martedì 11 luglio 2017

L'attuale classe politica non ci rappresenta


Quattrocentrotrenta avvocati italiani hanno dato la loro disponibilità a difendere le famiglie con bambini danneggiati da vaccino e quelle che si rifiutato di sottostare all’imposizione governativa dei 12 (poi scesi a 10) vaccini obbligatori. La questione è seria. Da una parte c’è una specie di negazionismo dogmatico, cioè si nega la pericolosità dei vaccini e si trasformano in fantasmi le persone coinvolte, dall’altra c’è una popolazione che non si sente per nulla rappresentata da una classe politica distratta, che non si cura in alcun modo dei bisogni della salute e del welfare. I convenuti a Pesaro (e anche quelli di noi che non ci sono andati), sono persone, consapevoli e informate, disposte ad opporre la massima resistenza, in senso culturale e non armato, fino a far cadere questo governo di criminali. I politici si stanno scavando la fossa da soli e non soltanto con l’obbligo dei vaccini. Scorrerà sangue, in senso metaforico, ovviamente. O forse no, chissà!

 

3 commenti:

  1. anch'io sono pronta a collaborare con fondi [solo contanti] per sostenere le famiglie che non vogliono cedere alla dittatura della morte. Fatemi sapere come contattare gli avvocati incaricati. Intanto indago sull'avv. Ventaloro per vedere se posso contattarlo senza disturbarre voi. Grazie. Veg Anna

    RispondiElimina
  2. Gianni Lannes azzarda ed ipotizza esperimenti di ingegneria genetica:

    http://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2017/07/vaccini-esperimenti-di-ingegneria.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi italiani siamo un popolo cavia? Non mi stupisco!

      Elimina