe quello distaccato dello storico, ma l'autrice del testo (e tanti altri "compagni") rilanciano le nefandezze degli avversari per pura propaganda politica.

      E questo è sicuramente scorretto.

      Elimina
  2. Grazie per la doverosa testimonianza, farò ricerche in merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che testimonianza, sembra propaganda.

      Secondo me, ad intuito, Mussolini non era pedofilo, ma adultero conclamato, vista la tresca tra lui e Claretta Petacci, con contorno di Donna Rachele.

      Elimina
  3. Tutto vero ed è utile ricordarlo. Utile anche associare tale triste resoconto agli orrori della pedofilia che sono strettamente associati alle cosiddette democrazie moderne e contemporanee. Non dimentichiamoci degli abusi sistematici consumati a danno dei minori all'ombra dei crocefissi, in tutto il mondo, da appartenenti alla Chiesa di Roma. Non dimentichiamo il caso Epstein, amico dei presidenti, ex presidenti, reali d'Ingilterra, attori, imprenditori ... etc. etc. etc. ... ciò non giustifica nulla, beninteso, ma occorre urlare al mondo che il potere è affine allo sfruttamento dei minori. Sempre e ovunque, anche dove meno ce lo aspettiamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sfruttamento dei minori non esisterebbe se, alla base, non ci fosse lo sfruttamento degli animali.

      Una volta instaurati, come regola universale di comportamento, i rapporti di forza, ne deriverà che l'uomo schiavizza e frutta animali, bambini, donne ed etnie indifese.
      Fenomeni rispettivamente conosciuti come specismo, pedofilia, maschilismo e razzismo.

      Elimina
  4. I Fascisti in Africa, i PiDdini a Bibbiano!
    Dove c'è un regime c'è una vergogna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso farlo, quindi lo faccio!

      Ma i nodi vengono sempre al pettine.

      Elimina
  5. @Gentili & attenti LETTORI,

    mi MERAVIGLIO ancora OGGI quando leggo le accuse che i "compagni" di "SX=comunisti & Co." fanno ai "camerati" di "DX=fascisti & Co." ma anche viceversa, le GUERRE per loro natura e questo in ogni TEMPO e LUOGO azzerano ogni tipo di RISPETTO UMANO da entrambe le parti;

    pertanto il risultato finale è che sia i VINCITORI, quelli che scrivono poi la STORIA, sia i VINTI nel loro conflitto perdono ogni sorta di DIGNITA', così il valore della VITA e della PERSONA si riduce a ZERO ed emerge dal profondo degli ANIMI la parte più "OSCURA";

    ha ragione NSDAP(che significa !?) quando ricorda le nefandezze delle truppe di LIBERAZIONE(!?) "marocchine" nel SUD ITALIA, al riguardo il film "La CIOCIARA" interpretato magistralmente dalla giovane Sophia LOREN ne è un valido TESTIMONE;

    ha torto quando sostiene che gli "stupri" dei "ROSSI/AMARANTO" sono stati maggiori & peggiori di quelli dei "NERI/GRIGI", entrambi SONO storicamente le 2 facce della stessa "falsa" MEDAGLIA=DITTATURA simbolo del degrado UMANO=il POTERE materiale=il MALE assoluto !!!

    SDEI

    RispondiElimina