domenica 16 novembre 2014

La vera storia di un simbolo rivoluzionario

 

“V for Vendetta” è tratto dall'omonimo fumetto di Alan Moore, illustrato da David Lloyd e pubblicato per la prima volta sulla rivista a fumetti inglese Warrior tra il 1982 ed il 1985. Moore illustra una società inglese distopica molto simile a 1984 di Orwell, in cui, in seguito ad una grave crisi interna ed estera, un partito unico di estrema destra ha preso il potere trasformando la Gran Bretagna in uno stato totalitario. Questo comprende l'eliminazione del dissenso, delle minoranze, la costruzione di campi di concentramento ed un controllo totale delle attività dei cittadini. La sceneggiatura per la versione cinematografica è stata iniziata dai fratelli Wachowski negli anni '90 precedentemente a Matrix, che ha un'atmosfera simile sotto alcuni aspetti. Ma i fratelli Wachowski si sono presi molte libertà sul testo di Moore, molto più tetro, adottando spesso soluzioni non del tutto felici. Quanto meno sono riusciti a rispettare la multilinearità di “V for Vendetta”, che è uno dei tratti più caratteristici della scrittura di Alan Moore.


L'unico che si erge come paladino degli oppressi sfidando il potere è "V", uomo dal passato oscuro che cela il proprio volto dietro una maschera di Guy Fawkes, il protagonista della fallita "cospirazione della polvere da sparo" (1605). Si tratta di un complotto della nobiltà inglese cattolica per assassinare Re James I d'Inghilterra e altri nobili protestanti facendo saltare in aria la House of Commons. E quindi nella sua lotta contro il tiranno Adam Sutler (John Hurt) prende come simbolo questa figura molto nota nella terra di Albione ed una filastrocca per bambini che inizia con le parole "remember, remember the fifth of november". Troverà un alleato insperato in Evey (Nathalie Portman).

La frase: "C'è molto più della carne dietro questa maschera. C'è un'idea, e le idee sono a prova di proiettile". Ora una domanda sorge spontanea: è davvero un eroe colui che si nasconde dietro la maschera di "V"?

Comparando il film "V for Vendetta” all'evento storico del complotto della polvere da sparo, emerge chiara la seguente analogia: Guy Fawkes, in realtà un terrorista gesuita che attentò alla vita di re Giacomo I d'Inghilterra per conto del Papa, è presentato nel film di Alan Moore come un eroe che presta il suo volto a "V", a simboleggiare che "V" è il continuatore degli ideali e missioni di Fawkes; infatti quello che nella realtà venne scongiurato dalle guardie del Re, nel film viene invece adempiuto. Il Gesuita Garnet diede ordini a Fawkes e ad altri cospiratori di far saltare in aria il Parlamento Inglese utilizzando barili di polvere da sparo. Di certo "V" è un film multi-strato e, in uno dei livelli importanti, vi è una vicenda storica che molte persone non conoscono.

Henry Garnet (Heanor, 1555 – 3 maggio 1606) è stato un gesuita britannico. Visse nella seconda metà del XVI secolo in un'Inghilterra caratterizzata dal diffondersi del Protestantesimo (Giacomo I Stuart, incoronato nel 1603 re d'Inghilterra, fu il primo monarca inglese ad essere educato da protestante): i preti della Chiesa di Roma venivano perseguitati e uccisi.
Sotto il re Giacomo I morì impiccato nella piazza davanti alla Cattedrale di Saint Paul a Londra. Fu ucciso perché accusato di aver partecipato alla "congiura delle polveri", con la quale si sarebbe attentato alla vita del re. I congiurati posizionarono sotto le fondamenta del Parlamento 36 barili di polvere da sparo con i quali avrebbero fatto saltare l'edificio, uccidendo lord e reali. La congiura fu scoperta in tempo e venne bloccata. Questo attentato fu usato dalla chiesa protestante per eliminare i papisti e furono uccisi moltissimi cattolici. Henry Garnet in realtà non aveva partecipato a nulla, ma era stato il confessore di alcuni dei congiurati. Per rispettare il voto del silenzio della confessione, non rivelò i nomi dei congiurati e per questo fu accusato addirittura di esserne il capo. Fu impiccato nel 1606.
Henry Garnet, gesuita provinciale per la Provincia Inglese, un infame traditore e assassino, tramò più volte per assassinare la regina Elisabetta I in obbedienza al suo giuramento da gesuita. Uno dei tentativi fu esposto dal protestante Edward De Vere, 17esimo Conte di Oxford (altrimenti detto "William Shakespeare").

Guy Fawkes era un agente gesuita romano/Vaticano che assieme ad altri cospiratori (nel vero senso del termine) aveva il compito di far saltare in aria il Parlamento Inglese nella sua sessione di apertura, il 5 Novembre, quando il re sarebbe stato presente assieme al resto dei membri del parlamento (il Gunpowder Plot o complotto della polvere da sparo).
Fawkes venne scoperto e giustiziato. Il vero intento di questo complotto era quello di riportare l'Inghilterra tra le mani di Roma, dalle quali si era separata a partire da Enrico VIII. Con otto commissari a presiedere, Garnet venne condannato e impiccato nel sagrato di St. Paul per la sua partecipazione al complotto. Questo contrasto con Roma crebbe enormemente sotto il regno di Elisabetta I, contro la quale vita furono intrapresi vari attentati da agenti gesuiti/romani. La stessa storia proseguì sotto Giacomo I che successe a Elisabetta I nel 1603 e fu il re la cui vita venne appunto attentata da Fawkes ed i suoi associati.
L'articolo di Wikipedia italia è piegato verso la propaganda cattolica e mi è d'aiuto per farvi comprendere i veri attori in campo: Giacomo I fu soprattutto incapace di trattare con il Parlamento, che si mostrò immediatamente ostile nei suoi confronti, e di gestire la delicata questione religiosa che infervorava da anni il paese. Il suo gusto per l'assolutismo politico, la sua irresponsabilità nella gestione finanziaria del regno e i suoi impopolari favoriti posero le basi per lo scoppio della guerra civile inglese.

E' possibile che guerre civili o rivoluzioni che tanto vengono proclamate "del popolo contro i tiranni" abbiano come pianificatori l'Ordine dei Gesuiti? Vedremo se questa domanda troverà una risposta concreta.

Alla luce di questo background storico ascoltiamo l'inquietante discorso di "V":

Nessun commento:

Posta un commento