venerdì 22 novembre 2013

I soldi fanno la felicità

La prima cosa che ho fatto arrivando all'aeroporto di Antananarivo è stata quella di mettermi in tasca un grillotalpa, perché è risaputo che ai grillotalpa piacciono molto gli uffici della polizia di frontiera, specie nel Terzo Mondo dove ci sono luci al neon e porte spalancate. Una volta uscito all'aperto, l'ho liberato su un cespuglio. La seconda cosa che ho fatto è stata quella di dare a Tina la busta contenente il denaro che un anonimo ha voluto regalarle, forse per simpatia nei suoi confronti o per altri insondabili motivi. Il giorno dopo, usciti dalla pizzeria "Pizza Duo" e non volendo tornare in camera a piedi, appesantiti come eravamo, siamo saliti su un taxi, di quei taxi che non hanno i finestrini ben chiusi, ma solo precariamente accomodati. Cio' ha permesso al ladro di turno di approfittare di un imbottigliamento per allungare il braccio all'interno dell'abitacolo, proprio mentre stavo estraendo la banconota per pagare il taxista. Per istinto ho serrato fortemente il portafoglio, mi sono preso una graffiata sulla mano e, voltandomi, ho visto il ladro superare la velocità del mitico Mennea, andando anche a sbattere contro un mendicante. Ho riso come un Budda, anche grazie alla birra che tinge il mondo di rosa, ma se il ladro fosse riuscito nell'intento forse non sarei stato capace di ridere buddisticamente. Morale: i soldi fanno la felicità. A Tina perché ne ha ricevuto in dono e a me perché non me ne hanno rubato. Al ladro è andata peggio. Spero che le sue sporche unghie non mi procurino qualche fastidiosa infezione. Ho comunque un buon sistema immunitario.

7 commenti:

  1. Salutami Tina. Salutami il Madagascar. Certo che è incredibile: il primo giorno già ti hanno "alleggerito"; con tanto di graffio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anzi mi correggo (ho letto meglio): hanno tentato di alleggerirti! Ciao!

      Elimina
    2. Non è la prima volta che cercano di alleggerirmi, ma lassù, evidentemente, qualcuno mi ama.

      Elimina
    3. Grazie Franco per salutarmi.
      Tina

      Elimina
  2. Azz .... cominciamo bene!
    Vabbuò .... atti un paio di giri e poi ....
    torna sta casa aspetta a te

    Ben arrivato in Madagascar!

    RispondiElimina
  3. "Cu pecura si fa... u lupu sa mancia".

    C'è sempre un predatore e una preda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto fa bene provare l'ebbrezza di essere una preda.

      Elimina