martedì 18 marzo 2014

Scienza ingannevole e scienziati truffatori

 
Una volta aperti gli occhi sulle mistificazioni e sulle manipolazioni della realtà che si presenta ai nostri sensi è come scoperchiare il vaso di Pandora: non si finisce più di scoprire quanto ramificata sia la menzogna, a tutti i livelli, e quanto creduloni siamo stati noi fino a quel momento. Poi, per ironia della sorte, i debunkers amano accusarci di essere dei “boccaloni”, quasi in una specie di ribaltamento dei ruoli e di inversione di colpe e responsabilità. Così, se io dico che preti e militari, insieme all’altra casta di intoccabili conosciuta come scienziati, lavorano per il bene di se stessi e non per quello dell’umanità, finisco per passare per sovversivo e deviante, mentre loro, che si presentano al pubblico ciascuno con la propria divisa - nera i preti, bianca gli scienziati e mimetica i militari – passano per essere persone rispettabili, impegnate a far avanzare la Civiltà. Ciascuna di queste tre categorie di parassiti ha i propri scheletri nell’armadio. Noi comuni mortali, nonché liberi pensatori e ricercatori di Verità, possiamo fare poco per fermarli, dato l’immenso potere che possiedono, ma una soddisfazione possiamo anche togliercela. Quella di smascherarli. Di descriverli per quello che sono: mentitori, sfruttatori e succhiatori di energie. Dei vampiri energetici, per dirla in breve. A soffrire della loro congenita malvagità in primis vengono gli animali, ma noi umani veniamo subito dopo. Anzi, contemporaneamente.

7 commenti:

  1. Di errori l'uomo nella sua storia ne ha fatti tanti, probabilmente si è disconnesso con il Divino... altrimenti non si spiegano tante scelte sbagliate, come ad es. le guerre, giustificate anche oggi?1?1?... c'è da inorridire...
    In questo periodo però si avverte una tendenza a riconsiderare tante scelte del passato, in tanti ambiti, anche il portare alla luce la sofferenza inutile cui vengono sottoposti gli animali sapendo che ci sono studi sulle facoltà di autoguarigione del corpo umano, addirittura anche dai tumori, dovrebbe essere uno stimolo ad approfondire in quella direzione.
    Cosa vogliamo più scoprire ormai dai corpicini degli animali? Hanno dato abbastanza.
    Per quanto mi riguarda sono però fiduciosa che tante cose andranno a posto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente, il cervello rettiliano, depositario degli istinti, non si è sviluppato di pari passo con la corteccia cerebrale, custode della ragionevolezza e dei nobili sentimenti.

      Da qui nasce forse il contrasto tra bene e male, tra il cupio dissolvi e il bisogno di cooperare e solidarizzare con i nostri simili.

      Da qui nascono le tragedie umane.

      Elimina
  2. Secondo Castaneda c'è un'istallazione aliena nella mente (http://www.carloscastaneda.it/Los-Voladores-2.htm) e l'unico modo per sconfiggerla è cessare il dialogo interiore, il dialogo con la mente.

    In un libro che sto leggendo sullo Zen ci sono queste due poesie che sembra si avvicinino a quello che intendeva Siddharta (la seconda più della prima).
    a)
    Il corpo è l'albero del Bodhi;
    La mente uno specchio lucente,
    Abbi cura di pulirlo di continuo,
    Non Lasciare che la polvere vi cada sopra.
    b)
    Non vi fu mai un albero del Bodhi,
    Ne mai uno specchio lucente.
    In realtà, nessuna cosa esiste;
    Dove dovrà cadere la polvere?

    Cioè secondo lo Zen (ma anche sopra Castaneda sembra dica la stessa cosa) la vera mente è "non mente"... un po difficile da realizzare con tutti i pensieri che affluiscono nelle nostre teste e con le vite caotiche che viviamo...


    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' roba affascinante ma per eremiti e altri addetti ai lavori.

      Elimina
  3. La Mente NON mente, Malanga docet...

    RispondiElimina
  4. Eppure Billy, anche Malanga ha scritto gli UFO nella Mente, però non l'ho letto e non so come viene sviluppato l'argomento:
    http://www.bookweb.it/libro/malanga-corrado/gli-ufo-nella-mente/9788845235658.html
    Anche Giordano Bruno diceva: "Verrà un giorno che l'uomo si sveglierà dall'oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzoniera, che lo rende e tiene schiavo."

    Potrebbe essere vero che la mente-mente e ci crea una falsa realtà... non lo escluderei...

    RispondiElimina