giovedì 6 luglio 2017

Se ne va un uomo giusto



L’ultima polemica sorta in Italia a causa delle sue teorie riguardava il caso della 18enne italiana Eleonora Bottaro, affetta da leucemia linfoblastica acuta, morta dopo aver rifiutato la chemio. Una scelta ispirata agli studi di Ryke Geerd Hamer, il fondatore della ‘Nuova Medicina Germanica, che è morto il 2 luglio scorso a causa di un problema cerebrovascolare in Norvegia. La conferma del decesso è arrivata dal suo avvocato. Hamer 82 anni, era stato radiato dall’ordine dei medici tedesco per le sue teorie che attribuiscono a ‘shock emozionali’ lo sviluppo delle malattie come i tumori e che ritengono il cervello capace di riprogrammare l’organismo per curarle senza altro trattamento che la risoluzione del conflitto emozionale. Un trauma personale, tragico come il resto della biografia del personaggio – riporta la stampa spagnola – avrebbe ispirato queste idee. 



Il figlio di Hamer morì nel 1978 in uno strano incidente su uno yacht di fronte alle coste italiane, per cui fu accusato e poi assolto Vittorio Emanuele di Savoia. Tanto lui come sua moglie svilupparono il cancro, che egli attribuì all’angoscia che stavano vivendo. La moglie, curata con la Nuova Medicina, morì. Il medico, specialista in medicina interna, perse la licenza per esercitare nel 1986, però continuò a trattare i pazienti secondo la sua nuova dottrina. Dieci anni dopo a consegnarlo alle cronache internazionale fu il caso di Olivia Pilhar, una bambina austriaca malata di cancro. I genitori della piccola, seguaci di Hamer, fuggirono a Malaga dove il medico aveva messo in piedi una ‘clinica’ per evitare che fosse trattata con la chemioterapia. L’Austria, che già investigava su Hamer per decine di casi di morti evitabili, allertò la Spagna. La polizia riuscì a convincere i Pilhar a tornare a casa. A Olivia fu estratto un tumore di 4 chili, quando lei ne pesava solo 16. Le fu salvata la vita.


Per il medico tedesco iniziò un pellegrinaggio per tutta Europa. Passò un anno in carcere in Germania tra il 1997 e il 1998, e un anno e mezzo in Francia a partire dal 2004. Più di recente, nell’agosto 2016, il caso della diciottenne italiana, Eleonora Bottaro, affetta da leucemia linfoblastica acuta, morta dopo aver rifiutato la chemio. La ragazza si era ammalata circa un anno prima, quando era ancora minorenne, e i genitori avevano rifiutato la chemioterapia, proprio in accordo con le teorie di Hamer. Nell’aprile scorso la Procura di Padova ha indagato per omicidio colposo aggravato dalla ‘previsione dell’evento’ i genitori della giovane. Hamer è morto due giorni fa in Norvegia, l’ultimo Paese in cui aveva trovato rifugio. E sarebbero stati proprio i Pilhar ad aver dato la notizia.

4 commenti:

  1. Dato il contenuto dell'articolo non si capisce i titolo. Che giusto fu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per prima cosa, per favore, firmati!

      Se vuoi una risposta da me.

      Elimina
  2. Caro Roberto, sono Pietro Melis. Come mai due articoli opposti su Hamer? Dopo ciò che mi è capitato ho scelto l'anonimato. E poi una cosa: nel mio blog i commenti sono quasi tutti anonimi. Se imponessi il nome quasi nessuno commenterebbe. E poi uno può inventarsi il nome che vuole. Un primo articolo su Hamer è intitolato "lo stregone Hammer e la sua setta". Hai il mio indirizzo email e puoi anche rispondere in privato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è bisogno: ti rispondo volentieri qui.

      Il nick name mi serve per evitare confusione in caso di discussioni fra utenti. Se non c'è alcuna discussione, posso accettare anche commenti in anonimato. Quindi, la mia esigenza di avere un nick name è del tutto pragmatica.

      In linea di principio è comunque preferibile scegliersi un nome identificabile.



      Se pubblico articoli contrastanti fra loro è per permettere agli utenti paragoni e confronti.

      Non mi capita spesso di pubblicare qualcosa dei "Medbunkers". Si può imparare qualcosa anche dal loro ottuso fanatismo, specie per i termini che usano, in cui "ciarlatano" la fa da padrone.

      E' importante anche sapere come ci vede il.....nemico.

      Elimina