venerdì 9 settembre 2016

I felici sudditi degli oligarchi mondialisti



A Perugia la Marcia a sostegno dei profughi: "Lottiamo per accogliere tutti". Definito il programma per la prima marcia "degli uomini e delle donne scalzi" che si svolgerà a Perugia in segno di solidarietà dei migranti che sbarcano, con mezzi di fortuna, in Italia e in Europa. In prima linea ci saranno la Tavola della Pace e i Giovani Musulmani di Perugia che, in maniera congiunta, hanno spiegato che con questa iniziativa "chiediamo l'adozione di nuove politiche di gestione del dramma delle migrazioni, di accoglienza dei rifugiati coerenti con i principi e le norme internazionali (come precisato nell'appello) Ma anche ciascuno di noi, a Perugia e in Umbria deve fare la sua parte".



Chi marcerà l'11 settembre - partenza Piazza italia alle 17,30 e arrivo in piazza della Repubblica alle 19 - si batterà per "chiedere con forza i primi quattro necessari cambiamenti delle politiche: certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e carestie; chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione; creare un vero sistema unico di asilo in Europa superando il regolamento di migratorie europee e globali: accoglienza degna e rispettosa per tutti".



A Perugia la Marcia a sostegno dei profughi: "Lottiamo per accogliere tutti". Alla Marcia hanno sinora aderito: Giovani Musulmani d'Italia, Tavola della pace, Amnesty International Umbria, Cidis Onlus, Rivista "San Francesco Patrono D'Italia", Monimbò Bottega del Mondo, Cooperativa Sociale Perusia, Libera Umbria, Associazione Margot, Cittadinanzattiva, Associazione Sinistra Lavoro, Un Ponte per.., Ya Basta! Perugia, Forum Regionale Giovani dell'Umbria, Arci, Smascherati-Human Beings, ASGI Umbria, Federconsumatori Umbria, Associazione Gylania, Felcos Umbria, CISL Umbria, ANPI Marsciano, Acli Perugia, Camera del Lavoro di Perugia, Comitato per la pace di Umbertide-Montone-Lisciano Niccone, Rifondazione Comunista dell'Umbria, Altra Europa con Tsipras Umbria, Rete delle donne antiviolenza.


Gli organizzatori invitano il popolo perugino e umbro pro-accoglienza ad "aderire alla Marcia inviando l'adesione a: segreteria@perlapace.it; condividere l'evento su facebook; diffondere l'iniziativa; partecipare e invitare quante più persone possibile a marciare insieme".

2 commenti:

  1. SONO INVASORI E NON PROFUGHI. Vadano negli Stati islamici e fuori dai coglioni in Italia, governata da coglioni senza coglioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo e condivisibile slogan, anche se un po' sboccato.

      Elimina